FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Depressione Forum
Rispondi
 
Vecchio 14-03-2019, 12:22   #1
Principiante
L'avatar di Lacey
 

Certe volte, mi sento come se avessi beccato un ergastolo e fossi ai domiciliari: quando hai delle catene invisibili che ti impediscono di vivere una vita normale, quando hai degli impedimenti mentali o materiali che ti costringono in una gabbia impedendoti di spiccare il volo, quando le giornate passano monotone una uguale all'altra, quando vedi la vita scorrere normale fuori dalla finestra di casa, pardon, fuori dalle sbarre della prigione, quando non vedi via d'uscita, non c'è possibilità di appello, sei prigioniera e sei condannata a restarlo, a prescindere dalla tua volontà di essere libera.

La colpa?

Essere nata nella famiglia sbagliata, da genitori sbagliati.
Essere nata fragile, incapace di ribellarmi ad una condanna ingiusta.
Essere incapace di cambiare, schiacciata dalle circostanze.

Che razza di vita è questa?
Ringraziamenti da
Arte.misia (14-03-2019), claire (14-03-2019), cosechenonho (15-03-2019), Doppelganger91 (16-03-2019), hypnos688 (16-03-2019), jab_24 (14-03-2019), Lasker1868 (14-03-2019), SamueleMitomane (14-03-2019), SenzaUscita (14-03-2019), syd_77 (14-03-2019), untipostrano (15-03-2019), Viewer (14-03-2019), XL (14-03-2019)
Vecchio 14-03-2019, 12:43   #2
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da Lacey Visualizza il messaggio
Certe volte, mi sento come se avessi beccato un ergastolo e fossi ai domiciliari: quando hai delle catene invisibili che ti impediscono di vivere una vita normale, quando hai degli impedimenti mentali o materiali che ti costringono in una gabbia impedendoti di spiccare il volo, quando le giornate passano monotone una uguale all'altra, quando vedi la vita scorrere normale fuori dalla finestra di casa, pardon, fuori dalle sbarre della prigione, quando non vedi via d'uscita, non c'è possibilità di appello, sei prigioniera e sei condannata a restarlo, a prescindere dalla tua volontà di essere libera.

La colpa?

Essere nata nella famiglia sbagliata, da genitori sbagliati.
Essere nata fragile, incapace di ribellarmi ad una condanna ingiusta.
Essere incapace di cambiare, schiacciata dalle circostanze.

Che razza di vita è questa?
Ci si sente così, anche io avverto una cosa del genere, si è stati gettati fin da bambini in una prigione grande quanto il mondo.
Bisognerebbe poter uscire, ma non si può uscire, dove si potrebbe mai andare?
Dovunque vai resti inevitabilmente dentro, l'unico modo per uscir fuori per me consiste nell'usare l'immaginazione.

Si è finiti, tutto è finito, ma si può immaginare qualcosa che va oltre.

Io non vivo per vivere, non ne sono capace, vivo solo per sognare qualcos'altro.
E' l'unico senso positivo che ormai riesco a dare a tutta questa brutta storia.

Ultima modifica di XL; 14-03-2019 a 12:58.
Ringraziamenti da
hypnos688 (16-03-2019)
Vecchio 14-03-2019, 12:49   #3
Avanzato
L'avatar di Guybrush
 

Mi sento anche io spesso così.
Vedo la vita come una pena da scontare
Vecchio 14-03-2019, 13:19   #4
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Lacey Visualizza il messaggio
Certe volte, mi sento come se avessi beccato un ergastolo e fossi ai domiciliari: quando hai delle catene invisibili che ti impediscono di vivere una vita normale, quando hai degli impedimenti mentali o materiali che ti costringono in una gabbia impedendoti di spiccare il volo, quando le giornate passano monotone una uguale all'altra, quando vedi la vita scorrere normale fuori dalla finestra di casa, pardon, fuori dalle sbarre della prigione, quando non vedi via d'uscita, non c'è possibilità di appello, sei prigioniera e sei condannata a restarlo, a prescindere dalla tua volontà di essere libera.
Capisco sinceramente come ti senti; sono tutti pensieri che purtroppo condivido in pieno.
Vecchio 14-03-2019, 15:03   #5
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Si, alla fine quando per colpa delle malattie e delle circostanze non puoi cambiare le cose più importanti ma tutt'al più qualche dettaglio di poco conto.. è come se avessi l'ergastolo.. almeno quelli al 41bis se la cantano e dopo 15-20 anni escono, per altri l'ergastolo è ostativo (fine pena mai).
Vecchio 14-03-2019, 15:31   #6
Esperto
L'avatar di Saturnino
 

Spero di leggere la continuazione del primo post...per te e anche per tutti gli utenti che hanno descritto situazioni simili.
Spero che inizi con le seguenti parole:

Fino a che un giorno mi resi conto che, se avessi voluto migliorare un poco la situazione...il modo non era quello di sperare che qualcosa cambiasse ma fare il primo passo del cambiamento e.............
Vecchio 14-03-2019, 15:59   #7
Intermedio
L'avatar di Green Tea
 

Quote:
Originariamente inviata da Lacey Visualizza il messaggio
Certe volte, mi sento come se avessi beccato un ergastolo e fossi ai domiciliari: quando hai delle catene invisibili che ti impediscono di vivere una vita normale, quando hai degli impedimenti mentali o materiali che ti costringono in una gabbia impedendoti di spiccare il volo, quando le giornate passano monotone una uguale all'altra, quando vedi la vita scorrere normale fuori dalla finestra di casa, pardon, fuori dalle sbarre della prigione, quando non vedi via d'uscita, non c'è possibilità di appello, sei prigioniera e sei condannata a restarlo, a prescindere dalla tua volontà di essere libera.

La colpa?

Essere nata nella famiglia sbagliata, da genitori sbagliati.
Essere nata fragile, incapace di ribellarmi ad una condanna ingiusta.
Essere incapace di cambiare, schiacciata dalle circostanze.

Che razza di vita è questa?
E' difficilissimo quando "impedimenti mentali o materiali" ti costringono in gabbia, ma vedrai che uno spiraglio in cui infilarti per uscirne con forza prima o poi si scopre. La chiave è convincersi che la volontà sia sufficiente per cambiare, a prescindere dal peso di ciò che ci tiene a terra.
Vecchio 14-03-2019, 16:24   #8
Esperto
L'avatar di Anonimo.
 

Quote:
Originariamente inviata da Saturnino Visualizza il messaggio
il modo non era quello di sperare che qualcosa cambiasse ma fare il primo passo del cambiamento e.............
e il cambiamento in cosa consiste?
Vecchio 14-03-2019, 18:29   #9
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Mi dispiace...
Vecchio 14-03-2019, 18:55   #10
Esperto
L'avatar di IlProfeta92
 

Mi sento simile. Condannati per qualcosa che non abbiamo mai commesso.
Vecchio 14-03-2019, 18:55   #11
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Io sto cercando di cambiare, ma i cambiamenti sono lentissimi, e l'impulso evitante è sempre molto forte, un mostro da combattere contro cui conduco una lotta quotidiana.
Come avevo scritto tempo addietro giusto su questo forum, se un giorno mi assegnassero agli arresti domiciliari, ora come ora nella mia vita cambierebbe poco...
Ringraziamenti da
Antares93 (14-03-2019), hypnos688 (16-03-2019)
Vecchio 14-03-2019, 19:08   #12
Esperto
L'avatar di Saturnino
 

Quote:
Originariamente inviata da Anonimo. Visualizza il messaggio
e il cambiamento in cosa consiste?
Non c'è un solo modo...dipende da cosa si vuole ottenere.

Per quanto mi riguarda tempo fa quello che era necessario per la mia vita era di liberarmi dell'influenza che alcune persone tossiche avevano su di me. All'inizio è stato difficile capire anche questo ovvero che tutto doveva iniziare da lì, ovvero liberarmi di queste persone. Ho trovato il modo di farlo e poi il passo successivo era trovare qualcosa che mi piacesse davvero da fare al posto di stare con quella gente. All'inizio c'è voluto impegno visto che non ero abituato...ma poi diciamo è andata discretamente bene.

Ora, non tutto è possibile fare....è buona cosa rendersi conto di quello che è alla nostra portata e di quello che non lo è..
Vecchio 14-03-2019, 20:10   #13
Esperto
L'avatar di redone
 

Mi ritrovo nei tuoi tre punti,specie nell'ultimo,alla mia eta' è grave non saper reagire!
Vecchio 14-03-2019, 20:12   #14
Principiante
L'avatar di bimba84
 

Mi ci ritrovo un po' anche io.. Spesso mi sento intrappolata in una società dove non voglio vivere..
Vecchio 14-03-2019, 20:16   #15
Esperto
L'avatar di Selenio
 

siamo noi che creiamo la nostra realtà. Anche gli eventi negativi hanno un loro perchè. Se riusciamo a modificare pensieri e consapevolezza anche la realtà si modifica. A me aiutano meditazione e preghiera (e non c'entrano credenze religiose). Un'intelligenza superiore e amorevole esiste
Ringraziamenti da
Equilibrium (15-03-2019)
Vecchio 14-03-2019, 20:41   #16
Esperto
L'avatar di super unknown
 

Si, ma, non hai spiegato cosa ti trattiene, patologia mentale, fisica, i tuoi genitori ti tengono segregata o sei figlia di genitori di qualche religione estremista? insomma, quello che hai scritto è molto astratto, privo di motivazioni matematiche.

Ultima modifica di super unknown; 14-03-2019 a 20:44.
Vecchio 14-03-2019, 21:53   #17
Principiante
 

Qualche anno fa uscii per un po' dal guscio, con scarsi risultati.

Ci sono rientrato in quel guscio, adesso però è più duro di prima.

Magari lo sforzo iniziale lo faccio, mi manca però la perseveranza.
Vecchio 15-03-2019, 07:28   #18
Principiante
L'avatar di bimba84
 

Quote:
Originariamente inviata da Selenio Visualizza il messaggio
siamo noi che creiamo la nostra realtà. Anche gli eventi negativi hanno un loro perchè. Se riusciamo a modificare pensieri e consapevolezza anche la realtà si modifica. A me aiutano meditazione e preghiera (e non c'entrano credenze religiose). Un'intelligenza superiore e amorevole esiste
Ok essere positivi aiuta ma non è che modifichiamo o evitiamo possibili eventi negativi con meditazione e preghiera suvvia.. Le cose capitano
Vecchio 15-03-2019, 07:29   #19
Principiante
L'avatar di bimba84
 

Quote:
Originariamente inviata da Jean Visualizza il messaggio
Qualche anno fa uscii per un po' dal guscio, con scarsi risultati.

Ci sono rientrato in quel guscio, adesso però è più duro di prima.

Magari lo sforzo iniziale lo faccio, mi manca però la perseveranza.
È la cosa che manca più spesso alle persone..
Ringraziamenti da
hypnos688 (16-03-2019)
Vecchio 15-03-2019, 12:39   #20
Intermedio
L'avatar di Green Tea
 

Quote:
Originariamente inviata da bimba84 Visualizza il messaggio
È la cosa che manca più spesso alle persone..
È vero, il problema è che a volte non siamo l'unica mancanza.. O peggio ci impegnamo senza avere riscontri positivi.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Una vita da prigioniera
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Una falsa vita normale.Avere una vita sociale ma con gli attacchi di panico ThepD SocioFobia Forum Generale 9 01-09-2017 19:10
Ecco la mia vita...se può essere vita questa King79 Presentazioni 6 28-12-2013 20:23
Vita virtuale e vita reale/quotidiana barclay SocioFobia Forum Generale 50 28-01-2013 15:27
Cambio di vita e..(AKA come rifiuto inviti continui però di una vita vuota e persa?) Martello Depressione Forum 2 04-11-2012 05:15
Prigioniera di catene invisibili. Layla SocioFobia Forum Generale 17 21-04-2012 13:38



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 07:34.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2