FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Altri disturbi di personalità
Rispondi
 
Vecchio 29-09-2018, 11:43   #1
Esperto
L'avatar di Gio.solo
 

quando me ne andai da casa dei miei genitori, i vicini di pianerottolo che per oltre 10 anni erano stati freddissimi (letteralmente buongiorno e buonasera) iniziarono a essere cordiali e aperti verso i miei genitori perchè io devo averli involontarimente sempre inquietati in qualche modo. anni anni a dirmi che il problema erano gli altri e invece no, doccia fredda.

E voi?
Vecchio 29-09-2018, 11:45   #2
Banned
 

Anche io per molto tempo ho dato agli altri la colpa dei miei problemi. Poi finalmente ho capito che anche se a volte incontriamo dei deficienti, spesso succede che il vero problema è il nostro modo di ragionare o reagire agli eventi.
Vecchio 29-09-2018, 12:40   #3
Esperto
L'avatar di NatoMorto
 

l'ho realizzato verso i 19-20 anni...la mia vita era completamente distrutta a causa della depressione...ma ho dovuto toccare il fondo prima di prendere completamente coscienza....prima era solo una percezione
Vecchio 29-09-2018, 13:49   #4
Intermedio
L'avatar di Guybrush
 

Ho realizzato di essere io il problema tempo fa, per quello che serve.

Risolverlo significherebbe essere un'altra persona e quello che sono alla fine è tutto quello che ho
Ringraziamenti da
jab_24 (29-09-2018)
Vecchio 07-11-2018, 11:45   #5
Principiante
 

Sempre saputo di essere io che faccio schifo
Il mio psicologo ha detto che devo accettarmi per come sono
La mia psichiatra ha detto che non devo sentirmi sbagliata
Vogliono prendermi per il culo
Ringraziamenti da
hypnos688 (08-11-2018), Lasker1868 (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 12:20   #6
Intermedio
L'avatar di Edwin
 

Sempre saputo
Anche perchè, non fossi io il problema chi lo sarebbe?
Vecchio 07-11-2018, 12:29   #7
Principiante
L'avatar di Psico[a]patico
 

Quote:
Originariamente inviata da Gio.solo Visualizza il messaggio
quando me ne andai da casa dei miei genitori, i vicini di pianerottolo che per oltre 10 anni erano stati freddissimi (letteralmente buongiorno e buonasera) iniziarono a essere cordiali e aperti verso i miei genitori perchè io devo averli involontarimente sempre inquietati in qualche modo. anni anni a dirmi che il problema erano gli altri e invece no, doccia fredda.

E voi?
Io ho realizzato tre anni fa che il problema ero io.
Ma non con i vicini, con i compagni di scuola, con i parenti.
In TUTTE le cose.
Ho capito che non riuscirò mai a trovare altri amici o una persona che mi stia vicino.
Io sono strano, problematico, delicato, sensibile, solitario, depresso, realista... Sono del tutto incapace a interagire.
Devo accettare questa mia condizione e devo imparare ad essere felice anche da solo.
La mamma non sarà eterna.
La mia migliore amica non so se rimarrà tale per tutta la vita.
Se non accetterò la solitudine potrei impazzire. (Per usare il termine meno brutto possibile...)
Ringraziamenti da
hypnos688 (08-11-2018), limitless (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 12:50   #8
Avanzato
L'avatar di Anonimo.
 

e che cambia?
Vecchio 07-11-2018, 13:12   #9
Principiante
L'avatar di Psico[a]patico
 

Quote:
Originariamente inviata da Anonimo. Visualizza il messaggio
e che cambia?
Se si ha volontà potrebbe servire all'automiglioramento, o semplicemente si cerca di covare meno odio incolpando gli altri per qualsiasi cosa.
Non è una cosa inutile, anzi è un'autocoscienza che può anche essere positiva.
Ringraziamenti da
Labocania (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 13:41   #10
Principiante
L'avatar di dystopia
 

il problema non sono io, il problema sta nell'educazione ricevuta (nella "non educazione" ricevuta), i miei genitori mi hanno trasmesso comportamenti asociali, era impossibile non immaginare un
epilogo del genere.
mio padre passa la sua vita parlando male degli altri, i suoi difetti li ha sempre tenuti ben nascosti, quando ha torto ha l'abitudine di abbandonare la stanza lasciandoti lì a parlare da sola come una scema, mia madre è una persona molto fragile e dal carattere passivo, teme le decisioni e rimanda all'infinito.
il mio problema è di aver subito influenze negative fin dall'infanzia e di aver appreso degli schemi di comportamento che il resto del mondo considera assurdi, integrarsi è faticoso, non riesci ad accettare l'idea di dover acquisire abilità di cui la maggior parte delle persone ha perfetta padronanza.
adesso che sono adulta e mi sono finalmente resa conto dei difetti della mia famiglia mi tocca rimediare agli errori degli altri. è molto difficile, la società sembra essermi ostile e io vivo molto male questo doversi integrare per forza.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L21 utilizzando Tapatalk
Ringraziamenti da
Hor (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 13:41   #11
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

Sì, se ci raccontiamo che il problema sono gli altri per non doverci sottoporre al nostro giudizio critici, diventa difficile avere un rapporto equilibrato col mondo che ci circonda.
Ringraziamenti da
illumi (07-11-2018), Stregatta13 (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 14:28   #12
Esperto
L'avatar di Stregatta13
 

Dare la colpa agli altri, al destino o altro, ci toglie la responsabilità di guardarci dentro e capire che siamo noi a fare delle scelte, giuste o sbagliate che siano sono comunque scelte nostre, niente succede o capita.
Un bambino non ha difese e per non impazzire del tutto, è costretto a prendere delle vie alternative che sono adattive finchè si è piccoli, quando cresciamo le stesse vie non vanno più bene, ci fanno vivere male e soffrire. Capire i propri limiti ed errori è importante, per cambiare rotta e imparare a comportarsi nel modo più equilibrato possibile.
Purtroppo le persone perfette non esistono, possono farci del male, non darci l'educazione giusta, causarci traumi, ma sta a noi porvi rimedio.
Fa incazzare, può non essere giusto, ci si sente "meno" rispetto a chi certi problemi non li avuti, ma non abbiamo alternative e la consapevolezza è il primo passo.
Ringraziamenti da
dystopia (07-11-2018), illumi (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 14:55   #13
Esperto
L'avatar di Oblomov
 

dire "Il problema sono io" è già un bel passo avanti, perché presuppone di sapere chi si è, cosa non sempre possibile...
Vecchio 07-11-2018, 15:51   #14
Intermedio
 

I miei occhi non chiari sono il problema
Ringraziamenti da
Psico[a]patico (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 16:02   #15
Esperto
L'avatar di Moonwatcher
 

Io non sono un problema, sono una persona, al limite sono causa (o meglio concausa) dei miei problemi, nonché l'unica persona che può agire su essi per risolverli. Piccola pignoleria, lo so. 🤓
Vecchio 07-11-2018, 16:15   #16
Esperto
L'avatar di Stregatta13
 

Quote:
Originariamente inviata da Moonwatcher Visualizza il messaggio
Io non sono un problema, sono una persona, al limite sono causa (o meglio concausa) dei miei problemi, nonché l'unica persona che può agire su essi per risolverli. Piccola pignoleria, lo so. 🤓
No invece hai detto una cosa importante. Essere consapevoli non vuol dire colpevolizzarsi e darsi addosso pensando di essere sbagliati e destinati a soffrire. Dinamica anche questa piuttosto comune.
Vecchio 07-11-2018, 16:26   #17
Esperto
L'avatar di Moonwatcher
 

Quote:
Originariamente inviata da Stregatta13 Visualizza il messaggio
No invece hai detto una cosa importante.

Lo so, volevo fare il finto modesto. 🤓 XD
Ringraziamenti da
Stregatta13 (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 16:52   #18
Esperto
L'avatar di Noriko
 

Sapendo che ho un problema e non "sono io il problema", cambia.
Perchè mi sento diversa. Non peggiore e non migliore.
Vecchio 07-11-2018, 17:04   #19
Esperto
L'avatar di Stregatta13
 

Quote:
Originariamente inviata da Noriko Visualizza il messaggio
Sapendo che ho un problema e non "sono io il problema", cambia.
Perchè mi sento diversa. Non peggiore e non migliore.
Sembra una banalità, ma le parole che usiamo sono molto importanti ed hanno un grande impatto a livello psicologico.
Ringraziamenti da
Noriko (07-11-2018)
Vecchio 07-11-2018, 17:19   #20
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Secondo me non è una questione legata alla colpa.
Se una zanzara mi punge provo disagio indipendentemente dalla colpa che ha l'insetto nel fare quel che fa. Che sono io il problema ed inizio ad incolparmi come portatore di sangue che attira l'insetto in modo nefasto, a me cosa importa?
Io desidererei riuscire a vivere come voglio e può essere che il come voglio vada in conflitto con insetti animali e anche persone, e da questo malanno qua non si guarisce, credo.
Il problema sono io o le zanzare? Il problema non posso essere io, per il semplice fatto che sono io a porre e definire i miei problemi e voler andare in questa o quella direzione.
Cos'è un problema?
Io sono un problema per la zanzara se cerco di schiacciarla quando questa tenta di succhiarmi il sangue, la zanzara è un problema per me, perché quando mi punge provoca un certo danno e fastidio.
Chi o cosa rappresenta un problema o meno è qualcosa di relativo.
Che io possa essere un problema per gli altri o altri esseri viventi mi è sempre stato chiaro, ma detto questo si può aggiungere anche "e chi se ne frega", io vivo sempre per me, non per le zanzare o altre persone.
Io per altre persone posso essere una zanzara fastidiosa ma vale anche il viceversa, non ho capito per quale motivo dovrei pensarmi come un problema per me come lo sono per altri assumendo il punto di vista di qualcun altro. Dovrei non schiacciare più le zanzare quando mi pungono perché devo riconoscere che io per me stesso sono un problema così come lo sono per loro?
Io osservo conflitti su piccola e larga scala, chi afferma che si è tutti in pace col creato e si va d'amore e d'accordo, afferma fregnacce.
Gli individui non sono mai oggettivamente problemi per se stessi, questa cosa dei problemi è relativa e non oggettivabile.
Se qualcuno vuol pensarsi come un problema per le zanzare posizionandosi anche dalla parte delle zanzare stesse, può farlo, ma non è qualcosa di oggettivo che si riconosce, è una scelta ponderata o magari un qualcosa che si sente, se tu senti che sei un problema per te così come lo sei per qualcun altro, senti questo, ma non è detto che lo senta anche io.
Io posso essere consapevole di creare disagio, ma potrei anche preferire me stesso e il mio punto di vista rispetto agli altri punti di vista.

Ultima modifica di XL; 07-11-2018 a 17:43.
Ringraziamenti da
IlProfeta92 (08-11-2018)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a realizzare che siete voi il problema
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Un sogno che non siete riusciti a realizzare assiolo Off Topic Generale 41 06-12-2016 01:02
Quando la soluzione al problema è essa stessa un problema... TãoSozinho SocioFobia Forum Generale 11 28-03-2014 21:45
Siete introversi e/o timidi per natura o lo siete diventati x circostanze esterne ? Savius SocioFobia Forum Generale 6 10-10-2013 18:55
Realizzare di essere mediocri Gianni SocioFobia Forum Generale 24 12-02-2012 23:55
cosa fa realizzare una persona?? ansiosissimo Sondaggi 39 10-06-2010 23:39



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 17:04.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2