FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 12-11-2017, 16:42   #1
Esperto
L'avatar di syd_77
 

.. Visto il tipo di umanità che c'è in giro.



Quelli della mia età sono tutti incentrati nei cavoli loro che non ti si filano proprio. Si beh a 40anni ognuno ha i suoi problemini/oni ma un'oretta per un amico si trova se si vuole.. Se si vuole.

Io ogni tanto sono un pò lamentoso, ma non eccedo ma, so anche ascoltare ed essere scherzoso, ma appena ti lamenti anche solo un minuto in un ora ti dicono che sei negativo..etc.



Alcuni 20enni di adesso sono dei montati assurdi, sempre a parlare di erasmus, 30e lode, cose universitarie..ma che palle..e poi però quanto a maturità pratica sono come 12enni.



Morale della storia..non é tutta colpa nostra se non abbiamo amici.
Ringraziamenti da
SamueleMitomane (13-11-2017)
Vecchio 12-11-2017, 17:00   #2
Esperto
L'avatar di Svers0
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
.. Visto il tipo di umanità che c'è in giro.



Quelli della mia età sono tutti incentrati nei cavoli loro che non ti si filano proprio. Si beh a 40anni ognuno ha i suoi problemini/oni ma un'oretta per un amico si trova se si vuole.. Se si vuole.

Io ogni tanto sono un pò lamentoso, ma non eccedo ma, so anche ascoltare ed essere scherzoso, ma appena ti lamenti anche solo un minuto in un ora ti dicono che sei negativo..etc.



Alcuni 20enni di adesso sono dei montati assurdi, sempre a parlare di erasmus, 30e lode, cose universitarie..ma che palle..e poi però quanto a maturità pratica sono come 12enni.



Morale della storia..non é tutta colpa nostra se non abbiamo amici.
Il fatto è che dopo una certa età la vita sociale viene ridimensionata, il picco credo si raggiunga nell'adolescenza ed età universitaria, prima e dopo quel periodo diventa meno importante.
Vecchio 12-11-2017, 18:24   #3
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Svers0 Visualizza il messaggio
Il fatto è che dopo una certa età la vita sociale viene ridimensionata, il picco credo si raggiunga nell'adolescenza ed età universitaria, prima e dopo quel periodo diventa meno importante.
Si, diciamo viene un po' ridimensionata a favore di altre cose.
Se poi si è poco poco diversi dal "vado all'estero, giro per locali, conosco tipe, sono più bravo e furbo di tutti" allora diventa difficile integrarsi.. da una parte è anche un bene
Vecchio 12-11-2017, 18:55   #4
Esperto
L'avatar di claire
 

Io vedo un paio di amiche e un amico ogni tanto per un caffè o un pub, altre 3 colleghe le sento telefonicamente e non le vedo mai, e ho diversi contatti di chat.
Mi trovo benissimo cosí e non voglio altri coinvolgimenti con altra gente e anzi,quando si fanno vive altre persone sporadicamente o ho degli obblighi(tipo andare a trovare e fare regali per matrimoni e nascite)mi rompe terribilmente.Ultimamente mi irrita anche vedere i miei per piú di un'ora la settimana.
I colleghi,mi impiccherei piuttosto di starci assieme.
Ringraziamenti da
zoe666 (13-11-2017)
Vecchio 12-11-2017, 19:00   #5
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Ultimamente mi irrita anche vedere i miei per piú di un'ora la settimana.
Allora non sono solo io così. E m ici sento tanto in colpa, anche perché ne avrebbero bisogno della mia presenza.. ma che devo fare.. mi mettono il nervoso..io che faccio tanto per stare calmo
Vecchio 12-11-2017, 19:04   #6
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
Allora non sono solo io così. E m ici sento tanto in colpa, anche perché ne avrebbero bisogno della mia presenza.. ma che devo fare.. mi mettono il nervoso..io che faccio tanto per stare calmo
Facciamo quello che possiamo.
Vecchio 12-11-2017, 19:17   #7
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Facciamo quello che possiamo.
io faccio quello che posso, ed è già abbastanza, ma ci sarebbe da fare di più.
io purtroppo dovrò iniziare pian piano a diventare il genitore dei miei genitori, ma primo non mi va (sensi di colpa che vengono giù come valanghe) e poi non sono neanche capace. Non so fare l'adulto normale figuriamoci il genitore
Vecchio 12-11-2017, 19:20   #8
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
io faccio quello che posso, ed è già abbastanza, ma ci sarebbe da fare di più.
io purtroppo dovrò iniziare pian piano a diventare il genitore dei miei genitori, ma primo non mi va (sensi di colpa che vengono giù come valanghe) e poi non sono neanche capace. Non so fare l'adulto normale figuriamoci il genitore
Anch'io dovrò,non so come cazzo farò,non ho neanche la macchina per portarli a visite e non ho il coraggio di parlare coi medici e di amministrare le badanti.E poi,i soldi.Sarà un disastro.
Vecchio 12-11-2017, 19:29   #9
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Anch'io dovrò,non so come cazzo farò,non ho neanche la macchina per portarli a visite e non ho il coraggio di parlare coi medici e di amministrare le badanti.E poi,i soldi.Sarà un disastro.
Il problema con i medici ce l'ho anche io, sono sempre un po' in soggezione e non so che dire/fare e mi agito pure.
Con le badanti è sempre un terno a lotto. Poi alcuni non hanno bisogno di cure o a volte basta anche solo il medico di base. Per i miei non è e non sarà così. A me sta cosa mi atterisce totalmente, ne volevo pure parlare con lo psicologo.. ma tanto che mi dice, che sono cose da affrontare e basta, non è che c'è tanta scelta
Vecchio 13-11-2017, 09:18   #10
Intermedio
 

Anche io ho il terrore dell'invecchiamento dei genitori. A cavarmela nelle cose pratiche me la caverei pure non ho grossi problemi, è l'aspetto emotivo che mi preoccupa di più, perché sarà il momento di affrontare davvero la vita da sola. Mi preoccupa soprattutto mio padre perché già ora non sarebbe in grado di vivere da solo, invece mia mamma è più in gamba di me e molto indipendente e svelta quindi finche la salute la accompagnerà non avrà problemi di tipo pratico. Se dovesse andar via prima mio padre lei se la caverebbe, emotivamente e praticamente. Ma al contrario la vedo davvero grigia e spero non succederà...che schifo di pensieri!

Inviato dal mio SM-J100H utilizzando Tapatalk
Vecchio 13-11-2017, 10:01   #11
Esperto
L'avatar di Boyyy82
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
.. Visto il tipo di umanità che c'è in giro.



Quelli della mia età sono tutti incentrati nei cavoli loro che non ti si filano proprio. Si beh a 40anni ognuno ha i suoi problemini/oni ma un'oretta per un amico si trova se si vuole.. Se si vuole.

Io ogni tanto sono un pò lamentoso, ma non eccedo ma, so anche ascoltare ed essere scherzoso, ma appena ti lamenti anche solo un minuto in un ora ti dicono che sei negativo..etc.



Alcuni 20enni di adesso sono dei montati assurdi, sempre a parlare di erasmus, 30e lode, cose universitarie..ma che palle..e poi però quanto a maturità pratica sono come 12enni.



Morale della storia..non é tutta colpa nostra se non abbiamo amici.
Io dico che è meglio avere pochi amici ma buoni piuttosto che una marea di amici ma perlopiù conoscenti...
Anche qua la società ci mette lo "zampino", cioè ci vorrebbe vedere pieni di amici ed estroversoni all'inverosimile... forse siamo sempre molto condizionati anche su questo e ci facciamo delle paranoie se ne abbiamo pochi o addirittura se non ne abbiamo.
beh a 35/40 anni purtroppo sappiamo come funzionano le cose (la gente va a convivere/si sposa, fa figli, esce tra coppie..)..
i 20 enni di adesso manco li prendo in considerazione per amicizia, comunque quei 15 anni di età si fanno sentire e poi è normalissimo che parlino delle loro cose (università, erasmus, discoteche ecc) per trovare un po' di "compatibilità" bisogna salire sui 25/30 anni...
Vecchio 13-11-2017, 10:26   #12
Esperto
L'avatar di Ansiaboy
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
.. Visto il tipo di umanità che c'è in giro.



Quelli della mia età sono tutti incentrati nei cavoli loro che non ti si filano proprio. Si beh a 40anni ognuno ha i suoi problemini/oni ma un'oretta per un amico si trova se si vuole.. Se si vuole.

Io ogni tanto sono un pò lamentoso, ma non eccedo ma, so anche ascoltare ed essere scherzoso, ma appena ti lamenti anche solo un minuto in un ora ti dicono che sei negativo..etc.



Alcuni 20enni di adesso sono dei montati assurdi, sempre a parlare di erasmus, 30e lode, cose universitarie..ma che palle..e poi però quanto a maturità pratica sono come 12enni.



Morale della storia..non é tutta colpa nostra se non abbiamo amici.

da quel che ricordo tu avevi delle amicizie che ti invitavano ad uscire ma non li cagavi
Vecchio 13-11-2017, 15:13   #13
Principiante
L'avatar di mortovivente
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Io vedo un paio di amiche e un amico ogni tanto per un caffè o un pub
. . .io sono arrivato al punto che non riesco a fare neanche questo. Anni fa succedeva ogni tano che poco dopo essermi seduto al tavolo di un pub avvertivo una bomba adrenalinica che stava per esplodere come un vulcano facendomi diventare più rosso del colore rosso. Prima che accadesse mi alzavo scattando dal tavolo come una molla per fiondarmi in bagno. Qualche respiro affannato, per poi tornare al tavolo cercando di giustificare con scuse banalissime che ovviamente non convincevano e mi guardavano allibiti. Questa agitazione accadeva senza alcun motivo apparente, ed è proprio questo che invalida, non riuscire neanche a bere una birra tranquillamente. Per quanto riguarda il mangiare, letteralmente impossibile.
Vecchio 13-11-2017, 15:24   #14
Banned
 

dipende anche dove si vive. Io vivo in un paesino e qua uno di 40 anni che esce in giro viene visto come un nullafacente. Passati i 25 lavoro, casa e figli e stop, oppure sei uno spostato di testa, un deficiente, un buono a nulla. A fare nuove amicizie manco a parlarne.
Vecchio 13-11-2017, 17:39   #15
Esperto
L'avatar di Hazel Grace
 

ma infatti io la gente normale non la sopporto, sono tutti dei falsi, basta vedere nel lavoro come ti trattano, ti parlano dietro alle spalle, ti prendono in giro.. la gente è maligna, io sto bene con gli eccentrici e i fuori di testa come me, non ho molti amici, quelli che ho mi vanno bene perchè mi capiscono e io capisco loro
Ringraziamenti da
Rainbow Veins (13-11-2017)
Vecchio 13-11-2017, 17:42   #16
Esperto
L'avatar di Myway
 

Quote:
Originariamente inviata da Svers0 Visualizza il messaggio
Il fatto è che dopo una certa età la vita sociale viene ridimensionata, il picco credo si raggiunga nell'adolescenza ed età universitaria, prima e dopo quel periodo diventa meno importante.
al limite meno frequente, ma sempre importante è...e sempre un metro di giudizio di una persona resta con la mentalità di oggi...
Vecchio 13-11-2017, 18:24   #17
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Ansiaboy Visualizza il messaggio
da quel che ricordo tu avevi delle amicizie che ti invitavano ad uscire ma non li cagavi
Dunque, è così, ma erano i vecchi amici del liceo e dell'università che fino a poco tempo fa mi chiamavano ma per le solite rimpatriate tutti insieme, a cui non andavo per poca voglia/senso di inadeguatezza rispetto alle loro vite ben incanalate.
Quote:
Originariamente inviata da Ruggero Visualizza il messaggio
dipende anche dove si vive. Io vivo in un paesino e qua uno di 40 anni che esce in giro viene visto come un nullafacente. Passati i 25 lavoro, casa e figli e stop, oppure sei uno spostato di testa, un deficiente, un buono a nulla. A fare nuove amicizie manco a parlarne.
Non è che nei paesoni o nelle periferie di grandi città sia così diverso.. può capitare giusto nel centro di città come roma, milano che ci sia un po' di gente diversa dalla media, magari c'è qualche single attempato e si riesce a fare qualcosa.
Quote:
Originariamente inviata da Hazel Grace Visualizza il messaggio
ma infatti io la gente normale non la sopporto, sono tutti dei falsi, basta vedere nel lavoro come ti trattano, ti parlano dietro alle spalle, ti prendono in giro.. la gente è maligna, io sto bene con gli eccentrici e i fuori di testa come me, non ho molti amici, quelli che ho mi vanno bene perchè mi capiscono e io capisco loro
si è vero, è proprio così, molto meglio quelli mezzi matti.. che poi vabbè hanno le loro stravaganze o periodi di asocialità, però sono cmq meglio.
Ringraziamenti da
Hazel Grace (13-11-2017)
Vecchio 13-11-2017, 19:31   #18
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da mortovivente Visualizza il messaggio
. . .io sono arrivato al punto che non riesco a fare neanche questo. Anni fa succedeva ogni tano che poco dopo essermi seduto al tavolo di un pub avvertivo una bomba adrenalinica che stava per esplodere come un vulcano facendomi diventare più rosso del colore rosso. Prima che accadesse mi alzavo scattando dal tavolo come una molla per fiondarmi in bagno. Qualche respiro affannato, per poi tornare al tavolo cercando di giustificare con scuse banalissime che ovviamente non convincevano e mi guardavano allibiti. Questa agitazione accadeva senza alcun motivo apparente, ed è proprio questo che invalida, non riuscire neanche a bere una birra tranquillamente. Per quanto riguarda il mangiare, letteralmente impossibile.
È terribile,mi dispiace.
Io sto avendo problemi di questo tipo al lavoro,non reggo riunioni e parlarci insieme,ed essere tirata in ballo.Sto sempre piena di fs.Mi sto bombardando di xanax per riuscire a varcare la soglia del posto di lavoro.Ma finito questo incarico mi metto a casa.Fs di merda.Solidarietà.
Vecchio 13-11-2017, 19:34   #19
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
Morale della storia..non é tutta colpa nostra se non abbiamo amici.
E riconoscere le responsabilità non nostre a cosa servirà? Ci farà sentire meglio? Ci aiuterà a trovare ciò che cerchiamo?
Vecchio 13-11-2017, 19:36   #20
Esperto
L'avatar di claire
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
E riconoscere le responsabilità non nostre a cosa servirà? Ci farà sentire meglio? Ci aiuterà a trovare ciò che cerchiamo?
A me fa sentire meglio togliermi dei sensi di colpa,e credo a chiunque.Certo che aiuta, a sentirsi meno sbagliati e responsabili dei disagi capitati in sorte, e a migliorare l'autostima.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Comunque é anche normale non avere amici o averne pochi..
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Se avete pochi amici... Isil90 SocioFobia Forum Generale 32 05-08-2016 14:42
Come mai avrò pochi amici??? Gocciola Storie Personali 20 21-09-2013 22:07
Che tipo di amici/compagnia di amici preferireste avere? Blur Sondaggi 28 10-05-2013 23:05
Perchè nn voglio amici e solo dopo mi accorgo di averne bisogno? stewee SocioFobia Forum Generale 27 06-12-2012 01:01
Ti accorgi di avere pochi amici... calivero Amore e Amicizia 19 30-12-2007 13:26



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 12:43.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2