FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Musica
Rispondi
 
Vecchio 25-06-2020, 09:49   #41
Esperto
L'avatar di muttley
 

Ringraziamenti da
tersite (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 09:55   #42
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Vero, ma pensiamo ad una cosa come il krautrock: non tutto era in lingua inglese, una buona parte di esso era in lingua tedesca ma è riuscito nonostante tutto ad ottenere un buon successo di pubblico ma soprattutto di critica anche nel mondo anglosassone.
Da noi non è mai uscito niente di radicalmente innovativo, tutti i gruppi italiani riconosciuti come "validi" da un certo tipo di pubblico/critica, erano comunque derivativi e fortemente condizionati dalla musica d'oltreoceano.
Nemmeno l'italodisco si poteva considerare come genuinamente italiano, in quanto era anch'esso una sorta di scopiazzatura di certa dance europea.
eh sì, infatti ho messo la Germania al terzo posto. Per quanto ne so però la maggior parte dei testi era in inglese, al contrario del prog italiano quasi tutto in italiano. Da noi sono usciti singoli album innovativi (pensa a Concerto delle menti, La finestra dentro, Transvitaexpress di Marcello Giombini, Rapsodia meccanica di Francesco Currà), ma certo non c'è stata una scena musicale così nuova e sperimentale come quella del krautrock.
Vecchio 25-06-2020, 10:14   #43
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Dedicata a tutte le forumiste

https://www.youtube.com/watch?v=y-v8XfDoJ44
Adoro Gianni Drudi genio del trash
Vecchio 25-06-2020, 10:18   #44
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Joni Mitchell, Joan Baez, Patti Smith scansateve proprio...

https://www.youtube.com/watch?v=hbKm9qQnVe0
mitica un esempio del trash italiano che adoro (ironico).
Cmq un giudizio troppo duro sulla musica italiana, che è amata in tutto il mondo non certo nei suoi aspetti più deteriori tipo cuore, amore e nille pizzi .
Io ricordo per es. Lucio Battisti e i cantautori italiani, Modugno e il progressive intaliano. Poi per il resto è buio pesto
Vecchio 25-06-2020, 10:21   #45
Banned
 

ihihih
Ringraziamenti da
Darby Crash (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 10:27   #46
Esperto
L'avatar di muttley
 

Onore al frate trasgressivo

Vecchio 25-06-2020, 10:29   #47
Esperto
L'avatar di muttley
 

E' un plagio di Blitzkrieg Pop, almeno potevano dirlo

Vecchio 25-06-2020, 10:31   #48
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 


sul canale youtube Brennolandia ce ne sono tante di queste perle trash: ma sono divertenti e brillanti, altro che musica di merda ahah.
Come musica di merda metterei i classici brani che si sentono nelle sale d'aspetto del medico di base, quelli trasmessi dalle radio più commerciali


questo è vera musica di merda. Ed ha 11 milioni di visualizzazioni, fatto preoccupante
Vecchio 25-06-2020, 10:35   #49
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
E' un plagio di Blitzkrieg Pop, almeno potevano dirlo

https://www.youtube.com/watch?v=nulINcUZT2I
anche questa mi piace. il primo disco di Jo Squillo non è da sottovalutare

All'epoca la maggior parte delle canzoni vennero censurate in quanto provocatorie, con denunce sociali e con testi forti, anche se a detta dell'artista erano canzoni che servivano a rompere il muro di indifferenza che era presente negli anni ottanta. L'album rappresentò uno dei primi rari esempi di punk rock fatti in Italia

(da wiki)
Vecchio 25-06-2020, 10:43   #50
Esperto
L'avatar di muttley
 

Non ci sono parole per questo, solo muto sgomento

Vecchio 25-06-2020, 11:15   #51
Esperto
L'avatar di Franz86
 

Proprio stamattina il dio dell' internetto mi ha ripresentato questa pregnante miscela di riferimenti culturali e musicali.


Profanar la tumba al ritmo della rumba / con Fenriz i Darkthrone, Norwegian reggaeton
Vecchio 25-06-2020, 11:25   #52
Banned
 

anche nelgli anni '70 non si scherzava


Ringraziamenti da
Daytona (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 11:34   #53
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Da noi non è mai uscito niente di radicalmente innovativo, tutti i gruppi italiani riconosciuti come "validi" da un certo tipo di pubblico/critica, erano comunque derivativi e fortemente condizionati dalla musica d'oltreoceano.
Nemmeno l'italodisco si poteva considerare come genuinamente italiano, in quanto era anch'esso una sorta di scopiazzatura di certa dance europea.
Ma per me non è detto che sia una cosa negativa, soprattutto quando poi la 'scopiazzatura' contiene elementi originali e nostrani che ad un orecchio allenato risultano riconoscibili.
È come se si volesse sostenere che i film western girati in Italia sono solo una scopiazzatura di quelli girati in America.
Chi ha un po' di sensibilitá e allenamento dopo cinque minuti di visione si accorge che un film è Italiano nonostante i titoli di testa siano pieni di nomi 'mericani.

Anche fare cose del genere significa fare qualcosa di nuovo per me.

Che poi a me questi che vorrebbero sostenere che si è inventato ogni volta qualcosa di radicalmente nuovo se poi vengono inquadrati bene, mostrano in realtá che l' apporto di novitá era ben piú modesto rispetto alla strombazzata che accompagnava tutti questi movimenti e mode e che bene o male c erano piú elementi di continuitá con quello che giá era stato fatto in passato che di rottura.

Ultima modifica di XL; 25-06-2020 a 11:58.
Vecchio 25-06-2020, 11:49   #54
Banned
 

anche il Nihon in quanto a pop fetente non scherza, però
Vecchio 25-06-2020, 11:52   #55
Banned
 

CCCP, Massimo Volume, Franti
Vecchio 25-06-2020, 12:17   #56
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da Odradek Visualizza il messaggio
CCCP, Massimo Volume, Franti
Devo fare un lungo discorso articolato in due punti:
il primo punto è che si sono buoni gruppi, ma in proporzione quanto rappresentano sul totale della produzione discografica italiana? Secondo me continuiamo a non superare l'1%
Il secondo punto è che si, sono buoni gruppi, ma quando li ascolto non mi viene da dire "apperò", piuttosto "si, non c'é male". Il primo dei CCCP l'abbiamo amato tutti ma non tanto per i meriti musicali diciamo la verità, ma per quello che rappresenta, per l'estetica, per la provocazione e la satira che si nascondevano dietro la proposta e l'immagine, per certi testi che parlano di noia di provincia in cui tutti ci siamo rispecchiati...anche i Franti non erano male, e i Massimo Volume ottimo gruppo dal punto di vista dello sforzo intellettuale che c'é dietro, specie i primi due dischi ma quando li ascolto non dico appunto "apperò", e questo vale anche per altri gruppi della stessa famiglia, tipo i Disciplinatha.
Mi ricollego al discorso fatto coi Marlene Kuntz: quando uscì Catartica, pensai che bello, finalmente un gruppo italiano che suona tipo i Sonic Youth, non pensai però che il disco fosse un capolavoro e non ebbi la stessa reazione che ebbi ascoltando Daydream Nation, opera magna dei loro ispiratori.
C'é sempre quella sensazione di derivatività che ti porta a dire che gli originali da cui si prende ispirazione sono meglio, sono più completi, più genuini.
L'unica volta che un gruppo italiano mi spinse a pensare "apperò" fu quando vidi gli Zu live al Leoncavallo nel lontano 2002, di spalla ai GirlsvsBoys: non avevo idea di chi fossero e mi impressionarono per innovatività della proposta, non avevo mai visto niente del genere prima.
Vecchio 25-06-2020, 13:54   #57
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Okay provo a tornare a monte dato che il thread è andato a ficcarsi in parecchi piccoli anfratti.
Ho letto la tesi di muttley e mi sembra che, in quanto italiano, abbia una conoscenza più vasta del nostro mondo musicale rispetto a quanto lo abbia della musica straniera, come tutti, alla fine; in quanto italiani ci siamo tutti sorbiti, prima o dopo, una serata di Sanremo o una Hit Parade dei tormentoni italiani, invece più difficilmente ci siamo imbattuti negli equivalenti sanremesi americani o russi, o nelle Hit Parade delle canzoncine pop francesi o tedesche. Conoscendo più roba italiana è inevitabile che si conosca anche più roba di merda.

Partiamo dalle premesse: cos'è l'Italia; beh, è un paese molto particolare. Per anni è stato culturalmente molto autoreferenziale, chiuso, attaccato alle proprie usanze e ostile all'innovazione; a differenza di altri stati europei (Inghilterra in primis) le case discografiche sono sempre state molto conservatrici ed, infatti, se un movimento musicale (fosse il rock, il punk, l'hardcore o il metal) attecchiva negli altri paese in Italia arrivava sempre con 2-3 anni di ritardo, se mai arrivava. Fino agli anni '80 c'era una convergenza fra alcune etichette mainstream ed altre indipendenti che ha comunque garantito un po' di eclettismi, però, così come nel mondo del cinema sono arrivati gli squali alla Berlusconi che hanno monopolizzato le produzioni e deciso cosa andasse prodotto e cosa no (cultura cinepanettonara che ha rimpiazzato tutte le perle artistiche del cinema politico, l'horror, il giallo all'italiana, il dramma dolceamaro di Monicelli, Scola, Risi, etc) anche nel mondo musicale la produzione si è verticalizzata facendo tabula rasa di tantissimi piccoli e medi movimenti alternativi. Poi l'Italia novecentesca ha vissuto laceranti drammi politici che hanno radicalmente influenzato lo sviluppo della cultura, si pensi che negli anni '70 se non ti dichiaravi di sinistra non facevi strada (recente l'uscita di Guccini che ha detto "non sono mai stato comunista", l'avesse detto 40 anni fa non vendeva manco un disco) , a metà anni '70 se ascoltavi Lou Reed eri un fascista e Davie Bowie veniva definitivo "fascista frocio".
Insomma, anche qui, più che colpa degli artisti - artisti validi ce n'è e ce ne sarà sempre a valanghe, anche se non li ascoltiamo - è colpa del sistema produttivo con cui devono confrontarsi che li mette con le spalle al muro, in Italia più che negli altri paesi.

Ora, entriamo nel merito. Proviamo a prendere un setaccio e vedere cos'è rimasto dagli anni 60 in poi in Italia.

Negli anni 60 sono nati grandi cantanti (Battisti, Mina, per fare un esempio) coadiuvati da grandi autori, cantautori che a livello di testi non avevano molto da invidiare a Dylan (De André per esempio), una galassia di cantautori di sx che ha pochi equivalenti (Woody Guthrie? Victor Jara?) tipo Pietrangeli, Lolli, Masi, Manfredi, Bertoli - uno più eclettico era Gaber che piace anche a dei miei amici non politicizzati e che hanno la mia età; poi nei 70 l'Italia segue, a sorpresa, quasi in contemporanea l'esplosione del Progressive e sforna opere che sono riconosciute in tutto il mondo, autentica ispirazione per schiere di artisti (i dischi del Banco e della PFM in primis, ma anche qui il progressive italiano è andato in mille direzioni diverse), come già detto hard rock e glam non attecchiscono anche per pregiudizi politici (bisognerà aspettare gli 80s per avere un "rocker" in Italia: Vasco, e quasi sarebbe stato meglio non averlo nonostante, anche qui, ci sia un cieco pregiudizio che non fa vedere alcune cose buone fatte dal cantante di Zocca), il punk classico non arriva mai se non tramite riletture (i Decibel del primo album suonano hard rock più che punk, gli Skiantos hanno un impianto demenziale), poi dall'83 in poi esplode l'HC con i Blue Vomit/Nerorgasmo, Negazione, Declino, Raw Power, gruppi che ancora sento non per campanilismo ma perché hanno sfornato alcune delle perle punk più belle di sempre, d'altronde i Raw se li ricordano ancora negli USA dove gli hanno prodotto Screams from the gutter, interessante anche la scena Oi! (che poi avrà del revival nei 90s), poi, salvo qualche pioniere (Battiato, Faust'o ad es.) a metà anni '80 finalmente arriva il post-punk/new wave/gothic di Litfiba e Diaframma, quello politico dei CCCP che invece, secondo me, è puro genio al di là della politica, mentre qualcosa, a livello metal, si muove, e nonostante personalmente non mi piacciano non credo che gruppi come i Rhapsody o i Lacuna Coil abbiano chissà quanto meno spessore e fama di altri omologhi europei. Poi, come ho già accennato, mi sembra che dai 90s ci sia stata un'involuzione, ma ammetto che io non mi sono mai interessato alla cosa, ascolterò musica post-2000 probabilmente quando avrò 40 anni, ma non credo che a livello mainstream gli altri paesi abbiano da offrire chissà quanto di meglio rispetto a dei Baustelle a caso.

Aprite Youtube e cercate qualcosa random tipo "best of PAESE EUROPEO A CASO 80s synthpop" e vi uscirà lo stesso quantitativo di merda che conoscete per l'Italia.

Ultima modifica di Gummo; 25-06-2020 a 14:05.
Vecchio 25-06-2020, 14:27   #58
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
poi dall'83 in poi esplode l'HC con i Blue Vomit/Nerorgasmo, Negazione, Declino, Raw Power, gruppi che ancora sento non per campanilismo ma perché hanno sfornato alcune delle perle punk più belle di sempre, d'altronde i Raw se li ricordano ancora negli USA dove gli hanno prodotto Screams from the gutter
Ecco vedi: si elogia sempre la scena hc italiana e la si definisce "gloriosa" ma non tanto per i meriti musicali, ma per la militanza che c'era dietro. Negli USA si ricordano ancora di un gruppo? Ce ne furono migliaia in tutte le scene hc di tutto il mondo e noi a crogiolarci per un solo gruppo. E' tutta una questione di come si leggono le cose: siccome siamo abituati alla mediocrità, il fatto che si ricordino di una nostra band, sembra quasi un miracolo e allora si ribalta la realtà interpretando l'eccezione come fosse la regola. Poi non sono d'accordo che certi gruppi abbiamo sfornato capolavori: onoro il merito per la militanza che c'era dietro, ma quando penso che oltreoceano avevano Husker Du, Black Flag, Minutemen, Meat Puppets, Dead Kennedys, No Means No e li paragono, chessò, ai Blue Vomit mi viene da rabbrividire...
Vecchio 25-06-2020, 15:32   #59
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Ecco vedi: si elogia sempre la scena hc italiana e la si definisce "gloriosa" ma non tanto per i meriti musicali, ma per la militanza che c'era dietro.
Negli USA si ricordano ancora di un gruppo? Ce ne furono migliaia in tutte le scene hc di tutto il mondo e noi a crogiolarci per un solo gruppo. E' tutta una questione di come si leggono le cose: siccome siamo abituati alla mediocrità, il fatto che si ricordino di una nostra band, sembra quasi un miracolo e allora si ribalta la realtà interpretando l'eccezione come fosse la regola
Poi non sono d'accordo che certi gruppi abbiamo sfornato capolavori: onoro il merito per la militanza che c'era dietro, ma quando penso che oltreoceano avevano Husker Du, Black Flag, Minutemen, Meat Puppets, Dead Kennedys, No Means No e li paragono, chessò, ai Blue Vomit mi viene da rabbrividire...

Io ho detto esattamente il contrario, che continuo ad ascoltarli indifferentemente dal fatto che siano italiani e indifferentemente dalla militanza.

Trova un punto nel mio lungo post dove abbia detto, ad esempio: "L'Italia ha fatto hardcore MEGLIO degli USA" (visto che il paragone che stai facendo ora riguarda gli americani), il mio post logorroico (ma condensato) intendeva soltanto smentire l'idea "L'Italia fa più musica di merda degli altri."
Vecchio 25-06-2020, 16:25   #60
Esperto
L'avatar di Locharb
 

Facevi prima a creare un thread con "le canzoni italiane decenti" piuttosto che "le canzoni italiane di m.." , nell'ultimo caso non basterebbe un forum intero, nel primo caso basta un thread di qualche pagina
Ringraziamenti da
muttley (25-06-2020)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Musica demmerda
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
musica dentromeashita Forum Musica 0 12-04-2014 04:18
Dio...e la musica Mau Forum Musica 8 03-01-2014 02:11
La musica può. Ines Amore e Amicizia 4 04-04-2013 19:48
Rapporto con la musica : niente musica VS sempre musica (fasi alterne). Tundra SocioFobia Forum Generale 28 01-04-2013 12:55
la musica giova88marpionesilenzioso Forum Musica 17 18-03-2010 03:43



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 04:36.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2