FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Amore e Amicizia
Rispondi
 
Vecchio 25-02-2021, 22:35   #41
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da IljaIlic Visualizza il messaggio
Arrivato alle soglie degli -anta senza neanche l'ombra di un bacetto sulla guancia, ho definitivamente appeso le scarpe al chiodo per quanto riguarda le questioni amorose. Non cercherò più di fare patetici tentativi di approccio, o di crearmi occasioni che la mia vita piuttosto ritirata non consente (a prescindere dalla pandemia), o di cercare di massimizzare le mie poche possibilità.
Il motivo è che... ho finalmente capito quali erano le mie reali motivazioni. Non era tanto la volontà di provare l'amore o il sesso (per quest'ultimo potevo anche pagare, volendo), ma era la sensazione di inferiorità rispetto agli altri, che senza troppi sforzi lo avevano fatto per la prima volta a 18, 20, 25 anni... una volta mi capitò di essere rincuorato da uno che ce l'aveva fatta a 34, ma ho superato perfino lui nella mia traversata nel deserto.
Ma adesso un altro pensiero si è fatto strada nella mia mente... nascondo a tutti il fatto di essere ancora vergine, ma farlo per la prima volta dopo i 40 sarebbe comunque un fatto pazzesco, inusitato, e in definitiva ridicolo, e quindi per cui vergognarsi ancora di più. Perché sostituire una vergogna con una vergogna ancora più grande? Tanto vale chiudere lo scheletro nell'armadio con doppio lucchetto.
Dicevo su un altro topic che la mente crea in gran parte il nostro futuro. Te pensa a quante volte ti sei detto che non c'è l'avresti fatta a raggiungere questo obbiettivo. A quanti filmini mentali di fallImento ti sei goduto nello schermo della tua coscienza. Se lo hai fatto allora ci sei riuscito, sei rimasto vergine..👌
Vecchio 25-02-2021, 22:54   #42
Intermedio
L'avatar di IljaIlic
 

Quote:
Originariamente inviata da Newage Visualizza il messaggio
Dicevo su un altro topic che la mente crea in gran parte il nostro futuro. Te pensa a quante volte ti sei detto che non c'è l'avresti fatta a raggiungere questo obbiettivo. A quanti filmini mentali di fallImento ti sei goduto nello schermo della tua coscienza. Se lo hai fatto allora ci sei riuscito, sei rimasto vergine..👌
C'è stata un'epoca in cui abitavo da solo in una città più grande e mi ero convinto di potercela fare. Mi ricordo di una collega che diceva "è la vostra occasione, se nessuna vi vuole qua la vostra unica possibilità residua è la Thailandia". Che ti devo dire, ho fatto il biglietto per andare a vedere un film ma sono finito nella sala sbagliata, abitavo in un quartiere in cui c'erano più locali che case... eppure nulla di nulla, ricordo anzi esperienze parecchio umilianti e dolorose. Alla fine ero tanto scoraggiato che, quando mi capitò di uscire da solo qualche sera con una ragazza, prevedendo l'esito scontato ("ti vedo solo come un amico e bla-bla-bla"), decisi di rompere gli indugi e farmi trasferire nella mia città di origine, dove sono tornato a vivere dai miei genitori.
Vecchio 25-02-2021, 22:59   #43
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Io sono per il meglio provare, meglio le figure di merda che vivere di rimpianti.
Vecchio 25-02-2021, 23:07   #44
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Non capisco se insulti o cosa, ma nella mia immensa tolleranza eviterò di segnalarti
Manca la voglia, e allora basta dire che manca la voglia invece di cercare giustificazioni avvitandosi in mille spiegazioni astruse.
Ma mancherebbe anche a te se la prospettiva è quella di stare con certe persone e queste sono le possibilità che offre il proprio futuro.
Se io devo impegnarmi molto per ottenere una soddisfazione scarsa finirò col non volerle fare certe cose, questo è, ma non è una spiegazione astrusa, sei tu che - lo ripeto senza usare termini che possono esser scambiati per offese - pare non ci arrivi ad afferrarla questa cosa.
Se una persona mi dice, ma vedi che puoi ancora avere una relazione con tipe del genere se fai questo e quest'altro, e a me potrebbe non allettare più questa cosa qua, cosa c'è di così astruso nel ritenere insensato perseguire un progetto che non darà soddisfazione in relazione a quello che è ancora realisticamente perseguibile?
Si parla tanto di intelligenza emotiva, sopra e sotto, ma qua proprio si sta a zero.

Ultima modifica di XL; 25-02-2021 a 23:23.
Vecchio 25-02-2021, 23:14   #45
Esperto
 

Io evito di cercare una partner per via di un senso di vergogna che però non dipende dall'inesperienza unità all'età, ma da come mi sento e mi vedo io nel complesso. Se fosse per l'età non me ne fregherebbe molto: se mi si presentasse una a 40, 50, 60, e ancora susciterebbe qualcosa dal quel punto di vista, non vedo perché razionalmente dovrei negarmi quella possibilità. E probabilmente dopo aver "fatto l'esperienza" non avrei neanche tutta questa paura di domande indiscrete: meglio averlo fatto a 50 anni che non averlo mai fatto.
Non capisco questa questione "morale" che uno si autoimpone. Si parla di ipotesi: trovi una, ti piace, le piaci, non sei ancora finito sessualmente (non penso che a 50 anni si perda di default la capacità di fare sesso), cogli l'occasione, no?
Che poi a me il sesso fine a se stesso non interessa, ma questo è un altro discorso; comunque si può iniziare una frequentazione tra due persone, se entrambe lo desiderano, a qualsiasi età. Se uno si fa dei problemi, un altro potrebbe non farseli, perché in concreto la cosa non comporta un danno oggettivo, ma più probabilmente sensazioni su come si vivrebbe la situazione a livello personale.

Ultima modifica di alien boy; 25-02-2021 a 23:24.
Vecchio 25-02-2021, 23:15   #46
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da IljaIlic Visualizza il messaggio
C'è stata un'epoca in cui abitavo da solo in una città più grande e mi ero convinto di potercela fare. Mi ricordo di una collega che diceva "è la vostra occasione, se nessuna vi vuole qua la vostra unica possibilità residua è la Thailandia". Che ti devo dire, ho fatto il biglietto per andare a vedere un film ma sono finito nella sala sbagliata, abitavo in un quartiere in cui c'erano più locali che case... eppure nulla di nulla, ricordo anzi esperienze parecchio umilianti e dolorose. Alla fine ero tanto scoraggiato che, quando mi capitò di uscire da solo qualche sera con una ragazza, prevedendo l'esito scontato ("ti vedo solo come un amico e bla-bla-bla"), decisi di rompere gli indugi e farmi trasferire nella mia città di origine, dove sono tornato a vivere dai miei genitori.

Che ti dico?! Bisogna analizzare tanti fattori sia interni che esterni alla persona. Non sei ancora vecchio abbiamo fede.
Vecchio 25-02-2021, 23:21   #47
Intermedio
L'avatar di IljaIlic
 

Quote:
Originariamente inviata da Newage Visualizza il messaggio
Che ti dico?! Bisogna analizzare tanti fattori sia interni che esterni alla persona. Non sei ancora vecchio abbiamo fede.
Me lo dico tutti i giorni, che non sono vecchio, ma la schiena e le ginocchia non sono d'accordo. E per il resto, capelli, capelli, sono andati via e non torneranno mai... (cit.)
Vecchio 25-02-2021, 23:21   #48
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da alien boy Visualizza il messaggio
Non capisco questa questione "morale" che uno si autoimpone. Si parla di ipotesi: trovi una, ti piace, le piaci, non sei ancora finito sessualmente (non penso che 50 anni si perda di default la capacità di fare sesso), cogli l'occasione, no?
Se cade dal cielo, ovvio, ma con le donne devi muovere il culo tu nel 99% dei casi, è chiaro che uno magari dice "ora io non ho proprio più voglia di muovere un dito e impegnarmi", poi se capita è ovvio che si coglierà l'occasione.
Se continui ad esser vivo dall'esistenza non ti ritiri, ritiri solo l'investimento in certe attività.
Se io mi dedico ad un qualche gioco di azzardo ogni settimana e spendo una certa somma con la speranza di vincere la somma S, può essere che dopo un po' metto sul piatto della bilancia la possibilità di vincere e l'impegno che ci metto a fare questa cosa e non investo più nulla perché valuto secondo i miei parametri soggettivi che non conviene più, mi ritiro da questo gioco qua in termini attivi, certo è che se salta fuori un tizio dal nulla che mi vuole regalare questa somma S, mica la rifiuto.
Ma è una cosa ancora più improbabile.

Ultima modifica di XL; 25-02-2021 a 23:42.
Vecchio 25-02-2021, 23:31   #49
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Se cade dal cielo, ovvio, ma con le donne devi muovere il culo tu nel 99% dei casi, è chiaro che uno magari dice "ora io non ho proprio più voglia di muovere un dito e impegnarmi", poi se capita è ovvio che si coglierà l'occasione.
Eh vabbè qualcosa uno deve pur fare nella vita per ottenere qualcosa (in qualsiasi ambito), non capita quasi mai che le cose (buone, gradite) cadano dal cielo
Vecchio 25-02-2021, 23:33   #50
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da alien boy Visualizza il messaggio
Eh vabbè qualcosa uno deve pur fare nella vita per ottenere qualcosa (in qualsiasi ambito), non capita quasi mai che le cose (buone, gradite) cadano dal cielo
Ma se si valuta che la spesa non vale più quel che si ottiene (in termini di guadagno e probabilità di vincita), così va. Io così l'ho interpretato quel che è stato scritto all'inizio.
Ringraziamenti da
IljaIlic (25-02-2021)
Vecchio 25-02-2021, 23:46   #51
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Ma se si valuta che la spesa non vale più quel che si ottiene (in termini di guadagno e probabilità di vincita), così va. Io così l'ho interpretato quel che è stato scritto all'inizio.
È difficile fare una valutazione certa, quel che è vero è che se uno investe un po' di più, oppure se investe meglio (magari non aumentando molto gli sforzi), si avvicina di più a quello che desidera. Poi magari non lo otterrà mai, io questo non lo nego. Uno può accettare di provare di più, al costo di un maggiore dispendio di energie, rispetto ad un altro (anche se non sente così a portata di mano l'obiettivo). C'è una predisposizione soggettiva rispetto a questo, che sarà dovuta anche (anzi specialmente) a variabili psicologiche. Inoltre uno può non sforzarsi ma magari lasciarsi andare alla desolazione del non tentar niente che pptrebbe far stare pure peggio rispetto allo sforzarsi di più. Io su questo modo di vedere sono fermo ancora alla teoria su molti aspetti, su qualcuno invece la pratica ha portato qualche risultato (anche se la mia vita è abbastanza deprimente lo stesso, ma meno)

Ultima modifica di alien boy; 25-02-2021 a 23:54.
Vecchio 25-02-2021, 23:59   #52
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da alien boy Visualizza il messaggio
È difficile fare una valutazione certa, quel che è vero è che se uno investe un po' di più, oppure se investe meglio (magari non aumentando molto gli sforzi), si avvicina di più a quello che desidera. Poi magari non lo otterrà mai, io questo non lo nego.
Ma una persona valuta anche realisticamente cosa può ottenere e cosa no, a cosa mi serve impegnarmi per non ottenere nulla o per ottenere qualcosa che poi ripensando allo sforzo mi lascerà comunque insoddisfatto?
Continuo a pensare che anche della vita in sé a me non frega nulla, mi interessa cosa ci va a finire dentro, la vita dal mio punto di vista non ha un valore a monte, dipende.
Forse altri non hanno mai fatto esperienza del "ma chi me lo ha fatto fare visti i risultati", ma io sì, per questo non riesco a pensare a queste cose come ci pensi tu e riesco a capire chi vuol ritirare certi investimenti definitivamente.
Magari uno comunque continua a vivere, se una tipa si sente attratta e farà la prima mossa, ci sarà l'occasione, se non capita, non capita, punto e basta.
Ci sono gli incontri a pagamento che in termini di impegno psicologico e stress per qualcuno possono essere meno impegnativi, ma sono costosi in termini economici e non danno lo stesso e si possono beccare delle sòle, e anche qua si valuta tutto, ognuno trae le sue conclusioni. Se qualcuno vuole sono ben disposto a dare qualche consiglio a riguardo.
Se ci sono attività gratificanti in sé simili a quelle di muttley uno magari si dedicherà a queste, se non ci sono, si mangia si beve, si dorme, e si sta nel forum magari, finché non si schiatta, questa è l'esistenza, niente di più, niente di meno.
Comunque anche pensare a questa roba qua è un'attività, e io la svolgo volentieri, se no avrei smesso.

Ultima modifica di XL; 26-02-2021 a 00:23.
Vecchio 26-02-2021, 00:02   #53
Intermedio
L'avatar di IljaIlic
 

Quote:
Originariamente inviata da alien boy Visualizza il messaggio
È difficile fare una valutazione certa, quel che è vero è che se uno investe un po' di più, oppure se investe meglio (magari non aumentando molto gli sforzi), si avvicina di più a quello che desidera. Poi magari non lo otterrà mai, io questo non lo nego. Uno può accettare di provare di più, al costo di un maggiore dispendio di energie, rispetto ad un altro (anche se non sente così a portata di mano l'obiettivo). C'è una predisposizione soggettiva rispetto a questo, che sarà dovuta anche (anzi specialmente) a variabili psicologiche. Inoltre uno può non sforzarsi ma magari lasciarsi andare alla desolazione del non tentar niente che pptrebbe far stare pure peggio rispetto allo sforzarsi di più. Io su questo modo di vedere sono fermo ancora alla teoria su molti aspetti, su qualcuno invece la pratica ha portato qualche risultato (anche se la mia vita è abbastanza deprimente lo stesso, ma meno)
Purtroppo, se i mezzi non sono adeguati, è praticamente impossibile che i tentativi arrivino a un qualche risultato (e nel mio caso, uscire qualche sera con una ragazza senza alcun coinvolgimento non lo è, dopo tutti gli sforzi a cui mi sono sottoposto). Se si è particolarmente brutti e si ha un vissuto psicologico difficile non si hanno reali possibilità.
Vecchio 26-02-2021, 00:30   #54
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Ma mancherebbe anche a te se la prospettiva è quella di stare con certe persone e queste sono le possibilità che offre il proprio futuro.
Se io devo impegnarmi molto per ottenere una soddisfazione scarsa finirò col non volerle fare certe cose, questo è, ma non è una spiegazione astrusa, sei tu che - lo ripeto senza usare termini che possono esser scambiati per offese - pare non ci arrivi ad afferrarla questa cosa.
Se una persona mi dice, ma vedi che puoi ancora avere una relazione con tipe del genere se fai questo e quest'altro, e a me potrebbe non allettare più questa cosa qua, cosa c'è di così astruso nel ritenere insensato perseguire un progetto che non darà soddisfazione in relazione a quello che è ancora realisticamente perseguibile?
Si parla tanto di intelligenza emotiva, sopra e sotto, ma qua proprio si sta a zero.
Ma chi decide cosa è scarso e cosa non lo è?
Esistono criteri oggettivi che spingono la persona a giudicare scarsa quella cosa, oppure è la struttura emotiva tipica del depresso che spinge a giudicare tutto in funzione dell'elemento negativo e a produrre rinuncia? Questo non viene mai affrontato nei tuoi discorsi.
Pensi che tutte le persone che hanno ottenuto qualcosa, non importa se grande o piccolo agli occhi della collettività, avessero chiaro davanti a loro il rapporto costi benefici per potersi impegnare in quello che facevano? O non era forse una disposizione d'animo (innata o acquisita) a spingerli a fare le cose?
Basta dire semplicemente che non si ha voglia di fare qualcosa perché mancano motivazioni e stimoli generali in virtù del proprio mindset dominato da stati depressivi, invece di parlare come se si fosse marketing analyst della vita.
Ringraziamenti da
Franz86 (26-02-2021)
Vecchio 26-02-2021, 02:10   #55
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Pongo Visualizza il messaggio
Ecco, io mi preoccuperei più a porre rimedio a questa situazione...
A parole è facile
Vecchio 26-02-2021, 06:23   #56
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Ma chi decide cosa è scarso e cosa non lo è?
vita.
La tua soddisfazione. E la tua esperienza in relazione a questa. Tu hai idea di cosa può darti piacere e cosa è una tranvata nei coglioni, poi ci sono anche persone che godono con la tranvata nei coglioni, ma detto questo a me cosa frega visto che a me non dà piacere?

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Basta dire semplicemente che non si ha voglia di fare qualcosa perché mancano motivazioni e stimoli generali in virtù del proprio mindset dominato da stati depressivi, invece di parlare come se si fosse marketing analyst della vita.
E in base a cosa tu decidi di suonare la chitarra o darti una tranvata nei coglioni se non con il tuo mindset?
Dal tuo assetto mentale non ci puoi mai uscire. Allora io ti dico che darsi tranvate nei coglioni dà piacere e ti piacerebbe molto di più che suonare la chitarra, questo dipende dal tuo assetto mentale, inizia a dartele anche tu le tranvate nei coglioni, visto che c'è qualcun altro che gode, magari godi pure tu.

Anche supponendo che ti trovi in uno stato motivazionale depressivo, da questo parti per fare altro, e non puoi partire da uno stato mentale diverso visto che in questo ci sei dentro. In questo stato per uscirne io cosa posso fare e cosa sono motivato a fare? Prendere una pillola? Se la si prende e non se ne esce che si fa? Operazioni più complicate potresti non esserne capace di portarle avanti con costanza. Ci si comporta come l'ingenuo fumatore che dall'oggi al domani si dice determinato a smettere, ma se nell'insieme i suoi stati mentali non possiedono la motivazione necessaria per portare avanti una forma di astinenza prolungata, così non smetterà.

E' chiaro che se gli sforzi motivazionali per uscirne ed eseguire certe cose in quello stato sono superiori a quelli che questo stato permette, ci resti dentro. Tu sei uno spiritualista, io penso che queste siano cazzate, degli stati mentali nei quali ci troviamo non ne abbiamo un reale controllo indipendente, è una nostra impressione illusoria questa, un trucco di certi stati coscienti.

Per fare qualsiasi cosa devi avere comunque una spinta motivazionale sottostante, e questa spinta non la controlli, poi insomma dopo una quarantina di anni una persona un po' conosce certe cose come le girano per la testa, o ci si mette nella testa della persona partendo proprio dal suo mindset (quello che desidera lei e quel che le piace e cosa è disposta a fare per perseguirlo cercando la "quadratura del cerchio" che non ha trovato) O è inutile.
Dire che dovrebbe desiderare altro o essere disposta a fare di più quando questa disposizione adesso non c'è, a cosa può servire?

E' come se io ora invece di usare la tastiera dicessi al computer "scrivi A". Il computer adesso con tutto il suo mindset è disposto solo a stampare una lettera nel caso in cui pigio sul tasto giusto. Posso anche continuare a provare a dirglielo di scrivere certe cose all'infinito e magari prima o poi scrive, ma sono molto scettico in relazione a cose del genere. Potrei dire al computer anche che c'è un altro computer che ha il riconoscimento vocale e i dispositivi appositi per farlo, bene, lo stesso però il computer da cui parto non dispone di un mindset adatto per passare all'altro, che dispone del riconoscimento vocale, grazie soltanto ad un mio suggerimento vocale. Devo continuare all'infinito a discutere con le macchine o cercare di capire come funzionano davvero e intervenire in altri modi casomai io desideri davvero che il mio computer scriva in base a ordini vocali?

Ad un certo punto penso che se delle persone vogliono davvero aiutare altre persone bisogna per forza di cose uscir fuori dal semplice dialogo esortativo, in caso contrario se si comprende che altro non si è disposti a fare si lasciano le cose così come sono e in maniera analoga si tiene il computer senza riconoscimento vocale. Se funzionavano le esortazioni ad impegnarsi di più e così via quella persona da quella situazione ne sarebbe uscita fuori da un bel pezzo, è l'unica cosa che si fa sempre il contesto sociale... "Impegnati di più", "Per ottenere qualcosa bisogna darsi da fare", ordini esortativi del genere circolano in abbondanza nel nostro contesto sociale, pensate che ripetendo lo stesso per l'ennesima volta sia davvero di aiuto?

Si può intervenire sull'esame di realtà qualora fosse distorto, se si pensa erroneamente di dover fare certe cose che non si dovranno fare per ottenerne altre, o se magari facendo certe cose si otterrà molto di più e con maggiori probabilità, ma non è detto che lo sia, anzi spesso non lo è visto che poi quando si arriva a parlare di cose più concrete si è quasi sempre d'accordo.

Ultima modifica di XL; 26-02-2021 a 07:44.
Vecchio 26-02-2021, 07:24   #57
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

In parole povere.

-Un mindset sano e costruttivo si impegna per ottenere il male minore.

-Un mindset depressivo vede il male minore allo stesso livello del male maggiore e quindi non si impegna per ottenerlo.

E' chiaro che dopo i 40 con zero esperienze alle spalle si può solo puntare al male minore, ma è il classico esempio di "accetto tutto pur di non invecchiare solo."

Questo atteggiamento è considerato positivo e funzionale, rinunciare con consapevolezza è considerato mindset depressivo.

E non tiriamo fuori esempi a cazzo come suonare la chitarra a 40 anni perché si parla di hobby e passatempi, non della vita. Io ho iniziato a vent'anni con la chitarra e cmq non ho mai risolto una mazza a causa dei miei problemi caratteriali.
Ringraziamenti da
Ezp97 (26-02-2021)
Vecchio 26-02-2021, 07:41   #58
Esperto
 

io adesso ho quasi 47 anni, quando ho toccato soglia 40 non avevo comunque nessuna esperienza alle spalle ed ero a zero.
E quando leggo che comunque anche chi è a zero può recuperare e diventare come gli altri, sinceramente mi sembra un voler far credere alle persone qualcosa di utopistico
Vecchio 26-02-2021, 07:44   #59
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Dal tuo assetto mentale non ci puoi mai uscire.

Tu sei uno spiritualista, io penso che queste siano cazzate, degli stati mentali nei quali ci troviamo non ne abbiamo un reale controllo indipendente, è una nostra impressione illusoria questa, un trucco di certi stati coscienti.
Spiritualista per niente, cognitivista/costruttivista semmai.
Non puoi prendere la tua esperienza ed elevarla a regola generale. Dire che dall'assetto mentale non si può uscire è una tua opinione che basi sulla tua esperienza di vita, come se questa riassumesse la totalità dei casi generali.




Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Si può intervenire sull'esame di realtà qualora fosse distorto, ma non è detto che lo sia, anzi spesso non lo è visto che poi quando si arriva a parlare di cose più concrete si è d'accordo.
Scrivere che iniziare a fare sesso a 38-39 anni non ha senso perché sarebbe come prendere la laurea a 50 anni non è un esame di realtà distorto? Si dica piuttosto che non si ha la motivazione di fare una cosa e non si cerchi di motivarla in base ad una presunta oggettività.

Quote:
Originariamente inviata da Black_Hole_Sun Visualizza il messaggio
In parole povere.

-Un mindset sano e costruttivo si impegna per ottenere il male minore.

-Un mindset depressivo vede il male minore allo stesso livello del male maggiore e quindi non si impegna per ottenerlo.

E' chiaro che dopo i 40 con zero esperienze alle spalle si può solo puntare al male minore, ma è il classico esempio di "accetto tutto pur di non invecchiare solo."

Questo atteggiamento è considerato positivo e funzionale, rinunciare con consapevolezza è considerato mindset depressivo.

E non tiriamo fuori esempi a cazzo come suonare la chitarra a 40 anni perché si parla di hobby e passatempi, non della vita. Io ho iniziato a vent'anni con la chitarra e cmq non ho mai risolto una mazza a causa dei miei problemi caratteriali.
Ripetita iuvant: si può fare quello che si vuole della propria vita, ma pretendere che il proprio modo di filtrare la realtà, fondato sulla depressione e sull'assenza di stimoli, sia uno strumento di analisi lucido e privo di bias, è tutt'altra cosa.
E ripeto anche la domanda: dire che fare sesso a 38-39 anni per la prima volta ha la stessa utilità di prendere la laurea a 50 anni che cos'avrebbe di obiettivo?
Vecchio 26-02-2021, 08:02   #60
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio

Ripetita iuvant: si può fare quello che si vuole della propria vita, ma pretendere che il proprio modo di filtrare la realtà, fondato sulla depressione e sull'assenza di stimoli, sia uno strumento di analisi lucido e privo di bias, è tutt'altra cosa.
E ripeto anche la domanda: dire che fare sesso a 38-39 anni per la prima volta ha la stessa utilità di prendere la laurea a 50 anni che cos'avrebbe di obiettivo?
Nessuna pretesa di voler imporre ad altri il proprio filtro della realtà. La spinta motivazionale di fare cose a prescindere senza chiedersi il perché o il percome per me è l'equivalente di cercare assuefazione con droghe e alcol. L'attivismo a prescindere è considerato positivo perché non ti permette di fermarti a riflettere sul senso di ciò che stai facendo, è una droga talmente potente da cancellare persino la consapevolezza della morte. Per questo esiste la psicoterapie, non elimina il problema ma punta ad alienarlo dalla mente.
Ringraziamenti da
sconfitto (26-02-2021)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a 40... game over
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
qualche game dev? captainmarvel Off Topic Generale 5 24-01-2015 15:01
Game over out of mind SocioFobia Forum Generale 6 28-08-2014 21:37
Inner game mauerr92 SocioFobia Forum Generale 3 07-09-2012 12:11



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 21:49.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2