FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Cinema e TV
Rispondi
 
Vecchio 08-11-2012, 09:05   #2021
Esperto
L'avatar di Nocebo
 

aspetto questo

Vecchio 08-11-2012, 10:36   #2022
Esperto
L'avatar di Phoenix
 

Visto che qui siete tutti esperti cinefili, qualcuno mi saprebbe dire il titolo del film in cui si sente in lontananza il rumore di qualcosa che si avvicina, simile a quello che fanno i cereali quando li versi nel latte . Ne vidi da piccolo uno spezzone e mi impressionò molto. Ora vorrei vederlo, ma ricordo solo quel particolare, qualcuno mi può aiutare
Vecchio 08-11-2012, 11:06   #2023
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Phoenix Visualizza il messaggio
Visto che qui siete tutti esperti cinefili, qualcuno mi saprebbe dire il titolo del film in cui si sente in lontananza il rumore di qualcosa che si avvicina, simile a quello che fanno i cereali quando li versi nel latte . Ne vidi da piccolo uno spezzone e mi impressionò molto. Ora vorrei vederlo, ma ricordo solo quel particolare, qualcuno mi può aiutare

Servirebbe qualche altro dettaglio, ma io ci provo.
Questo?


...che poi è il remake del bellissimo "Gli Invasati" del '63.
Vecchio 08-11-2012, 14:21   #2024
Esperto
L'avatar di VyCanisMajoris
 

Quote:
Originariamente inviata da Phoenix Visualizza il messaggio
Visto che qui siete tutti esperti cinefili, qualcuno mi saprebbe dire il titolo del film in cui si sente in lontananza il rumore di qualcosa che si avvicina, simile a quello che fanno i cereali quando li versi nel latte . Ne vidi da piccolo uno spezzone e mi impressionò molto. Ora vorrei vederlo, ma ricordo solo quel particolare, qualcuno mi può aiutare
Non so come mai ma mi ha ricordato questo

Vecchio 08-11-2012, 14:35   #2025
Esperto
L'avatar di Phoenix
 

Quote:
Originariamente inviata da LeonardKraditor Visualizza il messaggio

Servirebbe qualche altro dettaglio, ma io ci provo.
Questo?

The Haunting (1999) - Trailer

...che poi è il remake del bellissimo "Gli Invasati" del '63.
No

Quote:
Originariamente inviata da VyCanisMajoris Visualizza il messaggio
Non so come mai ma mi ha ricordato questo

http://www.youtube.com/watch?v=u9O_X...9F3F410DF4699E
E no, anche se questo l'ho visto. Comunque, e potrei benissimo sbagliarmi, si svolgeva tutto in una località deserta con solo pochi personaggi, uno scenario post-apocalittico o un altro pianeta
Vecchio 09-11-2012, 11:39   #2026
Esperto
L'avatar di Trent
 

Quote:
Originariamente inviata da Rick Blaine Visualizza il messaggio

Comunque io ieri sera son andato a vedere il tanto atteso Bond di Mendes, Skyfall.


Un film tutto giocato in maniera molto molto triste e squallida sulla dicotomia vecchio/nuovo, che si risolve in un languido e deprimente omaggio al Bond delle origini, quello di Connery. La scena d'azione d'apertura è una delle meno fantasiose del cinema d'azione degli ultimi anni -come pure le altre; in generale, il regista di questo film mi è parso totalmente assente in ogni scena.
Visto ieri,mezza delusione.Anche se direi proprio che l'unica cosa che si salva è la regia,fosse anche solo per la sequenza a Shangai.
Vecchio 24-11-2012, 02:25   #2027
Esperto
L'avatar di Nocebo
 

appena visto end of watch, carino, ottime le interpretazioni dei due poliziotti protagonisti, bei momenti di tensione


Vecchio 07-12-2012, 18:48   #2028
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da noooooo Visualizza il messaggio
Tempo fa ho visto Martyrs e mi piacerebbe sapere dagli esperti cinefili del forum cosa ne pensano... non so se farlo vedere a mio fratello che, preciso, è un over 30
A me non è piaciuto granché, ma è passato un po' di tempo dall'unica visione.
Però è un film che ha i suoi estimatori.

- edit - in effetti non è passato poi molto, considerando che il film è abbastanza recente.
Boh, io non ho apprezzato, e non mi piace soprattutto lo stile registico che viene adottato sovente in quel genere di film.

Ultima modifica di LeonardKraditor; 07-12-2012 a 18:51.
Vecchio 07-12-2012, 19:00   #2029
Banned
 

Non mi piace molto il genere, anche se poi questi film li guardo lo stesso
Comunque non lo definirei proprio brutto, oltre lo stile... diciamo che non mi convincono molto gli sviluppi della trama.
Vecchio 07-12-2012, 19:14   #2030
Banned
 

No, ma forse non mi sono spiegato bene: io AMO gli horror, ma non impazzisco per i cosiddetti torture-porn, quale è "Martyrs"
Vecchio 07-12-2012, 20:16   #2031
Intermedio
L'avatar di Eu Khrid
 

Martyrs è indubbiamente un film superiore alla media di quel genere.
Penso ai vari Saw,Hostel,per non parlare del Srspki Film che mi ha quasi disturbato e alcune scene neppure sono riuscito a vederle.
Invece The Collector non mi era dispiaciuto ma alla fine è un genere di film che neppure a me fa impazzire.
Vecchio 07-12-2012, 20:18   #2032
Banned
 

A Serbian Film?
Ammazza che porcheria pretenziosa!
Vecchio 07-12-2012, 20:50   #2033
Banned
 

Io consiglio un film che forse non è piaciuto a nessuno oltre a me
Si tratta di "Hypnosis".horror italiano del 2011 che verte su un protagonista con traumi subiti nell'infanzia della quale ha perso la memoria,che tenta di recuperare tramite la terapia psicologica sperimentale condota dal marito della sua unica è più cara amica.Durante la terapia però emergono particolari inquietanti.... Questo film riesce a creare una buona tensione ed atmosfera,a discapito della non ottima recitazione,e intriga molto nell'attesa della rivelazione finale,che però....non avviene. Questo è infatti un film con un finale troppo aperto,che non dipana affatto il garbuglio misterioso venutosi a formare durante tutto il suo svolgimento. Film da vedere se si ha voglia di sperimentare e di ricostruire da sè il puzzel degli eventi per arrivare ad una spiegazione finale degli stessi.
Vecchio 07-12-2012, 21:12   #2034
Intermedio
L'avatar di Eu Khrid
 

Ricordo di aver visto The Proposition poco dopo la sua uscita per un solo motivo:la storia è scritta da Nick Cave.Alla fine è diventato uno dei miei western preferiti in assoluto nonchè la mia bonus track per immagini di Murder Ballads.
"Sono venuto in questa terra desolata e il dio in me è evaporato"


La frontiera australiana come il selvaggio west statunitense. Questo è lo scenario di "The Proposition", diretto da John Hillcoat. 1880. Dopo il massacro di una famiglia di coloni l'ufficiale inglese cattura due dei tre fratelli Burns ed offre a Charles di liberare il fratello di quattordici anni se accetterà di uccidere Arthur, il carismatico fratello maggiore. Arthur viene descritto come uno psicopatico, per usare le parole dello sceriffo, come un "abominio". Ricorda vagamente il personaggio di una canzone di Nick Cave contenuto nel disco "Murder Ballads": Stagger Lee, un uomo che uccide solo perché è in grado di farlo. E questa non è una coincidenza perché Nick Cave è autore di questa potente sceneggiatura che mescola ansia di civilizzazione, valori familiari, dilemmi morali e molta, molta violenza. Il tutto sullo sfondo di un'Australia selvaggia, tra atmosfere cupe ed accecanti al tempo stesso, tra guide aborigene e lande immense e sconfinate.
Spettrale ed anti-epico, "The Proposition" ricorda per certi aspetti il telefilm "Deadwood", serie televisiva che si può dire abbia davvero rivoluzionato il genere western negli ultimi anni. Nessun personaggio può dirsi davvero positivo, neppure Stanley, l'ufficiale che nella sua ansia di civilizzazione non rifugge all'uso di metodi ben poco civili. Il tutto ambientato in una terra che resiste con forza ad ogni intervento umano e che rimane ostile anche nel quotidiano, come sottolineato con insistenza dalla polvere e dai milioni di mosche che infestano il piccolo centro abitato protetto dall'ufficiale inglese. Indimenticabile l'incontro tra Charles ed il cacciatore di taglie Lamb (John Hurt), come pure il finale, climatico e sorprendente nella sua parossistica violenza. Non sempre la regia è all'altezza della sceneggiatura, ma in qualche modo quest'ultima riesce a compensare le mancanze della prima. Notevole ed evocativa la colonna sonora di Warren Ellis e dello stesso Nick Cave.
Vecchio 07-12-2012, 21:20   #2035
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Eu Khrid Visualizza il messaggio
Ricordo di aver visto The Proposition poco dopo la sua uscita per un solo motivo:la storia è scritta da Nick Cave.Alla fine è diventato uno dei miei western preferiti in assoluto nonchè la mia bonus track per immagini di Murder Ballads.
"Sono venuto in questa terra desolata e il dio in me è evaporato"
Molto Bello "The Proposition"; se ti è piaciuto così tanto guarda anche "The Assassination of Jesse James by the Coward Robert Ford", pure lì c'è lo zampino di Cave
Ma forse lo avrai già visto.
Per me, con quel film, Andrew Dominik ha fatto un capolavoro, in anni in cui il western viene considerato un genere vecchio e morto.
E non è morto per niente, come dimostrano il film di Hillcoat e quello di Dominik
Vecchio 07-12-2012, 21:35   #2036
Intermedio
L'avatar di Eu Khrid
 

"The Assassination of Jesse James" ce l'ho nel pc ma inspiegabilmente devo ancora vederlo....
Naturalmente ho anche la colonna sonora del film.
Vecchio 07-12-2012, 22:09   #2037
Esperto
L'avatar di clark
 

Credo che questo sia il mio primo post in questa sezione. Allora un film che io consiglierei di vedere é "Gran Torino" .

Clint Eastwood, regista e protagonista del film, é un reduce della spedizone dell'esercito americano in Corea. Lo stato americano gli é grato per quello che ha fatto, lo ha riempito di onorificenze, di cui lui ha la cantina piena e, di questo, é contento. Almeno sembra.

Ma la gratitudine consiste nel'assegnare delle onorificenze e basta oppure é qualcosa che ha a che si concretizza nel venire incontro alla persona, rispettarla nelle sue esigenze, capirla, inserirla in un microcosmo sociale, dove vive insieme ad altri simili a lui? Secondo me é la seconda. Prima di tutto il rispetto della persona, inserendola in un contesto in cui le sue funzionalità sociali possano essere espletate nella migliore maniera possibile. Le onorificenze militari o civili sono solo roba formale.
Una vita in Vietnam, la guerra, gli orrori visti durante la permanenza in quel territorio gli hanno cambiato la mente e lui, ritornato in America, é diventato un disadattato sociale, non riesce più ad integrarsi nella società americana moderna. Appare decontestualizzato in modo evidente. Le armi e la violenza ed il modo di ragionare militaresco gli hanno fottuto il cervello. Una vita passata al servizio dell'esercito americano lo ha abbrutito, rendendolo schiavo della violenza guerresca; non é più capace di concepire un pensiero di amore o fraternità. In pratica, é diventato un misantropo. Al'inizio del film, lui sembra il personaggio negativo. Da condannare senza appello.
Ma la vita é complessa e i giudizi sule persone non si possono dare così semplicemente. Vanno considerati tanti aspetti. Perché lui é arrivato a questo? Cosa c'é dietro al suo fare, detto eufemisticamente, burbero? C'é una nazione che lo ha sfruttato, inducendolo a credere nei miti della potenza, della forza militare, delle armi e delle bombe, in modo da poterlo spedire in guerra galvanizzato dalla fede in mitologie orribili. Per poi, tornato in patria, liberarsene attraverso l'assegnazione di banali medaglie e gagliardetti (perché di queste cose si tratta.). In una parola l'America gli é grata. E' un eroe.........
Questo personaggio così negativo, nella seconda parte del film, svela una parte insospettabile, che nessuno pensava potesse avere.

Inoltre la società é spietata e procede nella sua marcia, incurante delle ferite che ha portato a quest'uomo. Siamo nell'America odierna, con il consumismo cresciuto a dismisura nel corso degli anni, ed il panorama é costellato di SUV come se fossero macchine qualunque, famiglie sempre più disumanizzate, che corrono dietro al lavoro frenetico che serve prevalentemente per andare a consumare nel weekend quello che si é guadagnato, azzannandosi l'un con l'altro, senza armi vere e proprie stavolta. Ma con armi figurate, magari sì.
Una vera guerra, ma civile, combattuta quotidianamente, che infesta la vita delle persone della famiglia del figlio coem la guerra in Corea che gli é costato l'odio per i Coreani. Ed i ragazzini sono allineati su queste cose, alla grande, fin dalla più tenera età. Sono anche loro predisposti al consumo acritico, come vuole la società americana. Anche loro sono pronti a giudicare facilmente, emettere le loro conclusioni con la stessa sicumera degli adulti, che, probabilmente, emulano o cercano di emulare. Un altro orrore, forse come quello della guerra. Non si capisce chi sia il mostro. Il mostro é il veterano o il figlio e la sua famiglia, integrati nella società americana, socialmnete impeccabile. In mezzo a questi due mostri, sta una famiglia emarginata di immigrati, considerati "socialmente" da evitare, brutta gente per la società, da tenere lontana e ghettizzare. Ed, infatti, vivono nello stesso ghetto del veterano, a due passi di distanza. Mentre la famiglia del figlio vive in contesti molto più altolocati.
Il veterano impara dal figlio degli immigrati a vivere, a ritornare a concepire l'affetto per una persona, trattando il ragazzo, figlio degli immigrati, come fosse suo nipote, visto che i nipoti sono intrattabili e lo considerano un povero pazzo.
Attraverso l'educazione impartita al ragazzo, che porta sotto la sua ala protettrice, il protagonista aiuta il ragazzo a crescere, a muoversi nella vita, a sapersi difendere dai maliventi che lo minacciano, bulli, degenerati in veri e propri delinquenti, che minacciano, feriscono con coltelli ed spranghe, imparando, giorno per giorno, la legge della violenza fisica, che, però, non é la violenza giusta perché non é legalizzata, pronti a diventare anche loro carne da macello per il tritacarne sociale a stelle e strisce.
Dunque, si arriva alla fine, quando succede un gesto inaspettato, che rivela come il protagonista avesse, sotto sotto, un animo ancora puro e disposto a sentimenti autentici. Solo che la società americana lo aveva subdolamnete violentato, costringendolo a rinunciarvi per l'interesse supremo della nazione, che, poi, non é neanche la difesa nazionalistica del territorio, in nome di valori di patria, o la conquista di qualcosa (magari sarebbe ancora qualcosa di nobile anche se discutibile), ma, alla fine, sono interessi politici ed economici, sotto le false spoglie di valori patriottici.
A me é piaciuto moltissimo. Mi sono quasi commosso e, secondo me, c'é un legame con la fobia sociale in qualche modo, vista la misantropia conclamata del protagonista. La tematica della società, che ignora il singolo ed il suo dramma, usandolo e basta quando le serve. Relegandolo ai margini e ghettizzandolo. Il disadattamento e l'emarginazione, l'apparenza socialmente impeccabile, ma estremamente eccepibile, su un piano di autenticità di valori. La società come una lente, attraverso la quale tutto é distorto in modo clamoroso. Per me é un gran film. In virtù di questa considerazione, lo consiglio.

Qua c'é il trailer:



Qui un piccolo resoconto

http://www.comingsoon.it/Film/Scheda...lm=Gran-Torino

Un altro film dello stesso genere é Brothers, che parla sempre sdel dramma del disadattamentio sociale per i reduci dalle guere e spedizioni militari. Anche questo merita di essere visto. In questo caso la differenza é tra due fratelli, uno ligio al dovere ed alle regole, arruolato nell'eseito americano, simbolo di devozione alla nazione ed alla patria. Senonché un atroce episodio che lui é costretto a vedere in guerra ne cambia la mentalità, facedolo diventare una persona con problemi psichici evidenti. Infatti rimane scioccato da quell'episodio e non riesce più a reagire opportunamente. Tornato in famiglia, la moglie e le figlie non lo riconoscono più. La moglie gli sta vicino per quello che può, sinta dall'amore per lui, ma s irende conto che la sua situazione é molto grave e che recuperare per lui sarà difficile. Parallelamente, il fratello, che aveva vissuto in modo irresponsable e fregandosene del dovere e delle regole, non avendo subito nessuno choc di quel tipo, diventa improvvisamente più attraente per le figlie ed anche per la moglie, perché interpreta la vita più alla leggera. Improvvisamente avviene un ribaltamento della situazione e il fratello scapestrato, che la famiglia aveva considerato un poco di buono, da tenere lontano, diventa più attraente di lui che, invece, era prima considerato migliore del fratello.
Oltre che il tema del disadattamento per i reduci delle guerre , qui c'é un'altra tematica legata alla società ed alla sua ipocrisia.
Cioé chi rispetta le regole sino in fondo e, magari, pure credendoci, finisce peggio di chi invece vive le cose senza ritenersi schiavo delle regole. Dunque l'ipocrisia della scoietà che si serve delle regole e del senso di fedeltà ad esse per ingabbiare i più suggestionabili da questo punto di vista e condannare i più refrattari alle stesse premiando quelli che trovano il giusto compromesso tra una refrattarietà eccessiva ed una fedeltà esagerata. Per chi ha bisogno fdi input certi, non si capisce come si debba agire e quali siano i confini giusti da rispettare. A questo punto viene da chiedersi quanto sia giusto rispettare le regole sino in fondo, se questo significa sacrificare la propria persona in questo modo assurdo.

Qua il trailer:


Recensione

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&...4NyIqyc1ibcK3Q

Quello che ho scritto é una mia personale interpretazione che differisce dalla recensione, ma non penso sia molto sbagliata.

Ultima modifica di clark; 08-12-2012 a 12:01.
Vecchio 13-12-2012, 17:41   #2038
Esperto
L'avatar di Nocebo
 

stasera Lo Hobbit
Vecchio 13-12-2012, 17:45   #2039
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Nocebo Visualizza il messaggio
stasera Lo Hobbit
Stasera lo recensisci o stasera lo vedi?
Vecchio 13-12-2012, 17:54   #2040
Esperto
L'avatar di Nocebo
 

Quote:
Originariamente inviata da Varg Visualizza il messaggio
Stasera lo recensisci o stasera lo vedi?
lo guardo, e se ho voglia e merita, recensisco
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a SEZIONE CINEMA Recensioni e film consigliati
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
SEZIONE LIBRI Recensione e libri consigliati mefiori Forum Libri 179 31-05-2021 12:15
SEZIONE MUSICA Recensioni e dischi consigliati mefiori Forum Musica 154 29-11-2020 21:56
Blog consigliati Chioccioccolata Off Topic Generale 11 22-04-2010 01:00
Ottimo sito per recensioni musicali mefiori Forum Musica 0 07-04-2007 10:05



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 07:48.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2