FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 30-03-2021, 23:22   #1
Esperto
L'avatar di Onizuka
 

Non riesco a decidermi se prendere una camera singola con altra gente in casa, o se vivere totalmente solo.
Da una parte ci sono vari vantaggi come i costi ridotti, la possibilità di cambiare alloggio velocemente se non dovessi trovarmi, e la possibilità di nuove conoscenze magari positive fin da subito, oltre al non essere totalmente da solo di colpo (ho sempre vissuto coi miei, l'idea di essere totalmente da solo in casa mi fa strano). D'altro canto però è una sorta di terapia d'urto contro la fobia sociale, che potrebbe avere risvolti positivi oppure catastrofici se dovesse capitarmi gente che prende in giro e che si accorge del mio essere fuori dal mondo nonostante i miei 25 anni (non so cucinare, non so come si usa una lavastoviglie o una lavatrice, non so stirare, e tanto altro, e mia madre non mi permette mai di provare a fare nulla perché "altrimenti combini solo casini").
Questo mi terrorizza tantissimo, imparare a fare cose mai fatte con altra gente che potrebbe essere lì in mezzo a guardare i miei possibili disastri, a rimproverarmi e a farmi sentire un peso. E sono già molto depresso in questo periodo, sarebbe il colpo di grazia.

Dall'altra parte abbiamo la scelta del monolocale da solo. Non avrei l'ansia di dover cucinare di fronte a sconosciuti o di dovermi imbucare in cucina in orari improbabili per non trovare nessuno, avrei tutto il tempo di imparare come si gestisce una casa senza l'ansia di gente che potrebbe criticarmi o vedermi come un alieno (anche se non dovessero criticarmi mi basta comunque avere lo sguardo di qualcuno addosso mentre faccio qualcosa che non so fare bene per farmi andare in ansia e quindi fare errori).
Però sarei da solo, e come dicevo questo mi spaventa.
Tornare a casa e trovarla vuota, non una voce, non una compagnia, niente di niente. Questo pensiero mi angoscia. E ovviamente ci sono i costi più alti da considerare, e una responsabilità molto più alta, non potrò mollare velocemente se qualcosa dovesse andare storto.
Per lenire la solitudine potrei invitare qualcuno di tanto in tanto, ma non è che la gente può essere sempre lì pronta a venire a casa mia.
Cosa consigliereste di fare? E per chi ha provato entrambe le opzioni, come vi siete trovati meglio?
Vecchio 31-03-2021, 06:49   #2
Avanzato
L'avatar di Iago
 

Da solo tutta la vita. Io ho condiviso case e stanze e ti posso assicurare che se trovi una persona che non è sulla tua stessa lunghezza d'onda poi diventa un casino! Perché devi imparare a convivere con degli estranei, devi condividere il bagno, la cucina, ci si deve organizzare con le pulizie. E se questi coinquilini non puliscono nulla perché se ne fregano che fai? Se la cucina è sempre sporca che fai? Se stai dormendo e questo fa casino che fai? No no, io ti consiglio di andare da solo, non hai sbattimento fai quello che vuoi e non devi rendere conto a nessuno.
Poi se hai qualche amica, amico stretto o la ragazza potresti anche decidere di condividere una casa con loro, tanto li conosci.

Inviato dal mio ASUS_X00TD utilizzando Tapatalk
Ringraziamenti da
Nightlights (31-03-2021), pure_truth2 (01-04-2021), Stasüdedòs (31-03-2021)
Vecchio 31-03-2021, 07:06   #3
Esperto
L'avatar di Stasüdedòs
 

Vivere con coinquilini ... da brividi al solo pensiero.

Quando ho dovuto trasferirmi lontano dai miei, non mi ha mai sfiorato l'idea di andare in condivisione... sarà più costoso star da soli, ma chissenefrega... i lati positivi battono nettamente quelli negativi per quanto mi riguarda.
Vecchio 31-03-2021, 07:53   #4
Avanzato
L'avatar di Trinacria
 

Io ho trovato la soluzione perfetta. Divido la casa con un'altra ragazza ma siamo ognuno per i fatti propri. Ci incrociamo giusto qualche volta per pranzo e cena. In questo modo ogni tanto posso fare due chiacchiere con qualcuno, ci dividiamo spese e pulizie ma per la maggior parte del tempo sono in camera mia per conto mio. Lei poi è tranquillissima e al massimo fa venire ogni tanto il fidanzato.

Vivere da solo va benissimo se poi al di fuori hai comunque la possibilità di vedere qualcuno, in caso contrario stare sempre completamente da soli non è proprio il massimo.

Casa condivisa comunque mai con più di una o massimo due persone. Già 4 nella stessa casa è un delirio e non sai mai chi ti possa capitare, assolutamente sconsigliato.
Vecchio 31-03-2021, 08:38   #5
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Anch'io voto per una soluzione da solo.
Magari però prova la soluzione condivisa, cosi ti togli la curiosità di provare, è piu facile uscirtene.
Penso sia anche piu comodo agli inizi se devi trasferirti in un altra città, perchè la condivisione ha il vantaggio di avere piu facile accesso alle informazioni, consigli, dritte...soprattutto per chi come te non ha mai fatto esperiene fuori lontano da casa.
Poi fai sempre in tempo a cercarti un monolocale e andare a vivere da solo.
Vecchio 31-03-2021, 09:51   #6
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Non addentrarti in coabitazioni se già pensi di non farcela. Alle terapie d'urto ci posso anche credere ma debbono essere ben ponderate. Nel senso, si, ok, vado a fare pugilato ma con il caschetto, il paradenti ecc.

Non ho mai provato e spero di non averne mai bisogno piuttosto vado a vivere in un garage.. ma da quel che ho sentito per convivere con estranei devi essere elastico, socievole, e tollerante a rumori e casini. Se stai con gente giovane questi invitano, fanno feste e c'è parecchio casino.

Vivere da solo è vero che trovi casa vuota al ritorno, ma se vuoi dormire dormi, se vuoi vegetare vegeti, fai quel che vuoi.
Vecchio 31-03-2021, 10:00   #7
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
Non addentrarti in coabitazioni se già pensi di non farcela. Alle terapie d'urto ci posso anche credere ma debbono essere ben ponderate. Nel senso, si, ok, vado a fare pugilato ma con il caschetto, il paradenti ecc.

Non ho mai provato e spero di non averne mai bisogno piuttosto vado a vivere in un garage.. ma da quel che ho sentito per convivere con estranei devi essere elastico, socievole, e tollerante a rumori e casini. Se stai con gente giovane questi invitano, fanno feste e c'è parecchio casino.

Vivere da solo è vero che trovi casa vuota al ritorno, ma se vuoi dormire dormi, se vuoi vegetare vegeti, fai quel che vuoi.
Si ok ma bisogna guardare anche gli aspetti pratici e il contesto.
Lui è prima volta che fa questa esperienza
Per gli affitti cercano alcune credenziali di solito, come per esempio il contratto di lavoro. Sarebbe difficile trovare senza.
Poi di solito vogliono anche mensilità anticipate piu altri per eventuali danni. Poi se ce l'agenzia ci sono pure le spese di agenzia.
Ci son contratti che ti vincolano, e se poi vuoi tornare indietro ci perdi un sacco di soldi.

Un camera invece di solito non richiedono nulla, e piu facile trovare a nero senza fare alcun contratto. La soluzione secondo me migliore nel suo caso, certo bisogna rischiare di trovare dei rompicoglioni, ma lui è giovane ed è ancora abituato a vivere coi genitori (che son rompicoglioni a prescindere), quindi è allenato.
Mica come noi vecchietti ormai abituati alla comodità e a starcene per i cazzi nostri
Vecchio 31-03-2021, 10:07   #8
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Equilibrium Visualizza il messaggio
Mica come noi vecchietti ormai abituati alla comodità e a starcene per i cazzi nostri
Vero ahah, adesso come adesso non lo farei neanche in condizioni di indigenza estrema però magari a 25 anni avrei potuto provare.. ma non mi conveniva.. ero molto ma molto più sano ma già sapevo com'ero.. quella è roba per gente che si sa divertire, che è spensierata, che si scopa le coinquiline o le loro amiche
Al nostro utente consiglierei cmq di provare.. però ha precisato lui stesso che dovrebbe andare in cucina quando non trova nessuno.. i classici comportamenti evitanti che abbiamo tutti qui.. diciamo che non è proprio la migliore delle premesse.. Cmq se uno è giovane e non troppo compromesso è sempre meglio fare che non fare.
Vecchio 31-03-2021, 10:08   #9
Esperto
L'avatar di Nightlights
 

Una persona che conosco abita stabilmente in un albergo da più di un anno, ha detto che spende meno così rispetto a pagare l'affitto e si trova benissimo, altra soluzione possibile

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk
Vecchio 31-03-2021, 10:12   #10
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
Vero ahah, adesso come adesso non lo farei neanche in condizioni di indigenza estrema però magari a 25 anni avrei potuto provare.. ma non mi conveniva.. ero molto ma molto più sano ma già sapevo com'ero.. quella è roba per gente che si sa divertire, che è spensierata, che si scopa le coinquiline o le loro amiche
Al nostro utente consiglierei cmq di provare.. però ha precisato lui stesso che dovrebbe andare in cucina quando non trova nessuno.. i classici comportamenti evitanti che abbiamo tutti qui.. diciamo che non è proprio la migliore delle premesse.. Cmq se uno è giovane e non troppo compromesso è sempre meglio fare che non fare.
Bhe sarebbe anche un modo per andare contro le sue evitanze invece di alimentare il mostro.
Vecchio 31-03-2021, 10:16   #11
Banned
 

Io non ho mai coabitato con nessuno (tranne i miei famigliari) ma ti posso raccontare l'esperienza di mia sorella, lei è una persona molto estroversa, quando frequentava l'università viveva in una specie di campus e condivideva l'appartamento con tre ragazze. Per lei è stato un incubo, non riusciva a studiare e si è laureata con molto ritardo a causa di questo. Pur essendo molto estroversa ha detto che non coabiterebbe più con per persone "esterne" alla famiglia, perchè hanno abitudini, orari, esigenze diverse, tra l'altro litigavano sempre in quella casa, non sempre si creano rapporti idilliaci (una volta sono andata a trovarla e anche in mia presenza litigavano, litigavano per una pentola pensa tu, non ricordo il movente preciso ma ricordo che l'oggetto incriminato da cui è scaturita la lite era una pentola mi è rimasta impressa sta pentola tanto assurda era la situazione, io ero con gli occhi di fuori, completamente in imbarazzo e mi sono barricata in camera sua).

Adesso lei convive con il suo compagno, ma lui non è mai qui in italia perchè ha un'attività all'estero quindi praticamente abita da sola, dice che non è poi così male e che la solitudine non si avverte, però lei ha il cane, un cane che occupa mezza casa Io personalmente preferirei stare sola, anche perchè mi ritengo troppo grande per abitare con altre persone che non siano il compagno o i famigliari, è una cosa più da ragazzi universitari. Però se tu pensi che stare solo ti creerebbe ansia prova a vedere se riesci a reggere la coabitazione.

Ultima modifica di JR_Reloaded; 31-03-2021 a 10:26.
Vecchio 31-03-2021, 10:42   #12
Intermedio
 

Ho sempre vissuto in casa coi miei, e anzi con tutta la famiglia allargata (siamo una palazzina di quattro appartamenti, tutti abitati da parenti) e ammetto che un periodo di coabitazione, fatto intorno ai vent'anni, non mi sarebbe dispiaciuto e, forse, mi avrebbe aiutato a sbloccarmi su alcuni aspetti, tipo il non essere troppo accondiscendente. Non avrebbe influito sul discorso indipendenza perchè, a parte la lavatrice, per il resto riesco a gestirmi in totale autonomia.

Adesso però, giunto all'alba dei 37, direi sicuramente da solo, e stavo giusto iniziando a guardare qualche appartamento in affitto dalle mie parti. Non mi spaventa molto la solitudine, tanto anche adesso la soffro perchè è più legata ad una questione sentimentale che di mancanza fisica di persone con cui parlare.
Ringraziamenti da
TenenteDan (01-04-2021)
Vecchio 31-03-2021, 10:49   #13
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Sia durante che dopo l'università, per motivi prettamente economici, ho dovuto coabitare. Ho traversato un gran numero di appartamenti con diversi coinquilini, ma nella stragrande maggioranza dei casi le cose sono andate male, e non ho paura a dire che la causa ero proprio io, i miei problemi, la mia necessità di isolamento, le difficoltà ad avere dei rapporti "normali" con le altre persone. Le incomprensioni, anche gravi e con ricadute sulla funzionalità dei rapporti, erano all'ordine del giorno.
Da quando ho potuto permettermelo economicamente vivo da solo. Non tornerei indietro, dopo tanto tempo e tanti tentativi di coabitazione ho concluso che è qualcosa che non fa per me. Ma aggiungo: purtroppo.
Vecchio 31-03-2021, 11:47   #14
Esperto
 

Io sono stato sempre da solo , ma non mi sarebbe dispiaciuto vivere magari con un amico con stessi interessi e caratterialmente compatibile , magari sarebbe stata una esperienza divertente
Vecchio 31-03-2021, 12:02   #15
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
che si scopa le coinquiline o le loro amiche
Io eviterei proprio per questo..ho ancora gli incubi pensando a certe cose
Vecchio 31-03-2021, 12:31   #16
Avanzato
L'avatar di Texas
 

Da solo ovviamente, ho necessità dei miei spazi e non voglio essere giudicato da nessuno, ne dovermi relazionare forzatamente con qualcuno.

Credo che il problema di vivere con coinquilini sarebbe legato al fatto che per molte la convivenza porti necessariamente a doversi un minimo relazionare o peggio, fare attività insieme anche fosse solo pranzare o cenare. Io ho bisogno dei miei spazi, piccoli in termini abitativi, ma enormi in termini di abitudini e quotidianità.

Questo senza considerare poi le cattive abitudini. Per dire, con dei maschi io non ci potrei convivere proprio anche perché ho bisogno di sapere che l'ambiente in cui vivo sia un minimo pulito.
Vecchio 31-03-2021, 12:44   #17
Avanzato
L'avatar di Dark97
 

Beh...vivere con due coinquiline non sarebbe male...
Vecchio 31-03-2021, 13:27   #18
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Masterplan92 Visualizza il messaggio
Io eviterei proprio per questo..ho ancora gli incubi pensando a certe cose
Perché vedevi gli altri che lo facevano?
Vecchio 31-03-2021, 13:34   #19
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da syd_77 Visualizza il messaggio
Perché vedevi gli altri che lo facevano?
Già
Vecchio 31-03-2021, 13:40   #20
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Masterplan92 Visualizza il messaggio
Già
Immaginavo.. sono scenari angoscianti se non si può fare altrettanto.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Vivere da soli o in compagnia? Pro e contro, dubbi e paure
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Vivere da soli claire Storie Personali 2105 09-04-2021 14:07
sesso, dubbi e paure Ruggero Forum Sessualità (solo adulti) 43 12-09-2017 23:49
Vivere da soli ed università Heisenberg SocioFobia Forum Generale 21 04-11-2013 22:12
Ansia & Paure, ma BISOGNA VIVERE - Un aiuto per favore panico Ansia e Stress Forum 5 26-10-2007 12:19
VIVERE DA SOLI? julien_cd SocioFobia Forum Generale 8 11-05-2007 20:18



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 15:32.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2