FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 10-01-2021, 23:16   #61
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da Ezp97 Visualizza il messaggio
Credo che la solitudine sia la cosa piu’ brutta che possa capitare a una persona
Penso che dopo salute, soldi e sesso (curioso, iniziano tutti e tre con la stessa lettera) che comunque sono il "grado zero" di una vita decente, sia davvero così come dici. In un certo senso qualcuna/o nella propria vita è il primo bisogno.

Ultima modifica di pokorny; 10-01-2021 a 23:18.
Vecchio 10-01-2021, 23:50   #62
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Boyyy82 Visualizza il messaggio
spesso poi ci sono anche suicidi quasi inspiegabili.... tipo da me qualche anno fa si è suicidata una signora che ha lasciato orfani due figli adolescenti....
quindi a volte neanche avere figli, avere una motivazione, il fatto che se lo fai dai dei grossi dispiaceri a qualcuno a cui tieni (in questo ai tuoi figli che dovresti amare più di ogni cosa) serve da deterrente....
pure avere un lavoro soddisfacente e nessun problema economico puo' non bastare, in questo a volte è la solitudine che spinge al suicidio...
si anche dalle mie parti anni fa ci fu un suicidio assolutamente inspiegabile di un noto medico della zona sposato con figli che lasciò tutti di stucco perchè davvero sembrava una persona del tutto felice e pienamente realizzata.....bah chissà a volte quali sono le effettive motivazioni alla base, perchè un motivo specifico c'è sempre, può non essere mai individuato ma c'è!!

Ultima modifica di untipostrano; 10-01-2021 a 23:54.
Vecchio 11-01-2021, 10:13   #63
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
"I compagni cominciano a dirgli che è un coniglio, che è un debole"

C'è sempre questo tema ricorrente fra i giovani, ma anche poi negli adulti, del coraggio, della spavalderia. Perché è una società che non ammette l'avere paura, non lo perdona. Mai. E ci devono sempre rompere i coglioni da quando nasci a quando muori con questa stronzata megagalattica del coraggio.. come fosse l'unica cosa che conta nella vita.. come se l'intelligenza ad esempio non contasse niente.
Purtroppo sembra che in molti la pensino così. E se ne vedono le conseguenze.

Ultima modifica di Winston_Smith; 11-01-2021 a 11:12.
Ringraziamenti da
syd_77 (11-01-2021)
Vecchio 11-01-2021, 11:22   #64
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Attar Visualizza il messaggio
Sono sbigottito... Ho letto commenti assurdi del tipo ‘ha fatto bene’ da far intervenire i mod. certe cose si potrebbero dire solamente in situazioni critiche su persone già in fin di vita o senza possibilità di vivere veramente... di sicuro è stato sottovalutato il suo problema e nessuno gli è stato vicino ma un ragazzino di 17 che non ha problemi neanche estetici non merita una fine del genere...
Ovviamente valuterà la moderazione se è il caso di intervenire. Personalmente, riguardo ai commenti che critichi, io non li ho visti tanto come un "bravo, hai fatto bene ad ammazzarti, che campavi a fare?", bensì come un "al posto suo anch'io avrei fatto la stessa cosa, rimpiango di non aver avuto lo stesso coraggio per fuggire dalla mia sofferenza". Quindi non li ritengo offensivi verso il ragazzo, anche se su certe cose sarebbe opportuno esprimersi con la massima moderazione possibile.
Invece, oltre a quel tipo di commenti, ho letto poi qualcosa di veramente sarcastico e sprezzante, che ho subito segnalato e spero di non essere stato il solo.

Ultima modifica di Winston_Smith; 11-01-2021 a 11:34.
Vecchio 11-01-2021, 11:43   #65
Intermedio
L'avatar di Psico[a]patico
 

QUOTE=cringe;2556212]Penso che se non avessi avuto i videogiochi o internet come via di fuga all'epoca del bullismo forse sarei messo ancora peggio. che è un pò la "trappola" degli hikikomori ma è anche ciò che ti ""salva""[/QUOTE]

Quote:
Originariamente inviata da Texas Visualizza il messaggio
Un problema oggi coi social è che per un ragazzo afflitto dal bullismo non c'è tregua.
Un tempo il bullizzato viveva l'incubo a scuola e trovava conforto a casa. Al massimo provava terrore all'idea di andare a scuola il giorno dopo.
Oggi coi social non c'è più quella separazione e come la storia di questo ragazzo ci mostra, il rischio è che ci siano ragazzi o ragazze che prima vengono bullizzati a scuola e poi esclusi o cyberbullizzati sui social.
Quote:
Originariamente inviata da Xchénnpossoreg? Visualizza il messaggio
Non sempre.
A parte internet esistono ed esistevano tante altre questioni.. problemi in famiglia, difficoltà economiche, malattie, varie ed eventuali.
Oggi c'è un elemento in più, certo. Però le case non sono sempre e comunque un nido... non lo sono mai state. Dipende un po' dalla fortuna. E secondo come anni fa anche senza social rischiavi di rientrare a casa e trovare dei guai.
I bei tempi passati non sono per forza così belli..
A 26 anni spesso mi fermo a pensarci, se ci fossero stati i social fin dai tempi delle medie, per me sarebbe stata finita, ero il classico scemo del villaggio perculabile che era un piacere.
L'unica cosa che esisteva erano gli spaces msn, un compagno aveva pubblicato tutte le foto singole dei compagni di classe, e un'altro un elenco con relative caratteristiche, nel mio caso ovviamente era un'allusione al mio peso.
E fortunatamente si sono fermati qua, chiaro c'erano sempre prese in giro che superavano la classe andando per l'istituto e fra i parenti dei compagni di classe, bullismo più o meno grave, ma di certo "non me li portavo a casa".
Diverso il discorso per le superiori (2008-2013), quando ho cambiato classe, raccattando tutti gli stronzi e i bulletti delle altre sezioni che hanno potuto percolarmi finalmente "in prima fila", è stato creato un gruppo Facebook di classe, e anche terminata la scuola continuavo ad averceli "vicino", perché spesso e volentieri partivano frecciatine, liti ecc..
Mi hanno detto poi che era stato creato un gruppo di classe su whatsapp dove io e un altro ragazzo non eravamo stati invitati (ovviamente perculato anche lì dentro, per fortuna non ero tenuto a vedere).
Fortunatamente il loro bullizzare e prendere in giro si era voluto in una forma più subdola e "matura", quindi non mi hanno mai fotografato o filmato apposta con offese esplicite, quello no, non lo avrei sopportato.
Ma metti un cellulare in mano a dei bambini, e faranno la malora.

A casa si avevo problemi familiari ed economici, non avevo vita sociale, ma almeno non mi portavo a casa i problemi scolastici, almeno non fin dall'inizio, le nuove generazioni hanno vita più dura.
Per fortuna che davvero potevo estraniarmi dal mondo grazie a tv, computer e libri.

Quote:
Originariamente inviata da untipostrano Visualizza il messaggio
no non è sempre così fidati...una mia conoscente ad esempio alle medie subì bullismo pesantissimo addirittura cambiò due volte sezione eppure adesso a 30 anni è una tipa piuttosto benvoluta e realizzata....idem un altro mio amico che al liceo era preso da tutti in giro....i periodi post scolastici e il mondo dell'uni possono portare buoni cambiamenti se si ha la fortuna di fare incontri giusti, trovare circostanze favorevoli...
La mentalità autodistruttiva è vero che spesso è la causa delle nostre sfighe, ma è stata generata anche dagli altri, quindi alla fine si fa fatica a trovare il colpevole nel circolo vizioso.
Questo è stato un caso molto fortunato di una persona che evidentemente non aveva una mentalità fragile e problemi psicologici così insormontabili da rovinarsi questa nuova possibilità.

Ho avuto istinti suicidi fin dalla fine delle elementari, alle medie che già detto da altri avevo già una visione della mia vita futura, ma è stato solo alle superiori che ho iniziato a pensarci seriamente. Mi ricordo che un giorno avevo chiesto di poter andare in bagno, per poi salire al terzo piano, prendendo in considerazione l'idea di buttarmi, ma mi sono spaventato.
Avevo pensato addirittura, in un momento di follia, di nascondermi in uno sgabuzzino, aspettare che la scuola si svuotasse e di riprovarci con calma, ma come ho sempre detto, la codardia mi ha sempre salvato.

Ultima modifica di Psico[a]patico; 11-01-2021 a 11:49.
Vecchio 11-01-2021, 12:58   #66
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

I soldi servono se li devi usare e hai gia’ una vita
Vecchio 13-01-2021, 12:05   #67
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da Markos Visualizza il messaggio
A quei tempi prendevo quotidianamente del cesso schifoso indegno di vivere dalle ragazze (parole letterali), botte a non finire dai miei coetanei maschi bulli (tutti attualmente felicemente accoppiati), banalizzazioni sulla mia condizione dai professori e negazione della mia condizione dai miei defunti genitori...
Adesso ho passato la quarantina e sono ancora qui solo, orfano sempre cesso e schifato....
Ma sarei dovuto morire allora sarebbe stato molto meglio per me e per chi mi circonda....
Poi si chiedono perchè molta gente si chiude in casa...non lo riescono a capire proprio..
Ringraziamenti da
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Si toglie la vita a soli 17 anni
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La vita ti da e ti toglie Gufetto Amore e Amicizia 4 06-06-2016 22:52
è possibile vivere una vita da soli dignitosamente? sato SocioFobia Forum Generale 35 03-04-2016 14:48
Arrendersi a soli 23 anni... cancellato16538 Amore e Amicizia 17 20-02-2016 00:54
Prospettiva di restare soli a vita Svers0 Amore e Amicizia 41 24-11-2015 18:25
Stare soli, sentirsi soli, essere soli st:3 SocioFobia Forum Generale 31 10-06-2012 12:36



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 19:45.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2