FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 11-09-2009, 12:37   #21
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da christy Visualizza il messaggio
oh prassi trash puro al massimo lo scrivete voi su sto forum...io fino a prova contraria ho scritto sempre centinaia di post con analisi del proprio Io (roba che qui dentro fanno bene in pochi...qui dentro pieno di gente che si limita a dire "SONO FOBICO", "ho l'ansia...non ho il ragazzo" SENZA minimamente provare ad analizzarsi ed esporre le proprie analisi...quindi se mai il contrario...io insieme a forse un altro paio di utenti siamo gli unici che facciamo una profonda autoanalisi per scrivere su sto forum senza usarlo come "l'angolo dell'amico del cuore", ma piuttosto come una "seduta terapeutica")...poi che qualche utente o mod (vedi Red) si sia sempre divertito a farlo passare per altro (quando forse io sono stato sempre uno dei pochi a scrivere thread interessanti e analitici sul proprio Io) un altro discorso a cui io nemmeno badavo molto...


Detto questo per raggiungere la consapevolezza necessaria e migliorarsi c' bisogno solamente di tanta analisi e soprattutto tanti sforzi/tentativi.
analisi di che? c' analisi, ma nessuno analizza. questo essere "aware"! non c' niente di niente da analizzare. allo stesso modo c' confusione riguardo a noi e alle cose che succedono, ma nessuno confuso. questo un altro esempio meraviglioso di essere totalmente consapevoli.

tu credi che la comprensione sia una questione di saperlo spiegare, e quindi tradurlo in linguaggio?

per il resto, non hai risposto alla mia domanda. anzi direi che hai peggiorato la situazione, sostituendo a consapevolezza "analisi", come se si trattasse di una descrizione linguistica!

spero di non essere stato troppo presuntuoso, ma questo quello che penso. p.s. il trash lo scrivevi tu, chiedi in giro.

-------------------------------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------------------------------
in questo post credo di essermi un p lasciato prendere dalla solita... "egomania"... abbiate pazienza

Ultima modifica di Prassi; 12-09-2009 a 19:30.
Vecchio 11-09-2009, 12:40   #22
Esperto
L'avatar di JohnReds
 

Quote:
Originariamente inviata da Prassi Visualizza il messaggio
che la comprensione sia una questione di saperlo spiegare, e quindi tradurlo in linguaggio?
questa domanda, con la sua risposta (che NO) spiega in sintesi qual' l'enorme divario tra teoria e pratica

comunque credo sia possibile (parlando in modo molto prolisso, approfondito e facendo esempi) cercare di spiegare realmente cosa sia la comprensione, ma anchq qui non si sar mai chiari al 100%
Vecchio 11-09-2009, 13:25   #23
Banned
 

ok..allora ha parlato quello che usa il termine "aware" giusto x fare il "figo" o cosaltro?
sai che ti dico? ma non sto nemmeno a perdere tempo a rispondere...mesi fa l'avrei perso...ora? dico quell oche penso e tiro dritto.

Io ho fatto e sto facendo un'autoterapia ottimale e mi analizzo come pochi altri...voi no....io mi sto riconquistando il mondo e una sicurezza notevole voi no...

quindi vaffanchiappola al tuo "aware"....d consapevolezza e non scassare la balle...

Io scrivevo trash? intanto io sono l'unico che concretamente sul forum partito quando si iscritto che era solo e non usciva di casa per la disabitudine e attuando ci che scriveva arrivato ad uscire, a conoscere persone e soprattutto ad abituarsi alla vita sociale.

Il trash quindi il tuo/vostro modo di vivere e i vostri post senza un minimo di senso. Opachi...bye
Vecchio 11-09-2009, 13:46   #24
Avanzato
 

Quote:
Originariamente inviata da JohnReds Visualizza il messaggio
questa domanda, con la sua risposta (che è NO) spiega in sintesi qual'è l'enorme divario tra teoria e pratica

comunque credo sia possibile (parlando in modo molto prolisso, approfondito e facendo esempi) cercare di spiegare realmente cosa sia la comprensione, ma anchq qui non si sarà mai chiari al 100%
è proprio vero...come si fà ad essere consapevoli nella vita di tutti i giorni?

Secondo me è una cosa che non si può spiegare ma solo provare.. E, in ogni caso, la si può provare per istanti della propria vita...

------in merito al come fare nella vita di tutti i giorni------
Quote:
christy dice
Detto questo per raggiungere la consapevolezza necessaria e migliorarsi c'è bisogno solamente di tanta analisi e soprattutto tanti sforzi/tentativi.
il fatto di analizzarsi comporto il fatto di pensare, il pensare secondo me crea disturbo all'interno della mente...magari fà anche venire a galla l'inconscio ma potrebbe anche distorcerlo.. ricordiamoci che il cervello è molto bravo ad ingannarci...

Quote:
mentre Prassi dice..
analisi di che? c'è analisi, ma nessuno analizza. questo è essere "aware"! non c'è niente di niente da analizzare. allo stesso modo c'è confusione riguardo a noi e alle cose che succedono, ma nessuno è confuso. questo è un altro esempio meraviglioso di essere totalmente consapevoli.
Prassi invece mi sembra che si ispiri alla cultura orietale (Buddismo, Zen)....Secondo la quale la consepevolezza si può raggiungere solo tramite la meditazione. E meditare signifca tutto meno che pensare o analizzare. Però tramite la meditazione si possono far venire a galla l'inconscio...

----------------------------------------
Ho scritto tante belle cose ma non ho ancora risposto a Prassi: cosa fare nella vita di tutti i giorni?

Io personalmente ogni tanto non tutti i giorni mi dedico a qualcosa che è una via di mezzo tra meditazione e analisi e leggo libri..(in questo periodo Osho).

Ultima modifica di J4ck; 11-09-2009 a 13:51.
Vecchio 11-09-2009, 14:17   #25
Avanzato
 

Quote:
Originariamente inviata da christy Visualizza il messaggio
ok..allora ha parlato quello che usa il termine "aware" giusto x fare il "figo" o cosaltro?
sai che ti dico? ma non sto nemmeno a perdere tempo a rispondere...mesi fa l'avrei perso...ora? dico quell oche penso e tiro dritto.

Io ho fatto e sto facendo un'autoterapia ottimale e mi analizzo come pochi altri...voi no....io mi sto riconquistando il mondo e una sicurezza notevole voi no...

quindi vaffanchiappola al tuo "aware"....d consapevolezza e non scassare la balle...

Io scrivevo trash? intanto io sono l'unico che concretamente sul forum partito quando si iscritto che era solo e non usciva di casa per la disabitudine e attuando ci che scriveva arrivato ad uscire, a conoscere persone e soprattutto ad abituarsi alla vita sociale.

Il trash quindi il tuo/vostro modo di vivere e i vostri post senza un minimo di senso. Opachi...bye
continui a scrivere (o fai intedere) che sei il "migliore" e gli altri sono "sfigati" e che non fanno nulla per migliorare le proprio condizione...

Dici di avere la massima comprensione e consapevolezza di tutto MA ORA COSA FAI... FUGGI di fronte al confronto di opinioni sul tema della consapevolezza....forse non sei poi cosi tanto il migliore o lo sei solo nei tuoi pensieri...
Vecchio 11-09-2009, 15:28   #26
Banned
 

io non fuggo assolutamente...per dal momento che parlo con gente "ignorante" a riguardo parlarne o non parlarne la stessa cosa...e se devo fare discussioni da bar allora le faccio nella vita di tutti i giorni e non su un forum che almeno ci ricavi qualcosa di pi utile...
Vecchio 11-09-2009, 15:45   #27
Avanzato
 

Bene allora rispondi alle nostre tesi con tesi contrarie che dimostrino la nostra ignoranza in materia, cosi potremo comprendere anche noi dove stiamo sbagliando e migliorarci...

Io penso che il forum serva proprio a questo...confronto per miglioramento...

Il Trash del quali parli c'è sicuramente sul forum, ma non penso proprio che sia il caso di in questa discussione, per questo ti chiederei di continuare a discutere del tema principale...
Vecchio 11-09-2009, 18:12   #28
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da christy Visualizza il messaggio
ok..allora ha parlato quello che usa il termine "aware" giusto x fare il "figo" o cosaltro?
sai che ti dico? ma non sto nemmeno a perdere tempo a rispondere...mesi fa l'avrei perso...ora? dico quell oche penso e tiro dritto.

Io ho fatto e sto facendo un'autoterapia ottimale e mi analizzo come pochi altri...voi no....io mi sto riconquistando il mondo e una sicurezza notevole voi no...

quindi vaffanchiappola al tuo "aware"....d consapevolezza e non scassare la balle...

Io scrivevo trash? intanto io sono l'unico che concretamente sul forum partito quando si iscritto che era solo e non usciva di casa per la disabitudine e attuando ci che scriveva arrivato ad uscire, a conoscere persone e soprattutto ad abituarsi alla vita sociale.

Il trash quindi il tuo/vostro modo di vivere e i vostri post senza un minimo di senso. Opachi...bye
questo quello che si intende per "trash"
Vecchio 11-09-2009, 18:26   #29
Banned
 

Prassi l'unico che fa trash qui sei tu....che sei anonimo....come lo sono i tuoi post...
e non aggiungi mai nulla di nuovo al forum...
Vecchio 11-09-2009, 19:05   #30
Esperto
L'avatar di JohnReds
 

Quote:
Originariamente inviata da christy Visualizza il messaggio
non ho capito una sega
quoto

ahrarara amici
Vecchio 12-09-2009, 19:27   #31
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da JohnReds Visualizza il messaggio
questa domanda, con la sua risposta (che è NO) spiega in sintesi qual'è l'enorme divario tra teoria e pratica

comunque credo sia possibile (parlando in modo molto prolisso, approfondito e facendo esempi) cercare di spiegare realmente cosa sia la comprensione, ma anchq qui non si sarà mai chiari al 100%
forse sbaglio, ma mi sembra che le tue due frasi si contraddicano. non so se qualcosa possa essere spiegato a solo a metà: se il linguaggio lo permette può essere spiegata descrivendola all'infinito, altrimenti può solo essere riferita o puntata.
dentro la prima categoria ricadrebbero gli oggetti fisici che possono essere descritti, come un albero. se entrambi abbiamo visto lo stesso albero basta un concetto che lo punti nella nostra memoria, se io non l'ho visto qualcuno me lo deve spiegare descrivendolo all'infinito.

dentro la seconda categoria, secondo me, ricadrebbero gli oggetti non fisici in senso stretto che non hanno una descrizione. ad esempio, è possibile descrivere che cos'è a livello di esperienza diretta il dolore a chi non l'ha mai provato, anche essendo "molto prolissi" e procedendo all'infinito? credo sia un fenomeno che può essere solo puntato da [qualsiasi forma di] linguaggio (che è descrizione) e in questo caso solo se è condiviso. dentro questa categoria ci metterei anche la "comprensione" riferita a sè, che secondo me è consapevolezza (non nel senso di analisi o introspezione ma di stato(?) naturale senza scelta), distinta da quella di un motore diesel che mi viene da chiamare conoscenza.

Ultima modifica di Prassi; 12-09-2009 a 19:35.
Vecchio 12-09-2009, 19:45   #32
Banned
 

una riflessione: la peculiarità della consapevolezza, secondo me, è quella di essere forse l'unica cosa al mondo che nessuno può trasmetterti. può qualcosa che non può essere descritto, essere imparato da fonti esterne? se seguiamo delle istruzioni e siamo attenti a quelle non siamo attenti a tutto ciò che accade, o meglio consapevoli nel senso inclusivo di tutto. questo per me è un problema perchè, mi sento alla deriva.
ne ho parlato spesso con una persona (la mia fonte) che ogni volta mi ripete:

"Do you find out about awareness, by someone's explanation of what awareness is, or by being aware?"
o tradotta male, "impari ad essere consapevole da una spiegazione di qualcuno di cosa la consapevolezza sia, oppure essendo consapevole?"

la frustrazione che dell'essere senza mani nè braccia, e l'impossibilità di afferrare alcunchè lascia è terribile. solo un pensiero, ovviamente.
Vecchio 12-09-2009, 19:51   #33
Banned
 

questa sarebbe una risposta parziale, e sicuramente insoddisfacente alla domanda "come faccio essere consapevole?"
la terribile risposta pu essere dunque, secondo alcuni: "essendo consapevole." mi piacerebbe molto se ci fossero altre risposte
Vecchio 12-09-2009, 20:13   #34
Esperto
L'avatar di JohnReds
 

Quote:
Originariamente inviata da Prassi Visualizza il messaggio
forse sbaglio, ma mi sembra che le tue due frasi si contraddicano. non so se qualcosa possa essere spiegato a solo a met: se il linguaggio lo permette pu essere spiegata descrivendola all'infinito, altrimenti pu solo essere riferita o puntata.
dentro la prima categoria ricadrebbero gli oggetti fisici che possono essere descritti, come un albero. se entrambi abbiamo visto lo stesso albero basta un concetto che lo punti nella nostra memoria, se io non l'ho visto qualcuno me lo deve spiegare descrivendolo all'infinito.

dentro la seconda categoria, secondo me, ricadrebbero gli oggetti non fisici in senso stretto che non hanno una descrizione. ad esempio, possibile descrivere che cos' a livello di esperienza diretta il dolore a chi non l'ha mai provato, anche essendo "molto prolissi" e procedendo all'infinito? credo sia un fenomeno che pu essere solo puntato da [qualsiasi forma di] linguaggio (che descrizione) e in questo caso solo se condiviso. dentro questa categoria ci metterei anche la "comprensione" riferita a s, che secondo me consapevolezza (non nel senso di analisi o introspezione ma di stato(?) naturale senza scelta), distinta da quella di un motore diesel che mi viene da chiamare conoscenza.
in effetti detto cos si contraddicono, mi sono spiegato maluccio

quello che volevo dire che impossibile essere matematicamente certi di fare un testo esauriente e che permetta di capire cos' la comprensione a tutti.

Per secondo me qualche speranza c', nel senso che magari posso riuscire a spiegarlo a qualcuno, non a tutti: a me capitato di intuire e di "comprendere la comprensione" perch magari mi hanno parlato o letto di cose che si riallacciavano alla mia esperienza diretta, e in quel momento mi partito un clic dove mi nato il pensiero "ah, ho capito, in quel momento avevo lo stato mentale giusto"

si, la penso come te (che ti sei spiegato molto meglio), per spiegarsi in certi casi bisogna avere necessariamente qualcosa in comune, bisogna puntare

alla fine tutto il linguaggio umano si basa su dei concetti-base: noi conversiamo perch abbiamo un certo bagaglio di conoscenze condivise che ci permette di comprenderci a vicenda (ad esempio la comune conoscienza degli alberi)

per stati mentali e oggetti non fisici molto pi complicato, perch non siamo abituati a parlarne, e sopratutto un mondo troppo complicato per essere appiattito tramite il linguaggio in modo esauriente (cacchio sembro HurryUp)

insomma qualcosa possibile trasmettere, ma non sempre, e non a tutti
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a gli psicologi/libri parlano
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
SEZIONE LIBRI Recensione e libri consigliati mefiori Forum Libri 177 11-01-2020 10:14
i vostri genitori parlano della vostra solitudine con altre persone? Esmeed SocioFobia Forum Generale 14 13-02-2010 00:27
Parlano veramente tantisssimo! Who_by_fire Amore e Amicizia 23 13-03-2009 17:00
Psicologi gratis GoldenWeek2 Trattamenti e Terapie 6 11-06-2008 16:43
PSICOLOGI E PSICOTERAPEUTI salvo-auron Trattamenti e Terapie 12 01-03-2007 23:33



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 11:16.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2