FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Disturbo evitante di personalità
Rispondi
 
Vecchio 09-03-2021, 21:32   #1
Principiante
 

.

Ultima modifica di wildflower; 13-03-2021 a 20:24.
Vecchio 09-03-2021, 22:09   #2
Avanzato
 

.

Ultima modifica di sconfitto; 22-01-2022 a 12:24.
Ringraziamenti da
Texas (10-03-2021)
Vecchio 09-03-2021, 22:21   #3
Principiante
 

Hai ragione è un meccanismo perverso che funziona più o meno così a volte rimane latente per poi ripresentarsi senza un apparente motivo
Vecchio 10-03-2021, 11:51   #4
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Bisogna divenire trasgressivi.
L'evitante è persona abituata a reprimere ogni impulso emozionale verso l'esterno, trasgredire ai propri schemi di azione costruiti e radicatisi nel tempo può essere una soluzione. Anzi direi una liberazione.
Ringraziamenti da
Vento (10-03-2021)
Vecchio 10-03-2021, 12:03   #5
Avanzato
 

Quote:
Originariamente inviata da wildflower Visualizza il messaggio
Quando sento parlare di paura del giudizio altrui non mi sento rappresentata, perché in realtà non ho paura di quello che penseranno gli altri, ma è come se nella mia testa avessi già deciso a prescindere cosa gli altri debbano pensare di me (cioè che sono inadeguata).

Sono consapevole che i sentimenti auto-svalutativi che provo sono irrazionali, ma permane sempre una sensazione di inadeguatezza di fondo, come un rumore in sottofondo, un'interferenza.

Come si fa, allora, a liberarsi di queste credenze radicate, se il raziocinio non basta ad estirparle?
La paura del giudizio è proprio quello che hai descritto tu per una persona che ha ansia sociale aldilà della personalità o altri problemi. È la sensazione che le persone possano vedere l'inadeguatezza che hai dentro, da lí nasce l'ansia.

Come estirparla con raziocinio? La risposta che mi sono dato è la seguente:

Porsi la domanda "Se io fossi un estraneo da aiutare come mi aiuterei? Cosa gli direi di fare?"

Dovresti rapportarti con te stessa da esterna, quando applichi la ragione. La ragione non è comunque l'unico mezzo per uscirne

Se cerchi di forzare con la ragione in modo repressivo i tuoi comportamenti, rischi solamente di peggiorare la situazione, come rimuginare sulle cose ecc...
Vecchio 10-03-2021, 14:04   #6
Principiante
 

La terapia cognitiva non è per tutti un successo per me non lo è stato , hai paura del giudizio positivo , quindi ti senti come rassicurata dal senso di inadeguatezza ?
Vecchio 10-03-2021, 15:00   #7
Banned
 

La vergogna è un problema, ma ancora di più è la mancanza di coraggio il problema principe. Non coraggio di fare chissà cosa, ma quello di tutti i giorni, rispondere a tono a chi ti importuna, reagire a presa in giro con altra presa in giro. Oppure a chi ti disprezza, blocca, accusa di cose false chiedere il perché, cosa gli passa per la testa in quel momento, dove abbiamo sbagliato noi, etc. Il coraggio dell'assertività, che poi è questo che ti fa crescere giorno dopo giorno, che non ti fa avere discorsi in sospeso, che ti fa stare sereno.
Poi può darsi pure che non si ha coraggio perché ci si vergogna di esternare, questo non lo escludo.
Vecchio 10-03-2021, 22:44   #8
Principiante
 

Sembra una sorta di distorsione della realtà , il fatto di pensare che un apprezzamento positivo si in realtà errato , capita anche a me in altri ambiti , la mente prende e va per i fatti suoi senza Che vi sia un reale motivo è un modo di pensare che si è instaurato
Vecchio 10-03-2021, 23:53   #9
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da wildflower Visualizza il messaggio
Sì e no. Paradossalmente, ho più paura del giudizio positivo che di quello negativo, perché se qualcuno mi disconferma l'idea di essere una persona inadeguata, la mia identità cade per intero visto che oramai si è consolidata intorno a questo concetto. è una cosa irrazionale e anche un po' masochista, ma per mantenere un senso del sé integro, metto in atto atteggiamenti che portano gli altri a confermare la credenza centrale di essere inadeguata. E pur essendone pienamente consapevole, non riesco a smettere di farlo.
Qualcosa di simile capita anche a me e il motivo consiste nella paura di deludere.

Comunque se contro la paura c'è il coraggio, contro la vergogna non si ha a disposizione una qualità definita. Cioè probabilmente ci vuole ancora un atto di coraggio, il problema è che, se dopo aver superato una paura ti senti forte, dopo esser riuscito a fare un'esternazione senza vergogna spesso ti senti comunque una m*rda, perché appunto la vergogna è un substrato costante e profondo, che rimane consolidato dentro. Forse ci vuole più una desensibilizzazione rispetto a questa sensazione conseguente, ci vuole molto tempo e non credo che se ne esca proprio del tutto, si migliora ma un "fastidio" di fondo rimane comunque.
Vecchio 10-03-2021, 23:59   #10
Banned
 

Anche per me la vergogna è sempre stato un fattore centrale del mio essere .. un po' se ne è andato, non so se per via dell'età che aumenta e per cui ci pensi meno o per coraggio, cmq un po' alla volta sparisce..
Vecchio 11-03-2021, 02:42   #11
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Equilibrium Visualizza il messaggio
Bisogna divenire trasgressivi.
L'evitante è persona abituata a reprimere ogni impulso emozionale verso l'esterno, trasgredire ai propri schemi di azione costruiti e radicatisi nel tempo può essere una soluzione. Anzi direi una liberazione.
Anche per me..anche dissociarsi dal proprio essere e dalle proprie credenze/catene
Vecchio 11-03-2021, 09:56   #12
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Non ho paura del giudizio, nessuno può giudicare qualcosa che semplicemente non esiste. Un'ombra è solo una proiezione scura e informe. Non incute emozioni o sensazioni, al massimo ti ripara dal sole quando fa caldo. Ormai mi vergogno solo di esistere, di consumare risorse come cibo acqua e ossigeno che potrebbero andare a persone la cui vita ha un significato è un'utilità.
Ringraziamenti da
DownwardSpiral2 (11-03-2021)
Vecchio 11-03-2021, 10:22   #13
Esperto
L'avatar di Teach83
 

Credo che nel mio caso l'autosvalutazione sia una delle cause principali... e i complimenti o gli incoraggiamenti spesso non servono a un ciufolo se non sono io il primo ad esserne convinto.
Ma c'è pure un problema nel rapportarsi con la gente...è faticoso...stancante.
La socialià mi brucia le energie, la devo prendere a piccole sorsate.
Ringraziamenti da
DownwardSpiral2 (11-03-2021)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Vergogna
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La vergogna di suicidarsi syd_77 Depressione Forum 71 13-05-2020 14:49
Vergogna o cosa...? Black_ Storie Personali 10 18-10-2014 01:28
Senso di colpa vs vergogna Blowing Sand Off Topic Generale 4 20-08-2014 23:28
vergogna di essere bastoni SocioFobia Forum Generale 23 29-04-2011 11:23
CHI SI VERGOGNA DI NOI ? meryoc SocioFobia Forum Generale 24 20-09-2008 23:14



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:24.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2