FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Altri disturbi di personalità
Chiudi la discussione
 
Vecchio 04-03-2017, 02:49   #1
Principiante
L'avatar di EdenSnake
 

Appaio come un ragazzo normale alla fine, penso di sembrare un po' eccentrico ma nulla di che... il problema è che è tutta una recita. Sento davvero come se ci fosse qualcosa che mi suggerisce quale atteggiamento è quello che più "mi si addice", si addice al ruolo che sto incarnando, e ogni mio comportamento è intrapreso di conseguenza. Ed è solo dopo tempo che ho realizzato questa cosa, che non sono mai me stesso, che c'è una maschera che indosso così tanto che ormai mi ci identifico, e le mie pulsioni più intime vengono lasciate indietro, come se ci fosse una parte di me rimasta "bambina" perché non ha dovuto affrontare il mondo, perché la maschera si è messa tra lei ed ogni altra situazione.
Pareri? Qualcuno che si sente come me?
Vecchio 04-03-2017, 03:25   #2
Principiante
 

Pirandello
Vecchio 04-03-2017, 03:46   #3
Esperto
L'avatar di hermit94
 

Quote:
Originariamente inviata da zingaro93 Visualizza il messaggio
Pirandello
Uno,nessuno,centomila
Vecchio 19-05-2017, 19:45   #4
Banned
 

purtroppo mi è capitato spesso.
Vecchio 19-05-2017, 19:51   #5
Esperto
L'avatar di Suttree
 

Forse è il cercare di essere un presunto sé stesso (che forse non esiste) che porta ad indossare delle maschere

Comunque credo che tutti i timidi indossino involontariamente la maschera della timidezza.
Vecchio 19-05-2017, 20:07   #6
Banned
 

Questo è il motivo per cui alle volte non riesco a fare quello che voglio fare. Delle volte è perché non me lo posso permettere per forza di cose, altre volte penso inconsciamente "non fa per me" . È come se ci costruissimo questo personaggio (o avvolte sono gli altri che lo costruiscono) e ad un certo punto ci dobbiamo comportare in un certo modo, in un modo che si addice a quel personaggio, per coerenza verso gli altri.
Delle volte la nostra volonta è volubile, non per incoerenza, ma perché abbiamo bisogno di cose diverse in momenti diversi. Purtroppo se non ti crei una sorta di personaggio, la gente ti giudica strano e inaffidabile, proprio perché non riesce ad inquadrarti.
Credo che la maniera piu corretta di agire sia essere piu spontaneo, fregarsene ma non troppo. Non c'é un atteggiamento che ti si addice, trova un compromesso tra la tua parte piu interiore (quella che ha scritto questo messaggio) e l'atteggiamento che assumi verso il prossimo.
Vecchio 20-05-2017, 00:48   #7
Banned
 

Comunque credo che tutti i timidi indossino involontariamente la maschera della timidezza.[/QUOTE]

su questo si sono d accordo.

Ultima modifica di freaktown; 20-05-2017 a 00:51.
Vecchio 20-05-2017, 06:24   #8
Esperto
 

eh già.. perchè non ci sentiamo a nostro agio con l'ambiente che ci circonda, ci sentiamo indotti ad interpretare un ruolo.
Vecchio 20-05-2017, 06:55   #9
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

A me capita di non riuscirci ad interpretarlo questo ruolo.
Penso sempre che per piacere a certe persone (alle quali vorrei piacere per certi motivi) dovrei essere completamente diverso, ma non ci riesco poi ad esser così.
In realtà non mi sono mai sentito solo un ruolo, ma in base a quel che vedo e osservo o divento credibile in questa interpretazione o resto fregato in diversi ambiti.
Alle altre persone di chi siamo non gliene frega nulla, siamo una cosa tra le cose per loro, se gli torniamo utili ci vogliono bene, se non gli torniamo utili... Arriverderci.
Per me stesso il mio corpo è tutto, per un'altra persona solo una cosa tra miriadi di altre cose.
Alla fine nessuno si interessa ad una qualsiasi cosa in quanto è fatta in un certo modo, si interessa alla cosa perché gli piace. Le cose-persone così devono imparare a rendersi attraenti se non lo sono naturalmente e desiderano ottenere altre cose, ma questo cos'è se non un ruolo che non si assume affatto naturalmente?
Spesso bisogna sforzarsi per mantenere in piedi un certo tenore di vita, per essere divertenti, per fare questo e quell'altro, alla fine l'intenzione di curare qualcuno non va in questa direzione? Non stai bene dunque devi cambiare.
Poi parallelamente ti dicono pure paraculamente di esser spontaneo e che tutte le altre persone non cercano altro che questo, quando poi l'esperienza quotidiana ti comunica l'esatto contrario.
Guarda prenderei la prima cosa dura e contundente e gliela fracasserei in testa a chi dice queste cose.

Ultima modifica di XL; 20-05-2017 a 07:18.
Vecchio 20-05-2017, 08:23   #10
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Io purtroppo non riesco a fingere, cioè mi viene davvero difficile impostarmi, sono una "bambinona" di un metro e settanta per sessanta chili e non riesco a nasconderlo, non riesco ad avere il controllo su questo, anzi più che una bambinona una vecchia che soffre di demenza senile, me ne vado in giro con la testa fra le nuvole, camminando goffamente, vagando con lo sguardo perso nel vuoto, vorrei darmi un tono, apparire brillante, intelligente, saper parlare, dialogare, invece sembro un pesce lesso sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.
Vecchio 20-05-2017, 08:51   #11
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da JericoRose Visualizza il messaggio
Io purtroppo non riesco a fingere, cioè mi viene davvero difficile impostarmi, sono una "bambinona" di un metro e settanta per sessanta chili e non riesco a nasconderlo, non riesco ad avere il controllo su questo, anzi più che una bambinona una vecchia che soffre di demenza senile, me ne vado in giro con la testa fra le nuvole, camminando goffamente, vagando con lo sguardo perso nel vuoto, vorrei darmi un tono, apparire brillante, intelligente, saper parlare, dialogare, invece sembro un pesce lesso sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.
Inkia su con la vita!

Ultima modifica di freaktown; 20-05-2017 a 09:14.
Vecchio 20-05-2017, 08:55   #12
Banned
 

Lo stesso per me . Una volta interpretavo il ruolo libero rimasto. Adesso i'm stuck
Vecchio 09-01-2021, 16:15   #13
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
A me capita di non riuscirci ad interpretarlo questo ruolo.
Penso sempre che per piacere a certe persone (alle quali vorrei piacere per certi motivi) dovrei essere completamente diverso, ma non ci riesco poi ad esser così.
In realtà non mi sono mai sentito solo un ruolo, ma in base a quel che vedo e osservo o divento credibile in questa interpretazione o resto fregato in diversi ambiti.
Alle altre persone di chi siamo non gliene frega nulla, siamo una cosa tra le cose per loro, se gli torniamo utili ci vogliono bene, se non gli torniamo utili... Arriverderci.
Per me stesso il mio corpo è tutto, per un'altra persona solo una cosa tra miriadi di altre cose.
Alla fine nessuno si interessa ad una qualsiasi cosa in quanto è fatta in un certo modo, si interessa alla cosa perché gli piace. Le cose-persone così devono imparare a rendersi attraenti se non lo sono naturalmente e desiderano ottenere altre cose, ma questo cos'è se non un ruolo che non si assume affatto naturalmente?
Spesso bisogna sforzarsi per mantenere in piedi un certo tenore di vita, per essere divertenti, per fare questo e quell'altro, alla fine l'intenzione di curare qualcuno non va in questa direzione? Non stai bene dunque devi cambiare.
Poi parallelamente ti dicono pure paraculamente di esser spontaneo e che tutte le altre persone non cercano altro che questo, quando poi l'esperienza quotidiana ti comunica l'esatto contrario.
Guarda prenderei la prima cosa dura e contundente e gliela fracasserei in testa a chi dice queste cose.
Condivido tutto..comunque ne conosco di tipi così,che per vivere devono interpretare un ruolo..è molto triste..sarà anche conveniente ma è svilente..io non ce la farei MAI
Ringraziamenti da
XL (09-01-2021)
Vecchio 09-01-2021, 17:33   #14
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Penso che noi abbiamo e siamo dotati in pratica un carattere naturale ma la società, le relazioni e il mondo circostante fa continue pressioni affinché ne acquisiamo un altro. Questo conflitto qua io non penso che si possa risolvere facilmente, si è già a monte lacerati e divisi da due istanze e piú istanze, ma non è che una delle due (o di queste) è costituita dall essere se stessi mentre l'altra è altro da sé, non riesco a metterla in questi termini, è come se ci fossero piú identità in conflitto.
In certe circostanza Il mio essere sociale confligge col mio essere istintivo, ma non è che il secondo è vero mentre il primo è una maschera. Bisognerà scegliere talvolta soffocando certe cose e non poter essere completamente se stessi perché la realtà impone certi aut aut.
Vecchio 09-01-2021, 17:35   #15
Super Moderator
L'avatar di Lùthien.
 

Chiudo per necroposting.
Chiudi la discussione
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Sentirsi solo un "ruolo"
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Sentirsi in colpa con il proprio "io bambino" Tether SocioFobia Forum Generale 4 13-05-2016 22:21
"Non desidero la tua anima: solo il tuo corpo!"Sono commosso!" Labocania Forum Sessualità (solo adulti) 10 04-06-2013 15:36
"Sentirsi in dovere e in colpa" verso se stessi Aree SocioFobia Forum Generale 10 03-04-2012 19:48



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 19:42.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2