FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 01-03-2021, 12:44   #1
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Una mattina di settembre sono uscito dalla casa-prigione che con le sue tenaglie mi teneva stretto a sé e lontano dal palpitare della vita. La partenza non ha avuto nulla di poetico, in niente è somigliata a quella cantata da Rocchi in La tua prima luna. Sognavo una partenza dal sapore di libertà, intrisa di forti emozioni, di gioia e di pianto; è stata invece un anonimo proseguimento dell'esistenza precedente, un viaggio condito solo da una banale ansia.

Sognavo una svolta grandiosa e sfavillante: l'animale che finalmente esce dall'ombrosa tana e che nella libertà bagnata di sole gode la meraviglia della vita; l'essere in potenza serrato in uno scrigno di ferro che diventa essere in atto esprimendosi appieno nelle sue innumerevoli qualità... La realtà è che da una prigione ampia e famigliare sono caduto in una celletta angusta ed estranea.

La sorte mi è nemica, ancora mi nega d'essere sgravato dal senso di solitudine che da anni mi fa da cattivo compagno. Presto lo avverto anche nella nuova città, presto il destino torna puntuale a ridermi maligno. Un ragazzo con cui sarei dovuto andare a un concerto mi dà buca, l'avevo atteso invano al tavolino tenendo posto per lui e un altro mentre venivano eseguite brutte cover di Dalla. Uscire da solo il sabato sera in centro assalito da fiumi di persone fa venir voglia di spararmi. Una bellissima ragazza adorante Beethoven ha l'ardire di dire che le è venuto sonno e vuole tornare a casa, poi non mi caga. Due disagiatine di internet non mi considerano. Utilizzo in maniera considerevole Spotted (pagina fb e instagram presente un po' in tutte le città universitarie in cui si pubblicano, tra le altre cose, annunci per conoscere persone) con il solo risultato di veder aumentati l'odio per il prossimo e lo sconforto. Ragazze davvero belle e interessanti che è tanto se si degnano di una misera risposta; vedere, su schermi e per le strade, volti gambe e sorrisi che non saranno mai per me, mai! Neanche l'appassionata di induismo, neanche la fan di Bergman.

In compagnia della solitudine nemica scema via la voglia di sgusciare dalle coperte e destarsi dall'immobilità mortuaria. I venti-trenta ragazzi del convitto in cui si trova la mia celletta diventano presenze da evitare, non mi va di stare con loro, se sto male voglio stare solo o con chi posso essere me stesso, loro invece sono estranei. Evitamento chiama evitamento, finisco per evitarli anche per la vergogna di averli evitati. Se oltre la mia sottile porta sento le loro voci vuol dire che non posso uscire. È terribile, peggio che nella mia solita casa con mia madre.

La nuova città mi mostra degrado e scritte sui muri; vorrei sciacquarmi la mente contemplando il mare, ma non c'è. Col tempo anche il senso di studiare si sgretola.

Per questa pacchia spendo poco più di 500 euro al mese.

Se tornassi indietro e frequentassi online rimanendo nella mia città d'origine non avrei spese ma rimarrei comunque solo in un ambiente in cui non mi sento a mio agio, perciò con tutta probabilità presto mi passerebbe la voglia di studiare.

Ho venticinque anni, sono vecchio, ho già tentato troppe strade interrompendole per esiti insoddisfacenti.
Non vedo soluzioni.

Qualcuno ne vede?



Ultima modifica di Darby Crash; 01-03-2021 a 17:33.
Ringraziamenti da
Onizuka (01-03-2021), XL (01-03-2021)
Vecchio 01-03-2021, 16:00   #2
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Darby Crash Visualizza il messaggio
Una mattina di settembre sono uscito dalla casa-prigione che con le sue tenaglie mi teneva stretto a sé e lontano dal palpitare della vita. La partenza non ha avuto nulla di poetico, in niente è somigliata a quella cantata da Rocchi in La tua prima luna. Sognavo una partenza dal sapore di libertà, intrisa di forti emozioni, di gioia e di pianto; è stata invece un anonimo proseguimento dell'esistenza precedente, un viaggio condito solo da una banale ansia.

Sognavo una svolta grandiosa e sfavillante: l'animale che finalmente esce dall'ombrosa tana e che nella libertà bagnata di sole gode la meraviglia della vita; l'essere in potenza serrato in uno scrigno di ferro che diventa essere in atto esprimendosi appieno nelle sue innumerevoli qualità... La realtà è che da una prigione ampia e famigliare sono caduto in una celletta angusta ed estranea.

La sorte mi è nemica, ancora mi nega d'essere sgravato dal senso di solitudine che da anni mi fa da cattivo compagno. Presto lo avverto anche nella nuova città, presto il destino torna puntuale a ridermi maligno. Un ragazzo con cui sarei dovuto andare a un concerto mi dà buca, l'avevo atteso invano al tavolino tenendo posto per lui e un altro mentre venivano eseguite brutte cover di Dalla. Uscire da solo il sabato sera in centro assalito da fiumi di persone fa venir voglia di spararmi. Una bellissima ragazza adorante Beethoven ha l'ardire di dire che le è venuto sonno e vuole tornare a casa, poi non mi caga. Due disagiatine di internet non mi considerano. Utilizzo in maniera considerevole Spotted (pagina fb e instagram presente un po' in tutte le città universitarie in cui si pubblicano, tra le altre cose, annunci per conoscere persone) con il solo risultato di veder aumentati l'odio per il prossimo e lo sconforto. Ragazze davvero belle e interessanti che è tanto se si degnano di una misera risposta; vedere, su schermi e per le strade, volti gambe e sorrisi che non saranno mai per me, mai! Neanche l'appassionata di induismo, neanche la fan di Bergman.

In compagnia della solitudine nemica scema via la voglia di sgusciare dalla coperte e destarsi dall'immobilità mortuaria. I venti-trenta ragazzi del convitto in cui si trova la mia celletta diventano presenze da evitare, non mi va di stare con loro, se sto male voglio stare solo o con chi posso essere me stesso, loro invece sono estranei. Evitamento chiama evitamento, finisco per evitarli anche per la vergogna di averli evitati. Se oltre la mia sottile porta sento le loro voci vuol dire che non posso uscire. È terribile, peggio che nella mia solita casa con mia madre.

La nuova città mi mostra degrado e scritte sui muri; vorrei sciacquarmi la mente contemplando il mare, ma non c'è. Col tempo anche il senso di studiare si sgretola.

Per questa pacchia spendo poco più di 500 euro al mese.

Se tornassi indietro e frequentassi online rimanendo nella mia città d'origine non avrei spese ma rimarrei comunque solo in un ambiente in cui non mi sento a mio agio, perciò con tutta probabilità presto mi passerebbe la voglia di studiare.

Ho venticinque anni, sono vecchio, ho già tentato troppe strade interrompendole per esiti insoddisfacenti.
Non vedo soluzioni.

Qualcuno ne vede?


https://www.youtube.com/watch?v=QDpZ4z2Ix9A
O te ne fai una ragione piano piano o c'è da deprimersi parecchio
Vecchio 01-03-2021, 16:44   #3
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da Goh Visualizza il messaggio
Scusa non so se ti confondo con un altro utente, tu sei quello che voleva fare l’artista di strada?
No. Forse hai pensato a nattydread, che veramente ha fatto l'artista di strada
Vecchio 01-03-2021, 17:10   #4
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Ho vissuto due volte le stesse cose..partire tutto contento e tornare con la coda tra le gambe,ma ti auguro che per te andrà meglio
Vecchio 01-03-2021, 17:23   #5
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da Masterplan92 Visualizza il messaggio
Ho vissuto due volte le stesse cose..partire tutto contento e tornare con la coda tra le gambe,ma ti auguro che per te andrà meglio
Dove eri andato?
Vecchio 01-03-2021, 17:26   #6
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da Darby Crash Visualizza il messaggio
Dove eri andato?
Verona e Padova..
Vecchio 01-03-2021, 17:30   #7
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da Masterplan92 Visualizza il messaggio
Verona e Padova..
Interessante

E come mai alla fine entrambe le volte tornasti indietro?
Vecchio 01-03-2021, 17:30   #8
Esperto
L'avatar di HelterSkelter
 

Quote:
Originariamente inviata da Masterplan92 Visualizza il messaggio
Verona e Padova..
Se sei scappato da Padova sei sano di mente (i padovani non si offendano, plz, ho solo brutti ricordi dell'ateneo)
Vecchio 01-03-2021, 18:59   #9
Esperto
L'avatar di pure_truth2
 

Ti capisco,è successo qualcosa di simile anche a me, delle volte.

Purtroppo non si può scappare da sè stessi, la prigione è interiore.

E' da lì, che bisogna in realtà evadere ,altrimenti in ogni luogo si ripeteranno le stesse identiche dinamiche.
Vecchio 01-03-2021, 19:19   #10
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da pure_truth2 Visualizza il messaggio

Purtroppo non si può scappare da sè stessi, la prigione è interiore.

E' da lì, che bisogna in realtà evadere ,altrimenti in ogni luogo si ripeteranno le stesse identiche dinamiche.
Questo è falso. Sono capitati contesti e situazioni in cui mi sono trovato bene e sono riuscito a essere la migliore versione di me stesso. Questo significa che il problema non è strettamente interiore, ma di contesto. Solo che i contesti in cui posso trovarmi bene sono molto rari...

Esempi di contesti favorevoli: corsi di teatro e regia; gare di scrittura; cineforum diretti da me; incontri con amici con cui mi trovo molto bene; momenti prima e durante gli esami dati nella città di origine...
Tutte situazioni in cui per qualche ragione mi sento sicuro di me e sento di valere, in questi casi sono addirittura estroverso e so di piacere.

Il punto è: come fare in modo che queste situazioni favorevoli siano ricorrenti al punto da farmi essere nella maggior parte del tempo una persona sicura di sé e con buone capacità di relazionarsi agli altri?
Credevo che una nuova città mi avrebbe aiutato in tal senso, e invece sono finito dalla padella nella brace...

Ultima modifica di Darby Crash; 01-03-2021 a 19:22.
Vecchio 01-03-2021, 21:49   #11
Esperto
L'avatar di DownwardSpiral2
 

Quote:
Originariamente inviata da HelterSkelter Visualizza il messaggio
Se sei scappato da Padova sei sano di mente (i padovani non si offendano, plz, ho solo brutti ricordi dell'ateneo)
Concordo.
Vecchio 01-03-2021, 22:05   #12
Esperto
L'avatar di pure_truth2
 

Quote:
Originariamente inviata da Darby Crash Visualizza il messaggio
Questo è falso. Sono capitati contesti e situazioni in cui mi sono trovato bene e sono riuscito a essere la migliore versione di me stesso. Questo significa che il problema non è strettamente interiore, ma di contesto. Solo che i contesti in cui posso trovarmi bene sono molto rari...

Esempi di contesti favorevoli: corsi di teatro e regia; gare di scrittura; cineforum diretti da me; incontri con amici con cui mi trovo molto bene; momenti prima e durante gli esami dati nella città di origine...
Tutte situazioni in cui per qualche ragione mi sento sicuro di me e sento di valere, in questi casi sono addirittura estroverso e so di piacere.

Il punto è: come fare in modo che queste situazioni favorevoli siano ricorrenti al punto da farmi essere nella maggior parte del tempo una persona sicura di sé e con buone capacità di relazionarsi agli altri?
Credevo che una nuova città mi avrebbe aiutato in tal senso, e invece sono finito dalla padella nella brace...

Certo, io parlavo in linea generale.
Al momento sei, anzi siamo, ancora vincolati dalla presenza o meno di tali contesti favorevoli, quindi non liberi.

La chiave purtroppo è, come sempre, avere autostima sempre, a prescindere dal contesto e dall'approvazione altrui.
Non conosco un metodo che non preveda l'ingestione di sostanze,altrimenti l'avrei già applicato.
Vecchio 02-03-2021, 07:03   #13
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da HelterSkelter Visualizza il messaggio
Se sei scappato da Padova sei sano di mente (i padovani non si offendano, plz, ho solo brutti ricordi dell'ateneo)
Anche a me faceva schifo..vivevo in un posto poi..lontano da tutto
Vecchio 02-03-2021, 07:03   #14
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da Darby Crash Visualizza il messaggio
Interessante

E come mai alla fine entrambe le volte tornasti indietro?
Per i miei problemi..
Vecchio 02-03-2021, 09:05   #15
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

bastava portare quella di beethoven al posto del tizio del concerto, pigliavi due piccioni con una fava, lei non si sarebbe addormentata e probabilmente sarebbe nato un nuovo amore

intendo con l'altro tizio seduto al tavolo con voi

no finisce male pure questa mi son sbagliato, volevo darti una botta di ottimismo ed invece ti ritrovo qui a seguire le canzoni di lucio dalla mentre quei due limonano affianco a te
Ringraziamenti da
Darby Crash (02-03-2021)
Vecchio 02-03-2021, 09:30   #16
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da Inosservato Visualizza il messaggio
bastava portare quella di beethoven al posto del tizio del concerto, pigliavi due piccioni con una fava, lei non si sarebbe addormentata e probabilmente sarebbe nato un nuovo amore

intendo con l'altro tizio seduto al tavolo con voi

no finisce male pure questa mi son sbagliato, volevo darti una botta di ottimismo ed invece ti ritrovo qui a seguire le canzoni di lucio dalla mentre quei due limonano affianco a te
lol

comunque non credo sarebbe venuta perché schifa tutta la musica dal Novecento in poi
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Nessuna soluzione
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Nessuna motivazione. Masterplan92 SocioFobia Forum Generale 11 09-04-2015 22:51
Nessuna soluzione R.I.P. Depressione Forum 15 20-12-2013 15:42
Indispensabili x nessuna..... new_entry Amore e Amicizia 20 15-12-2009 22:28
Non ho nessuna amica Lonely. Amore e Amicizia 38 07-08-2006 11:36



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 05:02.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2