FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale > Sondaggi
Visualizza i risultati del sondaggio: Soffrivi per la tua timidezza da bambino/a
69 66.35%
No 35 33.65%
Chi ha votato: 104. Non puoi votare questo sondaggio

Rispondi
 
Vecchio 23-01-2011, 21:50   #41
Esperto
L'avatar di stuntmanmike
 

Quote:
Originariamente inviata da bunker Visualizza il messaggio
merda secca!
puoi dirlo forte.....
Vecchio 29-01-2011, 23:01   #42
Banned
 

Sto male dai 3 anni.
Vecchio 30-01-2011, 01:17   #43
Esperto
L'avatar di Chained to dust
 

Da che ho memoria non son mai riuscito a relazionarmi come si deve... ne a fare qualunque altra cosa, come si deve.
Vecchio 30-01-2011, 13:26   #44
Paz
Esperto
L'avatar di Paz
 

Più o meno è iniziato tutto 12 anni fa. Da allora è stato un susseguirsi di fasi alterne tra male e bene, ma dall'anno scorso è stato un precipitare continuo. La timidezza però non c'entra nel mio caso, sono state altre le cause.
Vecchio 08-02-2011, 14:37   #45
Intermedio
L'avatar di magenta
 

Quote:
Avevo paura ad andare nei bar a chiedere le caramelle
A chi lo dici!!

Da bambina ero abbastanza timida, ma avevo comunque le mie amichette, non sono mai stata sola... Nonostante ciò, mia madre diceva in pubblico che ero asociale (non è mai stato così).
Ho cominciato un po' ad isolarmi alle scuole medie, perché nonostante cercassi di omologarmi agli altri, questi mi facevano sentire diversa, tendevo ad essere un po' "crocerossina" e poi ero un po' più ingenua delle altre ragazzine... Scappai dal liceo della mia città perché le persone che frequentavano quella scuola, erano un po' peggio di quelle delle medie. Cambiai scuola e tutto andò meglio.

A 18 anni mi fidanzai con un ragazzo che ancora adesso si strugge per quanto mi ha trattata male, e questa lunga relazione ha contribuito ad aumentare la mia insicurezza e le mie paure.
A 22 cominciano le prime fregature lavorative e delusioni da parte di "amici", e lascio l'università per 2 anni.
A 25 iniziano le vere e proprie fobie, dopo che la seconda storia importante della mia vita finisce; mia madre ne fa una tragedia, perché -Come faccio ad uscire per strada? Chi mi avrebbe più presa?- Manco vivessimo nell'entroterra di chissà quale paesino sperduto del 1810. In questo periodo mi sono completamente isolata dal mondo per qualche mese. Ingrassai di 18 chili e i miei mi proposero di andare in un centro di recupero.
In tutto questo ho dovuto subire più volte il carattere violento di mio padre, in cura da uno specialista ormai da 12 anni.
Piano piano mi sono ripresa, ho riallacciato alcune amicizie vecchie e ne ho trovate di nuove, ho di nuovo una relazione amorosa che mi rende serena.. Insomma, ho una vita sociale che, nonostante tutto, posso definire "normale".

Però da quando ho passato quel periodo di "isolamento" vivo sempre, salvo rari momenti, con quella sensazione di pugno allo stomaco che mi toglie il respiro. E' dura combatterla, ma mi sono imposta di vivere, non di sopravvivere, e devo vincere io.
Vecchio 08-02-2011, 15:35   #46
Esperto
L'avatar di EdgarAllanPoe
 

Quote:
Originariamente inviata da NoThingTosaY Visualizza il messaggio
Credo di aver cominciato male dopo il mio trasferimento dal Sud al Nord Italia... se giù ero amico di tutti, su non stavo simpatico a nessuno. Eppure ero me stesso, ma per le loro menti troppo ristrette ero un pazzo esagitato...

Da lì è proseguito fino ad arrivare all'esclusione dai gruppi (i bambini non mi facevano giocare, mio fratello compreso) e ai maltrattamenti di ogni tipo. A volte anche gli adulti erano cattivi con me. Prima di tutto i miei.

A 14 anni ero un vecchio, sempre antipatico a tutti e comunque stavo già iniziando a chiudermi... 5 anni passati bene soltanto perché andavo bene a scuola, non perché stessi bene con gli altri. Mi innamorai anche all'epoca, ma non fui mai ricambiato

Adesso eccomi qui. I problemi sono sempre gli stessi, se possibile sono aumentati... Chi più chi meno abbiamo incominciato quasi tutti a chiuderci all'età della pubertà...
SI PERO' ANCHE PRIMA DELLA PUBERTA' C'ERA UNA FORTE TENDENZA ALL'INTROVERSIONE, HO UNA PAGELLA DELLE SCUOLE ELEMENTARI: ESATTAMENTE 5° ELEMENTARE, C'E' SCRITTO CHE PARLAVA SOLO DOPO UNO SPRONE E MAI SPONTANEAMENTE E CHE ERO APPUNTO INTROVERSO.
PERCIO' TRALASCIANDO TUTTE LE GIUSTIFICABILI ANSIE E TORMENTI DELLA PUBERTA', PENSO CHE TUTTO TORNI SEMPRE GIRARE ATTORNO AL PROBLEMA DEL TEMPERAMENTO INNATO, COME VIENE TRALALTRO CONFERMATO DA ALTRI PSICHIATRI CHE HO LETTO FINORA: CASSANO E ANEPETA.
Vecchio 20-02-2011, 12:03   #47
Intermedio
L'avatar di ASongNoOneSings
 

Io son stata timidissima e "musona" fin da bambina, ma avevo la mia sorellina con cui giocare e vivevo in un mondo tutto mio...i problemi seri sono iniziati durante l'adolescenza...
Vecchio 20-02-2011, 13:07   #48
Avanzato
L'avatar di inconstant_moon
 

Quote:
Originariamente inviata da stone Visualizza il messaggio
Io ho cominciato a capire che avevo qualche problema ed a starci male proprio dopo la pubertà, quando ho scoperto di non potermi avvicinare all'oggetto del mio desiderio e voi?
io sono sempre stata così, da che posso ricordare...
(citazione della principessa fiona )
se voglio situarlo in un dato tempo...direi che ho iniziato a rendermi conto in prima elementare di una "barriera" tra me e gli altri, di una mia impossibilità di conoscerli davvero e socializzare con loro.
Vecchio 20-02-2011, 13:36   #49
Avanzato
L'avatar di Rorò
 

Sono nata così, ricordo che già all'asilo mi riusciva difficile capire il comportamento degli altri bambini. Questo, unito alla timidezza, ha fatto sì che il mio desiderio di stabilire dei contatti umani si raffreddasse molto.

@Inconsant_moon bella citazione
Vecchio 20-02-2011, 14:12   #50
Esperto
L'avatar di stuntmanmike
 

é difficile quantificare...la timidezza c'é sempre stata piu o meno a 17 anni diciamo sono iniziati i primi stati d'ansia e panico e da li la lenta agonia fino ad essere il vegetale che tuttora sono
Vecchio 20-02-2011, 16:09   #51
Principiante
 

Da sempre... e ne ero consapevole anche fin da moooolto piccolo: all'asilo inizia qualche problema, alle elementari scattano le prime domande, alle medie inizio a stare male, al liceo e infine all'università ho iniziato a stare male di brutto con ansia e depressione.
Vecchio 20-02-2011, 16:28   #52
Principiante
L'avatar di Paul
 

percorso strano il mio....sempre stato un po timido con le ragazze ma non è mai stata una cosa invalidante, ho ricordi bellissimi della mia adolescenza spensieratezza sempre pieno di amici poi ho cominciato ad avere attacchi di panico entrando nel mondo del lavoro, essendo più rigido con me stesso volevo cercare di essere una persona diversa da quella che sono realmente mascherare per esempio la mia sensibilità/timidezza per cercare di piacere agli altri ed essere affidabile sul lavoro...da li sono cominciati poi i problemi e ho cominciato a soffrire di ansia sociale mi sento sempre al centro dell'attenzione e continuamente giudicato quindi ho paura di fare brutte figure. Vivo con molto disagio determinate situazioni e ho una paura terribile di mostrare la mia ansia agli altri. Dura uscire da questo circolo vizioso.
Vecchio 20-02-2011, 16:32   #53
Avanzato
L'avatar di inconstant_moon
 

Quote:
Originariamente inviata da Rorò Visualizza il messaggio
@Inconsant_moon bella citazione
eh,non c'è niente come una citazone colta,per arricchire un post.
Vecchio 20-02-2011, 16:49   #54
Esperto
L'avatar di Redman
 

C'è stato un tempo in cui sfiorai quasi la felicità
in cui l'aria veniva immagazzinata a pieni polmoni e non a piccoli sorsi
in cui il pensiero principale era "domani sarò" "domani farò"
in cui crescere non era un ostacolo ma un'aspettativa
in cui i sorrisi erano di pancia e non di testa
in cui le emozioni negative avevano ancora materiale per fondersi con quelle positive
ebbene si! c'è stato un tempo
Vecchio 21-02-2011, 00:02   #55
Intermedio
L'avatar di Soul
 

Avvertivo la mia "diversità" nel relazionarmi con gli altri fin da bambino, certo non potevo soffrirne come adesso che ho 20 anni, questo perchè la coscienza diventa sempre più profonda crescendo, ma già stavo male quando vedevo che gli altri bambini mi scansavano, non mi invitavano ai compleanni, questo anche perchè avevo interessi diversi da quelli di un comune bambino: ero totalmente "invaghito" della scienza, della archeologia e mi piaceva fortemente collezionare soldatini. Di certo ho iniziato a stare malissimo durante le medie in cui io ero la vera e propria pecora nera della classe....
Vecchio 21-02-2011, 01:15   #56
Principiante
L'avatar di guaranim
 

ho iniziato ad avere problemi dopo brutti anni alle scuole medie ora me li porto dietro da molto , ero timido da bambino ma non soffrivo
Vecchio 21-02-2011, 01:38   #57
Banned
 

Ho iniziato ad avere problema dai 17 anni....la mia storia l' ho scritta....è leggibile e scorrevole...almeno credo
Cmq da bambino a fino a 15-16 ero normalissimo.....quasi estroversone...e pochi problemi con le ragazze....poi è iniziata la catastrofe
Vecchio 21-02-2011, 02:14   #58
Esperto
L'avatar di Rocky Balboa
 

Quote:
Originariamente inviata da nsssp Visualizza il messaggio
ma voi che dite che stavate bene a bambini cosa intendete di preciso? che vi divertivate comunque anche se eravate timidi? oppure che non eravate timidi ma estroversi?

e in questo secondo caso quali sono le cose che prima facevate e che ora non fate più?

cmq io sto male o bene alternativamente anche attualmente, diciamo che dipende dai periodi, e questa alternanza và avanti da quando avevo 13-14 anni..
Io da bambino e fino ai 10 anni non ero timido, tutt'altro, mi piaceva anche stare con gli altri ed ero tremendo, ero uno che rischiava molto, tipo salire sul tetto della scuola oppure accendere del fuoco.. (due esempi a caso), non stavo mai fermo, irrequieto totale, e questo era forse il modo inconscio per sfogare la mia rabbia, cosi come anche nei rapporti con le persone ero molto attivo, di certo da bambino si da a tutto un peso minore, sei in un mondo tutto tuo e non hai la maturità per valutare ciò che succede intorno a te, poi cresci e da adolescente acquisisci la consapevolezza, che è un'ottima cosa, ma ti priva di vivere la vita ed annessi problemi in modo piu' leggero, ecco perchè in tanti dicono di voler affrontare la vita come i bambini (impossibile da fare), perchè in quella fase si è puro istinto e naturalezza.
Sinceramente, ed è un paradosso... da bambino ero molto piu' "forte" rispetto a quello che son diventato dalla fase di adolescenza in poi (10-11 anni), quella fase in cui si acquista consapevolezza e maturità mi ha rovinato... ed è iniziato il vero inferno, sarebbe stato meglio restare un eterno bambino, ma non è possibile.

Ultima modifica di Rocky Balboa; 21-02-2011 a 02:18.
Vecchio 21-02-2011, 10:31   #59
Banned
 

dai tempi di Artu' e Parsifal
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Da quando stai male?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Nostalgia di quando stavate male CristianD SocioFobia Forum Generale 14 30-07-2010 17:14
quando stò male.......mi aiuta il cinema 1Viaggioalcuore Forum Cinema e TV 9 08-12-2009 19:54
piu' stai male e piu' sei sola meryoc SocioFobia Forum Generale 12 20-11-2008 02:24
quello che scrivevo quando stavo male... khesiah Amore e Amicizia 9 17-07-2007 09:43



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 13:48.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2