FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Altri disturbi di personalità
Rispondi
 
Vecchio 05-05-2019, 11:24   #1
Esperto
L'avatar di Gio.solo
 

Sono dell'idea che da adulti siamo diventati esattamente per come siamo stati trattati durante l'infanzia/adolescenza creandone un circolo vizioso, mi spiego meglio, sin da piccolo sono sempre stato visto come quello meno sveglio e la quale sola presenza dava fastidio ai presenti e ad oggi nulla è cambiato nei rapporti sociali. L'ho sempre vissuta come un enorme ingiustizia perchè non penso di essermelo mai meritato, sono stato discriminato da tutti solo perchè molto brutto fisicamente. Risultato? ad oggi le altre persone mi danno fastidio e non sento più di tanto la mancanza assoluta di rapporti umani, non me ne frega nulla di niente e nessuno. Poi vedo quelli che sin da piccoli sono stati trattati con gentilezza e ad oggi non hanno problemi sociali, anzi, problemi non ne hanno proprio mai avuti e per questo li odio e io dopo aver fatto vita di merda a 360° non riesco proprio a socializzare con chi ha sempre avuto tutto facile.

Eppure da adulto si conoscono le regole del gioco e si potrebbero usarle a proprio favore ma niente, il passato non lo dimentico, cosa ne pensate?
Ringraziamenti da
Masterplan92 (05-05-2019)
Vecchio 05-05-2019, 11:28   #2
Esperto
L'avatar di Badblues
 

Il passato purtroppo è tutto, ci sono dei tratti comportamentali e di visione del mondo che si acquisiscono nei primi anni e che ci segneranno per tutta la vita.
Ci si può lavorare sopra con la terapia, ma dall’esperienza vedo che certe cose non le superi, puoi solo provare a conviverci.
Vecchio 05-05-2019, 11:28   #3
Intermedio
L'avatar di Doppelganger91
 

Il passato è immutabile. Ciò su cui si può solo lavorare è il presente per il futuro.
Bisognerebbe farsi una ragione di ciò che è accaduto e mi rendo conto che non è semplice.... e poi provare a superare se stessi, a spezzare questi pensieri che son disfunzionali. Uno psicologo potrebbe aiutare in questo percorso.
Vecchio 05-05-2019, 11:59   #4
Esperto
L'avatar di Lory
 

Il passato influenza il presente ma tramite un'adeguata psicoterapia, elaborando i vari eventi traumatici, esso diventa ininfluente. Tra l'altro dubito che il problema sia stato il tuo aspetto fisico.
Vecchio 05-05-2019, 12:43   #5
Avanzato
L'avatar di Green Tea
 

A livello personale il passato influisce sul nostro pensiero, ma questo non limita ne condiziona dei comportamenti negativi e anzi può essere un valore aggiunto per diventare persone più sensibili e attente al nostro prossimo..
Vecchio 05-05-2019, 13:55   #6
Avanzato
 

Il passato influisce in base a quanto ha cambiato una persona, non esiste tranne che per le modifiche che sono rimaste.

Visto quanto si è malleabili da piccoli è inevitabile che siano i primi anni, ma anche mesi, ad essere i più determinanti (anche perché il modo in cui si viene trattati nei primi mesi sarà uguale a quello dei decenni successivi, quindi da un certo punto di vista è irrilevante quale sia la fase che conta di più).
Può sembrare strano perché nei primi mesi uno fa pochissime cose, che sembrano c'entrare poco con tutto quello che verrà dopo, ma c'è una questione fondamentale: quello che uno vive in un dato momento è tutto il suo mondo, il bambino che viene allattato in quel momento non conosce altro che quello, dunque è in completa relazione interdipendente con quello che avviene.
Non è che siccome nei primi mesi e anni le possibilità di vita sono limitate allora sono in gioco parti limitate di sé, è in gioco tutto, fin da subito, perché ogni persona è un tutto interdipendente, lo è la psiche, lo è il corpo e lo sono le due cose insieme.
Ogni interazione modifica tutto perché ogni effetto, anche se minimo, può solo avere un effetto su tutto.
Vecchio 05-05-2019, 14:02   #7
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Tanto......
Vecchio 05-05-2019, 14:15   #8
Intermedio
 

Purtroppo conta molto, soprattutto se si continua a vivere nello stesso posto.
Mi è anche capitato di andare ad un paio di cene dei coscritti, ed immancabilmente le gerarchie erano le stesse dei tempi delle medie.
Vecchio 05-05-2019, 16:03   #9
Esperto
L'avatar di Dahmer
 

Io l ho mezzo rimosso, ma mi perseguita.
Ringraziamenti da
Hor (05-05-2019)
Vecchio 05-05-2019, 16:45   #10
idk
Principiante
L'avatar di idk
 

Non è il passato in sé il problema, ma gli anni vuoti.
Quei tasselli di esistenza non vissuta di cui qualcuno ti chiederà conto e tu sarai sempre "oh shit e ora?" ;/
Vecchio 05-05-2019, 17:01   #11
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da idk Visualizza il messaggio
Non è il passato in sé il problema, ma gli anni vuoti.
Quei tasselli di esistenza non vissuta di cui qualcuno ti chiederà conto e tu sarai sempre "oh shit e ora?" ;/
Esatto, e soprattutto ciò che manca è l'educazione e la sicurezza per affrontare il mondo esterno, tutte cose che non ha mai avuto chi come me è stato talmente sfortunato da beccarsi genitori mentecatti.
Vecchio 05-05-2019, 17:45   #12
Esperto
L'avatar di NatoMorto
 

qualcuno ha persino detto "noi siamo i nostri ricordi"...quindi direi che è tutto
Vecchio 05-05-2019, 18:29   #13
Esperto
L'avatar di tersite
 

Il passato non conta piu' , quindi quello che hai scritto è sbagliato
questo secondo la logica ed in teoria, perchè in realtà è tutto piu' complicato.
Seci sono dei 'traumi' dei blocchi grigi irrisolti, questi continuano gravare sulla esistenza da adulti E' come essersi messi un cappotto perchè scendeva la neve, e ora che siamo in piena estate continuare a portarlo (anche se si suda) è illogico ed irrazionale ma funziona proprio così
Vecchio 05-05-2019, 19:53   #14
Esperto
L'avatar di Boyyy82
 

Purtroppo influenza parecchio, e ti rendi conto soprattutto andando avanti con gli anni...
se devi e, soprattutto, se puoi cambiare qualcosa è meglio farlo entro i 25/30 anni, dopo devi solo accettare e prendere consapevolezza che il passato, con tutto il suo macigno e i suoi errori, ti hanno condizionato "irreversibilmente" la vita.
La vita purtroppo è come un libro, non puoi tornare indietro a cancellare o strappare le pagine perchè fanno parte del racconto....
sarebbe bello avere la possibilità di fare un "reset", cancellare tutta la storia e scrivere un libro nuovo ma purtroppo non è possibile (o meglio non è possibile in questa vita, magari in un altra vita se ci sarà un aldilà..)
Vecchio 05-05-2019, 21:18   #15
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Post cancellato, troppo personale e non serviva dato il feedback inesistente

Ultima modifica di Warlordmaniac; 06-05-2019 a 09:27.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Quanto conta il passato?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Quanto conta la fortuna? Masterplan92 SocioFobia Forum Generale 16 23-08-2016 17:38
Quanto conta l'età? cancellato16916 Amore e Amicizia 65 21-01-2016 21:17
Il sentimento quanto conta e quanto dura? matthew Amore e Amicizia 5 04-02-2013 22:12
Quanto conta l'estetica??? pesco SocioFobia Forum Generale 141 03-07-2012 13:29
Per voi quanto conta il prossimo fuoridalmondo Timidezza Forum 16 15-02-2012 16:47



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:30.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2