FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Trattamenti e Terapie
Rispondi
 
Vecchio 07-01-2020, 05:28   #21
Esperto
L'avatar di Anonimo.
 

Quote:
Originariamente inviata da Equilibrium Visualizza il messaggio
Spesso la terapia nn basta perché si continua a frequentare gli stessi ambienti di sempre
E quindi che bisogna fare?
E perchè la psicoterapia non fa niente a tal riguardo?
Vecchio 07-01-2020, 06:34   #22
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Non hai la certezza matematica che se certe cose non hanno funzionato con te dopo averle tentate mille volte, non possano funzionare se le tenti duemila volte.
Sei tu che stai ponendo dei confini dicendo se non hanno funzionato n volte allora non potranno funzionare mai non la realtà dei fatti.
Ma non lo si può dire con nulla, quindi che si dovrebbe concludere? Che se per dieci volte non sei riuscito ad aprire una porta dando testate nel muro e hai buoni motivi per credere che le due cose non sono collegate, ci dovresti riprovare ancora?
Questo argomento qua mi sembra molto debole. Ma è debole anche in altri sensi.

Mi spiego meglio.

Se il problema consiste proprio nel fatto che una persona si rompe le palle di provare e riprovare, la tua strategia e qualsiasi terapia non può risolverlo.
Se è proprio 'sto meccanismo qua che sta sulle palle, come fa la strategia da te proposta ad aggiustare le cose visto che lo pone come condicio sine qua non per vivere?
Se mi sento affaticato dall'esistenza proprio a causa di 'sta roba, del tentare e ritentare senza sapere quando e se becco qualcosa, come la si aggiusta con questi sistemi qua?
I sistemi già fanno parte del problema stesso che magari mi opprime, per questo poi sostengo che 'ste terapie lasciano tutto (quello che risulta significativo per me) così com'è, 'ste cose non le modificano perché il potere di modificarle non ce l'hanno.

Ultima modifica di XL; 07-01-2020 a 07:34.
Vecchio 07-01-2020, 12:16   #23
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Se il problema consiste proprio nel fatto che una persona si rompe le palle di provare e riprovare, la tua strategia e qualsiasi terapia non può risolverlo
La terapia dovrebbe anche essere mirata alla risoluzione del problema del rompersi le palle, perché se una persona è pigra, svogliata, inerte e non ha voglia di compiere gli sforzi necessari (magari non sufficienti ma necessari) a farla uscire dalla sua condizione di infelicità, la terapia dovrebbe appunto intervenire anche su resilienza e gestione del senso di frustrazione.
Vecchio 07-01-2020, 12:44   #24
Intermedio
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Niente farmaci mai presi, soltanto psicoterapia ma in passato poi smisi subito, soltanto in questo ultimo anno si puo' dire che la sto facendo con continuità andandoci ogni due settimane.
Non so forse se lo avrei fatto in passato poteva anche giovarmi la sola psicoterapia, ma ho sottovalutato il mio disagio pensando di farcela da solo, e per non dare problemi in famiglia, ma con il tempo è cresciuto e si è cronicizzato probabilmente con il senno di poi ho sbagliato, ma nessuno intorno a me in famiglia, si rendeva conto di come stavo, e anche oggi sembra o siano assenti o non gliene frega nulla non so cosa pensare, so solo che sto sempre peggio.
Il fatto e che bisogna essere seguiti se si prendono farmaci, io non ho nessuno che mi sta vicino, perchè i miei familiari anche loro hanno i loro casini e non hanno la voglia nemmeno di starmi dietro, se poi sto male per gli effetti collaterali, poi non lavorando mi devono pagare loro lo psichiatra, e non credo siano d'accordo, in passato ho provato ad accennare la cosa e non l'hanno presa affatto bene, d'altra parte adesso basta un nulla in casa per litigare e discutere, non ho piu le forze e le energie per farlo piu.
Per adesso continuo la psicoterapia ancora, qualche risultato forse me lo sta dando, magari c'è bisogno di tempo e pazienza da parte mia, e poi vedremo magari anche cosa esce dalle analisi mediche se è la depressione la causa di questa stanchezza o forse anche no.
Per ora forse meglio cosi, è dura senza la famiglia che ti supporta fare di meglio credo, spero per voi va meglio su questo aspetto, io come mi giro cado male proprio, un circolo vizioso mi sembra
Ti capisco non è una bella situazione. Se ti posso dare un consiglio continua a tenere fuori i genitori da questa situazione, non possono aiutarti in nessun modo e finirebbero per intervenire in maniera sbagliato peggiorando solo le cose. Non lo fanno certo per farti del male, loro vogliono solo il tuo bene ma in genere non accettano che il figlio maschio appaia come un rammollito senza forza di volontà, specialmente i padri. Cercano di spronarti e dicono cazzate inutili e dannose. Continua a tenere la cosa solo all'interno della terapia- Capisco he non è facile ma da altre fonti difficilmente troverai giovamento se esterni il tuo disagio, solo parole vuote di incoraggiamento fini a se stesse.
Vecchio 07-01-2020, 15:19   #25
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
loro vogliono solo il tuo bene ma in genere non accettano che il figlio maschio appaia come un rammollito senza forza di volontà, specialmente i padri.
Quindi è così che appariamo..
Vecchio 07-01-2020, 15:33   #26
Intermedio
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
Quindi è così che appariamo..
Non lo so Syd magari non è uguale per tutti. Per mio padre è sempre stato così, voleva un figlio estroverso, brillante e sicuro di se. Non essendo io mai stato nulla di tutto questo lo ha fatto sempre incazzare, ed ha avvelenato la sua e la mia esistenza.
Ringraziamenti da
Idiota (07-01-2020)
Vecchio 07-01-2020, 19:14   #27
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Non lo so Syd magari non è uguale per tutti. Per mio padre è sempre stato così, voleva un figlio estroverso, brillante e sicuro di se. Non essendo io mai stato nulla di tutto questo lo ha fatto sempre incazzare, ed ha avvelenato la sua e la mia esistenza.
Mio padre non mi giudica mai esplicitamente, ma una volta, quando mia madre gli ha detto che secondo lei ero normale, lui le ha tirato un'occhiataccia. In alcune occasioni raccomandava scherzosamente ai miei cugini di non diventare come me, usandomi come spauracchio. È difficile non dar peso a questi segnali.
Vecchio 07-01-2020, 20:44   #28
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
La terapia dovrebbe anche essere mirata alla risoluzione del problema del rompersi le palle, perché se una persona è pigra, svogliata, inerte e non ha voglia di compiere gli sforzi necessari (magari non sufficienti ma necessari) a farla uscire dalla sua condizione di infelicità, la terapia dovrebbe appunto intervenire anche su resilienza e gestione del senso di frustrazione.
Ma se una persona è infelice proprio perché deve compiere certi sforzi necessari, in che senso la psicoterapia la renderà felice?
Sono infelice perché debbo faticare X per ottenere (forse) Y o anche solo per tirare avanti... Come fa a farmi uscire da questa condizione di infelicità qua? Se la condizione di infelicità è già questo schema qua mica ho capito come si dovrebbero mettere le cose a posto.
Se alla fine bisogna autoconvincersi che si è felici in qualsiasi situazione uno si trova, si può anche non fare assolutamente nulla, ma è proprio 'sta cosa che a me sembra una gran cazzata.
Uno vive penosamente e per ottenere uno straccio di relazione deve fare pure i salti mortali, arriva lo psicoterapeuta e mi vuol convincere che la cosa va bene così? Ma vada a fare in culo lo psicoterapeuta, con tutto il cuore.
Se si cerca di ridefinire certe cose con me non c'è una mazza da fare, me ne accorgo e mi incazzo pure con la persona che tenta di farlo subdolamente, certe cose non ho alcuna intenzione di accettarle, o si prende questo come punto di partenza duro attorno al quale può poi ruotare il resto, o non si fa nulla con me.
Non c'è alcuna possibilità di avere questi obiettivi condivisi con uno psicoterapeuta, forse altri obiettivi ci possono essere, ma questi proprio no, se tutto si riduce a questo torno a ribadire quel che ho scritto prima, non è totalmente inutile ma determinate cose non le risolve.
Se si imposta la terapia su questi presupposti salta per aria ogni forma di alleanza terapeutica e se salta per aria non c'è modo di instaurare alcuna relazione di aiuto: c'è un tizio che vuol dare qualcosa ad un altro tizio di cui a quest'altro non frega nulla e il primo pretende pure di essere pagato per questo.
Si creerebbe solo una relazione conflittuale e sinceramente non so a cosa potrebbe mai servire.

Ultima modifica di XL; 07-01-2020 a 21:31.
Vecchio 08-01-2020, 00:13   #29
Esperto
L'avatar di stellina0391
 

La psicoterapia nel mio caso, al momento attuale, non servirebbe a niente. Perchè le dinamiche attorno a me devono cambiare. Dovrei andarmene di casa e cambiare città, solo allora, se posso permettermelo, farei terapia e viene molto dopo altri problemi di salute fisica ai quali dovrei star dietro. Per andarmene di casa avrei bisogno di un lavoro remunerativo e di una mano. Non ho né l'uno, né l'altra. E dopo tanti anni ritengo entrambi molto difficili da ottenere.
Se l'ambiente dove si vive rimane tossico allora non ci sarà progresso. É come un cane che si morde la coda, come un tunnel che va in cerchio senza uscita... è tutto inutile.
Vecchio 08-01-2020, 09:28   #30
Intermedio
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da stellina0391 Visualizza il messaggio
Se l'ambiente dove si vive rimane tossico allora non ci sarà progresso. É come un cane che si morde la coda, come un tunnel che va in cerchio senza uscita... è tutto inutile.
Ma è proprio la tossicità che respiriamo ogni giorno in un ambiente che non vogliamo più a portarci in depressione e quindi in terapia. Se ti svegli la mattina e respiri energie positive emanante dall'ambiente circostante ringrazi Dio o chi per lui per una nuova giornata. Se respiri tossicità non appena esci dallo stato del sonno ti auguri solo che la giornata finisca sl più presto. Quando sai di avere davanti solo tanta fatica e nessuna gratificazione oppure vuoto e noia allora sei nel cerchio senza uscita. La psicoterapia può aiutarti a focalizzare il centro del tuo disagio ma non lo risolve, non può operare stravolgimenti. E qui subentra il solito discorso vuoto della forza di volontà, e sinceramente per me fare uno sforzo di volontà solo per stare meno peggio e sopportare meglio tutto il marcio e il tossico che sento intorno è un gioco che non vale la candela. Non risolve nulla, insabbia solamente è un palliativo che mette solo pezze temporanee. Se poi il malessere è radicato da anni se non decenni la triste verità è che non te ne liberi mai pienamente. Puoi imparare strategia per tenerlo alla larga il più possibile, ma è sempre lì come un predatore in agguato pronto a scagliarsi sulla preda alla sua prima distrazione.
Ringraziamenti da
stellina0391 (09-01-2020)
Vecchio 08-01-2020, 13:47   #31
Esperto
L'avatar di incompresa88
 

Per me ci vorrebbe un trapianto di cervello.
Comunque, non credo nei farmaci, né nella psicoterapia. Mi "curo" informandomi, analizzandomi e basta. Non voglio aiuti esterni, non li ho mai cercati.
Vecchio 13-01-2020, 12:08   #32
Esperto
L'avatar di matriX85
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Ti capisco non è una bella situazione. Se ti posso dare un consiglio continua a tenere fuori i genitori da questa situazione, non possono aiutarti in nessun modo e finirebbero per intervenire in maniera sbagliato peggiorando solo le cose. Non lo fanno certo per farti del male, loro vogliono solo il tuo bene ma in genere non accettano che il figlio maschio appaia come un rammollito senza forza di volontà, specialmente i padri. Cercano di spronarti e dicono cazzate inutili e dannose. Continua a tenere la cosa solo all'interno della terapia- Capisco he non è facile ma da altre fonti difficilmente troverai giovamento se esterni il tuo disagio, solo parole vuote di incoraggiamento fini a se stesse.
Putroppo non sono riuscito a tenerli fuori da questa situazione, con il senno di poi mi sto convicendo che era meglio se lo facevo, ma non avendo un lavoro e nessun'altro a cui appoggiarmi, mi sono ritrovato costretto a chiedere loro aiuto, ma me lo stanno rinfacciando in continuazione in famiglia, anche mio fratello mi tiene il muso da quando ho detto a tutti in casa che ho dei problemi che non riesco piu a gestire da solo, e che mi serve andare e provare la psicoterapia almeno.
Ma sembra che come hai scritto tu, ogni giorno invece di aiutarmi o provare a capire come sto, mi stanno affossando sempre di piu, facendomi sentire in colpa, e dicendomi che infondo non ho nulla, devo solo tirare fuori le palle,perchè non ho nulla di meno degli altri, solo mancanza di volontà e di carattere.
Ringraziamenti da
gordon77 (14-01-2020)
Vecchio 13-01-2020, 13:34   #33
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Putroppo non sono riuscito a tenerli fuori da questa situazione, con il senno di poi mi sto convicendo che era meglio se lo facevo, ma non avendo un lavoro e nessun'altro a cui appoggiarmi, mi sono ritrovato costretto a chiedere loro aiuto, ma me lo stanno rinfacciando in continuazione in famiglia, anche mio fratello mi tiene il muso da quando ho detto a tutti in casa che ho dei problemi che non riesco piu a gestire da solo, e che mi serve andare e provare la psicoterapia almeno.
Ma sembra che come hai scritto tu, ogni giorno invece di aiutarmi o provare a capire come sto, mi stanno affossando sempre di piu, facendomi sentire in colpa, e dicendomi che infondo non ho nulla, devo solo tirare fuori le palle,perchè non ho nulla di meno degli altri, solo mancanza di volontà e di carattere.
É quello che dicono sempre..ti capisco
Vecchio 13-01-2020, 13:46   #34
Super Moderator
L'avatar di Lùthien.
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Putroppo non sono riuscito a tenerli fuori da questa situazione, con il senno di poi mi sto convicendo che era meglio se lo facevo, ma non avendo un lavoro e nessun'altro a cui appoggiarmi, mi sono ritrovato costretto a chiedere loro aiuto, ma me lo stanno rinfacciando in continuazione in famiglia, anche mio fratello mi tiene il muso da quando ho detto a tutti in casa che ho dei problemi che non riesco piu a gestire da solo, e che mi serve andare e provare la psicoterapia almeno.
Ma sembra che come hai scritto tu, ogni giorno invece di aiutarmi o provare a capire come sto, mi stanno affossando sempre di piu, facendomi sentire in colpa, e dicendomi che infondo non ho nulla, devo solo tirare fuori le palle,perchè non ho nulla di meno degli altri, solo mancanza di volontà e di carattere.
Mi dispiace. Ti chiedo: saresti in grado di trovare un lavoro che ti renda almeno in parte autosufficiente così da poterti pagare le spese per curarti? (ed evitando così che loro ti rinfaccino le cose?) Non è una bella situazione. Devi affrancarti da questa situazione che ti opprime. Hai qualche titolo di studio spendibile nel mondo del lavoro? O stai così male che nemmeno riusciresti a cercare un lavoro?
P.S. Non devi sentirti in colpa. Loro stanno sbagliando, è una situazione tossica dalla quale, se puoi, devi fuggire. La mancanza di volontà, comunque, è una caratteristica delle depressione.
Vecchio 13-01-2020, 14:38   #35
Intermedio
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Putroppo non sono riuscito a tenerli fuori da questa situazione, con il senno di poi mi sto convicendo che era meglio se lo facevo, ma non avendo un lavoro e nessun'altro a cui appoggiarmi, mi sono ritrovato costretto a chiedere loro aiuto, ma me lo stanno rinfacciando in continuazione in famiglia, anche mio fratello mi tiene il muso da quando ho detto a tutti in casa che ho dei problemi che non riesco piu a gestire da solo, e che mi serve andare e provare la psicoterapia almeno.
Ma sembra che come hai scritto tu, ogni giorno invece di aiutarmi o provare a capire come sto, mi stanno affossando sempre di piu, facendomi sentire in colpa, e dicendomi che infondo non ho nulla, devo solo tirare fuori le palle,perchè non ho nulla di meno degli altri, solo mancanza di volontà e di carattere.
Purtroppo è così, non che i genitori non capiscano, e che non lo accettano. Per le figlie femmine sono più comprensivi, ma i figli maschi adulti devono essere per loro l'emblema dalla forza e del carattere, altrimenti ti danno addosso. La mia fortuna è stata quella di aver sempre lavorato, non è la cosa più importante ma almeno ti rende indipendente e ti da la possibilità di aiutarti con i tuoi mezzi. Poi quando invecchiano i genitori iniziano anche egoisticamente a cercare un sostegno per la vecchiaia dai figli, se essi non sono in grado perché hanno questi problemi iniziano anche loro ad aver paura per il loro futuro quando non avranno più la completa autosufficenza. Mi dispiace per la tua situazione, ma se non trovi un modo di avere un tuo reddito stabile non vedo come potresti uscirne.
Vecchio 13-01-2020, 15:11   #36
Esperto
L'avatar di Anonimo.
 

La psicoterapia circa il non sapere cosa fare cosa dice??
Una volta che uno sta col ritmo sonno veglia aggiustato, mette da parte comportamenti autolesivi ecc che cosa si fa dopo?
Lo so che nessuno può "dirmi cosa devo fare" ma allora a che cosa serve tutto ciò?

Ultima modifica di Anonimo.; 13-01-2020 a 15:16.
Vecchio 14-01-2020, 00:03   #37
Esperto
L'avatar di Anonimo.
 

Quote:
Originariamente inviata da stellina0391 Visualizza il messaggio
La psicoterapia nel mio caso, al momento attuale, non servirebbe a niente. Perchè le dinamiche attorno a me devono cambiare. Dovrei andarmene di casa e cambiare città, solo allora, se posso permettermelo, farei terapia e viene molto dopo altri problemi di salute fisica ai quali dovrei star dietro. Per andarmene di casa avrei bisogno di un lavoro remunerativo e di una mano.[...] É come un cane che si morde la coda, come un tunnel che va in cerchio senza uscita... è tutto inutile.
Mi ritrovo nella stessa situazione.
Vecchio 14-01-2020, 00:48   #38
Intermedio
L'avatar di gordon77
 

fatto diversi cicli di psicoterapia, tutto inutile….i danni del passato non si possono rimediare, il presente non offre alternative, il tempo passa, invecchi e il futuro è sempre piu' cupo.
Ringraziamenti da
Dorian Gray (14-01-2020)
Vecchio 14-01-2020, 11:39   #39
Esperto
L'avatar di Anonimo.
 

Ma alla fine la psicoterapia a parte le parole parole parole che cosa propone?
Uno i corsi o il lavoro se lo deve cercare da solo (lol).
Allora che ci stanno a fare?!?
Vecchio 14-01-2020, 14:27   #40
Intermedio
L'avatar di gordon77
 

serve solo a dimostrare che stai provando a curarti. poi per carità possono esserci casi in cui fa bene, ma dalla mia esperienza ( e da quella di altre persone del mio CSM con cui facevo anche terapia di gruppo) non serviva a nulla.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Quando la psicoterapia soltanto non basta?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Psicoterapia: quando si è realmente pronti? Ropuntoze Sondaggi 6 21-09-2018 10:06
Cosa vi aspettavate dallo psicologo quando avete iniziato la psicoterapia ?... gwynplaine87 Trattamenti e Terapie 24 07-04-2016 21:03
quando dire basta? ucn93 SocioFobia Forum Generale 54 09-04-2013 19:37
Se e quando lo psicoterapeuta non basta... Chioccioccolata Trattamenti e Terapie 10 16-07-2009 06:37



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 16:08.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2