FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 21-06-2011, 13:37   #1
Esperto
L'avatar di Who_by_fire
 

Nella vostra testa, sotto sotto, assumete che il vostro percorso di evoluzione individuale sia volto verso la "normalità" oppure verso l' "accettazione" della propria condizione?




Io ho ormai pienamente accettato di essere un introverso, e come tale piuttosto differente dalla maggiorparte delle altre persone (o meglio, piuttosto diverso dai modelli pubblicizzati e appoggiati dalla presente società). Non lo considero un difetto, tuttalpiù una necessaria scomodità (necessaria per essere se stessi).

Quello che non riesco ancora ad accettare è di non avere ancora una capacità di comunicazione e di empatizzazione con gli altri così spontanea come le persone cosiddette "normali". Di non essere ancora riuscito ad abbattere quella "parete" separatoria che rende difficili i rapporti con gli altri (e dico anche persone "normali" che stimo e che mi sono congeniali). L'unica sarebbe diventare "normali" come loro, almeno da questo punto di vista...



Voi?
Vecchio 21-06-2011, 13:40   #2
Esperto
 

Più o meno sono anch'io così, parete (o meglio, muro ) compresa.
Vecchio 21-06-2011, 13:47   #3
Banned
 

Il mio cammino verso l'accettazione completa di me stesso non son sicuro di averlo completato.
Per quanto riguarda la normalità, non ho mai capito una persona come dev'essere per esser normale, magari potrei esser convinto di esser normale, questo si, mi manca la convinzione.
Vecchio 21-06-2011, 13:51   #4
Banned
 

Vado verso l'accettazione, dopo tanti anni di ricerca di normalità. Se non rientro nella normalità (che significa letteralmente la persona nella media), non posso costringermi a rientrarci lottando contro me stessa. Mi ha creato molti problemi di autostima e di rabbia verso me stessa e verso gli altri questa ricerca di normalità. Ora basta.
Vecchio 21-06-2011, 13:52   #5
Intermedio
L'avatar di ABARTH
 

io proprio non mi riesco ad accettare... e la cosa mi crea molte seghe mentali e mancanza di serenità
Vecchio 21-06-2011, 14:00   #6
Esperto
L'avatar di Who_by_fire
 

Quote:
Originariamente inviata da April Visualizza il messaggio
Vado verso l'accettazione, dopo tanti anni di ricerca di normalità. Se non rientro nella normalità (che significa letteralmente la persona nella media), non posso costringermi a rientrarci lottando contro me stessa. Mi ha creato molti problemi di autostima e di rabbia verso me stessa e verso gli altri questa ricerca di normalità. Ora basta.
Certo, però "normalità" non è solo uscite tutti i sabati e sbornie di alcool (cose di cui, francamente, faccio volentieri a meno): è anche saper comunicare con gli altri in modo, appunto, "normale". E' sapere come esprimere le proprie emozioni in modo che vengano decodificate correttamente dagli altri.
Se per una persona provi simpatia e affinità, sembrare freddo o diffidente o impaurito (...) non ti permette di comunicare come vorresti e, in definitiva, non ti permette di essere te stesso.

Se il problema fosse solo il voltare le spalle a certe persone, non sarebbe un problema.
Si tratta invece di imparare a non voltare le spalle alle persone a cui pensiamo di tenere.
Vecchio 21-06-2011, 14:05   #7
Banned
 

Intendevo dire che io sono un po' strana ed è quello che mi hanno fatto notare varie persone, alcune in senso positivo. Se una persona non ha le stesse modalità di un'altra non si deve costringere ad adottare quelle modalità.
Non parlo solo del sabato sera, ma proprio del tuo modo di essere.

Io a volte sono un po' infantile come modo di fare quando sono giocosa e serena e l'ho sempre visto malissimo, come una cosa da combattere, perché molte persone non accettano chi non si comporta come loro.

Però se io quando sono serena sono un po' infantile e giocosa, non c'è nulla di male, penso io adesso. Se uno non accetta il proprio lato infantile che ha represso, non vedrà bene questa cosa, ma io cosa ci posso fare?

Se non accetto questo mio lato, tenderò a mostrarmi depressa per evitare di mostrare questo lato, che invece mi fa stare bene interiormente (anche se alcuni non lo sopportano).
Vecchio 21-06-2011, 14:06   #8
CerealKiller
Guest
 

Credo che il mio percorso sia finito. Voglio smettere di guardarmi dentro e ricominciare a guardare fuori. Che serà serà.
Vecchio 21-06-2011, 14:24   #9
Banned
 

-------------------

Ultima modifica di criptico; 14-11-2011 a 20:51.
Vecchio 21-06-2011, 14:28   #10
Principiante
L'avatar di lexolas
 

vorrei accettarmi, ma non voglio rimanere solo, quindi non smetterò di combattere...
Vecchio 21-06-2011, 15:50   #11
Banned
 

Il mio obiettivo sarebbe quello di accettarsi e farsi accettare, ma quest'ultimo comporta un minimo di omologazione e quindi "normalità".
Vecchio 21-06-2011, 16:31   #12
Esperto
L'avatar di Myway
 

Se debbo proprio scegliere, il percorso lo vorrei fare verso la luce
Vecchio 21-06-2011, 17:55   #13
Esperto
L'avatar di Moonwatcher
 

Come te Who.
Vecchio 21-06-2011, 20:33   #14
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Who_by_fire Visualizza il messaggio
Quello che non riesco ancora ad accettare è di non avere ancora una capacità di comunicazione e di empatizzazione con gli altri così spontanea come le persone cosiddette "normali". Di non essere ancora riuscito ad abbattere quella "parete" separatoria che rende difficili i rapporti con gli altri (e dico anche persone "normali" che stimo e che mi sono congeniali). L'unica sarebbe diventare "normali" come loro, almeno da questo punto di vista...



Voi?
Alla normalità ho rinunciato con piacere e sollievo.
Attualmente sto cercando metodi di comunicazioni più affini alla mia natura.
Vecchio 21-06-2011, 22:12   #15
Esperto
L'avatar di barclay
 

Fino a circa 24 anni percorrevo la strada dell'accettazione, ora non so proprio dove sto andando
Vecchio 13-04-2012, 18:26   #16
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

Quote:
Originariamente inviata da Who_by_fire Visualizza il messaggio
Nella vostra testa, sotto sotto, assumete che il vostro percorso di evoluzione individuale sia volto verso la "normalità" oppure verso l' "accettazione" della propria condizione?




Io ho ormai pienamente accettato di essere un introverso, e come tale piuttosto differente dalla maggiorparte delle altre persone (o meglio, piuttosto diverso dai modelli pubblicizzati e appoggiati dalla presente società). Non lo considero un difetto, tuttalpiù una necessaria scomodità (necessaria per essere se stessi).

Quello che non riesco ancora ad accettare è di non avere ancora una capacità di comunicazione e di empatizzazione con gli altri così spontanea come le persone cosiddette "normali". Di non essere ancora riuscito ad abbattere quella "parete" separatoria che rende difficili i rapporti con gli altri (e dico anche persone "normali" che stimo e che mi sono congeniali). L'unica sarebbe diventare "normali" come loro, almeno da questo punto di vista...

Voi?
L'anelito verso la condizione dei normali- un'armonia naturale col creato, nessuna profonda tormentosa ricerca di un equilibrio e un senso - segue ogni passo della mia vita; ad essa si accompagna una rassegnata accettazione della mia introversione.
Vecchio 13-04-2012, 18:58   #17
Banned
 

Normale cosa vuol dire?..Non saprei. Quindi il mio percorso è che son capitato qua.. e vedrò un pò cosa succede. Accettazione cosa vuol dire? Io vado avanti.

Ultima modifica di Halastor; 13-04-2012 a 19:03.
Vecchio 13-04-2012, 19:05   #18
Banned
 

Premetto che ho smesso di farmi queste domande, propendo più decisamente verso l'accettazione. La normalità è un concetto talmente relativo e soggettivo che diventa impossibile stabilirne una linea fissa e definibile. La normalità esiste solo nella testa di chi pensa di essere normale.
Vecchio 13-04-2012, 19:14   #19
n01
Principiante
L'avatar di n01
 

voglio la mia normalità.

Non mi piace uscire o meglio: non mi piace il fatto di "dover" uscire sempre. Certo, qualche volta ci stanno anche feste, pure quelle "scatenate", ma non devono essere il mio abitudinario. Io sto bene con poche persone, dei buoni libri, ottimo tè e un divano... sono una pantofolaa...che ci posso fare?
Anche trovare un lavoro tranquillo non sarebbe male, giusto per l'indipendenza economica, per stare bene, non voglio la ricchezza.

Ora...data che è questa la mia normalità, la normalità mediocre (in senso buono) a cui aspiro.... perché non ce l'ho? e non riesco ad averla! per questa fobia sociale qui! quindi sì, devo accettarmi (non è l'unico modo per "andare avanti", progredire come persone?), sì rincorro la mia normalità... si si si, ma alla fine mi sembra di correre stupidamente in circolo.

cit: la fortuna è dietro l'angolo ma la vita è un cerchio...
(non c'entra molto... )

Ultima modifica di n01; 13-04-2012 a 19:17.
Vecchio 13-04-2012, 19:17   #20
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Who_by_fire Visualizza il messaggio
Nella vostra testa, sotto sotto, assumete che il vostro percorso di evoluzione individuale sia volto verso la "normalità" oppure verso l' "accettazione" della propria condizione?
Premettendo ed evidenziando il fatto che il concetto stesso di normalità sia molto ma molto soggettivo e di non facile definizione direi che io la condizione in cui verso non l'accetto e non l'accetterò per nessun motivo al mondo...
Le analisi introspettive atte a trovar una soluzione per rimediare alle mie mancanze sociali e non sono continue ed incessanti e non si fermeranno tanto presto...
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Percorso verso la normalità o verso l'accettazione?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Rabbia verso genitori paule SocioFobia Forum Generale 73 19-04-2013 18:55
il cammino verso il cambiamento anaxinamoon SocioFobia Forum Generale 11 03-05-2011 20:28
I risultati di percorso di una folle corsa verso la soluzione... CHE FUNZIONA! Antonio90 SocioFobia Forum Generale 1 11-12-2010 18:44
Lascio il forum e ora conosco la strada verso la normalita' christy Amore e Amicizia 15 19-09-2009 00:10
il cammino verso il miglioramento... christy Amore e Amicizia 11 06-09-2009 19:17



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 05:32.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2