FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Trattamenti e Terapie
Rispondi
 
Vecchio 24-10-2010, 20:49   #1
Principiante
 

Qualcuno la sta provando? Sapete se può curare depressione, paura della morte, dap, agorafobia o è solo una perdita di tempo? Grazie....
Vecchio 25-10-2010, 07:44   #2
Intermedio
L'avatar di AmyLee
 

Io la sto facendo da qualche mese per ansia sociale, stile di comportamento evitante e altre piccole fobie; secondo me potrebbe andar bene anche per i disturbi da te elencati... Nel mio caso, non è una perdita di tempo, anzi, mi ha aiutato molto a conoscermi meglio e di conseguenza a sapermi comportare meglio in quelle situazioni che mi risultano difficili. Sono sicuramente migliorata, anche nel mio stesso modo di pensare...
Ovviamente dipende dalla gravità della situazione: nel mio caso non c'è stato bisogno di psicofarmaci, credo perchè ero già abbastanza motivata e non avevo una grave depressione, ma se la situazione lo richiede si può seguire la terapia anche con l'aiuto dei farmaci.
Vecchio 25-10-2010, 11:19   #3
Principiante
L'avatar di Darkangelo
 

Quote:
Originariamente inviata da AmyLee Visualizza il messaggio
Io la sto facendo da qualche mese per ansia sociale, stile di comportamento evitante e altre piccole fobie; secondo me potrebbe andar bene anche per i disturbi da te elencati... Nel mio caso, non è una perdita di tempo, anzi, mi ha aiutato molto a conoscermi meglio e di conseguenza a sapermi comportare meglio in quelle situazioni che mi risultano difficili. Sono sicuramente migliorata, anche nel mio stesso modo di pensare...
Ovviamente dipende dalla gravità della situazione: nel mio caso non c'è stato bisogno di psicofarmaci, credo perchè ero già abbastanza motivata e non avevo una grave depressione, ma se la situazione lo richiede si può seguire la terapia anche con l'aiuto dei farmaci.
hai perfettamente ragione...io per esempio faccio sia farmaco terapia che psicoterapia per disturbo bipolare con ansia sociale...concordo pienamente sul fatto che gli psicofarmaci vanno presi in base alla gravita' ed al tipo di disturbo associato al ritiro sociale.
Vecchio 27-10-2010, 22:02   #4
Esperto
L'avatar di vikingo
 

consiglio gli ansioolitici piu che gli psicofarmaci,venerdi vado a coloquio con il mio psicoterapeuta...pero' sono ansioso perche ho paura di non riuscire a spiegargli bene la mia situazione,di far finta che le cose vadano bene...mi e gia capitato,che la mia situazione non epoi cosi grave...
nel senso che io mi sono adattato,ma faccio uan vita limitata,anche se decente e sufficiente...
chiedevo un consiglio...
ho paura di dire alla fine campo dignitosamente,per cui non e poi cosi grave mentre ci sono campi dove non riesco a sbloccarmi
Vecchio 28-10-2010, 03:48   #5
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da vikingo Visualizza il messaggio
consiglio gli ansioolitici piu che gli psicofarmaci,venerdi vado a coloquio con il mio psicoterapeuta...pero' sono ansioso perche ho paura di non riuscire a spiegargli bene la mia situazione,di far finta che le cose vadano bene...mi e gia capitato,che la mia situazione non epoi cosi grave...
nel senso che io mi sono adattato,ma faccio uan vita limitata,anche se decente e sufficiente...
chiedevo un consiglio...
ho paura di dire alla fine campo dignitosamente,per cui non e poi cosi grave mentre ci sono campi dove non riesco a sbloccarmi
guarda Vikingo , fa al tuo psicoterapeuta questo discorso che hai scritto qui, uguale uguale
faglielo all'inizio del colloquio e assicurati che il terapeuta non sia distratto e abbia capito bene, sennò glielo ripeti un'altra volta perchè è un discorso importante
secondo me così lui ha un giusto quadro delle situazione in cui ti vedi tu e dopo si possono mettere a fuoco più facilmente i vari dettagli

Ultima modifica di aisljng; 28-10-2010 a 03:55.
Vecchio 29-10-2010, 19:49   #6
Esperto
L'avatar di vikingo
 

sonoa ndato dallo psicologo,faremo una terapia,cerchera' di darmi una mano a non evitare,ead affrontare tutte le situazioni che mi mettonoa nsia,poi il grosso devo farlo io,ma avere una guida e gia qualcosa.....
il motto deve essere evita di evitare,piu eviti piu sensi di colpa,piu vit alimitata....
mi dara qualke prodotto naturale,ma farmaci no perche vuole che sia io ad attivarmi,col farmaco ce il rischio che uno dica il grosso lo fa il farmaco e si adagi....
mi amncano delle abilita sociali che vanno acquisite punto...
Vecchio 29-10-2010, 19:56   #7
Esperto
L'avatar di vikingo
 

devo ripartire da zero ancora una volta nella mia vita...
Vecchio 30-10-2010, 09:11   #8
Esperto
L'avatar di vikingo
 

l'esposizione allansia e l'unica soluzione e stato chiaro,e lavoreremo su questo mi ha detto...
Vecchio 30-10-2010, 10:49   #9
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da vikingo Visualizza il messaggio
l'esposizione allansia e l'unica soluzione e stato chiaro,e lavoreremo su questo mi ha detto...
ebbravi che avete già impostato lo schema di lavoro
Vecchio 04-11-2010, 09:13   #10
Esperto
L'avatar di vikingo
 

qualcuno mi sa dire se e consigliabile una terapia di gruppo..
Vecchio 04-11-2010, 13:51   #11
Intermedio
L'avatar di paguro
 

Quote:
Originariamente inviata da AmyLee Visualizza il messaggio
Io la sto facendo da qualche mese per ansia sociale, stile di comportamento evitante e altre piccole fobie; secondo me potrebbe andar bene anche per i disturbi da te elencati... Nel mio caso, non è una perdita di tempo, anzi, mi ha aiutato molto a conoscermi meglio e di conseguenza a sapermi comportare meglio in quelle situazioni che mi risultano difficili. Sono sicuramente migliorata, anche nel mio stesso modo di pensare...
Ovviamente dipende dalla gravità della situazione: nel mio caso non c'è stato bisogno di psicofarmaci, credo perchè ero già abbastanza motivata e non avevo una grave depressione, ma se la situazione lo richiede si può seguire la terapia anche con l'aiuto dei farmaci.
Io vorrei provarla perchè i farmacimispaventano nonpoco.
Mi sapresti dire dove trovare uno specialista per questo tipo di terapia?
Vecchio 04-11-2010, 15:14   #12
Intermedio
L'avatar di AmyLee
 

Quote:
Originariamente inviata da paguro Visualizza il messaggio
Io vorrei provarla perchè i farmacimispaventano nonpoco.
Mi sapresti dire dove trovare uno specialista per questo tipo di terapia?
Dovresti informarti se c’è uno psicologo cognitivo-comportamentale nella tua città.
La mia psicologa ha uno studio privato ed è indicata come cognitivo-comportamentale (c’è scritto anche sull’insegna di fronte allo studio), ma io non lo sapevo ancora quando sono andata da lei. Non so come (o dove) potresti informarti; l’unico modo che mi viene in mente è telefonare e chiedere se lo psicologo abbia quel genere di indirizzo o un altro.
Vecchio 18-11-2010, 19:27   #13
Intermedio
 

Spero di dare un contributo utile cercando di rispondere ad alcune delle domande sulla psicoterapia cognitivo comportamentale (TCC).

La TCC viene considerata dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'ISS (Istituto Superiore della Sanità) come uno degli approcci più efficaci per la comprensione e il trattamento di numerosi quadri psicopatologici. In particolar modo è risulta efficace nel trattamento dei disturbi ansiosi (attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, ipocondria, ecc) e dei disturbi depressivi.

Di seguito un link dove c'è una breve sintesi delle caratteristiche di questo approccio per chi vuol saperne di più.
http://www.lucaliverani.com/la-psico...tamentale.html

Per rintracciare uno psicoterapeuta cognitivo comportamentale nella propria città si può andare sul sito dell'Ordine degli Psicologi della propria regione e fare una ricerca degli psicologi iscritti all'albo con questa specializzazione.
In alternativa è possibile fare una semplice ricerca su internet digitando "psicoterapeuta cognitivo comportamentale + (nome della tua città)" o contattare la SIPC (Società Italiana Psicoterapeuti Cognitivisti) alla quale son iscritti numerosi terapeuti per avere indicazioni circa la propria area geografica.

Una precisazione: gli ansiolitici sono psicofarmaci.

Una terapia farmacologica non è sempre necessaria. Occorre un'attenta valutazione della situazione. In diverse occasioni può essere d'aiuto per poter permettere l'esposizione alle situazioni ansiogene quando l'evitamento di tali situazioni è giudicato serio.

Dal momento che l'esposizione alle situazioni ansiogene è una delle strade più efficaci per affrontare e risolvere il disturbo la terapia di gruppo può risultare difficilmente compatibile dal momento che non è scontato che ogni persona eviti le medesime situazioni o mostri gli stessi timori. Occorre valutare quali siano le finalità del gruppo terapeutico.
Può comunque essere un supporto e permettere un confronto con altre persone che soffrono del medesimo problema.

Se ho tralasciato qualche cosa resto disponibile a ulteriori chiarimenti/approfondimenti.

Dott. Liverani
Vecchio 21-11-2010, 11:23   #14
Esperto
L'avatar di vikingo
 

lo psicologo mio ha detto che sono paranoico,mi chiedevo se una pratica tipo l'ipnosi potesse aiutarmi...essere paranoici e una delle cose peggiori che ci possa capitare,perche uno e schiavo,bloccato in diverse cose..
Vecchio 22-11-2010, 09:39   #15
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da vikingo Visualizza il messaggio
lo psicologo mio ha detto che sono paranoico...
Mi auguro che questa sia la sua "sintesi" un po' brutale del problema e non le esatte parole del suo psicologo... Ad ogni modo è una definizione troppo vaga per poterle dare una risposta adeguata.

Quote:
Originariamente inviata da vikingo Visualizza il messaggio
...mi chiedevo se una pratica tipo l'ipnosi potesse aiutarmi...
Non sapendo nel dettaglio in cosa consiste il suo problema non so risponderle. L'unica cosa che posso dirle è che un approccio cognitivo può dare buoni risultati nella correzione degli errori di pensiero promuovendo una visione del mondo più obiettiva e quindi meno persecutoria.

Dott. Liverani
Vecchio 23-12-2010, 10:50   #16
Esperto
L'avatar di vikingo
 

oggi ci rivado,ho sempre un po di ansia quando ci vado,perche ho sempre paura di non essere percepito,di non farmi capire bene...
diciamo che aalke migloramento si vede,piu che altro e un conforto,e uan guida per me,ma gran parte delle situazioni che creano ansia poi bosgna affrontarle da soli,senza alcol ne niente..
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Terapia Cognitivo-Comportamentale
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Terapia cognitivo-comportamentale funziona nell' 80 % dei casi di disturbi d'ansia? lialian Trattamenti e Terapie 27 02-02-2010 13:23
Risultati della terapia cognitivo comportamentale nella cura della fs ramo SocioFobia Forum Generale 22 04-06-2009 20:01
Cognitivo comportamentale vs psicodinamica claudioqq Trattamenti e Terapie 4 22-04-2009 23:10
una terapia cognitivo comportamentale fatta da me vikingo Trattamenti e Terapie 6 07-04-2008 09:22
PSICOTERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE.... gio1 Trattamenti e Terapie 8 12-01-2007 11:32



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 18:54.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2