FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 23-03-2021, 20:44   #1
Intermedio
 

Ho letto che molti hanno questo problema.
Me compreso.

Analizziamo insieme il perchè di questa tendenza all'accondiscendenza dovuta.

La paura di essere considerati "cattivi"
la paura di essere considerati egoisti?
la paura dell'abbandono?
la paura di non venire accettati?
la paura di venire sgridati, derisi, aggrediti?
la paura di perdere un sostegno morale in momenti di solitudine e disperazione?

Pensate che vi siano motivazioni consce o inconsce?

https://www.serviziodipsicologia.it/perche-non-riesco-a-dire-di-no/

https://www.serviziodipsicologia.it/imparare-a-dire-di-no-fa-bene-allautostima/




Mi è venuta in mente una tecnica da applicare subito.


Se dite sempre si perderete la forza di opporvi, l'amico se è egoista e per niente amico ne approfitterà.Voi introietterete rabbia.A ogni richiesta vi verrà rabbia e incapacità di dire no.



Se un amico vi chiede. Mi puoi accompagnare in macchina domani alle 10?

Possono esserci varie risposto.
Si.
No.
Si condizionato.

Secondo me la migliore è il sì condizionato.Non bisognerebbe quasi mai usare il sì semplice, ma solo quello condizionato.

Ad esempio. Domani mi puoi accompagnare alle 9?
Tu rispondi si, ma non alle nove, alle nove e venti, ma devi assolutamente portare una giacca in più e un ombrello.Sennò non vengo.

Oppure anche usare l'ironia.Ma devi indossare una maglia gialla, sennò non vengo.Poi ti spiego.Poi ci scherzate.

Questo dà controllo all'accondiscendenza.Quindi la si può sempre controllare sia da parte nostra che fai capire all'altro, se è vile ed egoista che non deve approfittarsene.

Che ne pensate?
Ringraziamenti da
sconfitto (23-03-2021)
Vecchio 23-03-2021, 21:14   #2
Intermedio
 

C'è molto materiale in rete.

Ho trovato questo interessante.

https://www.bsimonamorabito.it/2018/09/08/perche-non-riesco-a-dire-di-no/


In effetti anch'io temo di non essere riconoscente fino in fondo, di essere giudicato egoista, venale.

Forse perchè la mia autostima si basa più su qualità morali, più che su qualità professionali.Se decadesse la mia figura morale rimarrei a terra.

Ovvio che le persone più vili fanno proprio leva su questi sentimenti per schiavizzarti. Mi fidavo di te, di lui invece di fido. Se non li accondiscendi cercano di ferirti.Queste persone sono facilmente individuabili.Vanno schernite a freddo, preparandosi o allontanate.
Vecchio 23-03-2021, 22:16   #3
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Cioran Visualizza il messaggio
La paura di essere considerati "cattivi"
la paura di essere considerati egoisti?
la paura dell'abbandono?
la paura di non venire accettati?
la paura di venire sgridati, derisi, aggrediti?
la paura di perdere un sostegno morale in momenti di solitudine e disperazione?

Pensate che vi siano motivazioni consce o inconsce?
aggiungo anche la mancanza d'esperienza, chi è più allenato socialmente è in grado di capire più velocemente quando ne vale la pena, chi come me a livello sociale non ha esperienza prende più spesso delle bidonate



Quote:
Originariamente inviata da Cioran Visualizza il messaggio
Secondo me la migliore è il sì condizionato.Non bisognerebbe quasi mai usare il sì semplice, ma solo quello condizionato.
in parte è vero perchè non bisogna mai far capire che noi ci siamo sempre, la nostra presenza non deve essere scontata, ma c'è da considerare anche gli interessi personali che si hanno, se questa è una persona che ci aiuta sempre e non si fa problemi per farlo gli si dice di si quasi in maniera incondizionata, uguale se noi vogliamo trarre qualcosa da questa persona come una simpatia o un futuro piacere, insomma, c'è da guardare anche il proprio tornaconto
Ringraziamenti da
Cioran (23-03-2021)
Vecchio 23-03-2021, 22:35   #4
Esperto
L'avatar di Nightlights
 

Non è il mio caso, sono di più le volte che dico di no rispetto a quelle in cui dico di si.
Poi penso che sia un discorso troppo generico, dipende moltissimo dal tipo di persone con cui si ha a che fare, e dal contesto (lavorativo, amichevole...)

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk
Vecchio 23-03-2021, 23:15   #5
Intermedio
 

Per me se ne approfittano facendo leva sul mio senso di riconoscenza e della parola data.

Magari mi inducono a farmi dire che poi farò una cosa.Dovrei restare sul vago.
Vecchio 25-03-2021, 17:51   #6
Intermedio
 

Forse non riuscire a dire di no è semplice conseguenza di una compulsione a dire di sì.
Quindi potrebbe centrare il doc.
Vecchio 25-03-2021, 18:09   #7
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Nelle situazioni in cui non dico di no, in fin dei conti poi sono io che non voglio dire "no" per certi motivi, so che ci sarebbero quasi certamente conseguenze che vorrei evitare, quindi non riesco a capire tutti questi falsi problemi attorno a 'sta cosa.
Se potessi sempre fare come mi pare senza ritorsioni di no gliene avrei sbattuti in faccia una marea al resto del mondo senza problemi, ma non è che un cazzo di strizzacervelli quando mi dice di imparare a dire di no le elimina queste ritorsioni.
Avrei detto di no alla scuola e così via, ma poi le rotture di coglioni di genitori, parenti e consorzio sociale me le sarei dovute sorbire io.
Non riesco ad afferrare il problema, dire di "no" è una cosa facile verbalmente, mica uno ha i blocchi, solo che dire troppi "no" maldispone certi altri che hanno un carattere di merda, ma per certi motivi magari ti serve frequentarli.
Certe volte la cosa migliore è inventarsi una cazzata invece di dire di no per evitare maldisposizioni e roba del genere "non posso devo fare questo e quell'altro" e ti togli dalle palle 'sta gente che è capace poi di segnarselo al dito che non sei stato cavalier servente. Soprattutto certe donne così bisogna trattarle.
Anche a scuola inventarsi di star male era un'ottimo stratagemma poi per non andarci con una negazione volontaria e non farti rompere i coglioni a causa della negazione volontaria. Ma funzionava per poco.

Ultima modifica di XL; 25-03-2021 a 18:24.
Vecchio 25-03-2021, 20:18   #8
Avanzato
L'avatar di confusa86
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Non riesco ad afferrare il problema, dire di "no" è una cosa facile verbalmente, mica uno ha i blocchi, solo che dire troppi "no" maldispone certi altri che hanno un carattere di merda, ma per certi motivi magari ti serve frequentarli.
Non è facile, ci sono eccome i blocchi, io lo so bene. E' vero che basta dire no ed è facile come dire sì, ma a volte le conseguenze del no appaiono enormi soltanto a noi a causa appunto di paranoia, insicurezza e simili. Esempio, mi chiedono di uscire, non mi va ma non riesco a dirlo per paura di essere poi esclusa, oppure un amico mi chiede una serie di favori ma non riesco a dire no perchè non voglio sembrare maleducata o perchè non voglio che pensi che sono egoista.
Ci scrivono interi manuali su questo discorso, ci sarà un motivo: buon per te che non hai questo problema ma credimi che è diffuso
Ringraziamenti da
Cioran (25-03-2021)
Vecchio 25-03-2021, 20:42   #9
Esperto
L'avatar di Nightlights
 

Quote:
Originariamente inviata da Cioran Visualizza il messaggio
Per me se ne approfittano facendo leva sul mio senso di riconoscenza e della parola data.



Magari mi inducono a farmi dire che poi farò una cosa.Dovrei restare sul vago.
Io divento sospettoso generalmente se qualcuno insiste molto per farmi dire di sì, a livello di provocazioni ecc., comincio a pensare che ha secondi fini e tutta la situazione comincia a non piacermi..

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk
Ringraziamenti da
Cioran (25-03-2021)
Vecchio 25-03-2021, 21:39   #10
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da confusa86 Visualizza il messaggio
Non è facile, ci sono eccome i blocchi, io lo so bene. E' vero che basta dire no ed è facile come dire sì, ma a volte le conseguenze del no appaiono enormi soltanto a noi a causa appunto di paranoia, insicurezza e simili.
Alla fine non è che sono enormità, delle persone mettono il muso, con altre ci litighi, una donna non te la dà più o minaccia di lasciarti perché ne trova altri cento di zerbini, e così via, ma comunque poi sono cose che devi sorbirti.
Non è la fine del mondo, ma sempre disagio crea.
Le altre persone e il consorzio umano circostante non funziona poi diversamente da una macchina automatica di merda.
L'insicurezza poi non è detto che sia un costrutto paranoico, ha a che fare un po' con tutto l'essere, perciò anche qua non è che impari a dire qualcosa, dovresti imparare prima ad essere tutt'altro, non è un semplice apprendere un atto comportamentale, devi proprio cambiare posizione sociale, relazionale e così via per essere più sicuro in termini oggettivi.

Se hai un solo lavoro che ti permette di tirare avanti è ovvio che prima di mandare a quel paese il padrone del cavolo che te lo dà dovresti cercare di acquisire altre competenze, quindi il continuare ad accettare una certa situazione può essere anche frutto dell'insicurezza professionale, ma se questa è oggettiva dovrai sorbirti la situazione finché non acquisisci competenze che ti permettono di mandare a quel paese il datore e il lavoro dicendo un no secco a uno stipendio che non ti soddisfa in relazione a quel che fai.
A finire per strada non si muore, però poi magari si vive peggio.
Se osservo chiaramente che il no mi fa vivere meglio lo dico, anzi agisco proprio in tal senso, ma se vedo che mi porta altre grane che che mi comporto a fare così?

Già soltanto a lavorare uno dovrebbe dire di no, ma si sa com'è strutturato tutto e se uno non lavora e non ha un'entrata importante è un difetto sociale.
Ogni no che una persona dice, ogni forma di rifiuto nel tenere un certo comportamento richiesto, ha poi delle conseguenze, e sono conseguenze oggettive. Ed è tutto basato sulla minaccia e la ritorsione.

Se un'altra persona non offre nulla che interessa che potrebbe ritirare non si sarebbe diplomatici nell'essere accondiscendenti nei confronti di certe richieste.

Dite di sì a tutti in egual modo? Osservatevi davvero e vedrete che vi rifiutate di fare un mucchio di cose quando l'altro che chiede non conta nulla o quando siete voi la parte più forte che negozia e che può ritirare qualcosa e l'altro non può sostituirvi facilmente.
Non è difficile notare che una donna carina (consapevole di esserlo) sarà spesso meno accondiscendente e disponibile con un tizio nella norma di una brutta, queste cose non sono casuali o dovute soltanto a qualche tara comportamentale. Perché acquisisce un comportamento più disponibile e meno oppositivo di fronte a certe richieste la donna brutta?
Questi aspetti qua diventano invisibili in ambito psicologico mentre bisognerebbe tenerne conto.

Se un tizio per strada vi chiedesse dei soldi con insistenza non sareste capaci di aggirare la richiesta perché avete uno schema che vi obbliga a dire di sì a tutti indiscriminatamente?

A me non pare sia così.

Ultima modifica di XL; 25-03-2021 a 22:40.
Ringraziamenti da
Cioran (25-03-2021), Nightlights (25-03-2021)
Vecchio 25-03-2021, 21:46   #11
Avanzato
L'avatar di confusa86
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Alla fine non è che sono enormità, delle persone mettono il muso, con altre ci litighi, una donna non te la dà più o minaccia di lasciarti perché ne trova altri cento di zerbini, e così via, ma comunque poi sono cose che devi sorbirti.
Non è la fine del mondo, ma sempre disagio crea.
Le altre persone e il consorzio umano circostante non funziona poi diversamente da una macchina automatica di merda.
L'insicurezza poi non è detto che sia un costrutto paranoico, ha a che fare un po' con tutto l'essere, perciò anche qua non è che impari a dire qualcosa, dovresti imparare prima ad essere tutt'altro, non è un semplice apprendere un atto comportamentale, devi proprio cambiare posizione sociale, relazionale e così via per essere più sicuro in termini oggettivi.
Certo che sono tutti problemi superabili, ma è proprio quello il problema della paranoia, che 1) ti crei problemi inesistenti e 2) li ingigantisci.
Poi in alcuni casi è pure vero che gli altri se ne approfittano, oppure che si offendono, e quindi si fa bene a "pensare male" e soprattutto quando non si ha voglia o forza di affrontare un conflitto diventa un vero disagio.
Vecchio 25-03-2021, 22:17   #12
Esperto
L'avatar di Nightlights
 

In passato, ero uno che tendeva a dire quasi sempre di si alle occasioni sociali che capitavano, a volte me ne sono amaramente pentito.
Poi sono usciti i casini psicologici e sono passato all'estremo opposto.
Diciamo che un giusto equilibrio tra i si e i no dovrebbe essere la condizione ideale.
A volte dire di no è necessario, è saggezza, e evitarsi rogne in alcune situazioni. Quindi secondo me dire sempre si non è una "strategia" conveniente.

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk
Vecchio 25-03-2021, 22:58   #13
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da confusa86 Visualizza il messaggio
Certo che sono tutti problemi superabili
Ma non sono superabili per niente, perché alla fine un po' tutti si adattano alle richieste e là dove hanno bisogno di qualcosa saranno forzati a dire di sì a certe richieste (che magari sono rotture di coglioni) perché hanno bisogno di avere certe cose in cambio che non sanno procurarsi altrove facilmente.
E' chiaro che se l'altro non possiede nulla in termini relazionali, sessuali, economici, insomma non ha in mano un cazzo, gli verrà detto in faccia un NO gigantesco e roboante. La stessa cosa vale se è sostituibile da altri cento ben disposti.
Non mi servi... Puoi litigare, mettermi il muso, fare quello che ti pare, è meglio che te ne vai a quel paese direttamente, con te non ho nulla da perdere, ma non sempre è così. I conflitti possono portare a delle perdite e non solo a dei guadagni, quindi bisogna valutare caso per caso.

Ultima modifica di XL; 25-03-2021 a 23:16.
Vecchio 26-03-2021, 12:33   #14
Intermedio
 

Secondo me basta semplicemente fare uscire le proprie emozioni per quello che sono fregandosene della paura che siano sbagliate, distruggenti ecc... fregandosene del senso... ogni emozione è appropriata sempre, non esistono emozioni sbagliate... l'unica cosa da evitare a mio parere è la violenza fisica

Dire di si ti fa sentire bene, di di si, ti fa sentire male, di di no, sei arrabbiato vuoi insultarlo, fallo, pensi che sia uno stronzo e che tu non debba più vederlo, dillo... a furia di essere ansiosi si diventa ipocriti

Ultima modifica di Vento; 26-03-2021 a 12:37.
Vecchio 26-03-2021, 12:40   #15
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Cioran Visualizza il messaggio
Ho letto che molti hanno questo problema.
Me compreso.

Analizziamo insieme il perchè di questa tendenza all'accondiscendenza dovuta.

La paura di essere considerati "cattivi"
la paura di essere considerati egoisti?
la paura dell'abbandono?
la paura di non venire accettati?
la paura di venire sgridati, derisi, aggrediti?
la paura di perdere un sostegno morale in momenti di solitudine e disperazione?

Pensate che vi siano motivazioni consce o inconsce?

https://www.serviziodipsicologia.it/...-a-dire-di-no/

https://www.serviziodipsicologia.it/...-allautostima/




Mi è venuta in mente una tecnica da applicare subito.


Se dite sempre si perderete la forza di opporvi, l'amico se è egoista e per niente amico ne approfitterà.Voi introietterete rabbia.A ogni richiesta vi verrà rabbia e incapacità di dire no.



Se un amico vi chiede. Mi puoi accompagnare in macchina domani alle 10?

Possono esserci varie risposto.
Si.
No.
Si condizionato.

Secondo me la migliore è il sì condizionato.Non bisognerebbe quasi mai usare il sì semplice, ma solo quello condizionato.

Ad esempio. Domani mi puoi accompagnare alle 9?
Tu rispondi si, ma non alle nove, alle nove e venti, ma devi assolutamente portare una giacca in più e un ombrello.Sennò non vengo.

Oppure anche usare l'ironia.Ma devi indossare una maglia gialla, sennò non vengo.Poi ti spiego.Poi ci scherzate.

Questo dà controllo all'accondiscendenza.Quindi la si può sempre controllare sia da parte nostra che fai capire all'altro, se è vile ed egoista che non deve approfittarsene.

Che ne pensate?
Credo sia una lucubrazione ansiosa, che nasca dalla paura di perdere il controllo, fai quello che ti senti, se cerchi bene sotto l'ansia e l'inadeguatezza c'è sempre quello che vorresti fare veramente, ma che pensi immediatamente sia sbagliato, ecco quello è la cosa più giusta anche se è paradossale e non ha senso
Vecchio 26-03-2021, 12:46   #16
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Un altra tecnica...

Vecchio 26-03-2021, 14:56   #17
Esperto
L'avatar di cosechenonho
 

Ho sempre avuto problemi a dire “no”, principalmente perché mi vengono automatici i sensi di colpa e pur di liberarmene accetto di fare quello che mi viene chiesto di fare anche se non voglio. Non riesco ad essere assertiva purtroppo, a volte riconosco in pieno le “tecniche” di manipolazione messe in atto per persuadermi ma lo stesso non riesco ad oppormi. Sono una “people pleaser”. Ho dei complessi di inferiorità e le poche relazioni o amicizie che ho avuto per me erano tossiche, tant’è che sono durate finché sono tornata utile e ritenuta sfruttabile
Credo che sarebbe meglio rispondere alle richieste o alle provocazioni piuttosto che reagire, ovvero dovremmo prenderci del tempo per pensare razionalmente e mettere dei confini tra noi stessi e gli altri. Anche a costo di deluderli o di attirare antipatie. Dire continuamente di sì è deleterio, se poi noi siamo persone che chiedono poco, che hanno paura di disturbare ecc. lo squilibrio è evidente.
Se ho capito una cosa in questi ultimi anni è che a forza di soddisfare i bisogni altrui una persona inevitabilmente rimane senza energie per sé stessa...

Ultima modifica di cosechenonho; 26-03-2021 a 15:00.
Ringraziamenti da
Cioran (26-03-2021)
Vecchio 26-03-2021, 15:06   #18
Esperto
 

No, io voglio essere accondiscendente!
Vecchio 26-03-2021, 19:05   #19
Banned
 

Anche io un tempo non riuscivo a dire di no, ma non è così difficile, basta che ti giustifichi (come fanno gli altri daltronde) dicendo che non puoi fare quella cosa perchè magari non stai bene o sei in un periodo difficile.
Vecchio 27-03-2021, 10:41   #20
Principiante
L'avatar di Focaccia
 

Nonostante i miei progressi notevoli dal punto di vista caratteriale, tanto che attualmente mi posso reputare abbastanza estroverso, per quanto sia un'estroversione costruita, ho sempre il problema di non riuscire a dire NO secco.

Ci sto lavorando da sempre, ma ammetto che è tosto come punto, penso che sia una cosa parecchio complessa da gestire e che rientri nel "farsi valere".
Come ogni cosa forse è meglio partire dal basso con negazioni più semplici, per poi arrivare ad applicarlo alla vita di tutti i giorni senza timori e senza campare scuse varie, dire semplicemente NO perché è NO!

Di recente a lavoro sono riuscito ad impormi con un dirigente dicendogli NO ad un cambio mansione che reputavo profondamente ingiusto e nocivo per la mia crescita professionale; nonostante sia stato un NO abbastanza pesante che ha portato a degli scontri e inimicizie so di aver fatto la scelta giusta a non piegarmi e sono anche fiero di me per come ho saputo farmi valere.

Ragazzi è fondamentale saper gestire questo ambito, serve tantissimo nella vita: dalle amicizie, al lavoro fino alle relazioni sentimentali, tutti ambiti su cui purtroppo ho sperimentato sulla mia pelle che significhi non saper farsi valere.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Imparare a dire NO. Basta accondiscendenza
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Donne in piazza per dire basta alla violenza di genere Atlas Off Topic Generale 591 21-01-2019 16:19
Salvatemi dall'accondiscendenza!!!!! nellamerda Storie Personali 5 04-07-2015 19:32
quando dire basta? ucn93 SocioFobia Forum Generale 54 09-04-2013 19:37
Il muro dell' accondiscendenza trademarko SocioFobia Forum Generale 28 08-08-2012 12:44
Dove finisce l'accondiscendenza e inizia la cedevolezza Martello Storie Personali 16 10-12-2011 01:11



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:39.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2