FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 05-10-2009, 10:58   #1
Esperto
L'avatar di Blur
 

A volte mi capita di pensare al periodo della mia vita in cui ho iniziato ad essere cosi diverso dagli altri. A volte mi chiedo se in realtà lo sono sempre stato.

Della scuola elementare ho un bellissimo ricordo,mi sentivo piu sveglio degli altri. Anche nelle attività ludiche e sportive ero tra i piu bravi. C'era pure una bambina che praticamente per 5 anni ha fatto di tutto per diventare la mia "mogliettina". Io ero cosi ingenuo che la vedevo quasi come un peso perche mi stava sempre incollata. Ora questa è una bellissima ragazza (l'ho vista con un profile fake su facebook)

In prima media tutto bene, avevo il mio cerchio di 4 amichetti da cui ero molto apprezzato. Questi poi sono stati però tutti bocciati (incredibilmente in prima media) e mi sono trovato in seconda media senza questo supporto.

Ricordo una volta in cui fui invitato per un'uscita in seconda media , fu la prima volta che mi accorsi che non sapevo piu cosa dire. Fobia che poi mi ha accompagnato fino ad oggi.

I primi due anni di superiori sono stati veramente traumatizzanti e penso che mi abbiano rovinato in gran parte la vita. Fa male ancora oggi pensarci.

Da li in poi sono rimasto complessato

A 20 anni avevo trovato un lavoro in cui ero a contatto con molti colleghi sui 20-30 anni. Ero quasi riuscito ad essere me stesso, ero veramente molto apprezzato da tutti. Mi trovavo bene quasi con tutti (ora sarebbe un miracolo trovarmi bene con tutte quelle persone). Ma questo mio carattere eternamente insoddisfatto mi ha fatto cambiare strada e ho lasciato quel lavoro. Col senno del poi mi mangio le mani, probabilmente a quest'ora sarei sempre timido ma avrei tutta un'altra vita.

A volte mi chiedo: se in prima media i miei amichetti non fossero stati bocciati sarebbe cambiato qualcosa? e se non avessi lasciato quel lavoro?

Voi pensate di essere nati fobici o pensate che avreste potuto non diventarlo? Avete perso delle occasioni per cambiare vita? Col senno del poi, pensate che facendo qualche scelta diversa la vostra vita sarebbe molto migliore di quella attuale?

Ultima modifica di Blur; 05-10-2009 a 11:07.
Vecchio 05-10-2009, 11:58   #2
Banned
 

ricordi sparsi dell'asilo: ero quella che le maestre trovavano nascosta da sola dentro i cespuglietti del cortile mentre gli altri giocavano ( conseguenti avvisi a mia madre ), perdeva ogni contenzioso con gli altri bambini ( es : quando ci facevano fare il disegno con i pastelli assegnati mi ritrovavo sempre col nero, il bianco e tre tipi di marrone e se si giocava a Dio ero quella sul pavimento della palestra che gli/ le altre fingevano di inchiodare ) , avevo ansia perenne con vomito ai pasti... potrei continuare
nn so quanto ci sono nata , ma di sicuro nn stavo messa bene già a 4 anni , da allora ho solo migliorato ...
Vecchio 05-10-2009, 12:09   #3
Esperto
L'avatar di calinero
 

certo, secondo me eventi critici in età critiche a persone predisposte geneticamente possono cambiar il destino di una persona
Vecchio 05-10-2009, 12:35   #4
Esperto
L'avatar di Nemo978
 

considerando che sono sempre stato timido, e a parte la bruttissima esperienza delle medie, il periodo scolastico è andato piuttosto bene, alle superiori stavo benissimo, avevo amici e perfino l'interesse di qualche ragazza.
La prima esperienza lavorativa è andata molto bene, purtroppo è terminata ppresto perchè era una sostituzione per maternità. I guai sono iniziati con l'inserimento nell'ambiente universitario, ho cambiato due volte corso di laurea relegandomi in una specie di refugium peccatorum (scienze biologiche, che mi fa schifo) combinando ben poco (50% degli esami). La seconda esperienza lavorativa mi ha distrutto, sono stato mobbato dai colleghi e alla fine ho dovuto lasciare tra mille sensi di colpa e la consapevoleza di non essere stato in grado di lottare fino in fondo. ora sono un relitto.
Vecchio 05-10-2009, 13:47   #5
Esperto
L'avatar di paccello
 

Forse se avessi avuto più amici in tenera età si sarebbe moderata prima la mia introversione, avrei avuto più relazioni sociali e meno problemi con l'altro sesso.
Vecchio 05-10-2009, 14:51   #6
Esperto
 

ho un bel ricordo soltanto delle elementari, precisamente gli ultimi 3 anni...tutti gli altri anni vorrei poterli cancellare dalla mia vita...ho scoperto che mio padre aveva problemi simili ai miei alla mia età, ma alla fine è riuscito a superarli...quindi è vero che ha basi ereditarie
Vecchio 05-10-2009, 16:57   #7
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da shady74 Visualizza il messaggio
Certo che il periodo delle medie è stato duro per molti di noi, se non l'inizio vero e proprio dei problemi... forse è il periodo in cui si sviluppa la personalità, comunque il periodo tra gli 11 ed i 13 anni lo considero il peggiore della mia vita.
Anche se devo dire che un po' tutta la mia vita è un disastro...
gia, le medie sono state distruttive x tutti, i ragazzini sono molto piu bastardi
Vecchio 05-10-2009, 17:57   #8
Avanzato
L'avatar di xxxxx89
 

Io penso che nel mio caso,avrei potuto evitarlo,se fossi stato piu intelligente a saper capire che dovevo evitare determinati ambienti,e certe persone.A 17 anni per me fu la fine di tutto cio che credevo di bello avevo costruito.A 17 anni se si perdono gli "amici"di sempre quelli con cui hai sempre passato la tua vita e rimani solo,credo sia impossibile trovare una nuova cerchia.
Vecchio 05-10-2009, 19:43   #9
Esperto
L'avatar di Thermaltake
 

Sono sempre stato timido, ma fortunatamente sono spesso riuscito a ritagliarmi una piccola cerchia di amici/conoscenti per non rimanere da solo. A dire la verità bene o male riuscivo ad avere anche una buona stima di me stesso visto che ero una persona particolarmente brillante negli studi e ricca di curiosità per tutto. Anzi, erano gli altri che mi invitavano ad uscire ma preferivo rimanere in casa a farmi gli affari miei tanto che dopo un po' questi rinunciavano. I problemi sono saltati fuori quando ho iniziato l'università con il cambio totale di abitudini e questo mi ha davvero devastato, poi alcuni problemi in famiglia hanno fatto il resto.

Ogni tanto ripenso a come sarebbe stata la mia vita se avessi accettato alcune proposte invece di rintanarmi sempre di più in casa, cosa che, se una volta mi dava sollievo, adesso mi sembra quasi una prigione da cui vorrei scappare. Mi piacerebbe tanto ricominciare completamente da zero altrove.
Vecchio 05-10-2009, 20:51   #10
Banned
 

il mio cazzo di problema è la testa..amici ne AVREI ma sono io che mi isolo
Vecchio 06-10-2009, 10:25   #11
Esperto
L'avatar di piocca
 

Quote:
Originariamente inviata da myself Visualizza il messaggio
gia, le medie sono state distruttive x tutti, i ragazzini sono molto piu bastardi
Anche per me le medie sono stato il punto cruciale....
Io credo proprio che dovessi avere un figlio in futuro gli farei ricevere un'struzione a domicilio come ai vecchi bei tempi....
Vecchio 06-10-2009, 10:27   #12
Esperto
L'avatar di TheCopacabana
 

Quote:
Originariamente inviata da piocca Visualizza il messaggio
...gli farei ricevere un'struzione a domicilio
Aspetta.... io credo che il confronto con gli altri sia essenziale per la maturazione. Anche il confronto fisico (le legnate) serve.
Perche' gli vuoi negare quest'esperienza?
Vecchio 06-10-2009, 10:31   #13
Esperto
L'avatar di piocca
 

Quote:
Originariamente inviata da TheCopacabana Visualizza il messaggio
Aspetta.... io credo che il confronto con gli altri sia essenziale per la maturazione. Anche il confronto fisico (le legnate) serve.
Perche' gli vuoi negare quest'esperienza?
Perchè se la fobia sociale è veramente genetica, facendo brutte esperienze con gli altri e facendosi prendere a legnate dal mondo non si temprerebbe il carattere (come nella maggior parte dei casi succede), ma si indebolirebbe irrimediabilmente....
Vecchio 06-10-2009, 10:35   #14
Esperto
L'avatar di TheCopacabana
 

...magari si rafforza?
Non puoi tenerlo per sempre sotto una campana di vetro, e piu' tardi "conosce il mondo", peggio e'.

Almeno secondo me, non mi va di sputare Verita' Assolute.
Vecchio 06-10-2009, 13:11   #15
Banned
 

temo di essere nato fobico....
Vecchio 06-10-2009, 13:12   #16
Banned
 

comunque le legnate servono
Vecchio 06-10-2009, 13:46   #17
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da piocca Visualizza il messaggio
Anche per me le medie sono stato il punto cruciale....
Io credo proprio che dovessi avere un figlio in futuro gli farei ricevere un'struzione a domicilio come ai vecchi bei tempi....
non tutti hanno questi problemi...si capisce che tipo di carattere potrebbe avere un nostro eventuale figlio...ad esempio mio fratello è l'opposto di me, ha 11 anni ed ha molta vita sociale, e la scuola x lui è un divertimento
Vecchio 09-10-2009, 14:26   #18
Avanzato
L'avatar di xxxxx89
 

Quote:
Originariamente inviata da myself Visualizza il messaggio
non tutti hanno questi problemi...si capisce che tipo di carattere potrebbe avere un nostro eventuale figlio...ad esempio mio fratello è l'opposto di me, ha 11 anni ed ha molta vita sociale, e la scuola x lui è un divertimento
beh a 11 anni penso sia per tutti un divertimento la scuola....dai tempo al tempo ...qualke annetto e avremo anche il tuo fratellino sul forum....
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Pensate di essere nati fobici o pensate che avreste potuto non diventarlo?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Che ne pensate? caprettadiheidi Off Topic Generale 14 02-02-2010 15:51
che ne pensate? knulp Amore e Amicizia 8 06-10-2009 20:36
Che ne pensate ? ele81 Amore e Amicizia 11 13-10-2008 19:12
La mia storia: che ne pensate? andrea21 SocioFobia Forum Generale 8 22-12-2006 22:20



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:12.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2