FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > DOC Forum
Rispondi
 
Vecchio 14-07-2006, 15:28   #1
Banned
 

II modello avanzalo da Clark e Wells (1995: Wells e Clark. 1997 prende in
considerazione il ruolo dei processi di autovalutazione negativa nella fobìa
sociale e sostiene che la persistenza di tale disturbo sia dipendente da diver
si meccanismi cognitivi e comportamentali, un punto basilare del sistema
sottolinea la rarità in cui il paziente si trova in situazioni che potrebbero for
nire chiare smentite delle proprie manie: molti circoli viziosi sono, infatti
responsabili del mantenimento del problema. Nella figura 7. 1 è illustrato il
modello. [segue la photo].
La caratteristica centrale della fobia sociale è il forte desiderio di dare una buona impressione di sé agli altri e questo è accompagnato da un grossa insicurezza e incertezza sulla sua riuscita. Quando i fobici affrontano una situazione sociale la giudicano pericolosa. temono di correre il rischio di agire. in modo inadatto e inaccettabile, pensano che questo comportamento avrà conseguenze drammatiche per il loro status sociale e saranno rifiutati e umiliati ad esempio, possono ritenere di essere al centro dell'attenzione o di infastidire
le persone, ma sono inclini a prestare poca attenzione alle reazioni degl' altri,
poiché sì concentrano sull'effetto della loro prestazione e assumono erronea
mente che questo rifletta esattamente le percezioni altrui.
Per evitare le conseguenze temute, il fobico sociale utilizza comportamenti protettivi (Wells e coll., 1995b) che in realtà perpetuano l'ansia e le credenze dell'individuo di essere valutato negativamente: tra i possibili effetti dì tali strategie difensive, si possono trovare un aggravamento dei sintomi (ad es., reggere una tazza troppo saldamente può impedire i normali movimenti), o un'interferenza con la prestazione (ad es., ripetere mentalmente cosa dire prima di parlare, rende più difficile la conversazione). Inoltre i comportamenti protettivi possono influenzare direttamente la situazione sociale, facendo apparire il paziente meno amichevole e disponibile (si veda la lìnea di congiunzione "a" riportata nella figura 7.1). Infine, il fatto che le conseguenze temute non si siano verificate può essere erroneamente attribuito all'uso dei comportamenti protettivi, piuttosto che a giudizi distorti.
Un aspetto nuovo di questo approccio è l'enfasi posta sul ruolo del processo di autovalutazione che guida i comportamenti, vale a dire il modo in cui il fobico sociale ritiene di apparire agli altri: il contenuto dell'impressione influisce, infatti, sul grado di pericolo percepito nelle situazioni sociali. Nel modello vi è implicitamente la nozione che gli individui sono normalmente motivati a mantenere un'immagine sociale di sé positiva e solida, mentre in questi casi tuttavia, le percezioni sono instabili e suscettibili a fluttuazioni, anche a causa di due meccanismi che contribuiscono alla focalizzazione su di sé: il processo di anticipazione e il processo di esame a posteriori della situazione.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a un modello cognitivo della fobia sociale
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La causa della vostra fobia sociale Adler SocioFobia Forum Generale 157 11-12-2016 16:29
Test della fobia sociale LarryJR SocioFobia Forum Generale 104 29-11-2011 18:04
La fobia sociale è uno stato della mente Leggero SocioFobia Forum Generale 22 29-05-2008 13:56
Le tappe della fobia sociale andrea870 SocioFobia Forum Generale 6 24-11-2006 17:07
Una interpretazione psicoanalitica della fobia sociale Carota SocioFobia Forum Generale 15 19-07-2004 12:52



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 06:21.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2