FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Amore e Amicizia
Rispondi
 
Vecchio 29-03-2017, 06:48   #1
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Devo essere e dimostrare sempre qualcosa.

Questa legge è impressa dentro di me e non riesco mai a liberarmene davvero.
E' una legge che non mi piace, sia chiaro, ma non riesco a credere che non sia così per me attualmente.

Non ho idea del come si possa modificare una cosa del genere perché se mi sforzo nell'esser diverso e vengo amato semplicemente la confermo. Questa non può essere la strada giusta.

Voi pensate a queste cose?
Si dice spesso "sii te stesso e verrai amato" però poi viene sempre aggiunto che "bisogna cambiare" a volte anche radicalmente...

Io dico che qualcosa non torna mai in questi discorsi che vengono fatti in continuazione, per questo in me non riescono mai ad attecchire in nessun modo.

Ti dicono a parole che ti amano e che verrai amato così come sei ma in pratica non lo fanno se non diventi tutt'altro.

Queste problematiche sono centrali in me e mi girano sempre per la testa e ho cercato di condividerle con voi.
Che ne pensate?
Anche qualcuno di voi prova e pensa cose del genere?

Ultima modifica di XL; 29-03-2017 a 06:55.
Ringraziamenti da
Masterplan92 (29-03-2017), Rainbow Veins (29-03-2017), untipostrano (30-03-2017), Yumenohashi (29-03-2017)
Vecchio 29-03-2017, 09:15   #2
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Si..quindi sto cercando di evitare di sforzarmi..sono stanco
Vecchio 29-03-2017, 09:49   #3
Banned
 

Se tu comprassi un libro e dicessi, "io amo questo libro" però poi nel leggerlo ti mettessi a dire "questa parte non mi piace la cancelliamo" e la strappi via, "quest'altra parte è brutta la cambio", e la riscrivessi ecc ecc non potresti effettivamente dire di amare quel libro perchè hai cancellato una parte, hai modificato un'altra, non ami il libro nella sua interezza, ami alcune parti. Se una persona ama una parte di te ma non le altre vuol dire che ama solo quella specifica qualità di te che però potrebbe trovare anche in altri, in te quella qualità è unica perchè inserita in un quadro del tutto unico fatto di tante sfaccettature che insieme fanno di te ciò che sei. La persona deve amare il quadro nella sua interezza non una pennellata soltanto, se non è così vuol dire che quella persona non è adatta a te e viceversa e dunque meglio allontanarsene.
Per quanto riguarda i rapporti famigliari la cosa è diversa, bisogna essere più comprensivi, i nostri genitori, i nostri parenti, coloro che ci hanno cresciuto hanno il ruolo di formarci, questo ruolo rimane inscritto in loro anche quando noi cresciamo, tenteranno per tutta la vita di "formarci" di dirci come dobbiamo essere, ecc.
Ringraziamenti da
Rainbow Veins (29-03-2017)
Vecchio 29-03-2017, 10:10   #4
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da JericoRose
La persona deve amare il quadro nella sua interezza non una pennellata soltanto, se non è così vuol dire che quella persona non è adatta a te e viceversa e dunque meglio allontanarsene.
Solo che così facendo comunque poi non verrei amato da nessuna persona che potrei stimare o che potrebbe piacermi.
Mi allontano, ma poi che succede? In genere capita che resto solo o in compagnia di persone che non vorrei frequentare.

O mi sento costretto ad essere o mi sento non amato.

Ultima modifica di XL; 29-03-2017 a 10:27.
Vecchio 29-03-2017, 11:25   #5
Esperto
L'avatar di illumi
 

È una cosa che ho superato da un po'.
Ormai, tranne rarissimi casi, non sto più dietro a nessuno.
Chi mi ama mi segue, gli altri si fottono. Semplice ed efficace, almeno per me.
Vecchio 29-03-2017, 11:49   #6
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Solo che così facendo comunque poi non verrei amato da nessuna persona che potrei stimare o che potrebbe piacermi.
Mi allontano, ma poi che succede? In genere capita che resto solo o in compagnia di persone che non vorrei frequentare.

O mi sento costretto ad essere o mi sento non amato.
Perchè tu stimi solo persone a cui non piaci per come sei dunque persone totalmente lontane da te come personalità? è questo il problema di fondo secondo me, ti circondi di persone totalmente diverse da te perchè stimi le loro qualità, qualità che magari tu non possiedi, però la diversità eccessiva rende difficoltoso il capirsi e dunque il creare empatia.

è normale stimare chi è diverso da se... ma è meglio che non sia eccessivamente diverso. Ti faccio un esempio io stimo le persone determinate, sicure di se, entusiaste (delle proprie passioni, del proprio lavoro) e intelligenti, (perchè io vorrei essere come loro) per questo mi sono messa con il mio ex. Il mio ex aveva queste qualità, ma aveva anche delle caratteristiche che non collimavano con la mia personalità (era poco riflessivo, troppo estroverso e anche un pò superficiale) non mi capiva e voleva cambiarmi, voleva che diventassi un'altra.


Ho continuato a cercare persone con quelle caratteristiche (intelligenza, determinazione, sicurezza in se stessi, ed entusiasmo) però in persone che avessero un carattere più vicino al mio ( che fossero più riflessive, meno superficiali) che avessero almeno qualcosa in comune con me, l'ho trovate ed il risultato è molto positivo, io stimo loro, loro stimano me per come sono e cosa importantissima, c'è comprensione ed empatia oltre che stima. Io prima non sapevo cosa significasse essere apprezzata per come sono ed essere capita, ora lo so ed è una sensazione bellissima.
Vecchio 29-03-2017, 11:53   #7
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da illumi
È una cosa che ho superato da un po'.
Ormai, tranne rarissimi casi, non sto più dietro a nessuno.
Chi mi ama mi segue, gli altri si fottono. Semplice ed efficace, almeno per me.
ma quando osservi che non ti segue nessuno o persone che non apprezzi tanto poi questa cosa comunque non funziona. Non e' detto che funzioni sempre e nel mio caso non funziona. Comunque il vero problema per me non sussiste in ambito amicale.

Ultima modifica di XL; 29-03-2017 a 16:38.
Vecchio 29-03-2017, 11:55   #8
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da illumi Visualizza il messaggio
È una cosa che ho superato da un po'.
Ormai, tranne rarissimi casi, non sto più dietro a nessuno.
Chi mi ama mi segue, gli altri si fottono. Semplice ed efficace, almeno per me.
Uguale anche per me. E' troppo lo schifo da cui sono
circondato per sentirmi il dovere di cambiare o di
considerare il mio prossimo per essere amato. Amore ?
Che roba e' ? Mai ricevuto.
Vecchio 29-03-2017, 11:58   #9
Esperto
L'avatar di claire
 

Beato te.Io devo dimostrare a tutti,anche a quelli che mi fanno schifo.
Vecchio 29-03-2017, 13:31   #10
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Beato te.Io devo dimostrare a tutti,anche a quelli che mi fanno schifo.
Soliti ricatti; specie familiari, se non fai il bravo bambino poi le paghi.
Ho gia' dato, ora sono indipendente.
Vecchio 29-03-2017, 13:44   #11
Esperto
L'avatar di Mike Patton
 

Te li devi compra'(cit.)
Vecchio 29-03-2017, 13:52   #12
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da JericoRose Visualizza il messaggio
Perchè tu stimi solo persone a cui non piaci per come sei dunque persone totalmente lontane da te come personalità? è questo il problema di fondo secondo me, ti circondi di persone totalmente diverse da te perchè stimi le loro qualità, qualità che magari tu non possiedi, però la diversità eccessiva rende difficoltoso il capirsi e dunque il creare empatia.

è normale stimare chi è diverso da se... ma è meglio che non sia eccessivamente diverso. Ti faccio un esempio io stimo le persone determinate, sicure di se, entusiaste (delle proprie passioni, del proprio lavoro) e intelligenti, (perchè io vorrei essere come loro) per questo mi sono messa con il mio ex. Il mio ex aveva queste qualità, ma aveva anche delle caratteristiche che non collimavano con la mia personalità (era poco riflessivo, troppo estroverso e anche un pò superficiale) non mi capiva e voleva cambiarmi, voleva che diventassi un'altra.
Ma se poi una persona ti accetta proprio così come sei e non ti attrae per niente?

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Beato te.Io devo dimostrare a tutti,anche a quelli che mi fanno schifo.
Quest'altro conflitto nemmeno io l'ho risolto, quello da lavoro intendo. Anche questo è comunque un altro problema legato al resto.

Ultima modifica di XL; 29-03-2017 a 14:01.
Vecchio 29-03-2017, 14:02   #13
Esperto
L'avatar di muttley
 

Secondo me non ti sei mai sentito valorizzato dai tuoi genitori: probabilmente ti avranno curato, accudito, sfamato e protetto ma questo non basta all'essere umano, anche perché non siamo vacche al pascolo a cui basta inserire un'etichetta nelle orecchie e riportarle nella stalla per essere foraggiate e abbeverate. Necessitiamo di molto di più: stimoli, cura, attenzione, premura e messa in risalto delle nostre rispettive capacità e inclinazioni...pensi che ti sia mancato tutto ciò in qualche momento della vita?
Vecchio 29-03-2017, 14:47   #14
Esperto
L'avatar di Noriko
 

Veniamo accettati per come siamo se soddisfiamo i bisogni del l'altro, dipende poi da ognuno stabilire se quelle caratteristiche a cui piacciamo ci soddisfano.
Ringraziamenti da
Rainbow Veins (29-03-2017), XL (29-03-2017)
Vecchio 29-03-2017, 15:00   #15
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da illumi Visualizza il messaggio
È una cosa che ho superato da un po'.
Ormai, tranne rarissimi casi, non sto più dietro a nessuno.
Chi mi ama mi segue, gli altri si fottono. Semplice ed efficace, almeno per me.
Faccio anche io così da poco tempo con il risultato che non mi segue nessuno. Sembro una eremita. Con il vecchio metodo (correre dietro) invece ero circondata da gente.
Vecchio 29-03-2017, 16:23   #16
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
Di fondo probabilmente c'è l'idea che un modo di essere compatibile con l'avere una relazione sia più "essere se stessi" (cioè meno condizionati dall'esterno) di altri modi che invece si tende a pensare siano causati da condizionamenti (negativi, ogni condizionamento lo è come insegna Wilde) esterni.
Quello che viene consigliato è di cambiare per diventare (tornare) ad essere un po' più se stessi.
Ma se non sto bene a che mi serve esser me stesso?

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Secondo me non ti sei mai sentito valorizzato dai tuoi genitori: probabilmente ti avranno curato, accudito, sfamato e protetto ma questo non basta all'essere umano, anche perché non siamo vacche al pascolo a cui basta inserire un'etichetta nelle orecchie e riportarle nella stalla per essere foraggiate e abbeverate. Necessitiamo di molto di più: stimoli, cura, attenzione, premura e messa in risalto delle nostre rispettive capacità e inclinazioni...pensi che ti sia mancato tutto ciò in qualche momento della vita?
A te muttley piace insistere su questa linea interpretativa dei disagi relativa alla carenza di cure familiari, ma il mondo con cui devo confrontarmi e nel quale devo trovare un posto in cui vivere abbastanza bene in relazione a quel che cerco, non l'hanno creato i miei genitori.

Quote:
Originariamente inviata da Harold Finch Visualizza il messaggio
Te li devi compra'(cit.)
Eh, servono molti soldi per comprare in questi sensi le persone, io non possiedo nemmeno questi mezzi. Comunque pagare non risulta tanto differente dal dover dimostrare qualcosa, stiamo là.

Ultima modifica di XL; 29-03-2017 a 16:37.
Vecchio 29-03-2017, 17:40   #17
Esperto
L'avatar di Noriko
 

Purtroppo o fortunatamente ci sono persone che cercono l'essenza della vita l'autenticità profonda, questi sono dei cercatori nati di risposte, le pagheranno sicuramente a un "prezzo" molto alto e chissà se poi queste esisteranno...
Ad ognuno va la mia gratitudine.
Ringraziamenti da
Vertigo (29-03-2017), XL (29-03-2017)
Vecchio 29-03-2017, 20:41   #18
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
A te muttley piace insistere su questa linea interpretativa dei disagi relativa alla carenza di cure familiari, ma il mondo con cui devo confrontarmi e nel quale devo trovare un posto in cui vivere abbastanza bene in relazione a quel che cerco, non l'hanno creato i miei genitori.
Dovresti chiederti come mai per alcuni affrontare questo mondo non rappresenta un gran peso mentre per te si. Se fosse solo un problema di quanto il mondo è duro, allora sarebbe più o meno lo stesso per tutti. E non dire che ci sono persone che nascono più adatte di altre, altrimenti anche qui non si capirebbe perché F.D. Roosevelt divenne presidente pur avendo la polio, e io che sono sanissimo invece no.
E comunque non credo tu abbia avuto una famiglia stile mulino bianco, dico bene o dico giusto (cit.)?
Vecchio 29-03-2017, 21:25   #19
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Dovresti chiederti come mai per alcuni affrontare questo mondo non rappresenta un gran peso mentre per te si. Se fosse solo un problema di quanto il mondo è duro, allora sarebbe più o meno lo stesso per tutti. E non dire che ci sono persone che nascono più adatte di altre, altrimenti anche qui non si capirebbe perché F.D. Roosevelt divenne presidente pur avendo la polio, e io che sono sanissimo invece no.
E comunque non credo tu abbia avuto una famiglia stile mulino bianco, dico bene o dico giusto (cit.)?
La risposta per me è semplice, loro sono loro e io sono io, non siamo identici.
Non è che l'unica differenza tra me e un'altra persona consiste nel fatto che siamo stati educati in questo o quel modo.
Perché ad una persona piace la birra e ad un'altra le fa schifo?
Da che dipende?
Dall'educazione familiare?

Secondo te è possibile dirigere l'avversione o il senso di piacere nei confronti di certe cose in modo meccanico tramite un certo tipo di educazione standard che funzionerebbe con tutti?

Comunque fai un esempio che avvalora quel che ho scritto all'inizio, addirittura mi parli di una persona che è diventata capo di stato. Perché mi fai questo esempio? Implicitamente ripeti la stessa ed identica cosa che ho scritto all'inizio.

Poi fai passare anche un altro messaggio che secondo me in generale è falso, che con un'adeguata educazione familiare tutti possono diventare tutto come se l'unico fattore discriminante relativo al fatto che io tu o un altro non siamo presidenti o politici o qualcos'altro sia questo.

Ultima modifica di XL; 29-03-2017 a 21:48.
Ringraziamenti da
paccello (30-03-2017)
Vecchio 29-03-2017, 21:59   #20
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
Per liberarsi di un condizionamento è necessario soffrire, ma è una cosa solo temporanea.
La mia personalità è stata attaccata fin dal principio e non è stato qualcosa di temporaneo, questa sofferenza si è protratta nel tempo.
Poi come si fa a capire che un certo tipo di comportamento è un condizionamento?
Tu che affermi queste cose come fai a sapere io cosa desidero davvero?
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Per essere amato dalle persone che stimo e che mi piacciono...
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Quando si è circondati dalle persone Ashe Storie Personali 16 14-04-2013 18:56
voglio amare !!!! non essere amato devilinside Amore e Amicizia 3 22-09-2008 21:14



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 12:04.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2