FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale
Rispondi
 
Vecchio 18-12-2019, 12:14   #17181
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Non ho ben capito il succo della questione.
Quello che dico io è: niente bandiere in piazza? Perfetto, caccia pure le bandiere di PaP e quella dell'URSS, ma poi non metterti a sventolare quella dell'Unione Europea.
Il succo prima di tutto è che questo quadro suggestivamente contraddittorio che dipingi non corrisponde all'episodio avvenuto in quella piazza. È un accostamento artificioso di soggetti, azioni, luoghi e momenti diversi. Propaganda 101.

(Lasciamo poi stare che Rizzo e gli stessi PALP rappresentino l'evento in sé come affronto e diktat, con vittimismo variamente cinico.)

Che poi invece lo spirito generale di quelle piazze sia pro-europa (in chiave generica di antipopulismo sovranista, esprimendo un sentimento alla fine internazionalista) mi sembra abbastanza ovvio.

Ma fossero poi solo quelle le incompatibilità di fondo: "Bisogna invece restaurare l’odio di classe, perché loro ci odiano e noi dobbiamo ricambiare." Anche questi sentimenti sono suscettibili di diventare connotazioni di una bandiera, agli occhi degli altri. Che non sono scemi.

Sono un po' segreti di pulcinella, a un certo punto bisogna pure starci secondo me. Oppure no, ma con un minimo di stile. Come mi pare sia successo per le madamine.

Ultima modifica di onisco; 18-12-2019 a 12:16.
Vecchio 18-12-2019, 13:33   #17182
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quote:
Originariamente inviata da lauretum Visualizza il messaggio
Ancora non si è capito quale sia questa terza scelta possibile alle urne che possa cambiare le sorti del paese

I tuoi sono discorsi da astensionista svizzero e democristiano, pur di criticare tutto e non prendere posizione, si cerca sempre l'isola che non c'è
Ma perchè devi paragonarmi agli svizzeri e ai democristiani? Io sarei 'democristiano' e senza posizione? Mi sa che hai sbagliato utente.
Andare a votare non te lo prescrive il medico, riconoscere le istituzioni non è un obbligo religioso. Le istituzioni si possono anche criticare, sai? Guarda cosa ti hanno fatto: ti hanno portato a pensare in maniera binaria (CDX/CSX) impedendoti di immaginare un'alternativa. Ma zio buono, ti stai sgolando per un governo guidato dal mongoloide di Pomigliano che per me ieri in Libia lo han preso tutti a coppettini sulla nuca e prese per il culo, e lui sorridente senza capire un cazzo, un governo guidato dal fratello morto del commissario Montalbano, che è alla guida del PD da 1 anno e non mi ricordo neanche una sua parola d'ordine ma solo quegli occhi da pitbull castrato; zio canta siamo passati dal Vaffa Day al VabenetuttopurdinonfarvincereSalvini Day e poi sarei io il democristiano svizzero (?). MA CHE OOOOOH!

Scusa ma mi sono appena alzato e quando mi alzo ho sempre i coglioni girati. Non ce l'ho con te. Vado a farmi un caffè.

Ultima modifica di Gummo; 18-12-2019 a 13:38.
Ringraziamenti da
Antonius Block (18-12-2019), zoe666 (19-12-2019)
Vecchio 18-12-2019, 13:51   #17183
Esperto
L'avatar di Antonius Block
 

Se la mettiamo così allora anche la Gruber o Formigli intervistano un po' questo e un po' quello ma sarebbe un prendersi in giro perché è chiaro che parteggiano più a sinistra.

Per il resto non ci vuole molto a rendersi conto che in certe trasmissioni si invita un po' più spesso questo che quello, che le domande più scomode si fanno a quello a non a questo, che questo può dire falsità conclamate senza essere sbugiardato ecc...

Per il resto Vespa è semplicemente di destra moderata, è Giletti che è palesemente sovranista. Magari non è sfacciato come Porro o Giordano ma ormai c'ha Salvini ospite fisso a fare il comizio e per sua indole rilancia sempre un modo di fare genericamente populista che almeno per il momento finisce comunque per avvantaggiare la destra.




Espandi un po' questa riflessione, mi interessa.



È percepito come di maggior valore solo da una parte della società molto piccola però.
Aggiungerei poi che destra=essere scemi esiste solo grazie ad una destra che in Italia non ha mai brillato per la serietà: in ordine abbiamo avuto nostalgici del fascismo, il populismo di Berlusconi e il sovranismo becero di oggi. Secondo te se avessimo avuto la CDU della Merkel negli ambienti intellettuali ci sarebbe questo plebiscito a sinistra?

Ultima modifica di Antonius Block; 22-03-2020 a 03:05.
Vecchio 18-12-2019, 20:07   #17184
Esperto
 

Anche a sinistra sono stati scemi quando hanno idolatrato Renzi

Quando era sindaco andò in segreto a villa berlusconi, ciò bastava a fare capire il personaggio e cacciarlo dal PD seduta stante, invece lo premiarono facendolo segretario

Scemo è chi lo scemo fa
Vecchio 18-12-2019, 20:10   #17185
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Ma perchè devi paragonarmi agli svizzeri e ai democristiani? Io sarei 'democristiano' e senza posizione? Mi sa che hai sbagliato utente.
Andare a votare non te lo prescrive il medico, riconoscere le istituzioni non è un obbligo religioso. Le istituzioni si possono anche criticare, sai? Guarda cosa ti hanno fatto: ti hanno portato a pensare in maniera binaria (CDX/CSX) impedendoti di immaginare un'alternativa. Ma zio buono, ti stai sgolando per un governo guidato dal mongoloide di Pomigliano che per me ieri in Libia lo han preso tutti a coppettini sulla nuca e prese per il culo, e lui sorridente senza capire un cazzo, un governo guidato dal fratello morto del commissario Montalbano, che è alla guida del PD da 1 anno e non mi ricordo neanche una sua parola d'ordine ma solo quegli occhi da pitbull castrato; zio canta siamo passati dal Vaffa Day al VabenetuttopurdinonfarvincereSalvini Day e poi sarei io il democristiano svizzero (?). MA CHE OOOOOH!

Scusa ma mi sono appena alzato e quando mi alzo ho sempre i coglioni girati. Non ce l'ho con te. Vado a farmi un caffè.

Da quando ci alziamo la mattina fino a sera, continuamente dobbiamo scegliere tra più peggio e meno peggio

Tranne la divina Elettra Lamborghini che è piena di soldi

Ma noi pezzenti dobbiamo farlo, per noi il meglio non è previsto tra le opzioni

I tuoi discorsi conducono all'astensionismo , che è la scelta peggiore di tutte perché spesso significa votare il più peggio

È anche un peccato mortale il non prendere posizione, occhio

Ultima modifica di lauretum; 18-12-2019 a 20:13.
Vecchio 18-12-2019, 20:15   #17186
Banned
 

Condivido
Ringraziamenti da
ESPROC (18-12-2019)
Vecchio 18-12-2019, 20:19   #17187
Esperto
L'avatar di Milo
 

Gli over 60 nel mondo del lavoro sono solo una zavorra,mentalità vecchia e scarsa produttività con i nuovi contratti arrivati a 50 anni si verrà lasciati a casa senza possibilità che qualcuno ti assuma perchè troppo vecchio..buona fortuna.
Vecchio 18-12-2019, 21:53   #17188
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quote:
Originariamente inviata da lauretum Visualizza il messaggio
Da quando ci alziamo la mattina fino a sera, continuamente dobbiamo scegliere tra più peggio e meno peggio

Tranne la divina Elettra Lamborghini che è piena di soldi

Ma noi pezzenti dobbiamo farlo, per noi il meglio non è previsto tra le opzioni

I tuoi discorsi conducono all'astensionismo , che è la scelta peggiore di tutte perché spesso significa votare il più peggio

È anche un peccato mortale il non prendere posizione, occhio
Non mi asterrò come non mi sono mai astenuto.
E non sono neanche prevenuto perché, come già scrissi, alle scorse elezioni comunali io ho votato per il centro-sx (I verdi). Quindi se ho deciso di sfanculare sia il centro-dx che il centro-sx non lo faccio per partito preso.
Voterò chi propone politiche a favore dei lavoratori e garantisce che non svenderá il suo programma per fare accordi di palazzo con il centro sx che, contro i lavoratori, lotta quasi con la stessa veemenza che ci mette nel lottare contro Salvini.
Vecchio 19-12-2019, 00:19   #17189
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Errore 1
Per quanto posa andare avanti la tecnica non si arriverà mai al punto di rendere una merce non scarsa perché qualsiasi processo consuma risorse e queste sono e saranno sempre limitate.
Prendiamo ad esempio 1kg di pasta: alle spalle avrà sempre acqua, azoto nel terreno, energia e una caterva di macchinari per dissodare, seminare, raccogliere, lavorare, impacchettare, trasportare. Grazie alla tecnica questi costi vengono spalmati su un numero di pacchi di pasta da 1kg elevatissimo ma per quanto potrà diventare elevato non potrà mai esserci un rapporto nullo tra merce e spesa. Ciò che succede è che 100 anni fa il valore di quel kg di pasta costituiva 1/100 di uno stipendio medio mentre adesso 1/1000.
I problemi deriveranno dalla scarsità di lavoro e dalla svalutazione del reddito ad esso collegato, strumenti che fino ad ora sono stati il perno, insieme all’iniziativa privata, della produzione: il fabbisogno di forza-lavoro è la vera merce che scarseggerà e senza di essa non sarà possibile sopravvivere. Inoltre la questione della crescita infinita in un mondo con risorse limitate è difficilmente affrontabile all'interno di un paradigma liberista; lo stesso vale per tutte le tematiche ambientali.

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Poter fare una chiamata da mezz'ora lontano da un apparecchio fisso nel 1983 era un lusso, un capriccio che si poteva permettere solo qualche manager milionario spendendo migliaia e migliaia di dollari, oggi invece ha un prezzo che è anche difficile da stimare per quanto è basso. Il settore della telefonia mobile però non è andato in malora e anzi le aziende sono più ricche che mai.
Nel corso del tempo, il margine di ricchezza che si ottiene dividendo i profitti attuali della vendita di pasta con quelli di cent’anni fa si è ripartito fra gli imprenditori e chi ha offerto la propria manodopera seguendo criteri di proporzionalità diretta? No, così come nel caso del cellulare. Purtroppo la disparità nella distribuzione della ricchezza continua a crescere univocamente e in modo inversamente proporzionale.

https://www.ilsole24ore.com/art/disu...rsone-AEldC7IH

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Prova ad allontanare un po' la prospettiva.
È dal 1700 che la tecnica trasforma il modo in cui facciamo le cose eppure non mi sembra che in media si stia peggio.
Pensa a tutte le invenzioni che ci sono state, a tutti i lavori che sono stati spazzati via e a tutti i lavori e settori che prima non esistevano.
In media, e tale media si assottiglia sempre di più anche nei paesi avanzati; se sei fuori dalla media (imposta e non concordata) sono cazzacci tuoi. Man mano che lo sviluppo tecnologico procederà, i lavori persi soverchieranno quelli creati e soprattutto quest'ultimi richiederanno un livello di competenza che è irraggiungibile per la maggior parte della popolazione: tutti potrebbero diventare contadini se ci fossero le condizioni per imparare a farlo; non tutti invece potrebbero diventare direttori del CERN.

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
La stragrande maggioranza delle volte il problema è che quel 40/50enne NON è specializzato ed è per quello che sorgono grossi problemi di riallocazione.
Faccio notare poi che uno stato avanzato serio dovrebbe porsi il problema della formazione prima che arrivi l'emergenza data dalla fabbrica che chiude o delocalizza.
Che pian piano sarebbero scomparse dai paesi avanzati ad esempio le fabbriche di pentole si sapeva dagli anni 90, non si può cadere dal pero 20-30 dopo. È facile infatti fare al liberista la domanda "e ora che facciamo con l'operaio 50enne che sa fare pentole?" ma la reale domanda dovrebbe essere "perché nel 2019 c'abbiamo ancora operai che sanno fare solo pentole?"
Ovviamente le colpe ricadono sempre sul singolo e sullo Stato, mai sul sistema economico che li sussume e determina i loro comportamenti. Nessuno è sicuro di come si muoverà il mercato, nemmeno gli specialisti. Se uno non è un economista, come fa a prendere decisioni intelligenti? Si basa sulla fiducia? E le proprie attitudini, i propri talenti, i propri handicap, li decidiamo noi?

Quote:
Originariamente inviata da Anonimo. Visualizza il messaggio
Io mi sono sempre chiesto, ma quando si parla di dati sull'occupazione in quale maniera si tiene conto delle problematiche psicologiche e sociali dei singoli sia di lavorare sia di formarsi (e si tratti di problemi per altro attinenti a questo Forum) ?
Capisco, Anonimo. Personalmente mi è capitato che un imprenditore, venuto a tenere una conferenza nella mia università, alla domanda su come introdursi e rimanere a galla nel suo settore abbia risposto di non saperlo. Non lo sa uno che fa quel lavoro da 20 anni, come potrebbe saperlo chiunque altro? Ha insistito solo su questo favoloso concetto, il VUCA, come se nessuno si fosse ancora accorto di ciò che lo circonda. È già nella merda chi riesce a funzionare normalmente… Figurarsi quelli come noi.

Ultima modifica di Idiota; 19-12-2019 a 03:00.
Vecchio 19-12-2019, 13:15   #17190
Banned
 

L’impeachment di Trump sarà un altro autogol della sinistra
Vecchio 19-12-2019, 13:24   #17191
Esperto
L'avatar di Anonimo.
 

Intanto FCA (Fiat-Chrysler) si fonde con PSA (Peugeot-Citroen-Opel).
Ciò cosa determinerà? Si tratta solo di un accorpamento di capitali? I vari marchi penso che resteranno.
Vecchio 19-12-2019, 15:45   #17192
Esperto
L'avatar di Milo
 

Quote:
Originariamente inviata da Anonimo. Visualizza il messaggio
Intanto FCA (Fiat-Chrysler) si fonde con PSA (Peugeot-Citroen-Opel).
Ciò cosa determinerà? Si tratta solo di un accorpamento di capitali? I vari marchi penso che resteranno.
Pegeut mette il prodotto e la tecnologia FCA le quote di mercato negli Usa è evidente che pegeut comanderà e le fiat saranno auto francesi rimarchiate .
Vecchio 19-12-2019, 15:48   #17193
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Carfagna lancia "Voce Libera"

Grazie Mara, ne sentivamo tutti il bisogno.
Vecchio 19-12-2019, 15:50   #17194
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Quote:
Originariamente inviata da Milo Visualizza il messaggio
Pegeut mette il prodotto e la tecnologia FCA le quote di mercato negli Usa è evidente che pegeut comanderà e le fiat saranno auto francesi rimarchiate .
Una specie di franchising.
Vecchio 19-12-2019, 16:28   #17195
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Quote:
Originariamente inviata da Anonimo. Visualizza il messaggio
Sovranità vuol dire che a gestire le cose in un determinato àmbito, anzichè essere un ente superiore (ad es. UE, NATO ecc), sia lo Stato.
La NATO ci fa sborsare milioni di euro al giorno per garantirci il privilegio di essere inclusi in un patto difensivo inutile che dovrebbe proteggerci dal pericolo rosso (mai esistito). Siamo soltanto una colonia militare.
Ringraziamenti da
silenzio (19-12-2019)
Vecchio 19-12-2019, 19:26   #17196
Esperto
L'avatar di Antonius Block
 

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
I problemi deriveranno dalla scarsità di lavoro e dalla svalutazione del reddito ad esso collegato, strumenti che fino ad ora sono stati il perno, insieme all’iniziativa privata, della produzione: il fabbisogno di forza-lavoro è la vera merce che scarseggerà e senza di essa non sarà possibile sopravvivere.
Chi produce lo fa per vendere a qualcuno. Se si arriva al punto di avere produzione senza creazione di reddito per nessuno chi dovrebbe essere il cliente del produttore?

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
Inoltre la questione della crescita infinita in un mondo con risorse limitate è difficilmente affrontabile all'interno di un paradigma liberista;
Questo concetto gira ovunque ma fa cascare le palle a terra.
1. Non tutte le risorse sono limitate.
2. Alcune lo sono ma non si esauriranno in tempi sensati.
3. Con l'avanzamento tecnologico spesso e volentieri riusciamo ad allontanare il momento in cui una certa risorsa si esaurirà o addirittura a cambiare la risorsa che ci serve per un certo processo di fatto "azzerando il contatore"

e soprattutto

4. Parti sempre più grandi dell'economia basano la loro crescita su proprietà intellettuale che nulla ha a che fare con l'uso di risorse. Tutto lo sviluppo del web ad esempio è fondamentalmente slegato o quasi dal consumo di risorse.

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
lo stesso vale per tutte le tematiche ambientali.
L'inquinamento dipende solo ed esclusivamente dal nostro stile di vita, dai mezzi necessari a sostenerlo e dal numero di persone. Stop.
Fabbricare e tenere accesa una lampadina alimentata con l'energia di una centrale termica inquina nello stesso identico modo a prescindere da quella che è l'organizzazione politica ed economica all'interno del quale ciò avviene.

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
Nel corso del tempo, il margine di ricchezza che si ottiene dividendo i profitti attuali della vendita di pasta con quelli di cent’anni fa si è ripartito fra gli imprenditori e chi ha offerto la propria manodopera seguendo criteri di proporzionalità diretta? No, così come nel caso del cellulare. Purtroppo la disparità nella distribuzione della ricchezza continua a crescere univocamente e in modo inversamente proporzionale.
Io ho una prospettiva diversa.
Della diseguaglianza in sé mi importa meno di zero. Ciò che misura infatti è il divario RELATIVO tra il benessere di ricchi e poveri mentre ciò che io ritengo significativo è la variazione oggettiva di benessere.
Provo a spiegarmi con un esempio ultrasemplificato. A è ricco e può permettersi 10 panini, B è povero e può permettersene 1 > il divario tra i due è di 9 panini. Se l'anno successivo A può comprarsi 18 panini e B 2 mi importa molto relativamente che il divario è passato da 9 a 16, per me conta che povero B prima aveva 1 o ora ha 2.
Poi per carità il dibattito sulla differenza ricco povero non è stupido ma per me il punto fondamentale rimane sempre che fino a 200 anni fa i panini da spartire non erano né 20, né 10 ma 2 e al povero andavano solo le briciole mentre ora ad ogni anno il povero ci guadagna un panino extra. Tutto ingiusto eh ma ma intanto i panini ora ci sono e prima non c'erano.

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
In media, e tale media si assottiglia sempre di più anche nei paesi avanzati; se sei fuori dalla media (imposta e non concordata) sono cazzacci tuoi. Man mano che lo sviluppo tecnologico procederà, i lavori persi soverchieranno quelli creati e soprattutto quest'ultimi richiederanno un livello di competenza che è irraggiungibile per la maggior parte della popolazione: tutti potrebbero diventare contadini se ci fossero le condizioni per imparare a farlo; non tutti invece potrebbero diventare direttori del CERN.
Si sta meglio anche fuori dalla media

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
Ovviamente le colpe ricadono sempre sul singolo e sullo Stato, mai sul sistema economico che li sussume e determina i loro comportamenti. Nessuno è sicuro di come si muoverà il mercato, nemmeno gli specialisti. Se uno non è un economista, come fa a prendere decisioni intelligenti? Si basa sulla fiducia?
Lo stato può prendere decisioni intelligenti a prescindere da come si muove il mercato.
Volendo fare un paragone calcistico lo stato è l'allenatore e il mercato il campionato. È vero che la singola partita è imprevedibile ma è vero anche che se l'allenatore mette la punta in porta e il portiere in attacco sarà ben difficile che le cose vadano per il verso giusto.
Pensa che colpo è stato per la Nokia e tutta la Finlandia l'avvento dell'iphone: in 5 anni sono passati dall'essere i primi produttori mondiali al nulla eppure il paese è andato avanti. Stiamo parlando però di un paese che rispetto al nostro spende il doppio in istruzione e la metà in pensioni.
Il governo non può prevedere l'arrivo dell'iphone ma non serve la palla di cristallo per capire che un paese col 40% di laureati saprà adattarsi e riprendersi meglio di uno dove un terzo della popolazione c'ha la terza media.

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
E le proprie attitudini, i propri talenti, i propri handicap, li decidiamo noi?
Lasciamo stare gli handicap che sono situazioni particolari e minoritarie.
Mio nonno non c'aveva come attitudine o talento quello di andare a zappare la terra ma se voleva portare qualcosa a tavola gli toccava farlo. Lo stesso vale oggi nel senso che è giusto che ognuno segua talenti e attitudini ma che esiste anche la realtà: se mi piace suonare lo zufolo ma non c'è nessuno che paga per ascoltarmi posso bestemmiare tutti i santi ma non cambierà il fatto che devo accettare di essere un suonatore di zufolo disoccupato o imparare a fare un altro mestiere.
E se intervenisse lo stato? Beh può farlo per permettere di seguire la mia passione ma anche lo stato prima o poi sbatte anche lui contro la realtà. Per pagarmi infatti deve chiedere soldi ad altri 10 cittadini che producono. Se però tutti e 10 decidono di voler suonare lo zufolo che si fa?
Vecchio 19-12-2019, 19:43   #17197
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Idiota Visualizza il messaggio
Carfagna lancia "Voce Libera"

Grazie Mara, ne sentivamo tutti il bisogno.
Bellissima donna, intelligente ed onesta, forse l'unica in forza Italia, può fare ciò che vuole per quanto mi riguarda
Vecchio 19-12-2019, 23:47   #17198
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Anonimo. Visualizza il messaggio
L'Economia che dice circa me?
dice la stessa cosa che la natura dice alla zebra che viene squartata dai leoni.
Vecchio 20-12-2019, 00:26   #17199
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Chi produce lo fa per vendere a qualcuno. Se si arriva al punto di avere produzione senza creazione di reddito per nessuno chi dovrebbe essere il cliente del produttore?
Nessuno, chi arriverà a detenere la quasi totalità dei capitali potrà produrre tutto ciò che gli occorre servendosi della poca manodopera necessaria; la massa si dovrà arrangiare. Infatti ho parlato di deriva, non di implosione del capitalismo.

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Questo concetto gira ovunque ma fa cascare le palle a terra.
1. Non tutte le risorse sono limitate.
2. Alcune lo sono ma non si esauriranno in tempi sensati.
3. Con l'avanzamento tecnologico spesso e volentieri riusciamo ad allontanare il momento in cui una certa risorsa si esaurirà o addirittura a cambiare la risorsa che ci serve per un certo processo di fatto "azzerando il contatore"

e soprattutto

4. Parti sempre più grandi dell'economia basano la loro crescita su proprietà intellettuale che nulla ha a che fare con l'uso di risorse. Tutto lo sviluppo del web ad esempio è fondamentalmente slegato o quasi dal consumo di risorse.
Non vorrei aprire una parentesi gigantesca, ma il Club di Roma ha analizzato questi problemi estensivamente e non mi pare si sia inventato di sana pianta le conclusioni del Rapporto. Ahimè sono tematiche da tenere in considerazione.

Un esempio

https://www.lastampa.it/tecnologia/2...ate-1.35263171

Anche il web comunque necessita di un supporto hardware che prevede l'estrazione sistematica di risorse.

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
L'inquinamento dipende solo ed esclusivamente dal nostro stile di vita, dai mezzi necessari a sostenerlo e dal numero di persone. Stop.
Fabbricare e tenere accesa una lampadina alimentata con l'energia di una centrale termica inquina nello stesso identico modo a prescindere da quella che è l'organizzazione politica ed economica all'interno del quale ciò avviene.
Sulla prima parte hai ragione, ma le possibilità di intervenire nel gestire l'inquinamento dipendono eccome dall'organizzazione politica ed economica. Attraverso lo Stato o un'economia pianificata si possono regolare i consumi e la produzione, ossia i fattori dai quali dipende il nostro stile di vita; lasciando la facoltà di autoregolarsi al mercato non si potrebbero ottenere i medesimi risultati, anche perché al giorno d'oggi le aziende hanno la possibilità di delocalizzare in Paesi dove non esistono vincoli legati all'impatto ambientale.

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Io ho una prospettiva diversa.
Della diseguaglianza in sé mi importa meno di zero. Ciò che misura infatti è il divario RELATIVO tra il benessere di ricchi e poveri mentre ciò che io ritengo significativo è la variazione oggettiva di benessere.
Provo a spiegarmi con un esempio ultrasemplificato. A è ricco e può permettersi 10 panini, B è povero e può permettersene 1 > il divario tra i due è di 9 panini. Se l'anno successivo A può comprarsi 18 panini e B 2 mi importa molto relativamente che il divario è passato da 9 a 16, per me conta che povero B prima aveva 1 o ora ha 2.
Poi per carità il dibattito sulla differenza ricco povero non è stupido ma per me il punto fondamentale rimane sempre che fino a 200 anni fa i panini da spartire non erano né 20, né 10 ma 2 e al povero andavano solo le briciole mentre ora ad ogni anno il povero ci guadagna un panino extra. Tutto ingiusto eh ma ma intanto i panini ora ci sono e prima non c'erano.
D'accordo, ma alcune cose mi preoccupano. Si dà per scontato che povero B avrà sempre un panino in più. Se così fosse si verificherebbe un aumento di ricchezza costante da entrambe le parti, eppure non mi sembra ciò che si prospetta nel prossimo futuro viste le tendenze attuali. Dal Sole di prima

Solo nell'ultimo anno la ricchezza dei Paperoni nel mondo è aumentata di 900 miliardi di dollari (pari a 2,5 miliardi di dollari al giorno) mentre quella della metà più povera dell'umanità, composta da 3,8 miliardi di persone, si è ridotta dell’11,23.

Inoltre gli ultraricchi, che continueranno ad accumulare capitale esponenzialmente, finiranno per avere un'influenza eccessiva su ambiti che esulano dalla sfera economica.

Quote:
Originariamente inviata da Antonius Block Visualizza il messaggio
Lo stato può prendere decisioni intelligenti a prescindere da come si muove il mercato.
Volendo fare un paragone calcistico lo stato è l'allenatore e il mercato il campionato. È vero che la singola partita è imprevedibile ma è vero anche che se l'allenatore mette la punta in porta e il portiere in attacco sarà ben difficile che le cose vadano per il verso giusto.
Pensa che colpo è stato per la Nokia e tutta la Finlandia l'avvento dell'iphone: in 5 anni sono passati dall'essere i primi produttori mondiali al nulla eppure il paese è andato avanti. Stiamo parlando però di un paese che rispetto al nostro spende il doppio in istruzione e la metà in pensioni.
Il governo non può prevedere l'arrivo dell'iphone ma non serve la palla di cristallo per capire che un paese col 40% di laureati saprà adattarsi e riprendersi meglio di uno dove un terzo della popolazione c'ha la terza media.

Lasciamo stare gli handicap che sono situazioni particolari e minoritarie.
Mio nonno non c'aveva come attitudine o talento quello di andare a zappare la terra ma se voleva portare qualcosa a tavola gli toccava farlo. Lo stesso vale oggi nel senso che è giusto che ognuno segua talenti e attitudini ma che esiste anche la realtà: se mi piace suonare lo zufolo ma non c'è nessuno che paga per ascoltarmi posso bestemmiare tutti i santi ma non cambierà il fatto che devo accettare di essere un suonatore di zufolo disoccupato o imparare a fare un altro mestiere.
E se intervenisse lo stato? Beh può farlo per permettere di seguire la mia passione ma anche lo stato prima o poi sbatte anche lui contro la realtà. Per pagarmi infatti deve chiedere soldi ad altri 10 cittadini che producono. Se però tutti e 10 decidono di voler suonare lo zufolo che si fa?
Ok, parlavo di altro però. Se ad esempio a causa della sovrapproduzione saranno richieste prevalentemente figure legate alla vendita e alla pubblicità, come farà un fobico o un introverso a lavorare in quel campo? Se non si possiede l'intelligenza per studiare discipline che forniscono competenze molto richieste dal mercato, come ad esempio ingegneria, che alternative si avranno quando scompariranno i lavori più umili e meno specializzati?
Vecchio 20-12-2019, 13:01   #17200
Banned
 

E io pago! https://tg24.sky.it/torino/2019/12/1...za-torino.html
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Forum Politica
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Politica e sesso Zanna92 Forum Sessualità (solo adulti) 32 27-06-2019 17:19
''politica'' del forum ansiolino Off Topic Generale 3 14-10-2017 15:43
La politica e la crisi Fantasmino Off Topic Generale 1 04-08-2011 08:31
Politica: L. 180/'78 barclay Off Topic Generale 3 06-01-2011 11:53
la politica salvo-auron Off Topic Generale 30 19-04-2009 00:39



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 00:35.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2