FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 11-01-2021, 05:50   #1
Esperto
L'avatar di Brutton
 

So nuotare, o meglio so sbracciare. Se devo rimanere a galla da fermo non ne sono molto capace.

Detto questo, succede che io abbia proprio una vera e propria paura del "largo", della "profondità", quando non tocco vado nel panico più totale, e sono convinto anche se imparassi a nuotare totalmente o facessi un corso di piscina con istruttore vicino, sarebbe uguale.

Proprio perché sento di avere questa fobia dell'acqua che si muove, che è viva, che può risucchiarmi in un vortice.

Come fare? A voi capita?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Vecchio 11-01-2021, 07:17   #2
Esperto
 

Io so nuotare ma non ho particolare fobia in questo contesto , l’unica cosa come al solito per me è che non ci sia troppa gente che mi osserva , allora vado in panico o quantomeno in difficoltà
Ringraziamenti da
Brutton (11-01-2021), Oblomov (11-01-2021), XL (11-01-2021)
Vecchio 11-01-2021, 08:05   #3
Esperto
L'avatar di claire
 

Ovviamente celo
Ringraziamenti da
Brutton (11-01-2021)
Vecchio 11-01-2021, 08:48   #4
Esperto
L'avatar di Brutton
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Ovviamente celo
Ovviamente Mister Fobia?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Vecchio 11-01-2021, 08:54   #5
Esperto
L'avatar di Qwerty
 

Ho anche questa.
Vecchio 11-01-2021, 08:55   #6
Esperto
L'avatar di Brutton
 

Vi capita anche quando dovete fare il bagno nella vasca?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Vecchio 11-01-2021, 09:50   #7
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da Brutton Visualizza il messaggio
Vi capita anche quando dovete fare il bagno nella vasca?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
No.
Vecchio 11-01-2021, 10:36   #8
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da Brutton Visualizza il messaggio
So nuotare, o meglio so sbracciare. Se devo rimanere a galla da fermo non ne sono molto capace.

Detto questo, succede che io abbia proprio una vera e propria paura del "largo", della "profondità", quando non tocco vado nel panico più totale, e sono convinto anche se imparassi a nuotare totalmente o facessi un corso di piscina con istruttore vicino, sarebbe uguale.

Proprio perché sento di avere questa fobia dell'acqua che si muove, che è viva, che può risucchiarmi in un vortice.
Anzitutto: è una questione di fisica e anche il più grande nuotatore del mondo, appesantito dai vestiti in un fiume (ovvero uno degli scenari peggiori) non riuscirà a stare a galla e avrà la tua e mia stessa paura, terrore.

Ma in casi normali, questa capacità è completamente acquisibile e allenabile: basta una piscina di quelle con la profondità crescente e qualche trucco per allenarsi. Come obiettivo finale è possibilissimo riuscire a fare il bagno dove non si tocca in condizioni di mare calmo e senza voler strafare allontanandosi troppo dalla riva che è pericoloso anche per un uomo-pesce

E' un po' come se tu fossi preoccupato di non riuscire a cadere in piedi senza graffi dopo un volo in bici lanciata in discesa in velocità; è ovvio che si tratta di attività con un limite di condizioni oltre il quale chiunque ha problemi.

In ogni caso quando ero aiuto istruttore di una disciplina vicina a queste, mi son sempre fatto assegnare alla squadra degli insicuri-sfigati-spaventati con l'idea di portarli a pari degli altri. Non c'è soddisfazione a fare qualcosa per una squadra di gente che è meglio di noi, invece mi sono sempre fatto un punto di onore personale trovare l'approccio giusto per ciascuno e riuscire a farlo nuotare; non ricordo nemmeno un caso in cui non mi sia riuscito quindi è possibile.

Ultima modifica di pokorny; 11-01-2021 a 10:40.
Vecchio 11-01-2021, 10:48   #9
Intermedio
 

No, nessuno problema per quello, vado al largo da solo di solito, mi rilassa.
Ringraziamenti da
Desire (11-01-2021)
Vecchio 11-01-2021, 10:54   #10
Esperto
L'avatar di Qwerty
 

Quote:
Originariamente inviata da Brutton Visualizza il messaggio
Vi capita anche quando dovete fare il bagno nella vasca?

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Se aqua non supera 1 metro di profondità vedo poco possibile annegare quindi no. In ogni casa manco nella vasca non metterei testa sotto acqua.
Vecchio 11-01-2021, 11:25   #11
Principiante
 

Non sapendo nuotare si, però su un battello o una barca riesco a stare senza troppi problemi, come anche un bagno in piscina dove tocco.
Circa l'allenamento non saprei, vado sempre in montagna e l'ultima volta che ho visto il mare è stato 15 anni fa, mentre l'ultimo bagno in piscina almeno 10.

Legato all'acqua invece quello che invece mi fa venire una vera sensazione di inquietudine anche solo a pensarci sono le strutture che si inabissano (tipo i pontili o i piloni di supporto di un ponte), forse perchè il vederli sparire nell'abisso mi da un maggior senso della profondità.
Vecchio 11-01-2021, 11:44   #12
Intermedio
L'avatar di Shadows
 

Mi fa paura quello che potrebbe esserci sotto, ed è per questo che non mi muovo mai senza maschera/occhialini
Vecchio 11-01-2021, 12:36   #13
Esperto
L'avatar di Brutton
 

Quote:
Originariamente inviata da Qwerty Visualizza il messaggio
Se aqua non supera 1 metro di profondità vedo poco possibile annegare quindi no. In ogni casa manco nella vasca non metterei testa sotto acqua.
Mamma dice che ho preso dai gatti. Ho paura anche quando devo fare la doccia o mettere a scaldare un pentolino d'acqua. Mi diceva che quando ero piccolino al momento del bagnetto ululavo come un lupo e digrignavo le unghia come un gatto.

Inviato dal mio VTR-L09 utilizzando Tapatalk
Vecchio 11-01-2021, 12:56   #14
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da pokorny Visualizza il messaggio
Anzitutto: è una questione di fisica e anche il più grande nuotatore del mondo, appesantito dai vestiti in un fiume (ovvero uno degli scenari peggiori) non riuscirà a stare a galla e avrà la tua e mia stessa paura, terrore.

Ma in casi normali, questa capacità è completamente acquisibile e allenabile: basta una piscina di quelle con la profondità crescente e qualche trucco per allenarsi. Come obiettivo finale è possibilissimo riuscire a fare il bagno dove non si tocca in condizioni di mare calmo e senza voler strafare allontanandosi troppo dalla riva che è pericoloso anche per un uomo-pesce

E' un po' come se tu fossi preoccupato di non riuscire a cadere in piedi senza graffi dopo un volo in bici lanciata in discesa in velocità; è ovvio che si tratta di attività con un limite di condizioni oltre il quale chiunque ha problemi.

In ogni caso quando ero aiuto istruttore di una disciplina vicina a queste, mi son sempre fatto assegnare alla squadra degli insicuri-sfigati-spaventati con l'idea di portarli a pari degli altri. Non c'è soddisfazione a fare qualcosa per una squadra di gente che è meglio di noi, invece mi sono sempre fatto un punto di onore personale trovare l'approccio giusto per ciascuno e riuscire a farlo nuotare; non ricordo nemmeno un caso in cui non mi sia riuscito quindi è possibile.
Io a nuoto ci sono andata più volte, ogni volta ricominciando da zero, ma non ho mai superato, per un periodo l'ho avuta meno poi è sempre aumentata, ovvio che se uno ha questa fobia e vuole superarla la prima cosa è fare un corso di nuoto (lo fanno anche i non paurosi, non vedo perché chi ha la fobia pretenda pure di arrangiarsi da solo, lì mi sembra che si voglia troppo, ed è la solita storia), però dire che per tutti basta quello per risolvere no, ci sono casi resistenti e vale per tutte le fobie.Perché se tutto si risolve col maestro bravo, allora chiudiamoli i forum e togliamo le fobie dal DSM.
Vecchio 11-01-2021, 13:03   #15
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Io a nuoto ci sono andata più volte, ogni volta ricominciando da zero, ma non ho mai superato, per un periodo l'ho avuta meno poi è sempre aumentata, ovvio che se uno ha questa fobia e vuole superarla la prima cosa è fare un corso di nuoto (lo fanno anche i non paurosi, non vedo perché chi ha la fobia pretenda pure di arrangiarsi da solo, lì mi sembra che si voglia troppo, ed è la solita storia), però dire che per tutti basta quello per risolvere no, ci sono casi resistenti e vale per tutte le fobie.Perché se tutto si risolve col maestro bravo, allora chiudiamoli i forum e togliamo le fobie dal DSM.
Io scommetterei qualsiasi cosa che con me la fobia per nuoto e connessi ti passerebbe: ho una pazienza inesauribile in ambito didattico e conosco tutti i trucchi possibili. Basta avere tempo a sufficienza e fare quello che dice il docente di turno, non si tratta nemmeno di fiducia perché il nesso di causalità tra gesto e risultato è invariabile: dipende solo dalla fisica.

Non ti posso invece seguire dal punto di vista logico sull'ultima affermazione perché generalizza. Tante fobie e blocchi se va molto bene si possono smussare in piccola o grande misura, quindi ogni fobia-blocco-paura va valutata caso per caso. Nel caso del nuoto o galleggiamento dove non si tocca, non si tratta di condizionamento mentale ma di semplici nessi di causalità: se sai che facendo così succederà cosà, e lo provi per esperienza diretta, prima o poi i movimenti da fare arrivano da soli, non può non accadere.
Vecchio 11-01-2021, 18:47   #16
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da pokorny Visualizza il messaggio
Io scommetterei qualsiasi cosa che con me la fobia per nuoto e connessi ti passerebbe: ho una pazienza inesauribile in ambito didattico e conosco tutti i trucchi possibili. Basta avere tempo a sufficienza e fare quello che dice il docente di turno, non si tratta nemmeno di fiducia perché il nesso di causalità tra gesto e risultato è invariabile: dipende solo dalla fisica.

Non ti posso invece seguire dal punto di vista logico sull'ultima affermazione perché generalizza. Tante fobie e blocchi se va molto bene si possono smussare in piccola o grande misura, quindi ogni fobia-blocco-paura va valutata caso per caso. Nel caso del nuoto o galleggiamento dove non si tocca, non si tratta di condizionamento mentale ma di semplici nessi di causalità: se sai che facendo così succederà cosà, e lo provi per esperienza diretta, prima o poi i movimenti da fare arrivano da soli, non può non accadere.
Come fobico dovresti sapere quanto può risultare fastidiosa la tua prima frase, o forse non ti è mai stata detta, forse guidi l'auto e non ti hanno detto seicentocinquantamilavolte "con me ti passa perché io ho pazienza".
Quelli che rispondono come te li trovo anche per strada, a seconda della fobia della quale si sentono guaritori, ma non funziona così manco per niente perché un istruttore non è un terapista e no, non "basta" ascoltare l'istruttore per rimuovere una fobia.
Ed è surreale che un frequentatore di questo forum da quanto, da decenni, possa minimizzare in questa maniera.
Capirei più se uno mi dicesse che non importa, che non è necessario saper nuotare/guidare/accarezzare i cani/ parlare con la gente, piuttosto che ste proposte da bar.
Infatti senza nuotare sopravvivo, ma non che mi dicano che è facile e che basta trovare il maestro giusto perché è una generalizzazione qualunquista.
Ok è un forum sulla fobia sociale e non su altre, ma sempre di fobia si tratta, insegno anch'io delle cosette non solo tu, ma a fronte di disturbi alzo le mani, indirizzo verso esperti perché a me non compete curarli e mai mi permetterei di dire "lasciate fare a me, ho pazienza, ve lo sistemo io il disturbo del bambino, scommettiamo che gli passa, basta che mi ascolti: tanto si tratta solo di meccanica e di fare combaciare la penna col foglio."
L'istruttore di nuoto ti può fare provare se non hai mai provato e sono la prima ad averlo detto.
Ma insistere con l'atteggiamento dello zio di famiglia che ti vuole fare guidare la macchina , perché non ha idea di cosa sia una fobia e crede che basti imparare i comandi e fare pratica, beh, capolavoro, non c'è che dire.
E ti chiamano "utente storico".Alla faccia.
Io ora dovrei mettermi a spiegare cosa provo in acqua, la mia storia con l'acqua, a spiegare le fobie ai fobici?
No grazie, la spiego allo zio camionista, e d'ora in poi mi incazzo di meno con "la gente la fuori che non capisce" perché ha sempre più giustificazioni di altri.

Ultima modifica di claire; 11-01-2021 a 18:52.
Vecchio 11-01-2021, 18:59   #17
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Come fobico dovresti sapere quanto può risultare fastidiosa la tua prima frase, o forse non ti è mai stata detta, forse guidi l'auto e non ti hanno detto seicentocinquantamilavolte "con me ti passa perché io ho pazienza".
Qualche volta mi è stata detta e se la persona l'ho ritenuta credibile ho approfittato della disponibilità. Diverse volte ho sbloccato situazioni e blocchi che non credevo possibile, e conservo sempre gratitudine per chi mi ha dedicato del tempo. Questa è già una prima fondamentale differenza di vissuto; non ti biasimo perché il tuo vissuto ti porta a conclusioni diverse ma non le posso ritenere, né oggettivamente sono, di portata generale.

Un conto è minimizzare le cose perché non si è in grado di immedesimarsi e ci si crede chi sa chi. Un conto è avere consapevolezza di cosa sia un certo problema, sapere se è di quelli affrontabili o meno, e avere una casistica sufficiente. Ho fatto l'aiuto istruttore di sub per lustri, e ho sempre chiesto di essere assegnato alla squadra degli imbranati proprio perché questo è il solo genere di sfide che io sappia gestire. Avrei voluto fare la carriera universitaria perché mi piace la didattica, e di quasi un centinaio non ricordo di una sola persona che non sia riuscita ad arrivare al brevetto; quindi con il mio vissuto fatto di tutto quanto sopra, la mia risposta resta quella.

Resto dell'idea che se fosse una fobia che tu ti volessi togliere, avessimo a disposizione una piscina a profondità variabile, e abbastanza tempo, credo che ti farei passare la fobia dell'acqua. Ci credo con tutto il mio essere, e per il motivo che hai forse senza volere trascurato: ho detto in premessa al primo post che ci sono fobie che sono resistentissime a qualsiasi lavoro, ma il nuoto non fa parte di quelle. Magari non si diventa campioni, sono capacità acquisite con le unghie e coi denti quindi se non allenate si arrugginiscono presto (ma si riprendono in poco), ma si acquisiscono e restano.

Augh, utente storico ha parlato

Ultima modifica di pokorny; 11-01-2021 a 19:09.
Vecchio 11-01-2021, 19:22   #18
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Una sola domanda mi viene spontanea: cos'ha Muttley che io non ho?
Vecchio 11-01-2021, 19:29   #19
Esperto
L'avatar di claire
 

L'ultimo pezzo te lo sei inventato tu a meno che tu non abbia un master sulle fobie natatorie.
É una tua idea, la tua casistica non fa testo e anche fosse, tu hai parlato di me, hai detto che a me passa se mi insegni tu e continui a ritenerlo senza saperne niente, non tanto perché non sai "il mio vissuto" ma perché non esiste certezza che quella fobia sia sempre superabile, non sta scritto da nessuna parte , ce l'hai tu la certezza senza ragione, il che ti rende peggio dello zio paternalista con la quinta elementare; perché quelli in genere quando gli spieghi che in realtà non è così semplice, la mollano.Tu insisti, e insisti qui, in questo forum, e io mi auguro che non ci sia qualche utente fragile che legge ste cose in un momento in cui soffre per le sue fobie e per come la fanno facile gli altri.
Essere un "utente storico" ed avere gli strumenti intellettuali e culturali, sono aggravanti, non attenuanti.
E avrei una frase conclusiva in punta di dita che non scrivo perché sono a un pelo dal ban.
Ma se mi gira in privato te la scrivo, perché te la meriteresti e io a trattenermi diplomaticamente non sono bravissima.
Cordialità.
Vecchio 11-01-2021, 19:31   #20
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da pokorny Visualizza il messaggio
Una sola domanda mi viene spontanea: cos'ha Muttley che io non ho?
Avrei detto il narcisismo, ma dopo sto scambio direi nemmeno quello: potete darvi la mano.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Fobia dell'acqua
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Fobia sociale e Disturbo dell’Attenzione e Iperattività acquarius_72 SocioFobia Forum Generale 27 05-03-2020 22:34
Fobia evitante specifica nei confronti dell'altro sesso no-body Forum Sessualità (solo adulti) 41 04-12-2017 21:44
un tubo dell'acqua rotto S.Marco91 SocioFobia Forum Generale 38 30-11-2017 19:25
Paura dell'acqua Loudovica Ansia e Stress Forum 22 30-05-2011 20:43
no acqua Freddy_Krueger Trattamenti e Terapie 0 14-10-2010 20:30



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 08:18.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2