FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Amore e Amicizia
Rispondi
 
Vecchio 08-05-2020, 08:12   #1
Intermedio
L'avatar di SkywalkerJR
 

La mia teoria è la seguente
-Per quanto gli altri possano essere "aperti" mentalmente e benevoli, le "vere " relazioni, "alla pari", amicizia e amore si possono ottenere solo tra i propri simili, perché il diverso per quanto gli si voglia poter bene, non lo si vedrà mai al proprio pari, lo si guarderà sempre dall'alto al basso-
(faccio un esempio sui down, ma il significato non cambia sostituendo questi ad altre minoranza "discriminate", tipo i molisani )
La maggior parte dei ragazzi e ragazze down se sono fortunati/e si "possono" solo sposare con altri down, infatti è quasi impossibile che un'altra persona empatizzi con loro fino a poter diventare partner(a volte succede), sia per questioni intellettuali, sia per questioni estetiche, sia quello che sia non si può infamare una persona "normale" per non essere attratta da un "down".
Una cosa è rispettare e volere bene, un'altra cosa è l'amore e l'amicizia, queste persone riceveranno amore, ma sempre da persone che le guardano dall'alto, assistenti sociali, genitori, animatori ecc.
Per poter trovare ciò che davvero da valore alla vita, persone alla pari, che ti stimano, che stanno con te per quello che sei, devi per forza stare con i tuoi "simili", perché gli altri anche trattandoti bene, non ti tratteranno mai in modo normale.
Per poter empatizzare con gli altri realisticamente parlando in generale ci deve essere una minima somiglianza di vissuto, altrimenti ti sembra che quella persona sia un alieno, per quanto tu possa essere aperto agli altri.
Detto questo alcuni di noi sociofobici, magari anche con AVPD(disturbo evitante), a pensarci bene, tra virgolette sono messi peggio, perché oltre a non essere accettati dagli altri, non accettano loro stessi e gli altri.
Siamo i nazifascisti della società, almeno Hitler accettava se stesso e le persone ariane, noi nessuno, ma proprio nessuno, ci fanno schifo tutti.
E quindi la triste realtà di un sociofobico è che neanche con un altro sociofobico riuscirà a stringere amicizia.

Detto questo quello che volevo dire è che meno male esistono forum come questo, almeno si può avere una vita sociale virtuale, non conta l'estetica, ne necessariamente il sapersi comportare a modino.
Si può essere pazzi ma nessuno ti impedirà mai di dire la tua, mentre in un gruppo di persone IRL ti manderebbero a cagare.
Qui si può avere in parte ciò che i normie hanno senza sforzi, un confronto con gli altri
Vecchio 08-05-2020, 08:45   #2
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Il mondo in pratica è diviso in classi, in categorie a compartimenti stagni, io sono d'accordo con te e dico che è vero, ma contemporaneamente risulta vero per me che la cosa mi fa abbastanza schifo.
Una cosa è avere la libertà di poter scegliere con chi stare altra il dover stare solo con persone simili perché il mondo è diviso così e basta. Questa cosa rappresenta una limitazione della libertà di moltissimi individui enorme, e per questo mi fa schifo.
Perché odio la natura?
Ho i miei buoni motivi per odiarla.
E' a partire da questa che si è andato a creare il problema che poi si cerca di risolvere artificialmente con scarso successo.

Ultima modifica di XL; 08-05-2020 a 08:52.
Vecchio 08-05-2020, 09:43   #3
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Non c'è dubbio che sia così, e non c'è assolutamente niente da fare. Io personalmente che ci farei in un gruppo di gente bella, brillante, assertiva, con una vita normale? Non è che io abbia difficoltà a conoscere persone di questo tipo, anzi in passato ne frequentavo. Poi le strade si sono divise, tutte le persone del gruppo degli amici hanno inaugurato trend di costante miglioramento sentimentale e professionale, e io sempre peggio su tutto. Alla fine era così evidente che ero un pesce fuor d'acqua che non chiamavo io e non chiamavano loro. Solo essere l'unico non fidanzato/sposato toglieva il 90% delle cose in comune e possibilità di fare cose insieme (viaggi, etc.).

Per persone con disabilità o problemi che ve lo dico a fare? Il mondo è infinitamente crudele, molti tra noi stessi sul forum possiamo benissimo essere considerati crudeli a giustissima ragione da persone con problemi i cui nomi nemmeno riesco a nominare ma qualcuno tanto è stato nominato sopra.
Vecchio 08-05-2020, 09:55   #4
Esperto
L'avatar di Dahmer
 

Non sono d'accordo. I rapporti migliori li ho avuti con persone diverse da me ma con un carattere complementare. Ci stavano punti e problematiche in comune ma anche grosse differenze.
Quello dei down non regge, perche' un conto son differenze nel vissuto o nel carattere, un altro uno scarto nel qi di 50 punti (se parliamo di una disabilita' intellettiva media parliamo di 50 - 60 punti di qi e uno sviluppo che ragiunge un bambino di 10 max anni). Sarebbe come rapportarsi o relazionarsi a un bambino, non lo troverai mai minima mente intellettualmente stimolante abbastanza da farci amicizia seriamente o da averci una relazione.
Ringraziamenti da
Newage (08-05-2020), Qwerty (08-05-2020)
Vecchio 08-05-2020, 09:58   #5
Banned
 

Io cerco e ho sempre cercato solo miei simili. Non vedo proprio come potrei essere accettata da chi è il mio esatto contrario (e io stessa, che sono poco flessibile e tendo a non sopportare chi è troppo diverso da me, non accetterei molto una persona troppo diversa da me). Non ci vedo nulla di male a stare con i propri simili. Le persone con cui ci relazioniamo vanno scelte accuratamente.
Me ne sto beatamente con gli sfigati come me (sfigati per la società intendo, io non mi sento sfigata e nemmeno considero i miei simili degli sfigati).
Ringraziamenti da
Newage (08-05-2020)
Vecchio 08-05-2020, 10:02   #6
Esperto
 

condivido in buona parte il tuo pensiero, unica nota è frequentandosi solo tra simili compagni di disgrazie (noi) non credo ci si possa migliorare
Ringraziamenti da
Newage (08-05-2020)
Vecchio 08-05-2020, 10:05   #7
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da sparatemi Visualizza il messaggio
condivido in buona parte il tuo pensiero, unica nota è frequentandosi solo tra simili compagni di disgrazie (noi) non credo ci si possa migliorare
Non è detto. Anche tra persone simili, non si è comunque uguali. Magari si hanno problemi diversi, e quindi ci si aiuta e si può migliorare e crescere.
Vecchio 08-05-2020, 10:07   #8
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Personalmente credo che interagire con persone molto diverse da me mi arricchisca e infatti io non ho mai avuto problemi a interagire con le più svariate tipologie di persone (la mia migliore amica dai tempi delle medie è una ragazza con disabilità motorie, è rimasta sola, ormai ha solo la famiglia, perchè nessuno riesce ad adattarsi al suo stile di vita, le sono rimasta solo io come amica) dai nerd sociofobici, agli "estroversoni" tamarri, dai giovani, agli anziani, questo non significa comunque che io non abbia delle preferenze, con il tempo ho capito che accanto a me preferisco avere persone che mi somiglino, per quanto riguarda il partner ad esempio non sceglierei mai una persona estroversa, sceglierei una persona introversa come me, con problematiche simili alle mie, che abbia uno stile di vita simile al mio, interessi simili ai miei, deve anche appartenere "al tessuto culturale" nel quale io sono cresciuta, in parole povere non credo che riuscirei mai a stare con una persona di una regione diversa dalla mia, potrei al massimo accettare di stare con un siciliano o con un pugliese, ma non riuscirei mai ad adattarmi ad una persona del nord ad esempio, non so perchè (devo sentire l'accento terrone per essere a mio agio nonostante io non abbia un accento marcato, anzi è più tosto neutro il mio modo di parlare, tranne quando mi arrabbio ahahah. Non so come mai questa cosa, mi sento più "a casa" con persone del sud come me, ma magari è solo una mia para mentale)

Ciò non toglie che comunque io ami confrontarmi con persone differenti da me, con culture lontane, ma far entrare nella mia vita una persona troppo distante da me non credo che sarebbe fattibile.

Ultima modifica di JR_Reloaded; 08-05-2020 a 10:24.
Ringraziamenti da
Newage (08-05-2020)
Vecchio 08-05-2020, 10:22   #9
Intermedio
L'avatar di Astrid
 

Con gli anni sono giunta a conclusione che preferisco frequentare persone simili a me ,non a caso i pochi amici che ho sono introversi ,non dico fobici ma introversi sicuramente. Con gli estroversi non riesco ad essere me stessa ,non mi sento capita,vengo inevitabilmente vista come quella strana ,non a caso gli "amici " estroversi che ho avuto in passato sono spariti dalla mia vita .
Anche nelle relazioni sentimentali non sono mai riuscita a frequentare un ragazzo estroverso,non ero a mio agio e mi allontanavo . Preferirei mille volte uno come me se proprio devo essere sincera ...anche se ormai sono così abituata a stare da sola che forse non mi andrebbe bene nessuna relazione ma questa è un altra storia.
Vecchio 08-05-2020, 10:35   #10
Avanzato
L'avatar di Biancalatte
 

Per quanto mi riguarda mi sono sempre buttata, affascinata da persone diverse da me anche come cultura spesso é finita male, l'amica con cui sento di poter svambiare piú in profondità ha problemi simili ai miei. Le persone con sindrome di down mi le trovo speciali, avrei davvero voglia di scambiarci, mi sono amche iscritta a un volontariato ma non é mai iniziato per la quarantena.
Vecchio 08-05-2020, 11:20   #11
Esperto
L'avatar di Nightlights
 

Quasi sempre i rapporti tra persone con vissuti molto diversi non sono alla pari, c'è uno dei 2 che si sente migliore, o ci si aggrappa per cercare di salvarsi etc..Non sono presupposti sani per una amicizia equilibrata, conoscenze se ne possono fare per fare esperienze e ok ma poi bisogna vedere come si impostano a lungo andare..

Inviato dal mio SM-J510FN utilizzando Tapatalk
Ringraziamenti da
incompresa88 (08-05-2020)
Vecchio 08-05-2020, 11:40   #12
Esperto
L'avatar di Kitsune
 

Ho sempre prediletto persone problematiche perché penso siano le uniche con cui ho chance di essere capito e accettato.
Ora mi sto sforzando di interagire anche le persone che reputo "normali" ma mi rendo conto che aver vissuto e vivere in un mondo parallelo effettivamente complica tutto.
Cerco di allinearmi a discapito di perdere la mia identità che alla fine teneva in piedi tutto quindi incrocio le dita.
Vecchio 08-05-2020, 11:50   #13
Super Moderator
L'avatar di Lùthien.
 

Quote:
Originariamente inviata da SkywalkerJR Visualizza il messaggio
Siamo i nazifascisti della società, almeno Hitler accettava se stesso e le persone ariane, noi nessuno, ma proprio nessuno, ci fanno schifo tutti.
Ma cosa stai dicendo? Ma li hai letti i criteri diagnostici per la fobia sociale? Ti stai sbagliando. Chi soffre di fobia sociale ha paura degli altri, mica gli fanno schifo. Non capisco da dove tirate fuori queste cose.
Ringraziamenti da
Daytona (08-05-2020)
Vecchio 08-05-2020, 11:50   #14
Esperto
L'avatar di Crepuscolo
 

Un mio amico a volte mi rimprovera perché nelle altre persone cerco similitudini con me, forse perché spesso non mi sento capito e sono alla continua ricerca di qualcosa, non so cosa. Con le persone molto diverse da me invece indosso una maschera (ma ci vuole poco per bucarla), non ci penso proprio ad aprirmi con loro.

Ultima modifica di Crepuscolo; 08-05-2020 a 11:55.
Vecchio 08-05-2020, 13:15   #15
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da JR_Reloaded Visualizza il messaggio
in parole povere non credo che riuscirei mai a stare con una persona di una regione diversa dalla mia, potrei al massimo accettare di stare con un siciliano o con un pugliese, ma non riuscirei mai ad adattarmi ad una persona del nord ad esempio, non so perchè (devo sentire l'accento terrone per essere a mio agio nonostante io non abbia un accento marcato, anzi è più tosto neutro il mio modo di parlare, tranne quando mi arrabbio ahahah. Non so come mai questa cosa, mi sento più "a casa" con persone del sud come me, ma magari è solo una mia para mentale)

Ciò non toglie che comunque io ami confrontarmi con persone differenti da me, con culture lontane, ma far entrare nella mia vita una persona troppo distante da me non credo che sarebbe fattibile.
É curiosa questa cosa. Io sono il tuo opposto. Mi disgusta l'accento delle persone che vivono nella mia regione, e gli abitanti stessi (in gran parte tamarri super estroversi). Non ho mai avuto né partner né amici della mia città o regione, li ho sempre cercati e trovati altrove. Non starei mai con uno della mia città. Come modo di fare, poi, tendo a preferire le persone del nord Italia o comunque centro-nord. Con le persone del centro-sud non mi trovo proprio.
Vecchio 08-05-2020, 13:16   #16
Intermedio
L'avatar di SkywalkerJR
 

Quote:
Originariamente inviata da Lùthien. Visualizza il messaggio
Ma cosa stai dicendo? Ma li hai letti i criteri diagnostici per la fobia sociale? Ti stai sbagliando. Chi soffre di fobia sociale ha paura degli altri, mica gli fanno schifo. Non capisco da dove tirate fuori queste cose.
Si infatti ho dato per scontato che tutti siano come me, forse non c'è legame tra fobia sociale e misantropia, però in generale, vedo che molti in questo forum sono così, almeno a parole.
Vecchio 08-05-2020, 13:24   #17
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da SkywalkerJR Visualizza il messaggio
Si infatti ho dato per scontato che tutti siano come me, forse non c'è legame tra fobia sociale e misantropia, però in generale, vedo che molti in questo forum sono così, almeno a parole.
Veramente la maggior parte degli utenti qui ha la fobia sociale o altri problemi, ma non è misantropa. Mi sembra che i misantropi siano ben pochi a giudicare dalle risposte che leggo.
Vecchio 08-05-2020, 14:49   #18
Intermedio
 

Ma quale vita sociale virtuale?
Vecchio 08-05-2020, 15:05   #19
Esperto
L'avatar di claire
 

Forse è vero.
Non ho simili, infatti non sto bene con nessuno.
Vecchio 08-05-2020, 17:08   #20
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

I vermi.. i miei simili
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Stare con i propri "Simili"
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Stare a casa e persone "malate" di uscite tonymontana Sondaggi 25 20-01-2018 17:53
"Hai sbagliato" "Cosa ho fatto?" "Lo dovresti sapere" Heisenberg Off Topic Generale 20 24-06-2015 22:42
Voi credete ai "fantasmi" o simili? Amy96 Off Topic Generale 5 11-04-2013 09:39
dove conoscere ragazze "simili"? mr.Nessuno Amore e Amicizia 91 27-12-2012 08:42
Siete migliori degli altri ? come vi comportate con i vostri "simili" ? Serenovariabile SocioFobia Forum Generale 32 28-05-2010 15:29



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 05:41.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2