FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Altri Temi per Adulti
Rispondi
 
Vecchio 10-06-2013, 23:04   #1
Principiante
 

Dopo un anno di assenza mi ritrovo di nuovo qui, evviva le ricadute.
Mi stavo chiedendo: è possibile essere pronti a morire a 16 anni? Non è una cosa scritta durante uno sfogo, è un pensiero che ho maturato con il tempo. Io voglio morire, e sono pronto a farlo. Questo non vuol dire che mi ammazzo. Non è un bisogno di morire, è un desiderio, una velleità. Non ho nemmeno il coraggio e i motivi per suicidarmi. E' solo che se io sapessi di morire tra dieci minuti non avrei alcuna reazione, anzi, sarei felice perchè il mio scopo è stato portato a termine. Trovo che la morte sia la cosa più bella della vita, se fatta con serenità. Io sono sempre triste, ma sono pronto ad affrontare serenamente la morte. Purtroppo conservo ancora il mio istinto di sopravvivenza, ma se dovessi morire in un incidente non sarei uno di quelli che muore giovane e a cui viene negata una possibilità. Sarei semplicemente uno che è morto e ha fatto ciò che voleva. Il punto è: la morte vi spaventa? Perché? Perché uno che vuole morire non può semplicemente dirlo senza essere preso per un pazzo suicida nonostante non manifesti la minima intenzione di uccidersi?
Ho paura di affrontare questo argomento anche con la mia psicologa, temo di non essere capito.

Prima che qualcuno chiuda il topic, si parla più di filosofia che di tendenze suicide, spero si sia capito

Ultima modifica di Ornide11; 10-06-2013 a 23:06.
Vecchio 10-06-2013, 23:15   #2
Banned
 

Non è la morte che spaventa, ma l'idea della morte. Io mi limito ad aspettare la morte vivendo.
Vecchio 10-06-2013, 23:21   #3
Principiante
 

Eh, a me non spaventa nemmeno quella. Pur avendo buttato gli ultimi 5 anni della mia esistenza non ho rimpianti, sono pronto a morire, come un vecchio che ha girato il mondo e può dirsi soddisfatto della sua vita.
Vecchio 10-06-2013, 23:48   #4
Intermedio
 

Secondo me confondi la serenità nell'affrontare la morte con la bellezza della morte. La morte è la non-vita....come può essere la cosa più bella della vita se non le appartiene ?

Qual è il tuo scopo portato a termine ?
Vecchio 11-06-2013, 00:19   #5
Esperto
L'avatar di NoSurrender
 

Quote:
Originariamente inviata da luxor Visualizza il messaggio
La morte è la non-vita....come può essere la cosa più bella della vita se non le appartiene ?
Esatto, stavo per scrivere una cosa molto simile.
Vecchio 11-06-2013, 00:20   #6
Esperto
L'avatar di Dedalus
 

Quote:
Originariamente inviata da Ornide11 Visualizza il messaggio
si parla più di filosofia
Difficile. Da Epicuro in poi*, la filosofia ha posto come un veto logico sulla morte.

* Lì dov'è lei non son io, e viceversa.
Vecchio 11-06-2013, 01:19   #7
Intermedio
L'avatar di Nuclear Assault
 

moriremo tutti
Vecchio 11-06-2013, 06:20   #8
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da luxor Visualizza il messaggio
Qual è il tuo scopo portato a termine ?
Piacerebbe saperlo anche a me visto che è detto da uno che ha 16 anni...
Vecchio 11-06-2013, 13:46   #9
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Ornide11 Visualizza il messaggio
Eh, a me non spaventa nemmeno quella. Pur avendo buttato gli ultimi 5 anni della mia esistenza non ho rimpianti, sono pronto a morire, come un vecchio che ha girato il mondo e può dirsi soddisfatto della sua vita.
Pur'io non rimpiango nulla. Eppure continuo a buttare nel cesso la mia vita. D'altronde, non so fare molto di meglio. Ma sai una cosa? Ho imparato a fregarmene, quantomeno, ci sto provando. La morte arriverà, ne sono certo; prima o poi troncherà anche i miei sogni e le mie deboli speranze, ma prima che essa mi porti via, voglio stare ancora un po' qui, sulla terra.
In fondo, non è così male, a patto che stia lontano da ciò che mi disgusta.
Vecchio 11-06-2013, 15:17   #10
Intermedio
L'avatar di FabioLeonardo
 

Anch'io è da un po' che la penso in questo modo. Valutando gli eventi positivi e negativi vissuti fin ora credo che infondo non mi dispiacerebbe vederne la fine. Anche se di rimpianti ne ho eccome...avrei voluto viverla diversamente la mia vita.

Però volevo farti una domanda: si può non temere la morte, con tutte le sue conseguenze per se e per gli altri, ed al tempo stesso non avere la forza o il coraggio di uccidersi?
Suona come un controsenso, quindi c'è un qualcosa che ti tiene ancorato alla vita.....o è un pensiero senza senso?
Vecchio 11-06-2013, 15:40   #11
Intermedio
L'avatar di Alley
 

Anche se ne avessi la possibilità, non avrei il coraggio di uccidermi. Potrebbe essere la fine di tutte le tue sofferenze, ma l'inizio di...niente. (Mi sento filosofo oggi )
Vecchio 11-06-2013, 18:32   #12
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Alley Visualizza il messaggio
Anche se ne avessi la possibilità, non avrei il coraggio di uccidermi. Potrebbe essere la fine di tutte le tue sofferenze, ma l'inizio di...niente. (Mi sento filosofo oggi )

Meglio una vita di sofferenze o il niente ??

Mmmh... Quando si dorme c è il niente.. e io sto meglio di quando sono sveglio. Quando apro gli occhi inizia la sofferenza....

Ok grazie mi hai convinto a suicidarmi
Vecchio 11-06-2013, 21:32   #13
Esperto
L'avatar di Weltschmerz
 

Hai trovato ragioni per sopravvivere ma non per vivere

Ultima modifica di Weltschmerz; 11-06-2013 a 22:19.
Vecchio 11-06-2013, 21:33   #14
Intermedio
L'avatar di Alley
 

Quote:
Originariamente inviata da RhyenaN Visualizza il messaggio
Meglio una vita di sofferenze o il niente ??

Mmmh... Quando si dorme c è il niente.. e io sto meglio di quando sono sveglio. Quando apro gli occhi inizia la sofferenza....

Ok grazie mi hai convinto a suicidarmi
Prego ..però in effetti hai ragione sul fatto del dormire
Vecchio 11-06-2013, 22:37   #15
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Ornide11 Visualizza il messaggio
Dopo un anno di assenza mi ritrovo di nuovo qui, evviva le ricadute.
Mi stavo chiedendo: è possibile essere pronti a morire a 16 anni? Non è una cosa scritta durante uno sfogo, è un pensiero che ho maturato con il tempo. Io voglio morire, e sono pronto a farlo. Questo non vuol dire che mi ammazzo. Non è un bisogno di morire, è un desiderio, una velleità. Non ho nemmeno il coraggio e i motivi per suicidarmi. E' solo che se io sapessi di morire tra dieci minuti non avrei alcuna reazione, anzi, sarei felice perchè il mio scopo è stato portato a termine. Trovo che la morte sia la cosa più bella della vita, se fatta con serenità. Io sono sempre triste, ma sono pronto ad affrontare serenamente la morte. Purtroppo conservo ancora il mio istinto di sopravvivenza, ma se dovessi morire in un incidente non sarei uno di quelli che muore giovane e a cui viene negata una possibilità. Sarei semplicemente uno che è morto e ha fatto ciò che voleva. Il punto è: la morte vi spaventa? Perché? Perché uno che vuole morire non può semplicemente dirlo senza essere preso per un pazzo suicida nonostante non manifesti la minima intenzione di uccidersi?
Ho paura di affrontare questo argomento anche con la mia psicologa, temo di non essere capito.

Prima che qualcuno chiuda il topic, si parla più di filosofia che di tendenze suicide, spero si sia capito
parla con la psicologa, io desideravo morire-scomparire fin dall'asilo....

me ne rendo conto solo ora

con la psicologa ho parlato anche dei miei deisderi di fare stragi a iosa

se vuoi parlarne, mandami pure un mp, se preferisci
Vecchio 11-06-2013, 23:55   #16
Intermedio
L'avatar di funcool88
 

La morte mi spaventa molto. Non so cosa c'è dopo, non so quando può arrivare, se soffrirò o meno.
Ma soprattutto il dopo mi turba. È come quando non si sogna e si ha quel warp temporale dalla sera alla mattina, però per sempre? Si sogna per sempre? Dubito, il cervello se n'è andato a fanculo! E che ne è di "noi"?
Vecchio 12-06-2013, 09:35   #17
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da funcool88 Visualizza il messaggio
La morte mi spaventa molto. Non so cosa c'è dopo, non so quando può arrivare, se soffrirò o meno.
Ma soprattutto il dopo mi turba. È come quando non si sogna e si ha quel warp temporale dalla sera alla mattina, però per sempre? Si sogna per sempre? Dubito, il cervello se n'è andato a fanculo! E che ne è di "noi"?
Anch'io credo che la morte sia come un sonno senza sogni.In questa condizione "noi" siamo il nulla assoluto.
Vecchio 12-06-2013, 12:19   #18
Banned
 

Diciamo che se avessi un male incurabile che mi lascia pochi giorni, o se morissi in questo istante, non me ne fregherebbe nulla, anzi. Non ho paura che della sofferenza che potrebbe portarmi a morire, ma d'altronde la mia esistenza non ha un granché di significato; ho sempre voluto scomparire anche io dai tempi dell'asilo, ed anzi, anche prima. Mi sono sempre considerato un errore, e perciò, di trascinarmi senza uno scopo fino alla mia fine naturale non ne ho la minima intenzione, ed anche la curiosità dell'avvenire cede il passo.

Poi... nessuno chiede di nascere, per cui sulla questione suicidio, trovo quasi giusto che ognuno possa decidere se continuare o meno. Certo, modo e coraggio la fan da padroni.

Beninteso: questo è solo il mio parere.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Morire
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Qualcosa per cui morire. morningsheep Forum Altri Temi per Adulti 13 09-07-2009 19:25
Paura di morire Nichilista Forum Altri Temi per Adulti 15 02-06-2009 07:29
Vivere e morire a Las.. Se, magari.. Vivere e morire a casa. mefiori Forum Altri Temi per Adulti 3 29-06-2007 20:29
Paura di morire laBertuccia Forum Altri Temi per Adulti 12 02-04-2007 18:15
Per non morire... Anonymous-User Forum Altri Temi per Adulti 1 12-06-2005 20:52



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:57.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2