FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Trattamenti e Terapie
Rispondi
 
Vecchio 11-12-2020, 10:20   #21
Avanzato
L'avatar di Passero
 

Ho troppo la percezione degli hobby come palliativi, come espedienti per passare il tempo e ingannare la mente... privi di un loro reale senso (come lo è la vita stessa)

finisco spesso per passare gran parte della giornata a letto, a pensare ossessivamente, a farmi liste mentali di cose da fare, che in realtà tendo a procrastinare...

Soprattutto ho grandi difficoltà a leggere, perchè la mia mente si rifiuta di concentrarsi e vuole andare per i fatti suoi

Ultima modifica di Passero; 11-12-2020 a 11:09.
Vecchio 11-12-2020, 10:35   #22
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Passero Visualizza il messaggio
Ho troppo la percezione degli hobby come pagliativi, come espedienti per passare il tempo e ingannare la mente... privi di un loro reale senso (come lo è la vita stessa)
Ma sostanzialmente è questo che sono. Il senso della vita sta nei palliativi che sono l'unica fonte possibile di piacere, il resto è solo tedio.
Vecchio 11-12-2020, 10:41   #23
Avanzato
L'avatar di Passero
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Ma sostanzialmente è questo che sono. Il senso della vita sta nei palliativi che sono l'unica fonte possibile di piacere, il resto è solo tedio.
I normali cercano il senso della vita nella crescita, nella progettualità, nel costruire qualcosa...

cose che sono fuori dalla mia portata...
Vecchio 11-12-2020, 10:47   #24
Avanzato
L'avatar di Passero
 

Tempo fa avevo comprato pennelli e tempere perchè avevo deciso di mettermi a dipingere...

ancora non li ho usati...

procrastino a un giorno indefinito, in cui mi verrà la voglia
Vecchio 11-12-2020, 10:54   #25
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Passero Visualizza il messaggio
I normali cercano il senso della vita nella crescita, nella progettualità, nel costruire qualcosa...

cose che sono fuori dalla mia portata...
Anche dalla mia, ma sostanzialmente perché non capisco il senso di questo meccanismo.

Vivo facendo sacrifici e fatiche per un domani che non arriva mai, comunque dobbiamo morire.

Per questo mi viene da ridere quando sento qualcuno che dice "ho fatto tanti sacrifici per arrivare a questo risultato."

Mi viene da chiedere "E quindi? Adesso?"

Adesso devo fare altri sacrifici per arrivare ad altri risultati e così via fino alla fine. A me pare solo masochismo, ma probabilmente perché non sono normale io.

Ultima modifica di Black_Hole_Sun; 11-12-2020 a 10:57.
Ringraziamenti da
Noradenalin (11-12-2020)
Vecchio 11-12-2020, 12:37   #26
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Charles D. Ward Visualizza il messaggio
Posso solo immaginare quanto sia dura, anche se abitano al almeno 250km di distanza, e sono presi con le loro vite e riesca a sentirli solo 1 volta ogni mese/mese e mezzo riescono a tenermi attaccato alla realtà. Vorrei poterti consigliare, ma la verità è che non so neanch'io come abbia fatto a trovarli, sono retaggi di un periodo in cui, bene o male, ero più sereno e più aperto al mondo.
Circa la mancanza di una ragazza mi sa siamo messi uguali, 36 anni e non so neanche cosa significhi essere presi per mano...


La risposta che mi sono dato riguardo a questo punto è che le passioni/hobby sono, per definizione, dei passatempi e non possono essere l'unica ragione di vita, ma solo una parte di una vita più soddisfacente.
Dico questo (sperando di nn andare OT) perchè c'è stato un momento in cui la mia collezione era diventata il fulcro intorno a cui ruotava tutto. Ero arrivato a spendere cifre folli per un disoccupato, e ogni asta che perdevo mi creava un vero abbattimento morale e fisico segno, credo, anche di una sorta di dipendenza.
E conta che vivo in un borgo di 1.000 abitanti, quindi quasi fuori dal mondo
Vecchio 11-12-2020, 19:28   #27
Esperto
L'avatar di Noradenalin
 

Quote:
Originariamente inviata da Passero Visualizza il messaggio
Ho troppo la percezione degli hobby come palliativi, come espedienti per passare il tempo e ingannare la mente... privi di un loro reale senso (come lo è la vita stessa)
Anche io nell'ultimo anno, soprattutto, ho cominciato a vedere gli hobby e le passioni come inutili palliativi.
Ormai non trovo più senso in niente.

Ho perso pure la mia unica passione che inizialmente mi smuoveva, ma da quando ho iniziato a stare male si era trasformata più in ossessione e nevrosi.

Quote:
finisco spesso per passare gran parte della giornata a letto, a pensare ossessivamente, a farmi liste mentali di cose da fare, che in realtà tendo a procrastinare...
Anch'io passo le giornate così quando ci sono quei giorni in cui non riesco a strisciare fuori nemmeno dal letto; dovrei andare nella struttura di ricovero tutti i giorni, ma non è facile.

Prima le giornate erano tutte così.


Quote:
la mia mente si rifiuta di concentrarsi e vuole andare per i fatti suoi
Io sono seguito da uno psicologo apposta, specializzato in riabilitazione neurocognitiva perché ho appunto difficoltà cognitive, d'attenzione e di concentrazione dovute allo stato ansioso e depressivo ormai cronico.

Diventa difficile persino seguire un video di 5 minuti su youtube o leggere i post molto lunghi qui sul forum.



Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
comunque dobbiamo morire.

Per questo mi viene da ridere quando sento qualcuno che dice "ho fatto tanti sacrifici per arrivare a questo risultato."

Mi viene da chiedere "E quindi? Adesso?"

Adesso devo fare altri sacrifici per arrivare ad altri risultati e così via fino alla fine. A me pare solo masochismo, ma probabilmente perché non sono normale io.
Anch'io la penso così perché come dicevo ho perso totalmente il senso delle cose, ogni fatica e sacrificio mi sembra inutile ed insignificante perché tanto dobbiamo comunque morire, a cosa serve farsi il culo tutta la vita...

Come faccio ad adeguarmi a questa società, sempre più frenetica, sempre più competitiva; adeguarmi al loro ciclo nasci-lavora-consuma-muori...
Soffro già abbastanza così per via delle mie patologie.
Vecchio 12-12-2020, 11:18   #28
Intermedio
L'avatar di Luca97ct
 

Diciamo che la situazione attuale non aiuta, spesso però in questi casi mettiamo in atto comportamenti e pensieri disfunzionali, quello che posso consigliarti è fare una lista delle attività che ti piacciono, come ad esempio meditare, passeggiare al parco, leggere e cosi via ed evitare di stare a letto durante la giornata. Oltre che fare attenzione ai tuoi pensieri disfunzionali. Diciamo poi, come ho detto, che la situazione attuale davvero non aiuta perchè ti costringe a rimanere a casa per gran parte del tempo, purtroppo, ma è possibile trovare delle alternative e il mio consiglio è quello di uscire il più possibile, anche solo per fare la spesa o una passeggiata.
Vecchio 12-12-2020, 13:20   #29
Esperto
L'avatar di Saturnino
 

Quote:
Originariamente inviata da SkywalkerJR Visualizza il messaggio
Complimenti! Ti è piaciuto? Dicono che è troppo lungo e non ne vale la pena.
Comunque anch'io Io quand'ero in smartworking giocavo sulle 15 ore al giorno.
Certamente che mi è piaciuto, altrimenti non ci avrei giocato tutte quelle ore. Della saga di AC, ho giocato solo gli ultimi 3 capitoli ovvero Origins, Odyssey e Valhalla, da quando è diventato maggiormente action rpg. È diventata la mia saga videoludica preferita visto che dopo Skyrim non hanno più fatto un nuovo Elder Scrolls.
Vecchio 12-12-2020, 15:05   #30
Esperto
L'avatar di Saturnino
 

Per quanto riguarda il rapporto con gli hobbies io lo vedo in questo modo. Per me sono molto importanti...per il fatto che rappresentano la vita che dedichi a te stesso.

In primis, vi è la vita che si vive in funzione della società: scuola, lavoro, incombenze quotidiane, burocrazia...etc. Ovviamente è quella che ti permette di tirare avanti e sopravvivere.

Poi ci sono gli hobbies che invece rappresentano la vita che tu dedichi a te stesso..al di fuori della tua vita in funzione della società. Per quanto mi riguarda, non sono assolutamente dei palliativi, ma il motore che ti spinge ad andare avanti. Alla fine, se ti dedicassi esclusivamente alla vita in funzione della società, cosa ti rimarrebbe di propriamente tuo...in pratica poco e nulla.
Vecchio 12-12-2020, 18:14   #31
Intermedio
 

Mi sta accadendo la stessa cosa. Ho perso interesse anche per tutto ciò che è piacevole (film, lettura, musica). Mi sento molto triste e depresso da non voler far nulla
Ringraziamenti da
Ezp97 (12-12-2020)
Vecchio 12-12-2020, 21:14   #32
Principiante
 

Essendo anch'io alla disperata ricerca di motivazione, chiedo se avete delle strategie per motivarvi e illustro le mie con esempi:

Riguardo la lettura, mia grande passione abbandonata da anni, ho pensato di interagire di più con ciò che leggo sulla falsa riga del fatto che l'esistenza non ha significato e sono io a darglielo, quando riesco. Interagisco facendo recensioni ricche di considerazioni personali che metterò in un blog arrivata a un numero ragionevole (se le mettessi man mano crollerei sotto la pressione di dover leggere per forza, per tenere il blog attivo). Fra parentesi, non so se davvero farò un blog, ma devo crederci per mantenere in piedi questa motivazione.
Consiglio quindi di trovare modi per interagire con ciò che vorremmo fare, mettendo insieme materiale per mostrarlo agli altri in un social o, se sembra troppo patetico dipendere così dagli altri (per ora mi sta bene, sfrutto le mie debolezze finché non potrò avere una motivazione più matura), posso suggerire di fare qualcosa che farò con l'obiettivo di imparare la chitarra: mettere dei traguardi mensili come imparare le chords per una canzone al mese, sempre più complessa, cose così. Banale forse, ma non c'è scritto da nessuna parte che le cose banali non possano essere utili...

Cosa cambierei della mia ricerca di ispirazione?
Non so quanto tempo butto dietro a immagini di ragazze in forma, perché vorrei avere un corpo migliore... faccio liste su liste di frasi motivazionali e foto di belle ragazze e potrei impiegare meglio le mie ore, senza dubbio. Cerco di sfruttare il fatto che sono molto influenzabile e, in effetti, leggo una frase motivazionale e mi vien voglia di fare, ma il piacere di aver voglia di fare mi fa dipendere da queste frasi/foto. (Faccio liste anche di cose da fare per motivarmi e mi accontento di scriverle senza farle, essendo già appagata dall'averle scritte grazie alla spossatezza dovuta all'umore basso.)

Ho notato che iniziare le cose è la parte più difficile che io chiamo "superare il gradino". Mi sento come una persona su una sedia a rotelle, impossibilitata a superarlo, mentre io posso in ogni momento aprire Miti, sogni e misteri di Eliade e so che mi piacerà (ho già sottolineato completamente le prime pagine) e mi chiamerò stupida per aver tardato intimorita (da cosa??). Immagino che la perseveranza aiuti a salire ogni scalino sempre più con disinvoltura, ma i crolli ciclici dell'umore non aiutano.

( Piacere di conoscervi, sono nuova!)
Vecchio 13-12-2020, 12:40   #33
Esperto
L'avatar di Crepuscolo
 

Io non l'ho mai avuta la motivazione per fare le cose, ho sempre avuto interessi passivi e poco impegnativi, come ascoltare musica, passeggiare, leggere qualcosa che mi interessa su internet. Forse l'unica cosa più "impegnativa" che mi piaceva fare era andare in bici e a correre con gli amici (correre già mi piaceva meno) ma ora non ci vado più. Sono svogliato di natura, forse ora pure depresso, di male in peggio ahah.
Vecchio 13-12-2020, 16:27   #34
Principiante
 

Ho riletto questo thread e vorrei riagganciarmi a ciò che avete detto riguardo gli interessi che sarebbero svuotati di significato, meri palliativi:
questo pensiero ce l'ho anch'io, ma rovina ogni potenziale fonte di piacere cedervi, che ne pensate?

In fondo, un minimo di piacere passeggiare in campagna me lo dà e il fatto che non serva a dare un significato all'esistenza non importa, mi ha dato conforto per qualche ora.
Sto, sulla base solo di mie personali sensazioni ed esperienze, pensando che forse vale la pena cercare il conforto in cose senza significato, e cercare e provare finché non si trova qualcosina che eviti di rimuginare/atteggiamenti autolesionistici... e so che quando si è depressi pochissime cose (se non niente) interessano, ma credo che anche i palliativi possano aiutare: abbiamo solo palliativi e l'alternativa è stare anni e anni a fissare il muro a letto, non vale la pena dare una chance ai palliativi?
Non dico che debbano dare significato all'esistenza, ma almeno renderla più sopportabile...

Ci terrei a sapere cosa ne pensate, perché è un argomento molto importante, no?
Vecchio 13-12-2020, 19:03   #35
Esperto
L'avatar di Noradenalin
 

Quote:
Originariamente inviata da abreazione Visualizza il messaggio
questo pensiero ce l'ho anch'io, ma rovina ogni potenziale fonte di piacere cedervi, che ne pensate?
Sì, per me è così, e ormai ho perso pure la motivazione e la forza per provare a trovare qualcuno di questi palliativi che possa funzionare

Quote:
In fondo, un minimo di piacere passeggiare in campagna me lo dà e il fatto che non serva a dare un significato all'esistenza non importa, mi ha dato conforto per qualche ora.
Con me non funzionano neppure cose "banali" come questa (non per sminuire la tua passeggiata) proprio perché, come hai scritto anche tu, la depressione (e anche l'anedonia nel mio caso) ti prosciugano di qualsiasi interesse, piacere e altro...

Al CSM mi hanno proposto il ricovero psichiatrico che devo frequentare tutti i giorni, e già questo lo vedo come un palliativo per cercare di distogliermi almeno parte della giornata dai miei pensieri ossessivi, invalidanti e dal suicidio. Qui devo partecipare alle attività che organizzano gli educatori.

Ma non funziona tanto bene come palliativo.
Ho accettato solo perché né io né i miei avevamo alternative a questa condizione che va avanti da oltre 10 anni e questo era l'unica cosa che mi mancava da provare (oltre al solito cambio di terapia farmacologica).
Vecchio 13-12-2020, 19:27   #36
Principiante
 

Noradenalin,
Avrei voluto trascinare per i capelli la abreazione di qualche anno fa, in piena crisi, e l'avrei costretta a fare qualsiasi cosa finché non avesse trovato qualcosa su cui esercitare perseveranza, ma capisco che adesso ho più lucidità mentale per poter pensare una cosa simile.
Dico solo che io mi sarei costretta a leggere, imparare cose nuove... e seguita come un cane da guardia da quanto lo ritengo importante per me stessa e per uscire proprio dalla depressione. Consiglierei a me stessa davvero di Fare (anche controvoglia) qualcosa che può esser utile in futuro: studiare di più per l'uni, leggere, imparare una lingua...

Col senno di poi son bravi tutti e perfino oggi se faccio briciole sono fiera di me stessa, che cosa patetica, quindi che pretendo da una persona in difficoltà?
Vecchio 13-12-2020, 20:59   #37
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Crepuscolo Visualizza il messaggio
Io non l'ho mai avuta la motivazione per fare le cose, ho sempre avuto interessi passivi e poco impegnativi, come ascoltare musica, passeggiare, leggere qualcosa che mi interessa su internet. Forse l'unica cosa più "impegnativa" che mi piaceva fare era andare in bici e a correre con gli amici (correre già mi piaceva meno) ma ora non ci vado più. Sono svogliato di natura, forse ora pure depresso, di male in peggio ahah.
Gli amici non esistono...
Vecchio 13-12-2020, 21:37   #38
Esperto
L'avatar di Blue Sky
 

Quote:
Originariamente inviata da abreazione Visualizza il messaggio
Ho riletto questo thread e vorrei riagganciarmi a ciò che avete detto riguardo gli interessi che sarebbero svuotati di significato, meri palliativi:
questo pensiero ce l'ho anch'io, ma rovina ogni potenziale fonte di piacere cedervi, che ne pensate?

In fondo, un minimo di piacere passeggiare in campagna me lo dà e il fatto che non serva a dare un significato all'esistenza non importa, mi ha dato conforto per qualche ora.
Sto, sulla base solo di mie personali sensazioni ed esperienze, pensando che forse vale la pena cercare il conforto in cose senza significato, e cercare e provare finché non si trova qualcosina che eviti di rimuginare/atteggiamenti autolesionistici... e so che quando si è depressi pochissime cose (se non niente) interessano, ma credo che anche i palliativi possano aiutare: abbiamo solo palliativi e l'alternativa è stare anni e anni a fissare il muro a letto, non vale la pena dare una chance ai palliativi?
Non dico che debbano dare significato all'esistenza, ma almeno renderla più sopportabile...

Ci terrei a sapere cosa ne pensate, perché è un argomento molto importante, no?
Sono completamente d'accordo. Forse non definirei nessuna azione "senza significato", un significato c'è dovunque, anche camminare è un'azione che ha un significato perché è una buona abitudine sia per il corpo che per la mente. Comunque ho capito cosa intendi dire.
Vecchio 13-12-2020, 21:49   #39
Esperto
L'avatar di Blue Sky
 

Appena arriva gennaio dovrò cercare di riflettere nuovamente su questo argomento, come su altri.

La vita non è perfetta per nessuno, ci sono problemi concreti e si può anche avere un'indole che porta a cadere spesso in depressione. C'è sempre qualcos'altro che sarebbe meglio fare, o avere, o essere, però è necessario muoversi e respirare con il corpo e con la mente.
Siamo come scatole vuote che vanno riempite con delle cose, e questo lavoro va fatto quotidianamente, perché la scatola ha il fondo bucato, e ogni tanto va riempita di nuovo, altrimenti torna vuota.
Non porta a risolvere i problemi, però aiuta ad andare verso una direzione giusta, e comunque per il corpo e per la mente sarà sempre meglio una passaggiata rispetto a stare al buio a letto con la testa bassa, che è qualcosa che alla lunga fa male.

Ultima modifica di Blue Sky; 13-12-2020 a 21:52.
Ringraziamenti da
abreazione (13-12-2020)
Vecchio 01-03-2021, 20:10   #40
Esperto
L'avatar di Smeraldina
 

Ho riaperto questo post per dire che non sono soso demotivata a fare le cose,ma adesso da circa alcune settimane ho un'inappetenza incredibile le cose le assaggio giusto per non morire di fame,domani ne parlerò con il dottore,è capitato anche a voi di soffrire di inappetenza?
Ringraziamenti da
sconfitto (01-03-2021)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Demotivazione a fare le cose
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Cose da fare da soli Svers0 Depressione Forum 23 09-04-2018 18:29
Top 3 cose da NON fare Usuaroo SocioFobia Forum Generale 18 04-01-2018 21:30
fare le cose controvoglia... pirata SocioFobia Forum Generale 27 05-03-2012 13:36
Evitare di fare le cose clanghetto SocioFobia Forum Generale 43 05-08-2011 23:19
Cose da fare luca24 Off Topic Generale 31 02-01-2009 09:49



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 10:32.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2