FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 27-08-2020, 12:12   #1
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

In questa discussione riporto la lettera, ripresa dai giornali, del ragazzo friulano suicidatosi l'anno scorso.
Vorrei sapere cosa ne pensate voi, di quello che ha scritto. Privilegiando magari gli aspetti psicologici, piuttosto che quelli socio-economici.

---------------------------------------------------------------------------

di MICHELE

Ho vissuto (male) per trent’anni, qualcuno dirà che è troppo poco. Quel qualcuno non è in grado di stabilire quali sono i limiti di sopportazione, perché sono soggettivi, non oggettivi.

Ho cercato di essere una brava persona, ho commessi molti errori, ho fatto molti tentativi, ho cercato di darmi un senso e uno scopo usando le mie risorse, di fare del malessere un’arte.

Ma le domande non finiscono mai, e io di sentirne sono stufo. E sono stufo anche di pormene. Sono stufo di fare sforzi senza ottenere risultati, stufo di critiche, stufo di colloqui di lavoro come grafico inutili, stufo di sprecare sentimenti e desideri per l’altro genere (che evidentemente non ha bisogno di me), stufo di invidiare, stufo di chiedermi cosa si prova a vincere, di dover giustificare la mia esistenza senza averla determinata, stufo di dover rispondere alle aspettative di tutti senza aver mai visto soddisfatte le mie, stufo di fare buon viso a pessima sorte, di fingere interesse, di illudermi, di essere preso in giro, di essere messo da parte e di sentirmi dire che la sensibilità è una grande qualità.

Tutte balle. Se la sensibilità fosse davvero una grande qualità, sarebbe oggetto di ricerca. Non lo è mai stata e mai lo sarà, perché questa è la realtà sbagliata, è una dimensione dove conta la praticità che non premia i talenti, le alternative, sbeffeggia le ambizioni, insulta i sogni e qualunque cosa non si possa inquadrare nella cosiddetta normalità. Non la posso riconoscere come mia.

Da questa realtà non si può pretendere niente. Non si può pretendere un lavoro, non si può pretendere di essere amati, non si possono pretendere riconoscimenti, non si può pretendere di pretendere la sicurezza, non si può pretendere un ambiente stabile.
A quest’ultimo proposito, le cose per voi si metteranno talmente male che tra un po’ non potrete pretendere nemmeno cibo, elettricità o acqua corrente, ma ovviamente non è più un mio problema. Il futuro sarà un disastro a cui non voglio assistere, e nemmeno partecipare. Buona fortuna a chi se la sente di affrontarlo.

Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato, e nessuno mi può costringere a continuare a farne parte. È un incubo di problemi, privo di identità, privo di garanzie, privo di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive.

Non ci sono le condizioni per impormi, e io non ho i poteri o i mezzi per crearle. Non sono rappresentato da niente di ciò che vedo e non gli attribuisco nessun senso: io non c’entro nulla con tutto questo. Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere, per avere lo spazio che sarebbe dovuto, o quello che spetta di diritto, cercando di cavare il meglio dal peggio che si sia mai visto per avere il minimo possibile. Io non me ne faccio niente del minimo, volevo il massimo, ma il massimo non è a mia disposizione.

Di no come risposta non si vive, di no si muore, e non c’è mai stato posto qui per ciò che volevo, quindi in realtà, non sono mai esistito. Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.

Lo stato generale delle cose per me è inaccettabile, non intendo più farmene carico e penso che sia giusto che ogni tanto qualcuno ricordi a tutti che siamo liberi, che esiste l’alternativa al soffrire: smettere. Se vivere non può essere un piacere, allora non può nemmeno diventare un obbligo, e io l’ho dimostrato. Mi rendo conto di fare del male e di darvi un enorme dolore, ma la mia rabbia ormai è tale che se non faccio questo, finirà ancora peggio, e di altro odio non c’è davvero bisogno.

Sono entrato in questo mondo da persona libera, e da persona libera ne sono uscito, perché non mi piaceva nemmeno un po’. Basta con le ipocrisie.

Non mi faccio ricattare dal fatto che è l’unico possibile, io modello unico non funziona. Siete voi che fate i conti con me, non io con voi. Io sono un anticonformista, da sempre, e ho il diritto di dire ciò che penso, di fare la mia scelta, a qualsiasi costo. Non esiste niente che non si possa separare, la morte è solo lo strumento. Il libero arbitrio obbedisce all’individuo, non ai comodi degli altri.

Io lo so che questa cosa vi sembra una follia, ma non lo è. È solo delusione. Mi è passata la voglia: non qui e non ora. Non posso imporre la mia essenza, ma la mia assenza si, e il nulla assoluto è sempre meglio di un tutto dove non puoi essere felice facendo il tuo destino.

Perdonatemi, mamma e papà, se potete, ma ora sono di nuovo a casa. Sto bene.

Dentro di me non c’era caos. Dentro di me c’era ordine. Questa generazione si vendica di un furto, il furto della felicità. Chiedo scusa a tutti i miei amici. Non odiatemi. Grazie per i bei momenti insieme, siete tutti migliori di me. Questo non è un insulto alle mie origini, ma un’accusa di alto tradimento.

P.S. Complimenti al ministro Poletti. Lui sì che ci valorizza a noi stronzi.

Ho resistito finché ho potuto.
Vecchio 27-08-2020, 12:25   #2
Esperto
L'avatar di Ciasty
 

Non mi ha toccato per nulla, credo pochi rimpiangeranno mr. Tutto mi è dovuto
Ringraziamenti da
muttley (27-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 12:30   #3
Intermedio
 

Mi dispiace è una società assurda, egoista, che plasma mostri.
È vergognoso che sia andata a finire così
Vecchio 27-08-2020, 12:33   #4
Intermedio
 

Anche io sono anticonformista, vivo nella depressione, non ho una vita etc etc. La società non mi piace? Bene, la evito, o in alternativa prenderei in considerazione di andare a vivere in una di quelle tribu isolate dal mondo e incontaminat3
Vecchio 27-08-2020, 12:35   #5
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Ciasty Visualizza il messaggio
Non mi ha toccato per nulla, credo pochi rimpiangeranno mr. Tutto mi è dovuto
i fobici hanno sempre una grande sensibilita'
il concetto della lettera non mi pare "tutto mi e' dovuto" ma almeno "io non devo rimanere qui a soffrire per soddisfare voi o non si sa chi"
non vedo perche' una persona cosi' non dovesse avere cari che gli volessero bene
ma il suo e' un gesto egoista...e be' avra' toccato il limite... piu' egoista son per esempio genitori che magari gia' vedono che la vita non e' granche' e fanno un figlio per rallegrarsi , che li rallegri e gli dia un senso e voglia di vivere, capita anche non raramente
Ringraziamenti da
Nightlights (27-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 12:41   #6
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Questo avviene quando si odia la società ma si fa di tutto per farne parte. In altre parole è l'invidia che diventa odio verso se stessi in primis e verso il mondo di riflesso. Questo non è anticonformismo, è proprio sentirsi non umani, costretti a sguazzare nell'umanità sentendo di non appartenervi. Questa sensazione alla lunga ti toglie la vita giorno dopo giorno. Il suicidio non è qualcosa di improvviso, violento, inaspettato ma il punto di arrivo finale del proprio personale processo di disumanizzazione.
Ringraziamenti da
Dahmer (27-08-2020), Ezp97 (27-08-2020), Fede89 (27-08-2020), Masterplan92 (27-08-2020), Orion (29-08-2020), SamueleMitomane (29-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 12:47   #7
Esperto
 

comunque era sicuramente depresso, insomma sentiva non riconosciuto il suo valore e le sue qualita', cioe' non riconosciute non specificatamente a lui ma proprio una societa' impostata su altri criteri...ci sara' facilmente stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso... ma e' anche una riflessione ponderata, tanta fatica e riusltati scarsi, il piu' della vita soffrendo, combattendo per elemosinare attimi di semplice pace (pace come forse si puo' immaginare l'aldila' ) e che gli si puo' dire? "no guarda sei depresso una pillolina e ti accorgi che la vita e' una figata un dono in cui ogni istante val la pena di esser vissuto" ?

Ultima modifica di ila82; 27-08-2020 a 12:50.
Vecchio 27-08-2020, 12:53   #8
Avanzato
L'avatar di Astrid
 

Tante cose che ha scritto quel ragazzo sono le stesse che penso anche io ..ho detto più volte che il fatto che mi abbiano dato la vita non significa che me la debba far piacere per forza ,la vita è mia e ne faccio ciò che voglio compreso toglieremela se arriverò al punto di non ritorno . Evidentemente era così disperato che non vedeva altra soluzione ,non giudico chi commette un atto estremo .
Ringraziamenti da
Noradenalin (27-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 12:57   #9
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Questo avviene quando si odia la società ma si fa di tutto per farne parte. In altre parole è l'invidia che diventa odio verso se stessi in primis e verso il mondo di riflesso. Questo non è anticonformismo, è proprio sentirsi non umani, costretti a sguazzare nell'umanità sentendo di non appartenervi. Questa sensazione alla lunga ti toglie la vita giorno dopo giorno. Il suicidio non è qualcosa di improvviso, violento, inaspettato ma il punto di arrivo finale del proprio personale processo di disumanizzazione.
ma non credo che sia invidia
non credo nemmeno volesse adeguarsi ai criteri della societa' ammesso di riuscirvi, credo che in qualche modo andasse fiero del suo essere diverso (anche es. nel suo gesto estremo ,tanti odiano vivere ma si trascinano), non si sentiva sbagliato lui ma la societa'
Vecchio 27-08-2020, 12:58   #10
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Questo avviene quando si odia la società ma si fa di tutto per farne parte. In altre parole è l'invidia che diventa odio verso se stessi in primis e verso il mondo di riflesso. Questo non è anticonformismo, è proprio sentirsi non umani, costretti a sguazzare nell'umanità sentendo di non appartenervi.
Sì, credo sia quasi così, ma comunque sottoscriverei la tua prima frase al 101%. Non avevo letto la lettera in precedenza, quindi non avevo preconcetti ma mi pare davvero lo sfogo di una persona che (lo so che riceverò una valanga di insulti) a modo suo era un po' prepotente e invece di battere i piedi per terra si è suicidato. Io potrei scrivere le stesse cose sulla mia inadeguatezza sociale e così via; ma non parlerei mai del mondo che "mi doveva essere consegnato". E vedo anche una certa invidia nel "non si può pretendere". E' un controsenso; si può sempre pretendere, il problema è che quasi mai la pretesa viene soddisfatta.

Un proverbio tibetano dice che se la terra fosse coperta di spine, non si riuscirà mai a tagliarle tutte, meglio mettersi un paio di scarpe. Capisco chi non riesce né a comprarle né a fabbricarle e soffrendone si suicidi. Ma capisco leggermente meno chi lo fa perché il mondo non corrispondeva alle proprie aspettative. Possiamo prendere solo atto di quello che abbiamo intorno, e al massimo ci si può dispiacere per non essere adatti a viverci; si può anche scegliere di togliersi la vita per la sofferenza, ma per l'odio lo capisco meno.

Detto questo massimo rispetto e capo chino verso chiunque abbia sofferto fino al punto di togliersi la vita.

Ultima modifica di pokorny; 27-08-2020 a 13:01.
Ringraziamenti da
Ciasty (27-08-2020), Daytona (27-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 13:05   #11
Banned
 

conosco tanta gente messa peggio che però se ne frega perchè ha la validazione sessuale da parte delle donne. E sinceramente se l'avessi anche io non me ne fregherebbe nulla del resto. Lui probabilmente aveva anche il problema di essere schifato dalle donne.
Vecchio 27-08-2020, 13:21   #12
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da PickupArtist Visualizza il messaggio
conosco tanta gente messa peggio che però se ne frega perchè ha la validazione sessuale da parte delle donne. E sinceramente se l'avessi anche io non me ne fregherebbe nulla del resto. Lui probabilmente aveva anche il problema di essere schifato dalle donne.
Ancora non avete capito che la validazione sessuale passa anche da tutto il resto, non solo dal fattore estetico.
Vecchio 27-08-2020, 13:39   #13
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da FolleAnonimo Visualizza il messaggio
Se credeva che il mondo gli dovesse qualcosa perché doverlo crocifiggere per questo? Starebbe stato meno lucido se avesse detto che non meritava niente, dare ragione a una società che ti toglie tutto finché non te lo meriti strappandolo con i denti.
La prepotenza adesso è chiedere disperandosi e allungando la mano?
Preferireste che di notte tagliasse la gola a @pokorny per soffiarli tutto quello che possiede? L'omicidio è più o meno pretenzioso del suicidio?
Altroché le scarpe del proverbio tibetano, le spine nel mondo mi sembrano si vogliano coprire con il cadavere del prossimo per camminarci sopra.
Bisognerebbe separare il lato emozionale da quello razionale; è stato un evento orribile e tragico, ma questo non dovrebbe impedire un'analisi razionale dei motivi almeno per quanto possono evincersi dal linguaggio. Non ho motivo di cambiare idea sul fatto che vedo una forma di prepotenza in quello che ha scritto, che sia stata rivolta verso sé stessi non la fa diventare un'altra cosa.

Dicono niente le piccole spie di linguaggio come "il mondo che mi doveva essere consegnato"? E per quanto si possa voler decontestualizzare la frase (cosa che non voglio) questa non è una pretesa?

Infine non mi pare che la metafora che ho usato sia stata usata bene; chi nel corso del topic ha metaforicamente usato il cadavere del ragazzo per camminarci sopra? Quale vantaggio ne sarebbe derivato a chi? Stiamo solo scambiandoci le impressioni che la lettera ha suscitato in ciascuno di noi.

E poi di casi di suicidio dovuti all'odio è pieno il mondo, anche senza scomodare le cinture esplosive. Non so analizzare psicologicamente le cose così a fondo, ma non ho letto solo sofferenza; ho letto anche parecchia rabbia.
Vecchio 27-08-2020, 13:40   #14
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Non crocifiggo nessuno, anzi. Però la dura verità è che il mondo non ti deve niente, dal momento che capisci questa cosa sei costretto ad abbassare l'asticella delle tua aspettative ed infine ad eliminarle del tutto. Oppure fai quel che si dice "imparare a stare al mondo", ovvero lottare e farsi il mazzo senza stare tanto a pensare al perché o il percome. Si può vivere bene o male in entrambe le condizione, non vi è una giusta e una sbagliata, anche se ci hanno inculcato nella nostra educazione che la via della lotta è l'unica possibile, niente di più sbagliato. Se però stai nel mezzo desiderando una cosa ma stando in un altra senza sapere come uscirne allora si che la vita diventa impossibile.
Vecchio 27-08-2020, 14:07   #15
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da ila82 Visualizza il messaggio
comunque era sicuramente depresso, insomma sentiva non riconosciuto il suo valore e le sue qualita', cioe' non riconosciute non specificatamente a lui ma proprio una societa' impostata su altri criteri...ci sara' facilmente stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso... ma e' anche una riflessione ponderata, tanta fatica e riusltati scarsi, il piu' della vita soffrendo, combattendo per elemosinare attimi di semplice pace (pace come forse si puo' immaginare l'aldila' ) e che gli si puo' dire? "no guarda sei depresso una pillolina e ti accorgi che la vita e' una figata un dono in cui ogni istante val la pena di esser vissuto" ?
Certo che era depresso ma molto lucido nel suo intento, la depressione è la conseguenza del non venire accettati...
Vecchio 27-08-2020, 14:11   #16
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Non giudico il suo gesto estremo, ma quando devi alzarti la mattina con le spalle pesanti, sapendo che passerai un’ altra giornata di merda, uguale a quella di ieri, senza motivazioni, soddisfazioni, né qualcuno che ti stia vicino, è lacerante e una persona molto sensibile arriva a ciò.
Molti scrivono che odiava la vita e quindi vivere, al contrario ragazzi, uno che si suicida ama la vita così tanto che ne vorrebbe una diversa, non quella che stava facendo, ma voleva vivere eccome, ma avendo le cose che voleva.
Ringraziamenti da
DeadSoul (28-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 14:12   #17
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da FolleAnonimo Visualizza il messaggio
È proprio la mia impressione quella che sto esprimendo perché mi fa schifo continuare a leggere che le cose bisogna conquistarle alla Massimo Decimo Meridio.
Puoi schifarti quanto vuoi, la pensavo così pure io. Ma non per questo il mondo andrà diversamente; siamo (ancora) animali se pur un po' più intelligenti degli altri animali e abbiamo anche la favella e il pollice opponibile, ma siamo e restiamo animali, e la Natura è basata sulla competizione. Non per niente MDM è un'icona.

Quote:
Perché una cazzo di persona per trovare e avere un lavoro deve andarlo a mendicare?
Perché se mendica non lo trova. Giusto ieri leggevo una lettera di una bibliotecaria in cui parlava di queste cose a una ragazza che faceva molto la "choosy". Le ha risposto più o meno "perché una ditta dovrebbe volere e pagare te piuttosto che un'altra persona? Qual è il tuo valore che fa convenire al datore di lavoro spendere per avere te piuttosto che qualcun altro?". Non è bello ma il mondo va così; anzi, mendicare mette in una manifesta posizione di inferiorità e nel migliore dei casi si sarà più o meno uno schiavo malpagato.

La cosa brutta da accettare è che almeno io non ho le qualità di carattere e professionali per presentarmi da qualche parte e in mancanza di condizioni eque farmi tirare per la giacchetta se mi sto alzando per andarmene. Il mondo del lavoro è così, e pur inaccettabile per la nostra sensibilità e pur sancito dalla costituzione, di fatto non è per nulla un diritto. Voler negare questo, che è l'evidenza dei fatti, è semplicemente sbagliato.

Non abbiamo fatto noi il mondo, purtroppo.
Vecchio 27-08-2020, 14:26   #18
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da pokorny Visualizza il messaggio
Puoi schifarti quanto vuoi, la pensavo così pure io. Ma non per questo il mondo andrà diversamente
Non è bello ma il mondo va così; anzi, mendicare mette in una manifesta posizione di inferiorità e nel migliore dei casi si sarà più o meno uno schiavo malpagato. [...]

e pur sancito dalla costituzione, di fatto non è per nulla un diritto. Voler negare questo, che è l'evidenza dei fatti, è semplicemente sbagliato.

Non abbiamo fatto noi il mondo, purtroppo.
Si' non l'abbiamo fatto ma magari uno puo' dire " e che c.zzo a me cosi' non va"
immagina non sia solo che bisogna peregrinare da un interinale all'altra supplicando e scodinzolando e fingendosi cio' che non si e' e idem con l'altro sesso, ma sia proprio l'inferno con tanto di fiamme ardenti non diresti penso " e vabbe' e' cosi' ,non bisogna aver pretese, bisogna adattarsi " ma probabilmente piuttosto " fancu.o chi gestisce sto ca.zo di posto e chi ha mai pensato fosse una bella idea farmici nascere"
E comunque il mondo va cosi' ma come ha fatto l'autore della lettera ci si puo' tirar fuori, inoltre puo' anche essere che se una parte di giovani fan come lui (cosa che non invito a fare, ma per dire che non e' detto che il suo gesto non faccia riflettere come quello di suicidi di imprenditori che non ce la fanno ecc.) magari la societa' ripensa un po' le sue regole, pensa ci vorrebbero piu' tutele, forme di integrazione, per non escludere, per distruibuire di piu' le opportunita', per essere meno diretti e spietati ecc.

Ultima modifica di ila82; 27-08-2020 a 14:32.
Vecchio 27-08-2020, 14:41   #19
Esperto
L'avatar di Xchénnpossoreg?
 

Mi spiace molto per lui e per la sua famiglia, posso solo immaginare la disperazione dei genitori. La morte di un figlio è sempre un dramma, figuriamoci poi un suicidio.

La delusione raccontata da questo ragazzo è simile a quella di altre persone, purtroppo tante volte sogni e speranze non trovano riscontro nella vita quotidiana.
Spesso bisogna ridimensionare le ambizioni e accontentarsi, funziona così da sempre.
Non esiste un diritto alla felicità e tra l'altro noi cosa ne sappiamo davvero della felicità?
Il lavoro sperato - una volta ottenuto - potrebbe risultare un incubo, una fonte costante di stress e ansie. Una relazione? Vedo tante persone impegnate e insoddisfatte, l'amore (o il suo facsimile) non è per forza di cose una garanzia.
E tutto il resto?
A volte il tempo ti può persino portare a capire che la felicità vera è una buona notizia relativa a una persona cara..
È difficile e spesso sconfortante, lo so. Però sinceramente per come la vedo io conviene restare e andare avanti, passo dopo passo... E lo dico con tutto il rispetto possibile per il ragazzo.
Ringraziamenti da
Hor (27-08-2020)
Vecchio 27-08-2020, 14:44   #20
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Xchénnpossoreg? Visualizza il messaggio
Non esiste un diritto alla felicità e tra l'altro noi cosa ne sappiamo davvero della felicità?
In tal caso io potrei chiedermi se vale la pena vivere.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Lettera di Michele
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Lettera di Suicidio Lav Pat'Nab Forum Altri Temi per Adulti 25 05-12-2015 11:14
Lettera di presentazione reknub Forum Scuola e Lavoro 33 06-11-2015 21:49
lettera d'addio viene.y.va SocioFobia Forum Generale 17 08-03-2011 08:31
Lettera su FB per il Pd U'megghje Off Topic Generale 5 12-06-2010 07:12
lettera d' amore Alexsey Timidezza Forum 27 20-04-2006 20:20



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 09:49.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2