FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale > Sondaggi
Rispondi
 
Vecchio 23-11-2018, 11:31   #1
Esperto
L'avatar di matriX85
 

Ormai sono arrivato ad un punto che non so più come mi sento, provero' a descriverli per cercare di fare un po' di chiarezza, ma non è facile ora.
Sono entrato in questo forum nel 2009, perché probabilmente soffrivo di forte fobia sociale in quasi ogni situazione di esposizione sociale, questo poi mi ha portato piano piano ad isolarmi e chiudere quei pochi contatti sociali che avevo, limitando le uscite solo a cose tipo spese, cose e commisioni varie da sbrigare in casa, tranne un periodo in cui mi sono iscritto ad un corso serale dove nonostante il mio malessere sono riuscito a raggiungere l'obiettivo di diplomarmi.
Ma stranamente sento che da allora è iniziata a peggiorare la situazione proprio, non so cosa sia scattato nella mia testa, o forse sarebbe andata ugualmente cosi, chissa'.
Mi risulta difficilissimo adesso capire come sono arrivato a questo stato, sto combattendo con questi mostri da tanti anni, con sintomi tipo ansia, tachicardia, depressione, pensieri ossessivi, apatia, svogliatezza, confusione mentale, e probabilmente anche altro che ora non mi viene in mente un po' di tutto ci sta credo
Ho provato a farcela da solo forse sottovalutando il problema, cercando di non dare dispiacere e problemi in casa, ma la situazione è peggiorata sempre più soprattutto in questi ultimi anni, questi sintomi sono aumentati notevolmente e provo anche uno stato fisico di sofferenza e di esaurimento mentale e fisico.
Questa volta faccio fatica a vedere la luce in fondo al tunnel, gli anni di tanta sofferenza mi hanno spento e messo quasi al tappeto, più provo a rialzarmi più la vita mi da sberle mi sembra si diverte con me, non so che pensare più ho finito i pensieri, le parole tutto, ho fatto anche fatica a scrivere questo sfogo.
Ringraziamenti da
hermit94 (23-11-2018)
Vecchio 23-11-2018, 13:07   #2
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Capisco quello che provi...
Vecchio 23-11-2018, 14:35   #3
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Ormai sono arrivato ad un punto che non so più come mi sento, provero' a descriverli per cercare di fare un po' di chiarezza, ma non è facile ora.
Sono entrato in questo forum nel 2009, perché probabilmente soffrivo di forte fobia sociale in quasi ogni situazione di esposizione sociale, questo poi mi ha portato piano piano ad isolarmi e chiudere quei pochi contatti sociali che avevo, limitando le uscite solo a cose tipo spese, cose e commisioni varie da sbrigare in casa, tranne un periodo in cui mi sono iscritto ad un corso serale dove nonostante il mio malessere sono riuscito a raggiungere l'obiettivo di diplomarmi.
Ma stranamente sento che da allora è iniziata a peggiorare la situazione proprio, non so cosa sia scattato nella mia testa, o forse sarebbe andata ugualmente cosi, chissa'.
Mi risulta difficilissimo adesso capire come sono arrivato a questo stato, sto combattendo con questi mostri da tanti anni, con sintomi tipo ansia, tachicardia, depressione, pensieri ossessivi, apatia, svogliatezza, confusione mentale, e probabilmente anche altro che ora non mi viene in mente un po' di tutto ci sta credo
Ho provato a farcela da solo forse sottovalutando il problema, cercando di non dare dispiacere e problemi in casa, ma la situazione è peggiorata sempre più soprattutto in questi ultimi anni, questi sintomi sono aumentati notevolmente e provo anche uno stato fisico di sofferenza e di esaurimento mentale e fisico.
Questa volta faccio fatica a vedere la luce in fondo al tunnel, gli anni di tanta sofferenza mi hanno spento e messo quasi al tappeto, più provo a rialzarmi più la vita mi da sberle mi sembra si diverte con me, non so che pensare più ho finito i pensieri, le parole tutto, ho fatto anche fatica a scrivere questo sfogo.
Stessi sintomi, ho più volte detto in questo forum che per quanto mi riguarda, la situazione è peggiorata con il passare degli anni, a 20 anni ero già così ma pensavo di uscirne prima o poi, invece mi trovo a 44 senza vita sociale, non ho voglia di fare niente, mi pesa anche vestirmi per uscire, è un peso tutto, e non bisogna aspettare che gli altri capiscano. Non è per essere negativo, ma aspettare che gli altri capiscono, ci aiutano e ci accettano così come siamo è utopia
Vecchio 23-11-2018, 16:03   #4
Principiante
L'avatar di Icarus
 

Sto attraversando un periodo simile per alcuni aspetti, mi sento quasi finito dentro, come se la cera di una candela sia prossima allo sciogliemento completo. Spero tanto di andarmene nel sonno solo mi tocca svegliarmi alla mattina per questo fottutissimo lavoro (non voglio mancare di rispetto a chi non l'ha o lo cerca disperatamente) ma quando stai male, il lavoro é solo un altra delle cose che ti tira ancora più giù; invece di aiutare. Lo faccio per mero materialismo ma in se non mi trasmette più nulla. Oramai mi da piacere solo il sonno e il cibo, ho avuto di tutto... soprattutto in questo ultimo anno. Non so più che fare della mia inutile vita 😧
Vecchio 03-12-2018, 11:41   #5
Esperto
L'avatar di matriX85
 

Ma voi avete preso farmaci o provato ad andare in terapia?, io la seconda cosa alcune volte si ma poi non continuai anzi smisi subito perché volevo farcela da solo, dei farmaci invece ho proprio sempre avuto il terrore di incominciare a prenderli per via dei loro effetti alcuni anche letali a volte non so forse ho sbagliato con il senno di poi
Vecchio 03-12-2018, 12:35   #6
Esperto
L'avatar di Da'at
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Ma voi avete preso farmaci o provato ad andare in terapia?, io la seconda cosa alcune volte si ma poi non continuai anzi smisi subito perché volevo farcela da solo, dei farmaci invece ho proprio sempre avuto il terrore di incominciare a prenderli per via dei loro effetti alcuni anche letali a volte non so forse ho sbagliato con il senno di poi
Al punto in cui sei arrivato, tanto vale provarle tutte.
La cosa più difficile è non arrendersi, non scoraggiarsi. Deriva direttamente dal disagio, il quale non vuole che tu lo abbandoni. Così ti induce a dirti cose tipo che ce la vuoi far da solo, o che è inutile chiedere aiuto, o che i farmaci sono pericolosi. Di fondo il disagio rappresenta la tua comfort zone, e provare a rivolgerti a uno psichiatra per una valutazione significa fare un passo fuori da essa, verso un territorio inesplorato e che quindi ti fa paura.
Ringraziamenti da
Stregatta13 (03-12-2018)
Vecchio 03-12-2018, 12:45   #7
Esperto
L'avatar di claire
 

Ciao mayrix
Sarò sincera, in questa condizione non puoi fare altro che rivolgerti a specialisti.
Tanti auguri.
Ringraziamenti da
hermit94 (03-12-2018)
Vecchio 03-12-2018, 23:19   #8
Principiante
L'avatar di Icarus
 

Prendo farmaci da circa 4 anni. sotto controllo psichiatrico... diciamo che da una parte mi tengono a galla... ma non bastano, dovrei fare psicoterapia ma non ho né le forze economiche né quelle mentali, in questo momento, per sostenerla.
In passato ne ho fatta una di circa 2 anni quindi so di che si tratta... in questo momento avrei solo di un po' più di riposo e spazio dopo un anno lavorativo da panico e paura. Il mio psichiatra mi suggerì di non isolarmi e cosa ho fatto? mi sono isolato! Ma questo è un processo che va avanti da un paio d'anni.
anche se quest'anno nei momenti nei quali stavo abbastanza bene (in fase ipo o eutimica) ho cercato di essere più presente con le persone che mi circondavano, solo sono arrivato in fondo all'anno con una sensazione di spossatezza mentale e voglia di vivere prossima allo zero, sarà la fase depressiva che mi fa scrivere ciò... il tutto è condito con un po' di fobia sociale. Mi vergogno di me stesso, delle volte, per ciò che sono diventato quindi tendo ad evitare il confronto con le altre persone, troppe energie per sostenerlo, energie che non ho, per il fatto che la malattia te le succhia via..
Vecchio 03-12-2018, 23:38   #9
Esperto
L'avatar di IlProfeta92
 

Non prendere i farmaci.
Vecchio 04-12-2018, 01:49   #10
Esperto
L'avatar di Da'at
 

Quote:
Originariamente inviata da IlProfeta92 Visualizza il messaggio
Non prendere i farmaci.
Ma che minchia dici. Mò ti segnalo.
Ringraziamenti da
hermit94 (04-12-2018)
Vecchio 04-12-2018, 02:12   #11
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Ma voi avete preso farmaci o provato ad andare in terapia?, io la seconda cosa alcune volte si ma poi non continuai anzi smisi subito perché volevo farcela da solo, dei farmaci invece ho proprio sempre avuto il terrore di incominciare a prenderli per via dei loro effetti alcuni anche letali a volte non so forse ho sbagliato con il senno di poi
ma no, letali no dai. con un'uso coscienzioso non è mai morto nessuno
Vecchio 09-12-2018, 11:38   #12
Esperto
L'avatar di matriX85
 

Ho deciso infatti di rivolgermi almeno ad una psicoterapeuta, poi se necessario e non ci sono altre strade provero' i farmaci anche, iniziando magari a piccole dosi, certamente non so se per come sto adesso serviranno anche a poco, perché forse il tempo passato a non fare nulla sarà stato controproducente.
Ma non mi rendevo conto che sbagliavo e poi anche in famiglia non mi hanno certo sostenuto, anzi ogni volta che provavo a cercare di prendere il discorso, sminuivano la cosa e soprattutto non vedono di buon'occhio psicologi ecc, e anche ora e stata un battaglia per convincerli che sto troppo male, non basta lo strazio gia della malattia, devi anche sentirti in colpa in casa per come ti senti non so come è stato per voi riuscire a farvi capire dalla vostra famiglia spero sia stato più semplice
Ringraziamenti da
dystopia (09-12-2018)
Vecchio 09-12-2018, 11:42   #13
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Fai bene..
Vecchio 09-12-2018, 13:30   #14
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da matriX85 Visualizza il messaggio
Ho deciso infatti di rivolgermi almeno ad una psicoterapeuta:
È la cosa giusta.

Posso farti una domanda forse stupida.. mangi?
Vecchio 09-12-2018, 15:55   #15
Intermedio
L'avatar di dystopia
 

se da solo non ce la fai allora i farmaci dovresti prenderli secondo me. non fanno miracoli, non modificano la "situazione di partenza" ma se trovi la terapia giusta avrai almeno la calma necessaria ad impegnarti in attività costruttive, se la volontà da sola non è sufficiente allora dovresti tentare anche questa strada.
fai comunque attenzione agli effetti che i farmaci avranno, sia a livello mentale che fisico, è giusto prendere la questione seriamente.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L21 utilizzando Tapatalk
Ringraziamenti da
IlProfeta92 (10-12-2018)
Vecchio 10-12-2018, 20:38   #16
Esperto
L'avatar di IlProfeta92
 

Quote:
Originariamente inviata da Da'at Visualizza il messaggio
Ma che minchia dici. Mò ti segnalo.
Cosa ti segnali?? Se non ha cominciato a prenderli non deve farlo per forza ora.
Gandhi non prendeva farmaci.
Ringraziamenti da
bukowskiii (10-12-2018)
Vecchio 04-06-2019, 10:32   #17
Esperto
L'avatar di matriX85
 

E' passato tanto tempo da quando ho scritto questo post, e da allora posso dire che la situazione sta peggiorando sempre di più, ogni giorno fisicamente e mentalmente sto peggio dell'altro
Nonostante sono alcuni mesi che sto andando in terapia da una psicoterapeuta cognitivo comportamentale, di progressi non c'è ne sono stati anche a detta dei miei familiari, forse perché il disagio che mi porto addosso e' accumulato da tanti anni, oppure puo' darsi che non ha ancora inquadrato bene la situazione lei, o dovrei prendere seriamente l'idea di provare dei farmaci chissa.
Ma credo che adesso potrebbero farmi stare anche peggio di come sto, e poi in famiglia non ne vogliono proprio sentire su questo, gia fargli accettare che ho dei problemi è stata durissima.
Vecchio 04-06-2019, 12:53   #18
Esperto
L'avatar di Shjatyzu
 

Bentornato matriX.
Mi rammarica sentirti dire che non è cambiato nulla, dovresti provare un nuovo approccio terapeutico, forse, a me la TCC ha aiutato, ma soltanto coadiuvata di farmaci, quindi non so quanto ti possa essere utile, se non vai a dallo psichiatra...
Vecchio 04-06-2019, 15:29   #19
Avanzato
L'avatar di Teach83
 

Io quasi quasi mi faccio fare l'elettroshock stile "Qualcuno volò sul nido del cuculo". Magari mi sblocco o nel migliore dei casi ci rimango secco.
Vecchio 05-06-2019, 11:06   #20
Esperto
L'avatar di matriX85
 

Quote:
Originariamente inviata da Shjatyzu Visualizza il messaggio
Bentornato matriX.
Mi rammarica sentirti dire che non è cambiato nulla, dovresti provare un nuovo approccio terapeutico, forse, a me la TCC ha aiutato, ma soltanto coadiuvata di farmaci, quindi non so quanto ti possa essere utile, se non vai a dallo psichiatra...
Si infatti ieri la psicologa mi ha suggerito che dovrei prendere in considerazione questa ipotesi, anche se non mi ha obbligato ma di solito le due cose abbinate portano risultati migliori.
Il problema è ora come farlo capire ed accettare ai miei familiari
Ehi ma sei Strange Man , bel nick questo anche che hai cambiato.
Ringraziamenti da
Shjatyzu (05-06-2019)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Situazione seriamente compromessa??? capolinea vicino......
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Capolinea, eccomi? hermit_nightman Depressione Forum 19 01-01-2018 15:40
Capolinea Yamcha SocioFobia Forum Generale 17 22-03-2016 19:57
Il mio capolinea. FabioLeonardo SocioFobia Forum Generale 17 27-03-2013 16:12
in che grado è compromessa la nostra vita? giulivo SocioFobia Forum Generale 53 13-08-2009 23:49
Arrivato al capolinea. chaval SocioFobia Forum Generale 13 29-05-2009 19:10



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 10:51.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2