FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale
Rispondi
 
Vecchio 18-10-2020, 00:23   #1
Esperto
L'avatar di Alakazam
 

Quote:
La mia situazione familiare peggiora da giorno in giorno e realisticamente parlando è arrivato il momento di affrontare l'idea di un possibile futuro ormai non molto lontano.

La domanda è: come si vive una volta "restati soli", cioè completamente soli, (magari in una nuova città), senza amici, senza conoscenti, senza famiglia/fratelli/parenti con cui restare almeno in contatto (telefonico) e chiamare in caso di aiuto, cioè dunque completamente soli al mondo?

Alcune domande più specifiche mi vengono in mente:

1) In caso di perdita di lavoro (se mai ne otterrò uno vero) e/o restare senza soldi, cosa si fa se dunque non si ha nessuno che possa offrirmi un tetto e/o un pasto al giorno? Non si riesce a pagare l'affitto, le tasse e il cibo, in questo caso cosa si deve fare e dove si deve andare?

2) Restare completamente da soli, non solo fisicamente, ma non avendo proprio nessuno da contattare come parenti o amici (anche se lontani) e non avere una vita sociale può portare a problemi psicologici gravi? (Cioè una cosa è non avere una vita sociale ma vivere ancora con qualcuno in casa o restare in contatto con qualcuno, un'altra cosa è restare completamente da soli, senza nessuno come riferimento). Già non avere una vita sociale normale porta a problemi vari, ma non avere anima viva con cui aprir bocca, penso potrebbe portare a problematica più pesanti...

3) In caso di bisogno d'aiuto, come incidenti vari, operazioni in ospedale, malanni e malattie varie, etc, come si fa dato che non si può "chiamare" nessuno?

4) Come si affronta psicologicamente tutto questo? Cioè tanta solitudine e problemi materiali connessi?

5) Tra problemi lavorativi/economici e psicologici, come non diventare un barbone?

Per ora non mi vengono altre domande in mente, ma vorrei quantomeno prepararmi per questi problemi, così almeno da sapere cosa fare e cosa mi aspetta.

Qualcuno vive in queste condizioni?

Cerco risposte a queste domande e qualsiasi indicazione utile.

Liberi ovviamente di aggiungere qualsiasi altra informazione, in base alle vostre conoscenze o alla vostra esperienza....
.

Ultima modifica di Alakazam; 18-10-2020 a 00:29.
Ringraziamenti da
Masterplan92 (18-10-2020)
Vecchio 18-10-2020, 02:11   #2
Esperto
L'avatar di Giuseppe_ann
 

Hai mai pensato di chiedere aiuto al csm della tua asl di competenza?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Vecchio 18-10-2020, 05:17   #3
Esperto
L'avatar di syd_77
 

1) penso si possano chiedere sussidi/disoccupazione/reddito di cittadinanza. Devi andare ad un caf oppure al comune di appartenenza.

2)-4) io per ora ancora non te lo posso raccontare, ma è evidente che sarà il mio destino. Come si vive.. lì dipende dalla personalità del singolo.. ovvio che però non credo si viva bene una cosa del genere. se porti problemi gravi non lo so, sicuramente qualche problemino lo porta, è inevitabile.

3) questa è la cosa che più mi spaventa ed alla quale ancora non ho trovato risposta. c'è l'assistenza domiciliare della ASL di riferimento ma si tratta di 1-2 ore al giorno.. per il resto ci si deve arrangiare o bisogna prendere una badante con relativi costi e quindi non è per tutti.
Se capita una malattia altamente debilitante tipo cancro o parkinson, etc. è meglio cercare ricovero in una casa famiglia, un un pio istituto, robe cosi.

5) no so rispondere.

Soluzioni ce ne sono, tutte cose un po' penose ma questo è.
Vecchio 18-10-2020, 10:04   #4
Esperto
 

Sono molto interessato anch’io ad eventuali suggerimenti perché soprattutto a breve sarò costretto ad affrontare il punto 1 sicuramente, comunque in generale anch’io suggerirei di chiedere consiglio al csm e alle associazioni varie presenti nel comune di residenza
Vecchio 18-10-2020, 11:26   #5
Esperto
L'avatar di TheCopacabana
 

Un'altra ipotesi potrebbe essere quella della Caritas.
Io ho cercato "Caritas Roma", ovviamente tu puoi cercare la citta' che ti interessa, ed ho scoperto che offrono anche un servizio di mensa:
http://www.caritasroma.it/attivita/n...ritorio/mense/

Magari al parroco, o nella struttura, puoi chiedere altre informazioni riguardanti alloggio, sostegno economico, etc.
Ringraziamenti da
choppy (18-10-2020)
Vecchio 18-10-2020, 11:48   #6
Esperto
L'avatar di Crepuscolo
 

Non ci voglio pensare, solo leggere questa discussione mi fa salire l'ansia. Forse perché sono consapevole di avere buone possibilità di finire così e di fare una brutta fine.
Ringraziamenti da
probid (18-10-2020)
Vecchio 18-10-2020, 11:51   #7
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Crepuscolo Visualizza il messaggio
Non ci voglio pensare, solo leggere questa discussione mi fa salire l'ansia. Forse perché sono consapevole di avere buone possibilità di finire così e di fare una brutta fine.
si, anche a me viene l'ansia, ma preferisco sapere e organizzarmi prima, per quanto possibile. tanto solo qui se ne può parlare, se lo vai a dire in giro ti prendono per nefasto, triste, pessimista e ti dicono iscriviti all'agenzia matrimoniale e trovati moglie
Ringraziamenti da
Stasüdedòs (18-10-2020)
Vecchio 18-10-2020, 11:53   #8
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Alakazam Visualizza il messaggio
.
Non ci voglio pensare senno’ mi viene la depressione ancora di piu’, comunque i parenti sono delle merde molto spesso e sia per questo che per orgoglio non gli chiederei mai aiuto almeno nel mio caso...ricorda che sono meglio i conoscenti dei parenti, questi ultimi proprio perche’ tali godono anche a vederti nella melma.
Vecchio 18-10-2020, 11:54   #9
Esperto
L'avatar di gaucho
 

Ciao, mi dispiace. Anche io sono del tutto solo perché non posso più vivere in famiglia, non riesco neanche a parlarne del perché e forse non ci riuscirò mai.

Ho la fortuna di avere un’occupazione che per ora sembra essere abbastanza stabile e mi posso permettere una vita in solitudine senza cercare aiuto economico.

Ti posso consigliare di andare a vivere per conto tuo ma magari non troppo distante comunque da dove sei, nel caso avessi bisogno di aiuto più per la tua salute che per i soldi, magari nell’estrema urgenza da qualche tuo familiare potresti ancora farti aiutare.

Non so dove vivi, potresti andare in una città della tua provincia o regione, poi man mano vedi come vanno le cose.

Mi dispiace tanto, non sei l’unico e posso capire la tua situazione anche se non consola molto.
Ringraziamenti da
Alakazam (18-10-2020)
Vecchio 18-10-2020, 12:41   #10
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Affidarsi agli altri materialmente non è mai una cosa positiva, affettivamente si, posso comprendere il bisogno di affetto e supporto, ma è un grave errore pensare di potersi affidare agli altri dal punto di vista pratico, almeno per me è impensabile, per questo per quel che mi riguarda è importantissimo riuscire ad avere un'indipendenza economica tale da non dover mai chiedere aiuto a nessuno, dei risparmi, "un piano valido" per situazioni critiche (io devo sapere di avere tutto sotto controllo, pensate che nel mio zainetto, quello con cui esco, ho una specie di farmacia ambulante con tutto quello che serve per le emergenze, non sono proprio il tipo da affidarmi al caso, anche se dall'esterno può sembrare che io sia una sprovveduta). Per quanto riguarda il supporto affettivo non ne ho bisogno in modo estremo, sono abituata fin da piccola a cavarmela da sola, certo nei momenti più duri sento come tutti il bisogno di qualcuno di cui fidarmi, ma non morirei rimanendo sola ecco, anche perchè sola lo sono sempre un pò stata.

Quello che vi consiglio e farvi anche voi un vostro piano di "emergenza" per situazioni critiche, siete adulti, intelligenti, mica siete bambini incapaci di intendere e volere, non dovreste pensare che finireste male se rimaneste da soli, sono pensieri infondo inutili e deleteri, siamo tutti soli al mondo, ognuno pensa per se (e per i propri figli, per natura ognuno è portato a guardare gli interessi propri e della propria prole, di nessunaltro, neanche del partner in fondo), il nostro appoggio principale siamo noi stessi. Certo non dovete mai smettere di cercare qualcuno che vi supporti e che vi stia accanto nei momenti difficili, ma non deve dipendere dagli altri la vostra sopravvivenza, questo intendo.

Ultima modifica di JR_Reloaded; 18-10-2020 a 12:52.
Vecchio 18-10-2020, 12:54   #11
Esperto
 

1) A volte la Caritas dà posti letto nei cameroni e sì, socializzi con i compagni di stanza che potrebbero ruotare e là si mangia gratis.
Vecchio 18-10-2020, 12:58   #12
Esperto
L'avatar di Qwerty
 

A volte ci penso anche io..
Riguardo lato materiale il pasto può offrirti Caritas, il tetto cerca di procurarselo prima di finire in quelle condizioni, i tuoi non ti lasceranno casa in eredità? Se no copratene una, anche un modesto monolocale, anche un camper se non puoi permetterti di meglio..
Su altre domande non saprei rispondere..
Vecchio 18-10-2020, 13:09   #13
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Leggendo questo thread ne ho trovato uno aperto da me uguale a questo
Vecchio 18-10-2020, 14:03   #14
Esperto
L'avatar di Warner84
 

Per quanto riguarda i beni di prima necessità alla sopravvivenza qualche aiuto lo possono dare comuni,enti e associazioni varie poi di che tipo e quanto effetivamente aiutano questo non lo so dire. Per quanto riguarda gli aiuti di tipo più sociale non saprei che dirti. Riguardo agli eventuali problemi di salute è un problema che mi troverò ad affrontare anch'io in futuro non avendo ne compagna e ovviamente figli, i parenti più stretti che ho sono dei cugini con i quali non ho rapporti, non ho amici stretti da poter chiedere aiuto in queste situazioni...mi dovrò arrangiare qualora mi succedesse qualcosa.
Vecchio 18-10-2020, 19:08   #15
Esperto
L'avatar di Alakazam
 

Quote:
Originariamente inviata da Giuseppe_ann Visualizza il messaggio
Hai mai pensato di chiedere aiuto al csm della tua asl di competenza?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Nel csm di competenza in cui sono andati anni fa ci sono gli specialisti con le false lauree che sono entrati non so quanto decenni fa perché dovevano entrare.
Quote:
Originariamente inviata da Delta80 Visualizza il messaggio
Sono molto interessato anch’io ad eventuali suggerimenti perché soprattutto a breve sarò costretto ad affrontare il punto 1 sicuramente, comunque in generale anch’io suggerirei di chiedere consiglio al csm e alle associazioni varie presenti nel comune di residenza
Ma al csm si occupano quindi anche di situazioni di povertà? Per il resto vedi sopra.
Quote:
Originariamente inviata da Ezp97 Visualizza il messaggio
Non ci voglio pensare senno’ mi viene la depressione ancora di piu’, comunque i parenti sono delle merde molto spesso e sia per questo che per orgoglio non gli chiederei mai aiuto almeno nel mio caso...ricorda che sono meglio i conoscenti dei parenti, questi ultimi proprio perche’ tali godono anche a vederti nella melma.
Alla tua famiglia però si, immagino, nella mia situazione mi sa che non ci sarà.
Quote:
Originariamente inviata da gaucho Visualizza il messaggio
Ciao, mi dispiace. Anche io sono del tutto solo perché non posso più vivere in famiglia, non riesco neanche a parlarne del perché e forse non ci riuscirò mai.

Ho la fortuna di avere un’occupazione che per ora sembra essere abbastanza stabile e mi posso permettere una vita in solitudine senza cercare aiuto economico.

Ti posso consigliare di andare a vivere per conto tuo ma magari non troppo distante comunque da dove sei, nel caso avessi bisogno di aiuto più per la tua salute che per i soldi, magari nell’estrema urgenza da qualche tuo familiare potresti ancora farti aiutare.

Non so dove vivi, potresti andare in una città della tua provincia o regione, poi man mano vedi come vanno le cose.

Mi dispiace tanto, non sei l’unico e posso capire la tua situazione anche se non consola molto.
Il problema è proprio questo, essere completamente soli, senza familiari.
Quote:
Originariamente inviata da JR_Reloaded Visualizza il messaggio
Affidarsi agli altri materialmente non è mai una cosa positiva, affettivamente si, posso comprendere il bisogno di affetto e supporto, ma è un grave errore pensare di potersi affidare agli altri dal punto di vista pratico, almeno per me è impensabile, per questo per quel che mi riguarda è importantissimo riuscire ad avere un'indipendenza economica tale da non dover mai chiedere aiuto a nessuno, dei risparmi, "un piano valido" per situazioni critiche (io devo sapere di avere tutto sotto controllo, pensate che nel mio zainetto, quello con cui esco, ho una specie di farmacia ambulante con tutto quello che serve per le emergenze, non sono proprio il tipo da affidarmi al caso, anche se dall'esterno può sembrare che io sia una sprovveduta). Per quanto riguarda il supporto affettivo non ne ho bisogno in modo estremo, sono abituata fin da piccola a cavarmela da sola, certo nei momenti più duri sento come tutti il bisogno di qualcuno di cui fidarmi, ma non morirei rimanendo sola ecco, anche perchè sola lo sono sempre un pò stata.

Quello che vi consiglio e farvi anche voi un vostro piano di "emergenza" per situazioni critiche, siete adulti, intelligenti, mica siete bambini incapaci di intendere e volere, non dovreste pensare che finireste male se rimaneste da soli, sono pensieri infondo inutili e deleteri, siamo tutti soli al mondo, ognuno pensa per se (e per i propri figli, per natura ognuno è portato a guardare gli interessi propri e della propria prole, di nessunaltro, neanche del partner in fondo), il nostro appoggio principale siamo noi stessi. Certo non dovete mai smettere di cercare qualcuno che vi supporti e che vi stia accanto nei momenti difficili, ma non deve dipendere dagli altri la vostra sopravvivenza, questo intendo.
Il problema più grande è quello psicologico, presumo per tutti. Non si tratta neanche di avere qualcuno con cui confidarsi, ma quantomeno la "presenza" anche a centinaia di km di stanza, di un qualche familiare.
In seconda istanza ci sta anche il bisogno materiale, com'è normale che sia. Se hai un incidente e ti svegli in ospedale non chiami magari un familiari o un fratello o sorella già solo per "informarla"?
Se cadi in disgrazia e finisci sotto un ponte, i tuoi genitori o i tuoi fratelli (se sei in buoni rapporti, ovviamente) magari ti aiutano o preferiscono che dormi sotto un ponte?

Quote:
Originariamente inviata da choppy Visualizza il messaggio
1) A volte la Caritas dà posti letto nei cameroni e sì, socializzi con i compagni di stanza che potrebbero ruotare e là si mangia gratis.
Quali sono questi cameroni?
Quote:
Originariamente inviata da Qwerty Visualizza il messaggio
A volte ci penso anche io..
Riguardo lato materiale il pasto può offrirti Caritas, il tetto cerca di procurarselo prima di finire in quelle condizioni, i tuoi non ti lasceranno casa in eredità? Se no copratene una, anche un modesto monolocale, anche un camper se non puoi permetterti di meglio..
Su altre domande non saprei rispondere..
Niente casa e ovviamente non ho i money per comprare una casa nuova
Vecchio 18-10-2020, 19:23   #16
Esperto
L'avatar di Qwerty
 

Quote:
Originariamente inviata da Alakazam Visualizza il messaggio

Niente casa e ovviamente non ho i money per comprare una casa nuova
Va bene anche usata, sempre meglio che finire sotto il ponte
Se hai un lavoro sicuro ( per ora) puoi fare mutuo su una che costa poco. Adesso poi prezzi sono calati, è buon momento per comprare, cercando si trova qualcosa anche a 30 mila.
Vecchio 18-10-2020, 20:26   #17
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Qwerty Visualizza il messaggio
Va bene anche usata, sempre meglio che finire sotto il ponte
Se hai un lavoro sicuro ( per ora) puoi fare mutuo su una che costa poco. Adesso poi prezzi sono calati, è buon momento per comprare, cercando si trova qualcosa anche a 30 mila.
Dipende pure che casa...io se devo vivere in qualche complesso di villette come ora, bifamiliare, condominio me ne vado in camper fuori alla esselunga piuttosto.
Solo in campagna comprerei, ma una casetta singola con un pezzetto di terra dietro casa senza nessuno almeno nel raggio di 250 metri. Niente rompipalle, niente rumori del cazzo.
Ringraziamenti da
Misty. (Ieri)
Vecchio 18-10-2020, 20:35   #18
Kel
Intermedio
L'avatar di Kel
 

Quote:
Originariamente inviata da Ezp97 Visualizza il messaggio
Dipende pure che casa...io se devo vivere in qualche complesso di villette come ora, bifamiliare, condominio me ne vado in camper fuori alla esselunga piuttosto.
Solo in campagna comprerei, ma una casetta singola con un pezzetto di terra dietro casa senza nessuno almeno nel raggio di 250 metri. Niente rompipalle, niente rumori del cazzo.
E poi come fai a far amicizia?
Vecchio 18-10-2020, 21:43   #19
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Kel Visualizza il messaggio
E poi come fai a far amicizia?
Perche’ secondo te fai amicizia coi vicini di casa? Ne ho almeno una 15ina qui in campagna e sono tutti teste di minchia per un motivo o per un altro. Forse in condominio in città ma non sempre.
Non fai amicizia intorno a dove abiti e nemmeno andando nei luoghi di ritrovo di ragazzi visto che la ci vanno gia i gruppi per cavoli loro. Le persone dopo i 20 anni quasi sempre si conoscono per caso. Non è che se vivi in un posto di merda isolato non hai amici e se vivi in citta’ allora hai una vita sociale, dipende pure tanto dal carattere e dalle situazioni/opportunita’ di vedere gente.
Vecchio Ieri, 05:33   #20
Esperto
L'avatar di Misty.
 

È un argomento così triste... ma è utile parlarne, grazie per questo topic. Non ho consigli purtroppo, aggiungo solo che mi sto abituando all'idea che per me sia inevitabile che accada. Resterò completamente sola in capo a pochi anni, ma credo proverò a vivere lo stesso. È un'eventualità che mi ha sempre fatto paura, ma lentamente sto cercando d'immaginarla sempre più reale mentre al contempo cerco di allontanare l'idea più ovvia in futuro, il suicidio.

Quando resterò sola al mondo avró un sacco di tempo per leggere comunque. È un peccato non poter essere mai né veramente soli né in compagnia.

Ultima modifica di Misty.; Ieri a 06:33.
Ringraziamenti da
Alakazam (Ieri)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Restare soli al mondo - Istruzioni per l'uso
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
paura di rimanere completamente soli al mondo syd_77 SocioFobia Forum Generale 93 16-04-2020 17:45
Empatia, istruzioni per l’uso? TheCopacabana Off Topic Generale 10 13-06-2019 22:51
Prospettiva di restare soli a vita Svers0 Amore e Amicizia 41 24-11-2015 18:25
La fiducia... istruzioni per l'uso? TheCopacabana Ansia e Stress Forum 20 07-11-2009 00:18
Soli al mondo... esposizione SocioFobia Forum Generale 8 19-12-2008 20:22



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 10:13.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2