FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 29-04-2023, 21:29   #1
Esperto
L'avatar di Sheev Palpatine
 

Ho trascorso una parte importante della mia vita a desiderare l'amore e ogni volta ho trovato che le porte erano sbarrate, tutto chiuso per me.
Dopo una fatica immane, alla fine, me ne sono fatto una ragione, che certi sogni d'amore sono impossibili da realizzare.
Mi trovo in ogni caso a vivere una vita che non mi piace. Questa solitudine non volontaria mi distrugge sempre di più. Oltre che di una solitudine sentimentale, si tratta di una solitudine a 360 gradi. Non ci sono comitive con cui uscire, niente, zero spaccato.
Anche guardando avanti, la situazione promette molto male. Non ho mai avuto relazioni, ho 22 anni, esteticamente non piaccio e non avrei alcuna fortuna nel mondo delle One night stand, nelle discoteche ecc. E anche se un giorno avrò un lavoro e qualcuna volesse solo sfruttarmi economicamente avendo chissà quante esperienze sia sessuali che sentimentali, potremmo mai considerarlo un successo? Direi che la mia vita resterebbe un fallimento, e si sa che certe relazioni con difficoltà funzionano.

E' demoralizzante, andare avanti e non trovare alcuna prospettiva positiva, ma solo vuoto... Anche se ho fatto qualche piccolo progresso, non mi è servito a nulla, sono comunque solo e infelice...
Ringraziamenti da
Vespa1976 (30-04-2023)
Vecchio 29-04-2023, 21:33   #2
Esperto
L'avatar di Varano
 

la vita di un fobico inizia verso i 30
Ringraziamenti da
bukowskiii (29-04-2023)
Vecchio 29-04-2023, 22:32   #3
Banned
 

Un convento di frati nel mio paese organizza periodicamente delle cene per single under 50. Non ho mai capito come si svolga la serata e ho sempre il sospetto che sia una sagra della salsiccia, però se fossi single e under 50 proverei a partecipare. Giusto per vedere come va, per fare qualche conoscenza. Magari anche dalle tue parti si organizzano queste cose.
Vecchio 29-04-2023, 22:46   #4
Intermedio
L'avatar di TheMask
 

hai soli 22 anni, tutto può succedere ancora

io ho iniziato a cambiare la mia vita a 25 anni, trovo lavoro e cambio di città, inizio a vivere con altri coinquilini e poco dopo mi fidanzo.

Credimi ero un antisociale di prim'ordine quando ho iniziato questo cambiamento ma nonostante tutto la mia vita si è rivoluzionata ed ora, a distanza di 10 anni, è cambiata nuovamente! Sono tornato single.

Non conosco bene la tua storia, a quanto scrivi non soffri di depressione grave quindi tutto è possibile ancora (in caso contrario avresti dovuto curarti con i farmaci prima) non ti abbattere, se lo fai è finita per davvero!

Prima di pensare ad una possibile fidanzata cerca di uscire con qualcuno che ha i tuoi stessi problemi o quasi, associazioni, palestra, parrocchia, ecc

Potresti dire un giorno di averci provato e riprovato fino all'ennesima volta e di esserci riuscito... hai solo 22 anni
Ringraziamenti da
grey80 (30-04-2023), niubi (29-04-2023)
Vecchio 29-04-2023, 23:02   #5
Intermedio
L'avatar di FrizioNando
 

A 22 anni hai ancora tantissimi margini di miglioramento.
Pensa che io la svolta (con la prima relazione) l'ho avuta circa 10 anni dopo la tua età ... prima è stato il NIENTE ASSOLUTO.

Da vecchietto 35enne posso consigliarti di migliorare in questo modo:

- SOLDI/STATUS. Cerca almeno per la parte economica lavorativa di raggiungere obiettivi importanti: cioè buon lavoro e buono stipendio. Sei ancora giovane, se puoi e hai le capacità prenditi una laurea scientifica (ingegneria, professioni sanitarie, chimica ...) oppure (meglio) buttati subito a fare professioni manuali da libero professionista (idraulico, elettricista, falegname...) in modo da guadagnare tantissimo. Credimi che avere "almeno" i soldi ti rende la vita molto più facile (N.B. non felice, ma facile) ... in poche parole meglio soli ma con un discreto conto in banca che soli e anche essere al verde. Se guadagni e hai un buon lavoro automaticamente sei più accettato e visto bene dalle altre persone, comprese le donne perchè migliori il tuo status rispetto ad essere un disoccupato o uno sfruttato cameriere o manovale.

- AMICIZIE/HOBBY. Iscriviti a tutti i corsi/gruppi locali che ti vengono in mente per allargare la vita sociale. Ti piace il trekking, iscriviti a gruppi di cammino locali. Ti piace la fotografia, iscriviti a corsi di fotografia. Ti piace la musica, impara a suonare uno strumento. Ti piace il volontariato, iscriviti a gruppi di Telethon, Emergency, Medici senza Frontiere locali. Ti piacciono gli animali, iscriviti ai canili, gattili... ma qualcosa fai! Più fai corsi, più possibilità avrai di conoscere gente nuova. Più starai in casa a piagnucolare, più sarai sempre più solo.

- Solo per ultimo --- > AMORE. Qui posso dare solo consigli parziali, visto il mio scarsissimo successo con le donne, però mi sento di consigliarti (come se potessi parlare a me stesso di quando avevo 22 anni), che è necessario:
1°) fare corsi di autostima per migliorare la sicurezza di sé, tramite colloqui con un bravo psicologo o mental coach. La sicurezza di sé è il fulcro del successo con le donne (voce, comunicazione para-verbale, prontezza della risposta, saperci fare, scherzare...). Senza sicurezza, se sei brutto, non batterai mai chiodo. A 22 anni sei ancora in tempo per svoltare, quando arriverai ai 30-35 è quasi sempre troppo tardi cambiare mentalità, da perdenti a vincenti.
2°) migliorare per quanto possibile il look: fare attività fisica, curare i capelli, curare l'abbigliamento, i denti, la barba ecc. Si può guadagnare quel mezzo punto in più se le donne ti vedono curato e ben vestito, anche se sei brutto come me.
3°) più non fai sesso, più si instaura un circolo vizioso di insicurezze e paure di essere inadeguato con le donne. Quindi te lo dico appassionatamente: vai a escort, anche solo 1 volta al mese. Ma vai! Non aspettare 30 anni e oltre come me. Non dare retta a chi ti dice che è da sfigati. Impari ad avere a che fare con un corpo femminile nudo, di impratichisci e eviti di fare figure di mer** quando ti capiterà la prima volta di essere arrivati al dunque con con una ragazza.
4°) quando hai fatto il 1°-2° e 3° punto buttati e provaci sia dal vivo che sulle app di dating. I risultati a 22 anni arriveranno di sicuro.

Buona fortuna "compare giovane", ti auguro il meglio.

Ultima modifica di FrizioNando; 29-04-2023 a 23:08.
Vecchio 29-04-2023, 23:29   #6
Esperto
L'avatar di gaucho
 

Purtroppo concordo con Euridice, se non hai ancora 30 anni o più hai ancora tutte le chance, dopo è molto probabile che sia finita, parlo per il mio caso
Vecchio 29-04-2023, 23:43   #7
Esperto
L'avatar di Angus
 

(Giesu cristo gli hobby, ancora a 'sto punto stiamo)

Shev, a 22 anni sei quasi letteralmente un bambino. Hai bisogno di crescere, e per le persone con il tuo carattere l'apertura relazionale avviene tardi rispetto agli altri, perché intuisci una maggiore complessità che hai bisogno di imbrigliare. E' per questo che sei più insicuro della media, perché hai obiettivi (inconsci) più ambiziosi. Se la pianti di confrontarti con gli altri in modo così... dirimente, come se la differenza significasse qualcosa di negativo che non significa affatto, e inizi/continui a coltivarti seriamente a tutto campo, verrai fuori come un uomo di grande valore per te stesso e gli altri. Questo disfattismo è immotivato, e non lo dico (davvero) come insulto o per diminuirti - stai usando parametri di giudizio sbagliati. Non sei solo, e di persone che ti apprezzeranno ne troverai sicuramente (anche senza iscriverti al corso di cucina). Viviti la tua vita. Se un consiglio, anche se maggioritario, ti sembra imbecille, al ̶1̶0̶0̶%̶ 99% lo è, e non seguirlo.
Vecchio 29-04-2023, 23:49   #8
Esperto
L'avatar di Angus
 

Aggiungo che secondo me (ma non ci metterei la mano sul fuoco) non è vero che soffri la solitudine. Più che altro ti senti in difetto/in colpa per esserlo. La solitudine ti piace, la ricerchi attivamente, perché hai bisogno di capire, gustarti e coltivare la tua individualità. Non è colpa tua se hai la spina dorsale.
Ringraziamenti da
Hassell (30-04-2023), Sheev Palpatine (30-04-2023)
Vecchio 30-04-2023, 00:32   #9
Esperto
L'avatar di Sheev Palpatine
 

Quote:
Originariamente inviata da Angus Visualizza il messaggio
Aggiungo che secondo me (ma non ci metterei la mano sul fuoco) non è vero che soffri la solitudine. Più che altro ti senti in difetto/in colpa per esserlo. La solitudine ti piace, la ricerchi attivamente, perché hai bisogno di capire, gustarti e coltivare la tua individualità. Non è colpa tua se hai la spina dorsale.
Che io non soffra la solitudine è falso, piuttosto, mi ci sono trovato, come risultato di alcune scelte.
Non ho avuto paura di non conformarmi alle cose, quando davvero non volevo farlo, ad esempio non ho mai voluto fumare questo mi ha evitato di cadere in una cosa che so per certo mi avrebbe dato dipendenza.
Semmai, questa ricerca attiva della solitudine avviene in maniera inconscia.

Però certamente, se andiamo a scavare e scavare, ma qui rischiamo di scadere nel freudiano e ad andare nel passato. Da piccolo, ricordo che non amavo stare con gli altri bambini. Mia madre mi incalzava spesso, mi chiedeva "Oggi a scuola con chi sei stato?". Io rispondevo "Da solo". E allora lei era come delusa, mi faceva sentire in colpa per questo. Ma poi un po' tutti i miei familiari me ne facevano una colpa di questa mia solitudine, anche mio padre, anche i nonni.
Scappavo con i videogiochi e ignoravo il mondo reale. Ad un certo punto mia madre arrivò ad invitare dei miei compagni di classe a casa mia, senza che io gradissi tali visite... Progressivamente ho di certo fatto dei progressi e questi metodi che sono stati usati, hanno forzato la mano, lasciandomi probabilmente la concezione negativa di cui parli tu.

So benissimo che i consigli scadenti sugli hobby non portano da nessuna parte. Io sto cercando di capire che vita è questa, in cui mi sento solo e basta... Sento che le mie qualità, che per me stesso possono anche avere valore, non valgano nulla per gli altri.
Vecchio 30-04-2023, 00:42   #10
Esperto
L'avatar di Angus
 

Se ti senti difettoso ad essere solo, gli altri questo lo percepiscono. Se il vissuto di difettosità è drammatico, sei tu stesso a non considerarti degno di relazione, in un modo strano alla "non posso avere relazioni in quanto non ne ho". Fatti due domande sul modo in cui ti ha trattato tua madre e ciò che vuoi (ancora oggi) da lei.
Vecchio 30-04-2023, 00:55   #11
Esperto
L'avatar di Sheev Palpatine
 

Non so rispondere alla domanda che fai. Non lo so cosa voglio esattamente. So che non vorrei sentirmi uno schifo come mi sento ora. Ma questo mio desiderio di trovare l'amore non credo che si possa ridimensionare totalmente a delle aspettative che gli altri hanno sempre avuto su di me. Di certo, vorrei trovare pace, serenità e non ci riesco in alcun modo. Immagino che questo mio disagio, in qualche modo emerge all'esterno
Vecchio 30-04-2023, 01:11   #12
Esperto
L'avatar di Keith
 

Non penso che a 22 anni sia tutto finito. Puoi ancora affrontare grossi cambiamenti. Alla tua età non ero così saggio, ma voi di adesso lo siete. Sapete come va il mondo, lo sai anche tu che dovrai puntare molto sulla carriera, su questa cosa ci devi mettere tutto te stesso e tutte le energie infinite dei 20anni.
Puoi fare tante cose, puoi andare all'estero, che secondo me è la prima cosa da fare.. ma non dire che è finita, non mollare ora, hai ancora 10 anni abbondanti per darti un bel boost. Vai! Vai, che non è finito niente.
Non pensare più all'amore, adesso devi pensare a diventare un ragazzo/uomo desiderabile, se lo diventerai poi arriveranno anche le donne.. ma se le aspetti così in modo passivo di sicuro non arrivano.. tutto deve partire dall'essere una persona ricercata.

Ultima modifica di Keith; 30-04-2023 a 01:13.
Ringraziamenti da
grey80 (30-04-2023)
Vecchio 30-04-2023, 02:09   #13
Intermedio
L'avatar di Madame du Barry
 

Mi prenderò le antipatie di qualcuno ma una situazione simile non la risolvi andando in palestra, associazioni o volontariato.
Soprattutto sono consigli che non vedo come possano essere di aiuto ad una persona introversa con patologie di fobia sociale.
In un periodo della mia vita ho provato sotto consigli dello psicologo ed è stato inutile.
Inoltre anche li vige il fatto che per avere un minimo di considerazione devii essere una persona interessante, che sappia reggere un minimo la conversazione.
Ho visto con i miei occhi gli stessi comportamenti di emarginazione che si avevano tra i banchi di scuola, qui però parliamo di persone adulte, per lo più nel mondo del volontariato.
Li trovo degli ambienti pieni di ipocrisia e superficialità.
Inoltre vivo ancora oggi le tue stesse situazioni e pur mettendoci tutta la buona volontà non riesco a instaurare rapporti.
Le mie soddisfazioni derivano solo dal lato lavorativo, il resto è completamente immobile.
Non è cambiato nulla in tutti questi anni.
Ovviamente sto parlando del mio percorso personale, ciò che ho scritto non deve per forza essere il percorso delineato che subirai anche te.
Quello che posso dirti è di non pensare a cambiare la tua vita di colpo, ma a piccoli passi.
Poniti obbiettivi che man mano toglierai dalla lista.
Lascia perdere le comitive o gruppi numerosi.
Nella tua situazione "basta" trovare una singola persona che possa capire il tuo stato d'animo, che ti aiuti a fare piccoli passi, che indipendentemente dallo stato in cui sei ora non ti giudichi e abbia la sincera voglia di conoscerti.
Non sei nelle condizioni per interagire con più persone.
Idem l'idealizzazione di una fantomatica relazione amorosa.
Attualmente il tuo cervello non è abituato e potresti incorrere in relazioni tossiche che potrebbero peggiorare la situazione.
Devi andare piano, non correre una maratona del tutto impreparato.

Hai 22 anni, se provi l'ultima volta, ma devi provarci seriamente, hai ancora una possibilità di cambiare la tua situazione.
Vecchio 30-04-2023, 10:05   #14
Esperto
L'avatar di Levin
 

Penso che senza guarire un po' dall'ansia sociale purtroppo sarà sempre difficile avere una vita soddisfacente. Bisogna almeno portarla al livello di timidezza.
Se si ama o comunque si cerca la solitudine come tratto caratteriale o come necessità spirituale bisogna comunque essere in grado di avere i rapporti con gli altri che ci sono graditi.
La mancanza di esperienze ci lascia sempre un po' di infantilismo o almeno un po' di ritardo rispetto agli altri.
Hai un'età in cui dovresti essere quasi maturo, avere una base interna solida per rapportarti con qualche successo al mondo esterno. Bene secondo me che ti sei reso conto che per il momento forse non è così.
Se ti butti adesso secondo me vai a sbattere. Bisognerebbe migliorare la propria autostima, cercare di lavorare sulle tue debolezze. Tempo per cominciare a vivere ne hai se avrai lavorato bene. Quando sarai un uomo di valore le cose verranno, anche l'amore (e non come dici tu come beta provider, smettiamola per favore con queste cose).
Vecchio 30-04-2023, 10:55   #15
Intermedio
L'avatar di TheMask
 

Non riesco a capire come uscire di casa e fare qualcosa, qualsiasi cosa, non possa servire ad un fobico. La fobia sociale è diversa dalla depressione, quella vera. Nella depressione anche volendo fare una determinata cosa non ci riesci mentre nella fobia sociale ci riesci comunque a farla ma con pessimi risultati.

Bisogna metterci IMPEGNO e COSTANZA: iniziare con una passeggiata da solo, andare in bici da solo, fare spesa e tutte le altre faccende di casa cosi si interagisce con le altre persone, palestra, volontariato, la parrocchia, sport di squadra, insomma a piccoli passi si può migliorare e non intendo dire che si diventa come gli estroversi ma almeno non si ha più paura delle persone che ci circondano, passando da fobici a molto timidi.

Con il passare del tempo e molto impegno, anche a fare cose senza senso, questa timidezza si andrà sempre più assottigliando fino a diventare cosi minima che si potrà vivere una vita quasi "normale".

Se si rimane in casa a non fare nulla è ovvio che non si progredisce nella "fobia".

Chi dice che gli hobby non servono a nulla sbaglia di grosso, ci permettono di non pensare sempre al fatto che siamo soli, senza una donna accanto, senza lavoro, senza soldi ecc.
Vecchio 30-04-2023, 13:51   #16
Esperto
L'avatar di anahí
 

Mi dispiace che sia un periodo cosi' difficile. Mi trasmette senso di impotenza quello che scrivi, come di una persona che non vede dove andare perche' tutte le strade sono sbarrate. Vivere la quotidianita' sentendosi cosi' deve essere tanto difficile.

Ti giuro che dall'esterno sembra cosi' fuori posto questo senso di desolazione: uno guarda la tua situazione (persona giovane, con cervello e capace di interessarsi tanto alle cose), e pensa altro che strade sbarrate, questo ha solo l'imbarazzo della scelta sulle esperienze arricchenti che puo' fare. Sembra che hai certe potenzialita' che non vedi neanche come tali e anzi le senti come limiti. Stavo per scrivere circondato da altre persone magari non ti sentiresti cosi', ma in realta' il punto e' che le nostre potenzialita' esistono che gli altri le riconoscano o meno

Hai presente la poesia di Baudelaire sull'albatros? Cercatela se ti va perche' io la vedo cosi'. Ma anzi quando vedo persone giovani che trasmettono di sentirsi awkward e appesantiti a me viene in mente sempre questa poesia. Meno il fatalismo
Ringraziamenti da
Sheev Palpatine (01-05-2023)
Vecchio 30-04-2023, 14:38   #17
Esperto
L'avatar di Crepuscolo
 

Anche se sei scoraggiato cerca di dedicarti allo studio o al lavoro, almeno mantieni la mente occupata e dai un senso alla tua vita. Non lasciarti andare come ho fatto io, altrimenti sarà peggio e diventerà molto difficile uscirne.
Vecchio 30-04-2023, 14:39   #18
Esperto
L'avatar di Sickle
 

prima ti rassegni meglio è fidati... anche a me dicevano sempre le stesse cose... "sei giovane", "hai tutta la vita davanti" bla bla bla... adesso non sono più giovane e guarda un po... stessa vita di merda...
Vecchio 30-04-2023, 14:53   #19
Banned
 

La ragazza che ha sposato il carabiniere (in vita da disoccupati 2 capirete la storia) mi disse che il suo ragazzo lo conobbe nel 2016 tramite alcuni amici, visto che erano tanti in gruppo. Naturalmente io sono sempre stato un introverso di merda, questo dovuto agli anni di bullismo e quindi non ho avuto niente di tutto ciò. Che vuol dire? Mi ritrovo a 26 anni suonati di merda ad aver fatto sesso solo con una MILF allupata, ma MAI avuta nemmeno una CRISTO di relazione seria, ne di matrimonio e ne di semplice fidanzamento. Matrimonio? Che diavolo dovrebbe offrire un disoccupato cronico che campa con lavori in nero digitali, rispetto a un carabiniere e magari un programmatore? Le donne è vero che non tutte guardano il denaro, ma se non lavori difficilmente ti cagano di striscio dato che ti reputano anche un fannullone. Evito di continuare a parlare, mi sono anche rotto di parlare di me.
Vecchio 30-04-2023, 15:01   #20
Esperto
L'avatar di Barracrudo
 

Il titolo è errato e egocentrico, se ti informi un po' il mondo delle relazioni in realta capisci che è finita x il 70% dei ragazzi under 30, poi dopo i 30 se hai una buona carriera puoi iniziare ad essere guardato da qualche ragazza che vuole sistemarsi ma sotto i 30 oggi come oggi è difficile x tantissimi di noi non linko neanche più il link del New York post che dice del 70% dei ragazzi under 30 single...
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Penso sempre di più che ormai sia finita per me
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Anche voi avete sempre sonno e vi sentite sempre stanchi? Lovecraft SocioFobia Forum Generale 12 20-11-2021 09:59
Ormai resterò così per sempre... Luca1993go Depressione Forum 13 15-03-2017 14:21
Sempre sempre sempre il solito problema con le donne dottorzivago Amore e Amicizia 1 27-10-2013 15:38
penso ke la faccio finita devilinside Depressione Forum 14 19-01-2009 14:41



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 04:07.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2