FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 29-02-2012, 12:19   #1
Banned
 

quando sai però che potrebbero servire. ad esempio uscire con gli amici. oppure fare sport se ne hai bisogno. fare di meglio al lavoro anche se ti basta il minimo indispensabile.

quando per tua natura non hai voglia di fare una mazza da mane a sera, darsi da fare diventa difficile. quando la vita è grigia e povera di emozioni, forzarsi ti fa sentire come un folle che si prende i maroni a martellate. è un po' la storia di chi vuol dimagrire ma dentro di sé non vede perché privarsi delle cose che gli piacciono per concedersi insipide insalatine.

molte volte sono combattuto tra la vita comoda e rassicurante e quella difficile e inquieta, che però ha delle probabilità, almeno quelle, di farti progredire.

combattuto, poi, è una parola grossa. in realtà ho perso in partenza.

voi come siete messi a forza di volontà? riuscite a non barattare i "piaceri" coi "doveri" o siete paurosamente indolenti come il sottoscritto?

ma poi la parola giusta è indolente... o forse immaturo? o anche infantile?

edit: spostatelo, ho sbagliato sezione
Vecchio 29-02-2012, 12:36   #2
Esperto
L'avatar di eVito Corleone
 

Io non riesco proprio più a fare le cose, in questi ultimi 3-4 giorni sono apatico, ogni giorno mi riprometto di ricominciare a fare attività fisica e di studiare in modo decente ma ormai è un mese che non ci riesco, dormo male e sono agitato, anche postare sul forum mi pesa, trovo tutto quello che faccio inutile, ogni giorno è più brutto di quello precedente, e mi rendo conto che non combino niente.
Vecchio 29-02-2012, 12:51   #3
Banned
 

Io più sto senza far niente di costruttivo e appagante, più non voglio fare niente. Mi sento meno vitale, mi sento più rincoglionito.
Fare le pulizie di casa già mi fà sentire meglio e più lucido.

La cosa più difficile è incominciare, li si deve farre uno sforzo di volontà, una volta presi i giri, poi tutto sembra più facile
Vecchio 29-02-2012, 13:43   #4
Banned
 

Sono pigro di natura e non ho quasi mai voglia di fare niente.
Qunado mi metto di muso duro a fare le cose, non reggo quasi mai la pressione, così rinuncio.
Purtroppo mi succede anche con attività a me congeniali, non solo attività che non vorrei fare nemmeno se mi pagassero. (lavorare, per esempio.)
Diciamo che mi annoio molto facilmente e ho bisogno di trovare un equilibrio emotivo nel fare le cose, altrimenti è inutile anche mettercisi.
Prima di essere un evitante, sono soprattutto un pigro scansafatiche, vorrei sottolinearlo.
Poi sono dell'idea che sia meglio fare le cose con passione, stile e dedizione, piuttosto che farle per tenere a bada la propria coscienza. (che, tra parentesi, non serve a un ca***)
Vecchio 29-02-2012, 13:45   #5
Esperto
L'avatar di lizbon
 

è difficile capisco la tua sensazione ma ti consiglio di provare cmq a fare le cose controvoglia, io ad esempio con lo sport ho iniziato così perchè fa bene ect...ma poi ci ho preso gusto quindi anche tu magari potresti trovare qualcosa che ti piace.
Vecchio 29-02-2012, 13:53   #6
Principiante
 

Ultimamente sono messo male..anche alzarsi la mattina è un peso esagerato. Inoltre anche se so che uscire la sera mi farebbe bene (nonostante il mio malessere nello stare con gli altri) non lo faccio, lascio vincere l'apatia.. Apatia che prende sempre più il sopravvento.
Vecchio 29-02-2012, 14:08   #7
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Sampei80 Visualizza il messaggio
La cosa più difficile è incominciare, li si deve farre uno sforzo di volontà, una volta presi i giri, poi tutto sembra più facile
io qualche volta ci riesco pure, ma presto o tardi finisco inevitabilmente nel solito vortice apatico.

Quote:
Originariamente inviata da maury25 Visualizza il messaggio
Sono pigro di natura e non ho quasi mai voglia di fare niente.
Qunado mi metto di muso duro a fare le cose, non reggo quasi mai la pressione, così rinuncio.
Purtroppo mi succede anche con attività a me congeniali, non solo attività che non vorrei fare nemmeno se mi pagassero. (lavorare, per esempio.)
Diciamo che mi annoio molto facilmente e ho bisogno di trovare un equilibrio emotivo nel fare le cose, altrimenti è inutile anche mettercisi.
Prima di essere un evitante, sono soprattutto un pigro scansafatiche, vorrei sottolinearlo.
Poi sono dell'idea che sia meglio fare le cose con passione, stile e dedizione, piuttosto che farle per tenere a bada la propria coscienza. (che, tra parentesi, non serve a un ca***)
condivido tutto.

Quote:
Originariamente inviata da solarfall Visualizza il messaggio
Ultimamente sono messo male..anche alzarsi la mattina è un peso esagerato. Inoltre anche se so che uscire la sera mi farebbe bene (nonostante il mio malessere nello stare con gli altri) non lo faccio, lascio vincere l'apatia.. Apatia che prende sempre più il sopravvento.
succede anche a me, è proprio il malessere, che non riesco a sopportare. non lo accetto. è anche orgoglio, in parte.
svegliarsi la mattina... è un tasto dolente

Quote:
Originariamente inviata da lizbon Visualizza il messaggio
è difficile capisco la tua sensazione ma ti consiglio di provare cmq a fare le cose controvoglia, io ad esempio con lo sport ho iniziato così perchè fa bene ect...ma poi ci ho preso gusto quindi anche tu magari potresti trovare qualcosa che ti piace.
la cosa triste è che mi capita anche con le cose che mi piacciono! (che sono comunque estremamente poche)
Vecchio 29-02-2012, 15:31   #8
Esperto
L'avatar di eVito Corleone
 

Quote:
Originariamente inviata da maury25 Visualizza il messaggio
Prima di essere un evitante, sono soprattutto un pigro scansafatiche, vorrei sottolinearlo.
Stamattina mentre rimuginavo facendomi del male psicologico ho pensato la stessa cosa, il motivo per cui sono solo e la radice di tutti i miei malesseri è la pigrizia e l'apatìa, molte uscite/conoscenze le ho rifiutate più che per timidezza/evitantismo perché non mi andava proprio di farle per pigrizia.
Vecchio 29-02-2012, 16:18   #9
Esperto
L'avatar di very90
 

Gli ultimi anni della mia vita li ho passati nell'apatia più totale, quando anche mettere i piedi fuori dal letto mi pesava tantissimo e anche fare le cose che solitamente ritenevo piacevoli. Solo ultimamente le cose pian pianino iniziano ad andare meglio. Non c'è un antidoto universale perchè ognuno fa storia a sè, però mi sento di quotare lizbon: anche se devi fare le cose controvoglia, l'importante è farle. Magari il primo giorno non ti va, il secondo nemmeno, il terzo potrebbe cambiare qualcosa (spiegazione semplicistica ma il concetto è quello).
Vecchio 29-02-2012, 17:11   #10
Intermedio
L'avatar di FabioLeonardo
 

Mi associo! Pensare al dovere oppure essere spronato costantemente dagli altri sono modi molto efficaci ad esempio, ma quando realizzi che continuare ad agire controvoglia non ti và o quasi ti infastidisce.....se poi ci sommi anche il non vedere l'utilità alla fine di quei sforzi fatti (quando tutto sembra perdere di senso e di interesse), la forza di volontà fà i suoi bagagli e parte per luoghi esotici
(tutto ciò è un pò quello che stò realizzando adesso, tanto per intenderci...)

Comunque converrebbe trovarti un motivo che ti sproni a continuare a camminare finchè devi, qualunque esso sia.
Vecchio 29-02-2012, 17:56   #11
Principiante
 

Quote:
Originariamente inviata da FabioLeonardo Visualizza il messaggio
Mi associo! Pensare al dovere oppure essere spronato costantemente dagli altri sono modi molto efficaci ad esempio, ma quando realizzi che continuare ad agire controvoglia non ti và o quasi ti infastidisce.....se poi ci sommi anche il non vedere l'utilità alla fine di quei sforzi fatti (quando tutto sembra perdere di senso e di interesse), la forza di volontà fà i suoi bagagli e parte per luoghi esotici
(tutto ciò è un pò quello che stò realizzando adesso, tanto per intenderci...)

Comunque converrebbe trovarti un motivo che ti sproni a continuare a camminare finchè devi, qualunque esso sia.
Questa è la descrizione di una "malattia perfetta". Una malattia che oltre a rovinarti la vita ti fa stare male se cerchi di combatterla. Ti toglie la voglia di reagire (nella maggior parte dei casi) in modo che possa vivere dentro di noi indisturbata e corroderci da dentro.

Un pò come i virus dei computer che attaccano il sistema di protezione (antivirus) rendendolo inutilizzabile e poi sono liberi di distruggere tutti i dati in maniera indisturbata.
Vecchio 29-02-2012, 20:36   #12
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Halaster Visualizza il messaggio
E' meglio non sforzarsi. Se uno non desidera far niente è necessario che in quel momento non faccia niente. Poi più avanti gli verrà voglia di fare qualcosa.
il problema è quando quel momento sembra non finire mai, non ti viene mai voglia di darti una mossa oppure quando ti viene voglia... dura troppo poco

Quote:
Originariamente inviata da FabioLeonardo Visualizza il messaggio
Comunque converrebbe trovarti un motivo che ti sproni a continuare a camminare finchè devi, qualunque esso sia.
le motivazioni sono fondamentali. saperle trovare, è una capacità importantissima ma che mi manca

Quote:
Originariamente inviata da OmbraDiMeStesso Visualizza il messaggio
Salve a tutti, questo è ufficialmente il mio primo post in questo forum.
Generalmente dipende dal periodo, ma credo di avere parecchia forza di volontà. Se mi metto in testa di fare una cosa la faccio, scendesse l'Onnipotente in persona dal più alto dei cieli.
Per me, non fare le cose non è mai stata un alternativa. Superata una certa soglia però, lo stress ha il sopravvento, e sono dolori..
benvenuto. ti invidio, comunque. io mi metto in testa di fare una cosa, ma contemporaneamente la rifiuto se non mi arreca piacere. è un modo di pensare poco costruttivo, ma che fa parte di me
Vecchio 29-02-2012, 23:48   #13
Esperto
L'avatar di enemyofthesun
 

Quote:
Originariamente inviata da pirata Visualizza il messaggio
voi come siete messi a forza di volontà? riuscite a non barattare i "piaceri" coi "doveri" o siete paurosamente indolenti come il sottoscritto?
Malissimo direi...schiavo del computer e della mia apatia...chiuso in casa il più del tempo...a rompermi la testa per cose di totale inutilità, il più delle volte...ma le ossessioni sono così...
Vecchio 01-03-2012, 01:12   #14
Esperto
L'avatar di passenger
 

Quote:
Originariamente inviata da Halaster Visualizza il messaggio
Credo in una sorta di destino, insoma. Forse la si può mettere così. Non dico che sia tutto uguale. Vivere o morire. Dico solo che quello che deve avvenire non lo decidiamo, non dipende da noi, ed è inevitabile che avvenga.
Quindi non c'è motivo di preoccuparsi. Se scanso l'auto è perchè era inevitabile che ciò avvenisse. Se non la scanso era inevitabile l'opposto. Non cambia.
Non c'è "provare a fare"..c'è solo quello che avviene.
Personalmente trovo che questo tuo modo di ragionare sia un metodo un po` troppo facile ed anche un po` infantile per sottrarsi alle proprie responsabilità. Pensare che tutte le nostre azioni siano inevitabili e che nulla dipenda dalle nostre scelte aiuta forse a vivere meglio quando si è dominati dalla paura, ma rende senz'altro la vita più insapore.
Vecchio 01-03-2012, 01:44   #15
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da pirata Visualizza il messaggio
la storia di chi vuol dimagrire ma dentro di sé non vede perché privarsi delle cose che gli piacciono per concedersi insipide insalatine.
con questa frase ti sei risposto da solo.
quelle insipide insalatine le puoi mangiare perché ti senti costretto, (debbo essere in forma, la società aborra i ciccioni) oppure ti cibi con esse perché ti piacciono, o verosimilmente, odi il tuo "aspetto" a prescindere da cosa il resto della società pensi di te. (e mangi insalatine per migliorare)
è autodeterminazione.
Vecchio 01-03-2012, 01:56   #16
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Black Sparrow Visualizza il messaggio
con questa frase ti sei risposto da solo.
quelle insipide insalatine le puoi mangiare perché ti senti costretto, (debbo essere in forma, la società aborra i ciccioni) oppure ti cibi con esse perché ti piacciono, o verosimilmente, odi il tuo "aspetto" a prescindere da cosa il resto della società pensi di te. (e mangi insalatine per migliorare)
è autodeterminazione.
infatti uno dei grossi problemi che c'è alla base è la difettosa comunicazione con sé stessi. capire ciò che si vuole realmente, perché lo si vuole, se è un bisogno reale o un vezzo inutile. provo molta confusione mentale. consapevolezza. è sempre un problema di consapevolezza. che disgrazia

ci vorrebbe un po' di introspezione seria... ma il tempo che si passa da soli è sempre meno. da soli introspettivamente parlando. ci sono troppi giocattoli che distraggono, troppo rumore di fondo.

Ultima modifica di pirata; 01-03-2012 a 01:59.
Vecchio 02-03-2012, 10:37   #17
Banned
 

sarei, anzi sono d'accordo, ma purtroppo ormai mi giudico con gli occhi degli altri.

che poi in realtà me le invento anche, le cose... magari nessuno m'ha detto nulla di "giudicante" ma io do già per scontato che lo pensi.

non riesco più a essere distaccato e obiettivo

se mai lo sono stato.
Vecchio 02-03-2012, 16:00   #18
Banned
 

purtroppo do più importanza al loro che al mio.

storico difetto.
Vecchio 03-03-2012, 03:48   #19
Banned
 

eh anche io faccio molta fatica
tipo l'università...
io (come molti altri studenti) non sono uno che impazzisce per il mettersi a studiare, e il non avere una grande forza di volontà diciamo che mi ha fregato di brutto il primo anno che è andato abbastanza di merda
ora però sto cominciando a mettermi sotto (finalmente !), e i risultati non si sono fatti attendere
non sono una persona stupida però volontà zero assoluto, e ci ho messo un anno per farmela venire fuori (proprio per la serie acqua alla gola)
è così un pò in tutto, perlomeno anche se alla lunga riesco a tirarla fuori
Vecchio 04-03-2012, 02:36   #20
Banned
 

cazzo pirata, mi sembra di leggere la mia stessa situazione.

sono 6 anni che faccio sta vita, a volte riesco a costringermi, a volte mi sento a posto e anzi per un periodo ho avuto anche una vita sociale relativamente sviluppata.
ultimamente invece è un po' una merda. poi da quando è venuto meno pure l'impulso sessuale non ho più manco la motivazione di uscire per le donne, penso: si vabbé, mi piacciono, non ci so fare granché ma se non esco di certo non verrà mai a trovarmi a casa.
però cazzo se non m'arrapo neanche? figuriamoci l'innamoramento. quando ero un pischello mi innamoravo almeno una volta al mese... adesso sono stato assieme per 4 anni con una e neanche so se l'ho mai amata o cosa...
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a fare le cose controvoglia...
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Pensieri ossessivi sulle cose da fare Moonwatcher DOC Forum 35 15-05-2012 16:03
Evitare di fare le cose clanghetto SocioFobia Forum Generale 43 06-08-2011 00:19
Quali sono le cose che non riuscite a fare? Massi91 SocioFobia Forum Generale 41 24-04-2011 18:43
Essere contorti nel fare le cose JohnReds SocioFobia Forum Generale 6 05-03-2009 01:06
Cose da fare luca24 Off Topic Generale 31 02-01-2009 10:49



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 23:13.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2