FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Depressione Forum
Rispondi
 
Vecchio 16-10-2020, 12:32   #61
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

Quote:
Originariamente inviata da misanthropyh_ Visualizza il messaggio
Cioè, (al di là della psicoterapia), 'in concreto' cosa si dovrebbe fare per essere 'felici' - o se non altro per avere una vita normale?

Schematizzare il proprio tempo può aiutare?
a proposito di schematizzare il tempo io ho una routine giornaliera più precisa di furio (quello di verdone) e mi piace, il difetto è che se ci sono imprevisti si vivono malissimo

secondo me per prima cosa bisogna un pò capire che nel momento in cui coniamo il concetto di vita normale ci stiamo affidando necessariamente a dei modelli
a quel punto tutto sta nello scegliersi il modello giusto, che non sia stereotipato magari dalla visione di qualche media, tipo la tv, oppure che non sia una persona in carne ed ossa che magari conosciamo frequentandola 2 ore a settimana e costruendoci nella nostra testa il resto della sua vita
Vecchio 16-10-2020, 13:45   #62
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Quote:
Originariamente inviata da pokorny Visualizza il messaggio
Per quando mi riguarda, molto sesso. Non per niente sono infelice e non considero normale la mia vita.
Quindi ti piace più la quantità che la qualità?
Ringraziamenti da
pokorny (16-10-2020)
Vecchio 16-10-2020, 22:32   #63
Intermedio
L'avatar di Newage
 

Incominciando a non porsi questa domanda. Cos'è la normalità? È una parola e basta. Facendo così si incomincia a sentirsi anormali. Un po'
come dire di non pensare all'elefante rosa ma lo pensi. Quello che te puoi definire normale per un altro non lo è. Una vita normale per me è essere quello che si è, accettarsi nel più profondo possibile. Questo non significa che non si debba migliorare. Fare ciò che più si confà a noi accosto di andare contro corrente.
La verità ci rende liberi essere quello che sei ti renderà libero e felice.

Ultima modifica di Newage; 16-10-2020 a 22:39.
Vecchio 16-10-2020, 22:38   #64
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da Newage Visualizza il messaggio
Una vita normale per me è essere quello che si è, accettarsi nel più profondo possibile. Questo non significa che non si debba migliorarsi
Questa è una delle affermazioni che ripetono spesso come un mantra e che meno comprendo.
Ma se ci si accetta così come si è, cosa dovrebbe motivare un miglioramento?
Se adesso sto bene così come sono perché dovrei migliorare visto che sto già praticamente bene al massimo dato che mi accetto totalmente (nel modo più profondo possibile) così come sono adesso?
Mi sembra una cosa un po' incongruente. Se voglio cambiare degli aspetti in meglio vuol dire che alla fine la mia accettazione di questi aspetti non è davvero completa e profonda, qualcosa perciò per me non torna.
E' come se io dicessi che accetto la mia calvizie però poi faccio di tutto per far ricrescere i capelli e migliorare.
In che senso l'accetto se poi è un aspetto che voglio cambiare?
A me affermazioni del genere hanno sempre infastidito, soprattutto quando vengono dagli altri, altre persone spesso dicono che ti accettano così come sei però poi dopo aggiungono "dovresti però migliorare".
Ma non rompessero le palle sinceramente con discorsi del cavolo come questi, a me queste frasi usate con lo scopo di intortarti infastidiscono molto.
Dicessero più linearmente "a me così non vai bene e non ti accetto affatto, desidero che cambi questo, questo e quest'altro" e basta.

Ultima modifica di XL; 16-10-2020 a 22:51.
Vecchio 16-10-2020, 22:51   #65
Intermedio
L'avatar di Newage
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Questa è una delle affermazioni che ripetono spesso come un mantra e che meno comprendo.
Ma se ci si accetta così come si è, cosa dovrebbe motivare un miglioramento?
Se adesso sto bene così come sono perché dovrei migliorare visto che sto già praticamente bene al massimo visto che mi accetto totalmente così come sono adesso?
Mi sembra una cosa un po' incongruente. Se voglio cambiare degli aspetti in meglio vuol dire che alla fine la mia accettazione di questi aspetti non è davvero completa e profonda, qualcosa per me non torna.
E' come se io dicessi che accetto la mia calvizie però poi faccio di tutto per far ricrescere i capelli e migliorare.
In che senso l'accetto se poi è un aspetto che voglio cambiare?
A me affermazioni del genere hanno sempre infastidito, soprattutto quando vengono dagli altri, altre persone spesso dicono che ti accettano così come sei però poi ti dicono che devi migliorare, ma non rompessero le palle sinceramente con discorsi del cavolo come questi, a me queste incogruenze che cercano di intortarti o l'autointortamento con frasi del genere infastidisce molto.
Poni caso che analizzandoti scopri di avere un carattere spigoloso da renderti la vita un po' difficile, cosa faresti? Inizi penso a prenderne consapevolezza ed accettarlo e se vuoi anche cambiarlo oppure il contrario. Ma il contrario cioe non accettando ti porterà lontano da quello che sei dal tuo centro.

Ultima modifica di Newage; 16-10-2020 a 22:56.
Vecchio 16-10-2020, 22:55   #66
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da Newage Visualizza il messaggio
Poni caso che analizzandoti scopri di avere un carattere spigoloso da renderti la vita un po' difficile, cosa faresti?
O lo accetto o miglioro la cosa, ma è un aut aut, se faccio la prima cosa non farò la seconda, tu prima praticamente hai detto che bisogna fare sia la prima che la seconda, ma se si fa la prima la seconda non ha più senso farla.
Una persona che tende sempre a migliorarsi non si accetta mai il più profondamente possibile, resterà sempre un residuo aperto di non accettazione. La molla che spinge al miglioramento è proprio la non accettazione di certe cose che si preferirebbero diverse.
Più ci si accetta minore sarà la spinta a migliorare e viceversa. Se si raggiunge questa sorta di limite non c'è più alcun motivo per migliorare, il come si è corrisponde al sé ideale.

Ultima modifica di XL; 16-10-2020 a 23:02.
Vecchio 16-10-2020, 23:03   #67
Intermedio
L'avatar di Newage
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
O lo accetto o miglioro la cosa, ma è un aut aut, se faccio la prima cosa non farò la seconda, tu prima praticamente hai detto che bisogna fare sia la prima che la seconda, ma se si fa la prima la seconda non ha più senso farla.
Una persona che tende sempre a migliorarsi non si accetta mai il più profondamente possibile, resterà sempre un residuo aperto di non accettazione. La molla che spinge al miglioramento è proprio la non accettazione di certe cose che si preferirebbero diverse.
Hai ragione ce del contraddittorio in questo ragionamento. Dovrei riformulare il concetto a questo punto. Grazie mi dai da pensare.
Vecchio 17-10-2020, 01:31   #68
Avanzato
L'avatar di pure_truth2
 

Quote:
Originariamente inviata da Newage Visualizza il messaggio
Hai ragione ce del contraddittorio in questo ragionamento. Dovrei riformulare il concetto a questo punto. Grazie mi dai da pensare.
Eh lo so,da sempre del bel filo da torcere XL😁 meglio non discuterci ehehe.
Lo vedrei vincere un sacco di cause nel foro,con la sua retorica puntigliosa e spiazzante, molto "logica".
Vecchio 17-10-2020, 09:14   #69
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Forse per me la cosa funziona un po' diversamente, ho perso una persona cara a me vicinissima pochi anni fa... Adesso sto meglio, ma ho accettato davvero fino in fondo il fatto che non ci sia più?
Penso proprio di no, ma visto che in fin dei conti non posso farci nulla né farla ritornare in vita cerco di occuparmi e di pensare ad altro, è una cosa su cui afferro di non avere alcun controllo, più che accettarla mi sa che capisco che c'è un vincolo duro come una parete che non posso abbattere e cerco di adattarmi al vincolo. Alcuni iniziano a pensare che si ricongiungeranno alla persona morta che vive in un qualche al di là, e anche questo è un modo di tirare avanti.
Se avessi più potere agirei comunque per far saltare il vincolo per aria, la parete la butterei giù, perciò mi sa che non accetto davvero tutte queste cose, mi ci sono adattato, ma è un concetto diverso per me.
Le cose che accetto davvero, se anche avessi il potere di cambiarle non le cambierei.
Altre cose invece non le accetto ma siccome non posso cambiarle agevolmente né ho alcuna idea di come cambiarle restano così.
Certe cose non vengono modificate perché si va a sbattere contro la propria impotenza oggettiva, altre per accettazione e ci stanno davvero bene così come sono.

Ultima modifica di XL; 17-10-2020 a 10:15.
Vecchio 17-10-2020, 11:13   #70
Intermedio
L'avatar di Newage
 

Quote:
Originariamente inviata da pure_truth2 Visualizza il messaggio
Eh lo so,da sempre del bel filo da torcere XL😁 meglio non discuterci ehehe.
Lo vedrei vincere un sacco di cause nel foro,con la sua retorica puntigliosa e spiazzante, molto "logica".
Ahahah ho notato ma mi piace.
Vecchio 17-10-2020, 11:27   #71
Intermedio
L'avatar di Newage
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Forse per me la cosa funziona un po' diversamente, ho perso una persona cara a me vicinissima pochi anni fa... Adesso sto meglio, ma ho accettato davvero fino in fondo il fatto che non ci sia più?
Penso proprio di no, ma visto che in fin dei conti non posso farci nulla né farla ritornare in vita cerco di occuparmi e di pensare ad altro, è una cosa su cui afferro di non avere alcun controllo, più che accettarla mi sa che capisco che c'è un vincolo duro come una parete che non posso abbattere e cerco di adattarmi al vincolo. Alcuni iniziano a pensare che si ricongiungeranno alla persona morta che vive in un qualche al di là, e anche questo è un modo di tirare avanti.
Se avessi più potere agirei comunque per far saltare il vincolo per aria, la parete la butterei giù, perciò mi sa che non accetto davvero tutte queste cose, mi ci sono adattato, ma è un concetto diverso per me.
Le cose che accetto davvero, se anche avessi il potere di cambiarle non le cambierei.
Altre cose invece non le accetto ma siccome non posso cambiarle agevolmente né ho alcuna idea di come cambiarle restano così.
Certe cose non vengono modificate perché si va a sbattere contro la propria impotenza oggettiva, altre per accettazione e ci stanno davvero bene così come sono.
Ci vorrebbe un audio per risponderti... hai menzionato l'adattamento. Quest'ultimo fondamentale nella ricerca di felicità.

Ultima modifica di Newage; 17-10-2020 a 11:38.
Vecchio 17-10-2020, 20:23   #72
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Newage Visualizza il messaggio
Poni caso che analizzandoti scopri di avere un carattere spigoloso da renderti la vita un po' difficile, cosa faresti? Inizi penso a prenderne consapevolezza ed accettarlo e se vuoi anche cambiarlo oppure il contrario. Ma il contrario cioe non accettando ti porterà lontano da quello che sei dal tuo centro.
Cambiare il carattere è impossibile...
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Come si ottiene una vita normale?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Una falsa vita normale.Avere una vita sociale ma con gli attacchi di panico ThepD SocioFobia Forum Generale 9 01-09-2017 19:10
Una vita normale... mauerr92 Storie Personali 7 23-07-2012 07:36
Ecco la vita normale..... dottorzivago SocioFobia Forum Generale 73 03-01-2012 00:18
vita normale Superman Timidezza Forum 12 08-04-2011 01:11
vita normale sims SocioFobia Forum Generale 3 07-09-2009 23:04



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 09:09.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2