FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 18-04-2013, 20:15   #1
Esperto
L'avatar di lupo-solitario
 

in poche parole siamo noi evitando a escluderci o sono gli altri che deridendoci o cose cosi ci emarginano?
Vecchio 18-04-2013, 20:20   #2
Banned
 

io direi più che altro che l'introversione non si adatta al nostro tipo di società che richiede invece più spigliatezza e apertura dal punto di vista relazionale verso le altre persone...

in società orientali ad esempio l'introversione è molto più comune, non è un tratto così penalizzante

l'auto-emarginazione è una conseguenza dello scarso adattamento al nostro tipo di società

Ultima modifica di cancellato8041; 18-04-2013 a 20:23.
Vecchio 18-04-2013, 20:22   #3
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

Quote:
Originariamente inviata da lupo-solitario Visualizza il messaggio
in poche parole siamo noi evitando a escluderci o sono gli altri che deridendoci o cose cosi ci emarginano?
La mia esperienza mi dice che sono stato io fin dalla tenera età a cercare l'emarginazione. Il motivo? La mia sensibilità precocemente fiorita e articolata ha subito un urto tremendo quando si è scontrata con quella molto meno esercitata di alcuni miei compagni di classe.
Vecchio 18-04-2013, 20:24   #4
Avanzato
 

Più o meno entrambe le cose ...

Ultima modifica di Savius; 01-04-2019 a 18:26.
Vecchio 18-04-2013, 20:27   #5
Esperto
L'avatar di lupo-solitario
 

e' vero fin dalla scuola cercano di "rieducarti" ad essere estroverso. e qui vi e' l'ignoranza di tutto il corpo docenti.
Vecchio 18-04-2013, 21:01   #6
Banned
 

sai, io credo che nella società dell'immagine, del perfetto, del: se non dici qualcosa da nichilista sei buonista, credo che non ci sia spazio per noi, perchè noi siamo esseri pensanti e quindi scomodi, mentre la società ha bisogno di pecore senza cervello.
Vecchio 18-04-2013, 21:37   #7
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

Quote:
Originariamente inviata da lupo-solitario Visualizza il messaggio
e' vero fin dalla scuola cercano di "rieducarti" ad essere estroverso. e qui vi e' l'ignoranza di tutto il corpo docenti.
Purtroppo è una dote rara quella che consentirebbe a docenti, educatori e adulti in generale, di accompagnare in maniera adeguata bambini un po' particolari. Non si richiede chissà quale competenza specifica, solo un po' di sensibilità e pazienza.
Vecchio 18-04-2013, 21:46   #8
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da lupo-solitario Visualizza il messaggio
in poche parole siamo noi evitando a escluderci o sono gli altri che deridendoci o cose cosi ci emarginano?
Sono cose correlate. L'introversione, se è eccessiva, dà fastidio e di conseguenza l'introverso eviterà di avere contatti con coloro che provano questo fastidio, perché questi in qualche modo glielo faranno pesare. In più mettici che l'introversione porta ad essere molto vivaci psicologicamente e a scaricarsi velocemente a contatto con gli altri; questo porterà gli introversi a preferire spesso il piacevole isolamento alla stressante socialità.
Vecchio 18-04-2013, 21:46   #9
Banned
 

La societa stessa si basa sullinterazione con gli altri, di conseguenza una persona che non interagisce con gli altri non puo essere ben accetta nella societa. Ci sono razze animali che non interaggiscono tra loro o interaggiscono il minmo indispensabile e questi sono animali solitari che non si riuniscono in gruppi sociali, gli introversi sono cosi non interaggendo con i loro simili o interaggendo il minimo indispensabile non possono essere parte integrante di un gruppo sociale.
Vecchio 18-04-2013, 21:49   #10
Esperto
L'avatar di Kody
 

Io non penso sia colpa della società.

Perchè io sono isolato? Perchè i miei genitori mi hanno sempre tenuto in casa, perchè non sapevo reagire alle prese di giro da piccolo, perchè me la prendevo quando facevano battute su di me invece di riderci su, perchè non ero allegro, ecc, ecc.

Nessuno mi invitava perchè io ero "il ragazzo triste".

A mio parere siamo noi ad isolarci, non volutamente. Le altre persone, quando escono vogliono divertirsi, non portarsi dietro uno che non parla, che se gli dici qualcosa si offende, perennemente col muso e che vuole tornare a casa il prima possibile.

Non è la società, smettiamola di dare la colpa all'esterno.
Vecchio 18-04-2013, 21:53   #11
Esperto
 

In parte essa non è accettata, in parte è responsabilità di chi evita e si isola. Spesso, in queste faccende, è una questione di ''chiaroscuri''
Vecchio 18-04-2013, 22:12   #12
Esperto
L'avatar di lupo-solitario
 

Quote:
Originariamente inviata da Kody Visualizza il messaggio
Io non penso sia colpa della società.

Perchè io sono isolato? Perchè i miei genitori mi hanno sempre tenuto in casa, perchè non sapevo reagire alle prese di giro da piccolo, perchè me la prendevo quando facevano battute su di me invece di riderci su, perchè non ero allegro, ecc, ecc.

Nessuno mi invitava perchè io ero "il ragazzo triste".

A mio parere siamo noi ad isolarci, non volutamente. Le altre persone, quando escono vogliono divertirsi, non portarsi dietro uno che non parla, che se gli dici qualcosa si offende, perennemente col muso e che vuole tornare a casa il prima possibile.

Non è la società, smettiamola di dare la colpa all'esterno.
io credo che la societa' non sia colpevole totalmente ma certamente abbia la sua parte di colpe. pensiamo al bullismo.....se uno non sa' reagire mica e' detto che si meriti di essere deriso o peggio percosso a scuola.
Vecchio 18-04-2013, 22:23   #13
Esperto
L'avatar di Amy96
 

penso entrambe le cose
Vecchio 18-04-2013, 22:55   #14
Avanzato
 

[quote=Kody;1054576]Io non penso sia colpa della società.

............

Ultima modifica di Savius; 01-04-2019 a 18:26.
Vecchio 18-04-2013, 23:46   #15
Avanzato
 

Quote:
Originariamente inviata da Kody Visualizza il messaggio
Io non penso sia colpa della società.

Perchè io sono isolato? Perchè i miei genitori mi hanno sempre tenuto in casa, perchè non sapevo reagire alle prese di giro da piccolo, perchè me la prendevo quando facevano battute su di me invece di riderci su, perchè non ero allegro, ecc, ecc.

Nessuno mi invitava perchè io ero "il ragazzo triste".

A mio parere siamo noi ad isolarci, non volutamente. Le altre persone, quando escono vogliono divertirsi, non portarsi dietro uno che non parla, che se gli dici qualcosa si offende, perennemente col muso e che vuole tornare a casa il prima possibile.

Non è la società, smettiamola di dare la colpa all'esterno.
Parla per te ovviamente.Io ti posso garantire che se mi trattavano in modo normale in gruppo non solo capitava di uscire ma parlavo, ridevo e scherzavo, e se le prese in giro erano scherzose non me la prendevo anzi ribattevo anche io scherzando a volte.il muso a me veniva sempre quando gli altri si mostravano ostili,all'inizio no di certo,poi vabbè non si può stare sempre col sorriso e allegri 24hsu24,ma anche gli altri eh il muso capita che lo fanno pure loro.il bullismo,le derisioni,le vessazioni,le ho subite solo ed esclusivamente perchè sono timido/introverso di carattere,quindi venivo percepito come più debole,in più viviamo nella società dei migliori/peggiori,fighi/sfigati,per cui quando vedevano che non avevo un giro di amici,non avevo successo con le tipe diventavo ai loro occhi,appunto lo sfigato,il peggiore,quello da escludere e trattare in modo diverso,mi davano solo negatività,infamavano alle spalle e solite cose per screditarti con gli altri,ho sempre notato la volontà di andare contro di me,questo meccanismo lo iniziano i più merdosi,ovvero i bulli,ma si trascinano poi tutti gli altri
quindi prima di dire di smetterla di dare la colpa all'esterno pensiamoci,perchè se no sembra che gli altri là fuori sono tutti buoni,altruisti,educati e quindi è solo colpa nostra

Ultima modifica di ElectricF2; 18-04-2013 a 23:49.
Vecchio 19-04-2013, 00:14   #16
Intermedio
L'avatar di Fallen Angel
 

Semplicemente non rappresenta una di quelle caratteristiche utili per emergere in questa società, nella quale "bisogna saper vendere se stessi".
Questo almeno nella maggior parte dei casi (e dipende anche dal grado di introversione).
Vecchio 19-04-2013, 08:26   #17
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Kody Visualizza il messaggio
Le altre persone, quando escono vogliono divertirsi, non portarsi dietro uno che non parla, che se gli dici qualcosa si offende, perennemente col muso e che vuole tornare a casa il prima possibile. Non è la società, smettiamola di dare la colpa all'esterno.
Questo non equivale ad essere introversi (probabilmente c'è un errore d'impostazione nel titolo del topic, introversione e fobia sociale non sempre coincidono).
L'introversione è in minoranza nella società e come tutte le minoranze fatica a trovare i suoi spazi.
Il dibattito colpa dell'introverso vs colpa della società è sterile, i casi singoli fanno appunto storia a sé e non si possono trarre conclusioni univoche.
Penso si possa dire che gioverebbe una maggiore sensibilizzazione della "maggioranza" verso modalità di socializzazione meno "mainstream", che non prevedano sempre le solite tappe obbligate locale-cena caciarona-discoteca, unita a uno sforzo da parte della "minoranza" di cercare attivamente contesti e persone potenzialmente più affini al loro modo di comunicare col mondo.
Vecchio 19-04-2013, 10:10   #18
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da Kody Visualizza il messaggio
Io non penso sia colpa della società.

Perchè io sono isolato? Perchè i miei genitori mi hanno sempre tenuto in casa, perchè non sapevo reagire alle prese di giro da piccolo, perchè me la prendevo quando facevano battute su di me invece di riderci su, perchè non ero allegro, ecc, ecc.

Nessuno mi invitava perchè io ero "il ragazzo triste".

A mio parere siamo noi ad isolarci, non volutamente. Le altre persone, quando escono vogliono divertirsi, non portarsi dietro uno che non parla, che se gli dici qualcosa si offende, perennemente col muso e che vuole tornare a casa il prima possibile.

Non è la società, smettiamola di dare la colpa all'esterno.
Secondo me l'introverso d'oro, propriamente detto, non è uno che mostra di offendersi, anzi, rischia di passare per quello che "non sa reagire alle provocazioni".
Invece tu parli di un "dire qualcosa" che non è altro che un "non saperci fare" con quella persona; perché se io dico qualcosa che ti offende, ok avrò un motivo per seccarmi della tua permalosa presenza, ma anche tu hai un motivo per seccarti della mia indelicata presenza.
Il ragionamento che fai tu salta completamente quando al posto dell'introverso c'è ad esempio una bella ragazza. In quel caso, succede che l'attenzione per far stare nel massimo comfort quella ragazza è elevato e se lei si offende per qualche motivo, la colpa verrà data all'indelicato, reo di "non saperci fare".

E' tutto un gioco di poteri, il quale regola la scelta dei termini e la distribuzione delle responsabilità.
Vecchio 19-04-2013, 10:20   #19
Esperto
L'avatar di AbitanteDiMarte
 

Quote:
Originariamente inviata da lupo-solitario Visualizza il messaggio
in poche parole siamo noi evitando a escluderci o sono gli altri che deridendoci o cose cosi ci emarginano?
Forse
Entrambe..."Istruzioni per rendersi infelici"
Autore:Watzlawick Paul.
Vecchio 19-04-2013, 10:42   #20
Avanzato
L'avatar di Keaton
 

L'introversione porta con sé per natura un certo isolamento, perché più che avere una vita sociale sfrenata si preferirebbe stare con poche persone fidate. Il problema è che spesso, soprattutto in adolescenza, questo porta ad una solitudine totale, che fa soffrire.

« In singolare contrasto col mio senso ardente di giustizia e di dovere sociale, non ho mai sentito la necessità di avvicinarmi agli uomini e alla società in generale. Sono proprio un cavallo che vuole tirare da solo; mai mi sono dato pienamente né allo stato, né alla terra natale, né agli amici e neppure ai congiunti più prossimi; anzi ho sempre avuto di fronte a questi legami la sensazione di essere un estraneo e ho sempre sentito bisogno di solitudine; e questa sensazione non fa che aumentare con gli anni. Sento fortemente, ma senza rimpianto, di toccare il limite dell'intesa e dell'armonia con il prossimo. Certo, un uomo di questo carattere perde così una parte del suo candore e della sua serenità, ma ci guadagna una larga indipendenza rispetto alle opinioni, abitudini e giudizi dei suoi simili. »
(Albert Einstein, Come io vedo il mondo, p.19)

Però lui aveva amici e si sposò, ricordatelo.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a l'introversione non e' socialmente accettata?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Introversione zoe666 SocioFobia Forum Generale 4 20-09-2012 11:30
Cosa vuol dire socialmente adeguato? KOBE SocioFobia Forum Generale 25 18-02-2012 00:46
Vacanze socialmente perlustrative TomRogerRobert Amore e Amicizia 10 08-03-2011 04:26
geneticamente fobici, socialmente fobici calimero SocioFobia Forum Generale 18 28-07-2009 22:06



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 19:59.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2