FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Disturbo evitante di personalità
Rispondi
 
Vecchio 06-11-2006, 19:25   #1
Intermedio
L'avatar di Principessa
 

Cosa sarebbe di preciso?
Vecchio 06-11-2006, 19:43   #2
Intermedio
L'avatar di Misanthropicisolation
 

credo sia quando eviti di andare in posti dove potresti incontrare disagi psicologici , insomma li eviti a ogni costo, e ti chiudi in casa.ma lascio rispondere chi e ne sa piu di me.sperando di non aver detto cazzate.
Vecchio 06-11-2006, 19:50   #3
Avanzato
 

Le caratteristiche essenziali del Disturbo Evitante di Personalità sono una modalità diffusa di inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità al giudizio degli altri.
I pazienti con disturbo evitante hanno un forte desiderio di stabilire relazioni intime con gli altri a cui si accompagna una costante paura di essere criticati, disapprovati o rifiutati. Considerano le reazioni negative degli altri come giustificate, senza riuscire a formulare ipotesi alternative.
I pazienti evitanti non hanno criteri interiori con cui giudicare se stessi in modo positivo; al contrario, confidano unicamente nella percezione dei giudizi degli altri. Interpretano il rifiuto come causato esclusivamente dalla loro inadeguatezza e questo confermerebbe la loro convinzione di non essere amabili. La prospettiva del rifiuto è talmente dolorosa e inaccettabile che preferiscono tenersi a distanza dalle persone che, avvicinandosi, potrebbero scoprire la loro reale natura (negativa).
Ne consegue la tendenza ad evitare e a fuggire i rapporti con gli altri, soprattutto se essi implicano un certo coinvolgimento emotivo. L’evitamento, se da un lato allevia stati d’animo negativi legati al timore di sentirsi imbarazzato e umiliato in presenza di altri, dall’altro conduce al ritiro in una solitudine vissuta con tristezza. Il paziente evitante, infatti, soffre spesso di depressione. Una volta solo, intraprende attività che momentaneamente lo gratificano e lo proteggono dal contatto interpersonale. Tuttavia, quando prende consapevolezza che questo è il segno dell’incapacità a vivere una vita come gli altri, si deprime profondamente.
Un’emozione centrale del disturbo evitante è la vergogna: le situazioni sociali devono essere evitate perché è lì che le loro inadeguatezze sono esposte alla vista di tutti. I pazienti evitanti possono agire con inibizione, avere difficoltà a parlare di sé e trattenere sentimenti intimi per timore di esporsi, di essere ridicolizzati o umiliati.
Spesso la diagnosi può essere confusa con quella di fobia sociale, ma il disturbo evitante prevede un sentimento di ansia generalizzato a tutte le interazioni con gli altri e un forte senso di estraneità rispetto al mondo esterno, che in genere non riguarda i social fobici. Gli evitanti si sentono come alieni sulla terra, diversi dagli altri, incapaci di condividere i loro sentimenti, distanti, inferiori; è come se vedessero la vita degli altri scorrere dietro a un vetro, ma si rendessero conto che loro non saranno mai “dentro” a quella vita “normale”.
Il disturbo evitante di personalità non ha un’ottima prognosi, ma risponde abbastanza bene alla terapia cognitivo-comportamentale a medio-lungo termine (da 1 a 2 anni).

fonte:http://www.ipsico.org/disturbo_evita...sonalit%E0.htm
Vecchio 06-11-2006, 21:09   #4
Esperto
L'avatar di dottorzivago
 

Sembra il mio ritratto, se si toglie la depressione.
Questo mi capita quando sono in luoghi conosciuti e non lontano da casa
Vecchio 07-11-2006, 00:14   #5
Banned
 

la mia psichiatra dice che ho difficoltà a parlare di me...
lei non mi dice mai cosa ho...non vuole forse che io dipenda dai giudizi degli altri
Vecchio 07-11-2006, 07:43   #6
Avanzato
 

A volte leggendo le varie patologie psichiatriche è facile identificarsi in una malattia
(che strano mi descrive alla perfezione…sono io…ma come ho anche questa malattia?…sto proprio messo male…)
la realtà dei fatti è ben diversa
un diabete è un diabete (anche se ce ne sono di diversi tipi)
un disagio psichico è qualcosa di più complesso
per far fronte a questa complessità gli psichiatri hanno deciso di “ creare” le malattie affinché questa classificazione rendesse il loro compito più facile nel guarire ( o meglio tentare di guarire) i pazienti,dando delle linee standard da adottare ( ad esempio sui farmaci)
le malattie psichiatriche non sono altro che etichette quindi,e la dimostrazione pratica e che nei vari manuali di riferimento spesso spariscono delle malattie e se ne aggiungono altre…

Quindi più sapere cosa si ha ( questo crea automaticamente uno stigma) forse è cosa buona giusta trovare la via (unica per ciascuno di noi) per stare meglio…

Per curiosità due sono i modelli di classificazione internazionale, formulati su base statistica: quello dell'Organizzazione mondiale della sanità (l'International Classification of Diseases, oggi giunto alla decima revisione, e comunemente indicato con la sigla ICD-10) e quello dell'American Psychiatric Association (Diagnostic and Statistical Manual for Mental Disorders, oggi giunto alla quarta edizione, e comunemente indicato con la sigla DSM-IV)
Vecchio 07-11-2006, 11:31   #7
Principiante
L'avatar di liveandletlive
 

Sintesi di una teoria degli psicologi cognitivisti circa i fattori sottostanti al DEP.

Mancanza di senso di appartenenza. La persona affetta da DEP si sente impossibilitata a far parte di una cerchia di conoscenti/amici. In tal caso la relazione con un partner NON risolve il DEP perchè è diverso il senso di solitudine che essa attenua.

deficit di monitoraggio: incapacità a distinguere/nominare/collegare al contesto le proprie reazioni emotive. La persona affetta da DEP, interrogata sulle proprie emozioni, le definisce in termini vaghi come "malessere", "disagio", "sofferenza"

deficit di decentramento: incapacità a distinguere la realtà dalle proprie fantasie: la persona affetta da DEP legge la realtà alla luce della sua convinzione di indesiderabilità (fantasia) ed è ossessionata da tale fantasia che poi finisce per generare comportamenti evitanti.

deficit di mastery: incapacità a controllare/smorzare manifestazioni emotive forti che sfociano in reazioni neurofisiologiche (sudorazione, tremore, nodo alla gola, blocco della digestione ecc.)
Vecchio 07-11-2006, 12:26   #8
Principiante
L'avatar di liveandletlive
 

ERRATA CORRIGE:
deficit di decentramento: incapacità nel rapporto interpersonale di assumere la prospettiva dell'altro sotto la pressione delle proprie emozioni. Qualunque comportamento altrui verrà letto alla luce delle proprie convinzioni (che sono: l'altro mi rifiuta perchè sono sfigato, indesiderabile ecc. ecc.).
Vecchio 07-11-2006, 12:40   #9
Principiante
 

Quote:
Originariamente inviata da knulp
Quindi più sapere cosa si ha ( questo crea automaticamente uno stigma) forse è cosa buona giusta trovare la via (unica per ciascuno di noi) per stare meglio…
Sì, ok. E quindi?
Vecchio 07-11-2006, 12:55   #10
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da liveandletlive

deficit di mastery: incapacità a controllare/smorzare manifestazioni emotive forti che sfociano in reazioni neurofisiologiche (sudorazione, tremore, nodo alla gola, blocco della digestione ecc.)
questo è terribile...già uno sta male...
Vecchio 07-11-2006, 12:58   #11
Principiante
L'avatar di liveandletlive
 

Quote:
knulp ha scritto:
Quindi più sapere cosa si ha ( questo crea automaticamente uno stigma) forse è cosa buona giusta trovare la via (unica per ciascuno di noi) per stare meglio…


Sì, ok. E quindi?
Quindi: leggere, informarsi. Se si ha la grana, rivolgersi a un terapeuta (sconsigliato). E soprattutto VIVERE!!! AFFRONTARE LE PROPRIE PAURE DOPO AVERLE IDENTIFICATE. Ah dimenticavo: l'automedicazione se fatta dopo un 'opportuna raccolta di informazioni, va benissimo.
Vecchio 07-11-2006, 13:07   #12
Principiante
L'avatar di liveandletlive
 

scusate se insisto: il DEP non è il più grave fra i disturbi di personalità.

Tra i fattori che ho elencato sopra il più duro a morire è il deficit di decentramento semplicemente perchè le emozioni non ti fanno ragionare...
Fra l'altro è comune al disturbo paranoide di personalità che invece è molto più serio perchè innescato dalla rabbia invece che da una tendenza depressiva.
In ogni modo non ho mai visto una sola persona ricadere interamente in una sola categoria del DSM. Se ciò accade la situazione è molto seria. Ma non credo che sia il nostro caso. E cmq come diceva knulp, noi siamo responsabili della nostra guarigione. E quindi: DOCUMENTARSI, SPERIMENTARE E VIVERE!!!!



stop
Vecchio 07-11-2006, 16:23   #13
Avanzato
 

Quote:
Originariamente inviata da Flaw
Quote:
Originariamente inviata da knulp
Quindi più sapere cosa si ha ( questo crea automaticamente uno stigma) forse è cosa buona giusta trovare la via (unica per ciascuno di noi) per stare meglio…
Sì, ok. E quindi?
Sì, ok. E quindi?
Vuoi la pappa pronta per caso?
Tra l’altro avevo scritto:unica per ciascuno di noi (alla faccia delle occhiali,flaw )

PS: liveandletlive 8) ha risposto perfettamente
Vecchio 07-11-2006, 16:24   #14
Principiante
L'avatar di warblade
 

Fra l'altro è comune al disturbo paranoide di personalità che invece è molto più serio perchè innescato dalla rabbia invece che da una tendenza depressiva



Io pensavo che la causa prima della depressione fosse la repressione della propria rabbia, anche perché lo provo sulla mia pelle
Vecchio 07-11-2006, 17:25   #15
Principiante
 

Quote:
Originariamente inviata da knulp
Vuoi la pappa pronta per caso?
Tra l’altro avevo scritto:unica per ciascuno di noi (alla faccia delle occhiali,flaw )
Sì sì, ho letto benissimo quello che hai scritto, ma mi pare un'ovvietà. Lo capisco benissimo da me che non è importante sapere quello che si ha, ma come guarirne. Detto come l'hai detto mi sembrava un pensiero inconcluso (che a mio avviso ha trovato conclusione solo con l'intervento di liveandletlive).
Vecchio 26-11-2006, 00:07   #16
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Principessa
Cosa sarebbe di preciso?
Se vuoi , mio malgrado , chiedimi quello che ti pare dato che è la mia vita .
Vecchio 15-10-2007, 14:34   #17
Intermedio
L'avatar di osservatore
 

ok sono borderline
Vecchio 25-04-2008, 18:49   #18
Principiante
L'avatar di Willy_Coyote
 

Quote:
Originariamente inviata da liveandletlive
ERRATA CORRIGE:
deficit di decentramento: incapacità nel rapporto interpersonale di assumere la prospettiva dell'altro sotto la pressione delle proprie emozioni. Qualunque comportamento altrui verrà letto alla luce delle proprie convinzioni (che sono: l'altro mi rifiuta perchè sono sfigato, indesiderabile ecc. ecc.).

Questo è quello che capita a me.
Vecchio 30-05-2008, 20:14   #19
Esperto
L'avatar di Tristan
 

Vecchio 28-06-2008, 08:29   #20
Intermedio
L'avatar di IperBo
 

quindi....quali sono le differenze tra la fobia sociale e il disturbo evitante di personalità???????
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a disturbo evitante di personalità
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
F60.6 - Disturbo evitante di personalità [301.82] calivero Disturbo evitante di personalità 114 02-11-2014 08:45
Disturbo evitante della personalitá plrss60880 Disturbo evitante di personalità 20 11-06-2009 10:38
disturbo evitante di personalità rory Presentazioni 9 24-08-2008 06:50
Disturbo evitante di personalità gost SocioFobia Forum Generale 10 27-11-2007 12:41
Disturbo di personalità evitante ansioso trentina SocioFobia Forum Generale 12 26-06-2007 20:47



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 23:46.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2