FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Depressione Forum
Rispondi
 
Vecchio 21-11-2020, 23:48   #21
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

E' tutto relativo a quelle che sono le aspettative. Se hai sempre aspettative elevate e ti poni continuamente obiettivi sempre più complicati per primeggiare sarai sempre un perdente perchè non troverai mai la tua sensazione di "vittoria".

Se invece aspiri una vita monotona e tranquilla senza grandi aspettative se non avere l'essenziale per vivere decentemente non percepirai mai la sensazione di sconfitta.

Ora non dico che una delle due cose è giusta e l'altra sbagliata. Però questa società ci spinge a dover fare sempre di più per eguagliare certi modelli standarizzati come vincenti, non riuscire nemmeno ad avvicinarsi a questi standard inevitabilmente crea frustrazione e ci fa sentire perdenti.
Vecchio 22-11-2020, 00:09   #22
Intermedio
L'avatar di Michiru-1990
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Se invece aspiri una vita monotona e tranquilla senza grandi aspettative se non avere l'essenziale per vivere decentemente non percepirai mai la sensazione di sconfitta.

Ora non dico che una delle due cose è giusta e l'altra sbagliata. Però questa società ci spinge a dover fare sempre di più per eguagliare certi modelli standarizzati come vincenti, non riuscire nemmeno ad avvicinarsi a questi standard inevitabilmente crea frustrazione e ci fa sentire perdenti.
Concordo.
Però sono dell'idea che, proprioperche siamo sempre spinti verso l eccellenza, anche il fatto di "accontantarsi" di una vita senza troppe aspettative... ti spi ge a vederti inferiore a chi invece é in continua evoluzione.
Ma se siamo iscritti a questo forum vuol dire che qual cosa di base c'è ahahah.
C"é molta gente che effettivamente ha una vita senza troppe pretese, ma non credo che abbiano qualche sorta di fs o simili.
Chi invece ne è affetto difficilmente riuscirà a far proprio un concetto così. Io sono la prima...vorrei tanto avere una vita tranquilla senza troppe aspettative... ma an he chi mi é vicino, involontariamente, mi fa capire che non va bene.

Mi auguro si sbagliarmi e che molti simili a me, invece, ci riescank
Vecchio 22-11-2020, 02:12   #23
Esperto
 

Io è una vita che mi sento un perdente. Non ho mai raggiunto alcun obiettivo nella mia vita.

E non è soltanto nell'ambito sportivo dove ho sempre mollato ad un passo da un minimo traguardo, che forse avrebbe potuto fare del bene alla mia autostima, per via dei mie disturbi che cominciavano a prendere il sopravvento (l'ansia, il senso di inferiorità, l'inadeguatezza, la depressione, l'evitamento, il timore di deludere e la paura della competitività).

In ambito sociale/sentimentale sono sempre stato un perdente per la mia incapacità di relazionarmi con chiunque.

In ambito scolastico perché ho solo la terza media, non sono nemmeno riuscito a prendere uno straccio di diploma e ora al ricovero, dove sono costretto a trascorrere le mie inutili giornate, vedo passarmi davanti coetanei con la laurea e il posto fisso.

In ambito lavorativo perché non sono un inetto senza esperienza in alcun ambito e senza capacità o particolari propensioni.


E col tempo sono arrivato a minimizzare le mie aspettative a cose ridicole, come il solo fatto di riuscire ad alzarsi dal letto la mattina ed arrivare alla struttura di ricovero e l'unica coppetta alla quale poter ambire, come ha già scritto qualcuno, è quella di gelato, nel congelatore di casa (perché andare in gelateria sarebbe chiedere troppo).
Gli stessi psicologi dicono che devo vivere alla giornata, day by day, obiettivi minimi.

Ma questo non aiuta per un cazzo.

Tutto ciò diventa un circolo vizioso: più si va avanti e più ci si sente dei falliti, dei perdenti; più ci si sente dei perdenti, più aumentano le sensazioni e gli stati descritti in precedenza (l'ansia, il senso di inferiorità, l'inadeguatezza, la depressione, l'evitamento, il timore di deludere e la paura della competitività), e alla fine arrivi all'unica conclusione possibile: che sarebbe meglio non esistere.

E allora ti rannicchi in posizione fetale sotto le coperte dopo una giornata vuota ed inutile e speri che non ci sia un giorno dopo.

Ultima modifica di Noradenalin; 22-11-2020 a 02:32.
Ringraziamenti da
Inner_Beauty89 (22-11-2020), pokorny (22-11-2020), Texas (Ieri)
Vecchio 22-11-2020, 02:58   #24
Principiante
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Ma non eri tu a dire che non si deve minimizzare l'altrui sentire.
Finché è un racconto personale e qualcosa che rientra nella sfera privata assolutamente si.
Quando è una discussione pubblica con il titolo "essere perdenti" dove il laureato di turno afferma quanto nella sua vita privilegiata sia deplorevole, ecco che iniziano a girare (in particolare questo commento):
Quote:
La realtà è che viviamo in una società fortemente competitiva, e chi rimane indietro e perde sempre, lascia dietro di sé, come fosse un ombra, un Gap incolmabile da recuperare.
Ma io mi chiedo, voi "grandissimi perdenti":
Diplomi, lauree, buoni lavori e tutte quei successi ufficiali (basati sul impegno e l'approvazione) ve li siete comprati al supermercato?
Perché sempre puntualmente arriva il ragazzo premiatissimo e inizia a sputare su tutto?
Sarebbe interessante vedere come tu @Inner_Beauty89 vedresti la vita senza nemmeno quei successi che valuti basati solo sui numeri.
Come vivresti davvero, ufficialmente e senza poter scappare nei tuoi pensieri, come un perdente reietto.
Poi i tuoi ragionamenti possono essere tutti giustissimi, ma rimani seduto su una montagna di monete d'oro.
Quindi il tuo patimento sarà pure comprensibile, ma comprendi anche tu che sei di un'altra serie, il fascino e la bellezza della vita sono i problemi degli apolli, e quando parli di mancanza di alternative la tana del bianconiglio è molto più profonda, è un scivolone lontano dove la filosofia non c'è più.
Quaggiù essere vincenti è perdere come stai perdendo tu.
Ringraziamenti da
Noradenalin (22-11-2020)
Vecchio 22-11-2020, 09:22   #25
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Ma io mi chiedo, voi "grandissimi perdenti":
Diplomi, lauree, buoni lavori e tutte quei successi ufficiali (basati sul impegno e l'approvazione) ve li siete comprati al supermercato?
Perché sempre puntualmente arriva il ragazzo premiatissimo e inizia a sputare su tutto?
Sarebbe interessante vedere come tu @Inner_Beauty89 vedresti la vita senza nemmeno quei successi che valuti basati solo sui numeri.
Come vivresti davvero, ufficialmente e senza poter scappare nei tuoi pensieri, come un perdente reietto.
Poi i tuoi ragionamenti possono essere tutti giustissimi, ma rimani seduto su una montagna di monete d'oro.
Quindi il tuo patimento sarà pure comprensibile, ma comprendi anche tu che sei di un'altra serie, il fascino e la bellezza della vita sono i problemi degli apolli, e quando parli di mancanza di alternative la tana del bianconiglio è molto più profonda, è un scivolone lontano dove la filosofia non c'è più.
Quaggiù essere vincenti è perdere come stai perdendo tu.
Penso che siano vere entrambe le cose; quello che "fa fede" è il mondo con cui ci si confronta; si deve tenere conto di una specie di scala assoluta che è quello a cui credo tu ti riferisca ma questo non sposta molto i termini della questione. Io ho il dottorato, ma l'ho preso con la sufficienza minima. Forse rispetto a tanti qui sarò pure un genio ma rispetto al mondo in cui avrei desiderato collocarmi sono veramente una nullità, e ne soffro dato che non ci ho mai trovato lavoro, né sono riuscito a nemmeno arrivare ai titoli per il concorso da ricercatore; magari posso essere un mito vivente per lo studente della scuola secondaria a cui do una mano in matematica ma nel mio mondo sono l'equivalente del mendicante che chiede l'elemosina all'usciere del palazzo in cui vorrebbe entrare. Certo, una persona che abbia una gamma di capacità equilibrata può anche dirsi che ha altre cose per compensare, per esempio una vita affettiva e/o un buon aspetto per cui compensa con una vita sufficientemente appagante tra discoteca e calcetto anche se poi fa un lavoro pesantemente sottoqualificato rispetto ai titoli. Ma se il complesso è tutto spostato verso il basso il tuo argomento perde gran parte della sua applicabilità.

Insomma, quello che il tuo discorso trascura è il complesso della vita della persona. Io personalmente sì, avrò pure titoli guadagnati ma dopo averli guadagnati non li ho potuti-saputi sfruttare, e guarda caso al 90% proprio per la mancanza di autostima indotta a sua volta dal perdere sempre da che sono ragazzino. La persona, o almeno molte persone, si "formano" e diventano persone normali con una vita normale anche perché su 100 occasioni di competizione almeno 30 gli hanno detto bene con un carattere testardo oppure 70 gli hanno detto bene con un carattere rinunciatario. Ma se si vince 10 volte su 100 con un carattere predisposto al timore della competizione sono dolori. Conosco diversi grossi papaveri nel loro campo, gente che ha soldi che nemmeno immaginiamo. Da fuori sembrano fantozzi timorosi di tutto, poi vacci a trattare un affare e viene fuori un leone che associa la furbizia alla spregiudicatezza, e vincono quasi sempre. La somma dei punti di tutte le componenti che fanno la soddisfazione di una persona, in casi come questi ha pochissime voci positive ma con un punteggio altissimo.

E così ho inaugurato un filone afferente, che non vorrei sviluppare. Per restare al tema sintetizzo: hai ragione ma è 1) il complesso del "successo" della persona a determinarne la qualità della vita 2) La scala assoluta conta ma conta di più quella relativa alla ragionevole collocazione dell'individuo.

E di sfuggita osservo che penso di avere tutto il diritto di fare l'identico tuo discorso: ci sono parecchi utenti che si lamentano per cose, lo so, percepite importanti ma magari hanno la fidanzata. Io ho un bilancio prossimo allo zero in questo "settore" però se pure ogni tanto mi lamento che non dovrebbero parlare dato che hanno dal mio punto di vista tutti i motivi per non lamentarsi, dall'altro lato capisco che tutto è in relazione al loro mondo e alla loro collocazione (in questo caso sulla possibilità-capacità di legami trombamicali-affettivi).

Detta ancora diversa: uno può pure essere professore ordinario con 170 pubblicazioni ma se poi al di fuori TUTTO è uno schifo, la vita resta comunque non degna di essere vissuta.

Ultima modifica di pokorny; 22-11-2020 a 09:46.
Ringraziamenti da
Inner_Beauty89 (22-11-2020), Oblomov (22-11-2020)
Vecchio 22-11-2020, 10:23   #26
Principiante
L'avatar di Inner_Beauty89
 

Quote:
Originariamente inviata da FolleAnonimo Visualizza il messaggio
Finché è un racconto personale e qualcosa che rientra nella sfera privata assolutamente si.
Quando è una discussione pubblica con il titolo "essere perdenti" dove il laureato di turno afferma quanto nella sua vita privilegiata sia deplorevole, ecco che iniziano a girare (in particolare questo commento):

Ma io mi chiedo, voi "grandissimi perdenti":
Diplomi, lauree, buoni lavori e tutte quei successi ufficiali (basati sul impegno e l'approvazione) ve li siete comprati al supermercato?
Perché sempre puntualmente arriva il ragazzo premiatissimo e inizia a sputare su tutto?
Sarebbe interessante vedere come tu @Inner_Beauty89 vedresti la vita senza nemmeno quei successi che valuti basati solo sui numeri.
Come vivresti davvero, ufficialmente e senza poter scappare nei tuoi pensieri, come un perdente reietto.
Poi i tuoi ragionamenti possono essere tutti giustissimi, ma rimani seduto su una montagna di monete d'oro.
Quindi il tuo patimento sarà pure comprensibile, ma comprendi anche tu che sei di un'altra serie, il fascino e la bellezza della vita sono i problemi degli apolli, e quando parli di mancanza di alternative la tana del bianconiglio è molto più profonda, è un scivolone lontano dove la filosofia non c'è più.
Quaggiù essere vincenti è perdere come stai perdendo tu.
Il mio era e rimane un discorso personale su cui poi ho tratto delle conclusioni in merito alla mia esperienza; il titolo dato è stato appunto quello di "essere e sentirsi dei perdenti", dove l'essere è un riferimento al rapporto con i valori medi imposti dalla società riguardo al concetto di successo personale e di vittoria.
E tutto questo può assumere un forte valore negativo nella psiche dell'individuo e nella considerazione di sé nei confronti dei propri simili; fa parte della realtà, e per quanto possiamo provare a relativizzare il tutto, il confronto con il prossimo rimane inevitabile, a meno che non si voglia vivere in una campana di vetro.
L'unico modo di crescere nella vita è stare a contatto con le persone, al di là del nostro carattere e delle nostre peculiarità.
Un contatto che chi manca obiettivi sin dai primi passi, rischia di non ottenere, subendo il peso dell'emarginazione sociale, cioè una delle forme di violenza più infime che esistano.
Dopodiché sono d'accordo con te che la linea di demarcazione tra successo e fallimento può essere in qualche modo levigata da svariati fattori, che però non possono nascondere e cancellare i contesti entro i quali noi ci muoviamo.
Per questo non mi sento comunque un privilegiato od un reietto, pur essendo messo teoricamente meglio di altri.
Come peggio, del resto.
Ripeto che questo non è frutto di una prigione mentale, ma della realtà di tutti i giorni.
Io per dire, ho passato una buona parte della mia infanzia in strutture adibite ad Ospedali Pediatrici, per via dei miei disturbi dell'apprendimento, problemi che i miei compagni di classe non avevano.
Ma la mia esperienza relativa a quel periodo, rappresenta solo uno spaccato della realtà, per quanto dura fosse, non la vita nella sua interezza; altri bambini delle classe hanno sofferto condizioni familiari precarie, con pesanti ricadute sociali, a differenza della mia che è sempre stata molto unita.
Chi tra me e loro è stato il privilegiato?
Per me nessuno.
Stesso discorso varrebbe per te, qualsiasi cosa tu abbia avuto.
Il tuo errore è nel tentativo di fare di tutto un calderone, senza prendere in considerazione le varie peculiarità nascoste nella variegata diversità di ogni singola esperienza di vita.
Per me sarebbe stata positiva una realtà sociale dove la sconfitta sarebbe stata vista come un evento a sé, e non un arma per denigrare ed ostacolare le persone nel proprio percorso di crescita; i numeri che citi non c'entrano, non li ho mai descritti.
Lo Sport in questo sarebbe dovuto essere un baluardo, concepito come qualcosa che unisce le persone, non le divide.
Ed è stata una di quelle esperienze che mi ha fatto perdere la fiducia nel prossimo, oltre che nelle mie capacità.
Quel poco che ho, l'ho ottenuto cercando di rimboccarmi le maniche come meglio potevo, senza affibbiare cariche e titoli a chi ha avuto nella vita più fortuna o bravura di me.
Ringraziamenti da
pokorny (22-11-2020)
Vecchio 22-11-2020, 15:14   #27
Esperto
 

è la pressione degli altri a condizionarci, se vivessimo in una società dove i più hanno poche ambizioni non si avvertirebbe senso di fallimento....
Ringraziamenti da
Noradenalin (22-11-2020)
Vecchio 22-11-2020, 23:12   #28
Esperto
L'avatar di Rose
 

Eccomi. È dura vivere sempre proiettati al passato ma purtroppo non riesco ad andare avanti e per ora tocca così..


Inviato dal mio Redmi 6A utilizzando Tapatalk
Ringraziamenti da
Noradenalin (22-11-2020)
Vecchio Ieri, 07:21   #29
Esperto
 

I titoli di studi servono a poco per non sentirsi perdente, se nella vita di tutti i giorni non te la sai cavare da solo.
Ringraziamenti da
Ezp97 (Oggi), pokorny (Ieri)
Vecchio Ieri, 11:03   #30
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Inner_Beauty89 Visualizza il messaggio
Quel poco che ho, l'ho ottenuto cercando di rimboccarmi le maniche come meglio potevo, senza affibbiare cariche e titoli a chi ha avuto nella vita più fortuna o bravura di me.
Ok va benissimo.

Quindi qual è il problema?

Se ti sei rimboccato le maniche hai fatto tutto quello che rientrava nelle tue possibilità, probabilmente quello che non va sono le eccessive pretese che hai verso te stesso.

E' questa mania di dover sempre migliorare, superarsi, raggiungere obiettivi, costruire qualcosa e bla, bla, bla...

Ci siamo dimenticati che si vive nel presente e non nel passato e nel futuro.

Ultima modifica di Black_Hole_Sun; Ieri a 11:07.
Vecchio Ieri, 17:07   #31
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Ok va benissimo.

Quindi qual è il problema?

Se ti sei rimboccato le maniche hai fatto tutto quello che rientrava nelle tue possibilità, probabilmente quello che non va sono le eccessive pretese che hai verso te stesso.

E' questa mania di dover sempre migliorare, superarsi, raggiungere obiettivi, costruire qualcosa e bla, bla, bla...

Ci siamo dimenticati che si vive nel presente e non nel passato e nel futuro.
Siamo sempre combattuti tra resa e miglioramento..purtroppo l'amore,che non si compra,è più forte della rassegnazione..quindi anche se per ottenere uno dobbiamo fare cento,è l'istinto a dirci di non arrenderci...
Vecchio Ieri, 17:36   #32
Principiante
L'avatar di Inner_Beauty89
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Ok va benissimo.

Quindi qual è il problema?

Se ti sei rimboccato le maniche hai fatto tutto quello che rientrava nelle tue possibilità, probabilmente quello che non va sono le eccessive pretese che hai verso te stesso.

E' questa mania di dover sempre migliorare, superarsi, raggiungere obiettivi, costruire qualcosa e bla, bla, bla...

Ci siamo dimenticati che si vive nel presente e non nel passato e nel futuro.
Migliorare, superare i propri limiti, raggiungere degli obiettivi, costruirsi un qualcosa di significativo, non sono manie ma frutti di ciò che dovrebbe essere l'essenza della vita, per ogni singola persona; fa parte dell'essere umano, delle nostra natura, cultura, e non possiamo scindere questa ingombrante realtà per cullarci in un letto di menzogne.
Il problema è intrinseco nel concetto e nell'attuazione pratica delle possibilità personali e dell'idea malsana e non corrispondente a verità assoluta, che se una persona non si trova nelle condizioni ideali per compiere determinate azioni o scelte di vita, non lo sarà mai, per via di una corrente di pensiero che vede l'immutabilità all'interno del disagio sociale.
Questo accade perché non si vuole ammettere una verità scomoda, cioè che la vita è fatta di scelte e non di contentini, ed è insita nel diritto universale all'autodeterminazione individuale attraverso l'affermazione sociale.
Si tratta di un aspetto dell'esistenza cruciale, a cui spesso ci si affaccia in maniera molto superficiale, andando a toccare argomenti che hanno spesso a che fare con una valenza sportiva, piuttosto che di vita sociale.
Ed è per questo che il vero dramma, rappresentato dal rifiuto sociale, sentimentale od amicale che sia, non si annida tanto nella sconfitta in sé, ma nella mancata opportunità di compiere delle scelte, nella mancata possibilità che ha l'individuo che subisce un rifiuto, di autodeterminarsi di fronte alle prove della vita stessa.
Credo fermamente che l'unico modo che noi abbiamo per maturare e crescere come individui, sia il fare delle scelte in grado di metterci dinanzi alle difficoltà della vita; rimane l'unica maniera per "alzare l'asticella" e porsi correttamente di fronte alle avversità.
L'accontentarsi a prescindere da tutto, porta l'individuo a deresponsabilizzarsi nei confronti degli altri, perché il frutto delle sue esperienze di vita non rappresenta l'effetto delle proprie scelte, ma una delega in bianco ad un entità esterna che influisce prepotentemente sul risultato del vissuto reale; non permette alla persona di elevarsi mentalmente, spiritualmente e concretamente e di rendersi protagonista del proprio sentire.
Solo attraverso una scelta, un qualsiasi essere umano ha l'opportunità di essere messo davanti alle proprie responsabilità come individuo facente parte della società, e così maturare, crescere ed uscire dalla propria anonimità, custodendo la propria identità.
Vecchio Oggi, 00:01   #33
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da choppy Visualizza il messaggio
se nella vita di tutti i giorni non te la sai cavare da solo.
Anche questo è vero.
Talvolta mi sento un analfabeta funzionale...forse lo sono veramente.
Vecchio Oggi, 06:33   #34
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Inner_Beauty89 Visualizza il messaggio
Migliorare, superare i propri limiti, raggiungere degli obiettivi, costruirsi un qualcosa di significativo, non sono manie ma frutti di ciò che dovrebbe essere l'essenza della vita, per ogni singola persona; fa parte dell'essere umano, delle nostra natura, cultura, e non possiamo scindere questa ingombrante realtà per cullarci in un letto di menzogne.
Il problema è intrinseco nel concetto e nell'attuazione pratica delle possibilità personali e dell'idea malsana e non corrispondente a verità assoluta, che se una persona non si trova nelle condizioni ideali per compiere determinate azioni o scelte di vita, non lo sarà mai, per via di una corrente di pensiero che vede l'immutabilità all'interno del disagio sociale.
Questo accade perché non si vuole ammettere una verità scomoda, cioè che la vita è fatta di scelte e non di contentini, ed è insita nel diritto universale all'autodeterminazione individuale attraverso l'affermazione sociale.
Si tratta di un aspetto dell'esistenza cruciale, a cui spesso ci si affaccia in maniera molto superficiale, andando a toccare argomenti che hanno spesso a che fare con una valenza sportiva, piuttosto che di vita sociale.
Ed è per questo che il vero dramma, rappresentato dal rifiuto sociale, sentimentale od amicale che sia, non si annida tanto nella sconfitta in sé, ma nella mancata opportunità di compiere delle scelte, nella mancata possibilità che ha l'individuo che subisce un rifiuto, di autodeterminarsi di fronte alle prove della vita stessa.
Credo fermamente che l'unico modo che noi abbiamo per maturare e crescere come individui, sia il fare delle scelte in grado di metterci dinanzi alle difficoltà della vita; rimane l'unica maniera per "alzare l'asticella" e porsi correttamente di fronte alle avversità.
L'accontentarsi a prescindere da tutto, porta l'individuo a deresponsabilizzarsi nei confronti degli altri, perché il frutto delle sue esperienze di vita non rappresenta l'effetto delle proprie scelte, ma una delega in bianco ad un entità esterna che influisce prepotentemente sul risultato del vissuto reale; non permette alla persona di elevarsi mentalmente, spiritualmente e concretamente e di rendersi protagonista del proprio sentire.
Solo attraverso una scelta, un qualsiasi essere umano ha l'opportunità di essere messo davanti alle proprie responsabilità come individuo facente parte della società, e così maturare, crescere ed uscire dalla propria anonimità, custodendo la propria identità.
Se io faccio la scelta di entrare nella gabbia dei leoni non mi metto davanti alle mie responsabilità come individuo così da maturare e crescere, mi faccio sbranare e basta. Essendo consapevole di non avere nessuna possibilità di sopravvivere in uno scontro fisico con un leone a meno di non essere un eroe mitologico tipo Ercole o Maciste semplicemente non ci entro nella gabbia e meno che non voglia suicidarmi in maniera atroce.

E non aggiungo altro perché mi sembra di aver detto tutto.
Vecchio Oggi, 09:42   #35
Principiante
L'avatar di Inner_Beauty89
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
Se io faccio la scelta di entrare nella gabbia dei leoni non mi metto davanti alle mie responsabilità come individuo così da maturare e crescere, mi faccio sbranare e basta. Essendo consapevole di non avere nessuna possibilità di sopravvivere in uno scontro fisico con un leone a meno di non essere un eroe mitologico tipo Ercole o Maciste semplicemente non ci entro nella gabbia e meno che non voglia suicidarmi in maniera atroce.

E non aggiungo altro perché mi sembra di aver detto tutto.
Ma è proprio in questo pensiero che si annida l'errore.
Il fatto che non si sia in grado di entrare nella gabbia del leone in quel momento, non significa che lo sarà per sempre, per il semplice fatto che la vita rappresenta uno stadio di evoluzione continua.
Nessuno può stabilire l'immutabilità di una condizione sociale, a meno che non siamo noi stessi ad accontentarci a prescindere; credo che il tutto dipenda dalla sensibilità di ognuno.
Una delle mie "gabbie del leone", era da adolescente, la capacità di parlare in pubblico e far sentire la mia voce; ero talmente chiuso in me stesso ed insicuro da sentirmi non all'altezza di quella situazione.
Anni dopo, grazie all'aiuto di alcune persone conosciute per pure casualità, sono riuscito ad aprirmi di più ed a sviluppare abilità sociali adeguate per sostenere un discorso pubblico.
All'inizio, con tutti i limiti del caso.
Poi, per salire ancor più di livello, decisi di intraprendere il ruolo di animatore per bambini; altra figura professionale che avevo sempre desiderato di essere, a 14-15 anni, ma per timore e paura, non ero riuscito a realizzare.
Ora, a 31 anni, riesco a compiere dei gesti che fino a 10 anni fa ritenevo impensabili.
Vecchio Oggi, 09:51   #36
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Inner_Beauty89 Visualizza il messaggio
Ora, a 31 anni, riesco a compiere dei gesti che fino a 10 anni fa ritenevo impensabili.
E ti rinnovo il quesito...

Parli di traguardi e risultati ottenuti che sicuramente per te sono stati gratificanti.

Quindi perché apri una discussione in cui affermi di sentirti ed essere un perdente?

La risposta te la sei data da solo prima, perché l'essere umano per natura cerca sempre nuovi obiettivi da perseguire. E dal mio punto è una natura del cxxxo che avvalora solo la tesi che la vita non ha alcun senso in quanto la passiamo nel riflesso di quello che abbiamo vissuto e di quello che vorremo vivere in quel futuro che non arriva mai perché gira e rigira quello che stai comunicando è che siamo destinati ad essere perdenti fino alla morte in quanto ci sarà sempre un obiettivo da perseguire che non saremo ancora riusciti a raggiungere. E' tutto un meccanismo sbagliato e deleterio, non crea stimoli ma accumula solo frustrazione perché ancora non siamo riusciti a fare questo e quest'altro.
Vecchio Oggi, 10:33   #37
Principiante
L'avatar di Inner_Beauty89
 

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
E ti rinnovo il quesito...

Parli di traguardi e risultati ottenuti che sicuramente per te sono stati gratificanti.

Quindi perché apri una discussione in cui affermi di sentirti ed essere un perdente?

La risposta te la sei data da solo prima, perché l'essere umano per natura cerca sempre nuovi obiettivi da perseguire. E dal mio punto è una natura del cxxxo che avvalora solo la tesi che la vita non ha alcun senso in quanto la passiamo nel riflesso di quello che abbiamo vissuto e di quello che vorremo vivere in quel futuro che non arriva mai perché gira e rigira quello che stai comunicando è che siamo destinati ad essere perdenti fino alla morte in quanto ci sarà sempre un obiettivo da perseguire che non saremo ancora riusciti a raggiungere. E' tutto un meccanismo sbagliato e deleterio, non crea stimoli ma accumula solo frustrazione perché ancora non siamo riusciti a fare questo e quest'altro.
Per me è stato gratificante riuscire a stare in mezzo ai bambini in veste di animatore, ma quel risultato non dice nulla sul mio valore rispetto agli altri.
Si è trattato di un desiderio che sono riuscito a realizzare con molti anni di ritardo, per tutta una serie di ragioni.
Ho aperto questa discussione perché quel briciolo di soddisfazione non potrà mai sostituire in alcun modo, la vergogna, il dolore e l'imbarazzo provato nell'essere sempre emarginato, messo da parte, denigrato e bullizzato a suon di insulti da quelle stesse persone che avrebbero dovuto e potuto rappresentare per me, la genesi delle mia esperienze nello sviluppo delle abilità sociali necessarie ad affrontare la vita nella maniera corretta.
Il senso della vita è la Vita stessa e gliela dobbiamo dare noi, attraverso i filtri delle nostre esperienze.
Mai permettere a qualche Guru, psicologo, insegnante o leader religioso, di farlo la posto nostro.
Siamo destinati a rincorrere qualcosa tutta la vita per continuare a stimolare la nostra creatività, ingegnosità, passionalità, e soprattutto la serenità interiore.
Chiudersi a riccio in sé stessi, equivale a rinunciare alla vita, abbandonando tutte le speranze di miglioramento.
Sarebbe un po' come morire, a poco a poco, dall'interno.
Vecchio Oggi, 10:35   #38
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Inner_Beauty89 Visualizza il messaggio
Siamo destinati a rincorrere qualcosa tutta la vita per continuare a stimolare la nostra creatività, ingegnosità, passionalità, e soprattutto la serenità interiore.
Un po' tipo ruota del criceto. La serenità interiore poi ce la vedo proprio fare a cazzotti col rincorrere qualcosa che sfugge sempre. E anche tu hai detto a inizio topic:

La realtà è che viviamo in una società fortemente competitiva, e chi rimane indietro e perde sempre, lascia dietro di sé, come fosse un ombra, un Gap incolmabile da recuperare.

A me pare un meccanismo infernale da far saltare, non certo da assecondare.
Vecchio Oggi, 11:03   #39
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
Un po' tipo ruota del criceto. La serenità interiore poi ce la vedo proprio fare a cazzotti col rincorrere qualcosa che sfugge sempre. E anche tu hai detto a inizio topic:

La realtà è che viviamo in una società fortemente competitiva, e chi rimane indietro e perde sempre, lascia dietro di sé, come fosse un ombra, un Gap incolmabile da recuperare.

A me pare un meccanismo infernale da far saltare, non certo da assecondare.
Ecco appunto.

Ma lui continua a contraddirsi. Prima dice che bisogno sempre migliorarsi per stare al passo con la società, poi tutto il contrario che è il solo mezzo per arrivare alla pace interiore.

La verità è che in pace ci sono solo i morti.
Vecchio Oggi, 11:05   #40
Principiante
L'avatar di Inner_Beauty89
 

Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
Un po' tipo ruota del criceto. La serenità interiore poi ce la vedo proprio fare a cazzotti col rincorrere qualcosa che sfugge sempre. E anche tu hai detto a inizio topic:

La realtà è che viviamo in una società fortemente competitiva, e chi rimane indietro e perde sempre, lascia dietro di sé, come fosse un ombra, un Gap incolmabile da recuperare.

A me pare un meccanismo infernale da far saltare, non certo da assecondare.
Personalmente non vedo questa contraddizione; si possono rincorrere obiettivi partendo da basi diverse.
Certamente una persona serena, che è riuscito a costruirsi una certa solidità sociale e relazionale, potrà prefissarsi un nuovo obiettivo approcciandolo in maniera divergente rispetto ad un individuo a cui mancano determinate certezze e conquiste, che alle prime difficoltà nel conseguire il risultato, rischia di crollare come un gigante dalle gambe d'argilla.
La realtà umana potrà essere vista come una macchina infernale, ma quella è e rimane; non possiamo, in quanto individui, fare a meno della presenza e del confronto con i nostri simili, rinunciando alla nostra natura di animali sociali, chiudendosi in sé stessi pur di non assecondare una verità che non approviamo.
Questo perché l'unica via percorribile che ci è concessa per sviluppare le nostre abilità, sta proprio nello stare in mezzo alle altre persone, magari avendo anche la fortuna di non trovarsi a crescere in un ambiente fortemente sfavorevole, in cui ci si sente privati della possibilità di crescita personale da parte di gente che asseconda la propria ed infondata paura del diverso.
Come dicevo, l'alternativa sarebbe chiudersi nel proprio IO, costruendosi nella mente una realtà parallela che non trova riscontro in nessun altro luogo, se non nei meandri della propria psiche.

Ultima modifica di Inner_Beauty89; Oggi a 11:07.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Essere e sentirsi dei perdenti
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
sentirsi per davvero l'essere umano medio ansiolino Ansia e Stress Forum 9 19-04-2016 18:33
non sentirsi un essere umano reknub SocioFobia Forum Generale 68 27-12-2015 20:54
essere così soli da sentirsi felici quando un estraneo ti rivolge la parola Sadsoul SocioFobia Forum Generale 8 29-09-2014 07:52
Sentirsi/essere un verme... Gummo Storie Personali 6 18-05-2014 21:18
non sentirsi degni di essere amati... jones00 Altri disturbi di personalità 4 20-01-2013 16:13



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 19:26.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2