FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Chiudi la discussione
 
Vecchio 15-06-2013, 21:11   #1
Banned
 

Quest'oggi mi ritrovavo a piangere allegramente (OSSIMORO!) tra le vie alberate di oscuri sentieri sotto casa mia quando ho avuto l'illuminazione.
Il senso di tutto.
Esiste chi è fatto per vivere in questo mondo e chi non lo è.
Io non lo sono.
E come ci insegnano gli stoici, forse una volta che non si è in grado di svolgere la propria funziona bisognerebbe...andarsene.
E così, un pensiero dapprima lontano e spaventoso diventa seducente e dolce.

Mi piacerebbe inviarvi comunque un messaggio di speranza, dopotutto, qualcosa che mi faccia dire "Ehi, ma io non sono qua solo per deprimere la gente!"

Quindi...sorridete che la vita è bella!

Torno nel mio antro a piangere in silenzio, tranquilli, non disturberò più per un po'
Vecchio 15-06-2013, 21:14   #2
Roy
Esperto
L'avatar di Roy
 

La ventata d'ottimismo è arrivata sin qua...
Vecchio 15-06-2013, 21:19   #3
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Roy Visualizza il messaggio
La ventata d'ottimismo è arrivata sin qua...
Sto morendo dal ridere
Vecchio 15-06-2013, 21:20   #4
Esperto
L'avatar di Tabula Rasa
 

sono la persona meno adatta per risponderti... ma come dicono in molti, c'è sempre tempo per morire...
ed esiste l'adattamento, che non significa sopportare tutto quello che ti piomba in testa, ma semplicemente, se piove, aprire l'ombrello...
persino gli anziani... sono attaccati alla vita perchè è la sola realtà che conoscono... è probabile che dopo non c'è niente, il niente è meglio del dolore dirai... il niente non è niente, quindi anche sperimentandolo non lo conosceremo mai...
procurati un ombrello e aprilo, che sia da sole o da pioggia, dai
Vecchio 15-06-2013, 21:52   #5
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Dianne Visualizza il messaggio
Quest'oggi mi ritrovavo a piangere allegramente (OSSIMORO!) tra le vie alberate di oscuri sentieri sotto casa mia quando ho avuto l'illuminazione.
Il senso di tutto.
Esiste chi è fatto per vivere in questo mondo e chi non lo è.
Io non lo sono.
E come ci insegnano gli stoici, forse una volta che non si è in grado di svolgere la propria funziona bisognerebbe...andarsene.
E così, un pensiero dapprima lontano e spaventoso diventa seducente e dolce.

Mi piacerebbe inviarvi comunque un messaggio di speranza, dopotutto, qualcosa che mi faccia dire "Ehi, ma io non sono qua solo per deprimere la gente!"

Quindi...sorridete che la vita è bella!

Torno nel mio antro a piangere in silenzio, tranquilli, non disturberò più per un po'
Però non sai mai che funzione potrai avere in futuro... Supponiamo che in futuro farai tante cose buone, se ti ammazzi prima non potrai svolgerle... Allora è l'esatto contrario di quanto dicevi:
- se muori non potrai svolgere la tua funzione
- se vivi potrai svolgerla
Vecchio 15-06-2013, 22:21   #6
Esperto
 

Essere o non essere, questo io mi domando: se sia più nobile per l'animo...
Vecchio 15-06-2013, 22:30   #7
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Dianne Visualizza il messaggio
Esiste chi è fatto per vivere in questo mondo e chi non lo è.
Io non lo sono.
E come ci insegnano gli stoici, forse una volta che non si è in grado di svolgere la propria funzione bisognerebbe...andarsene.
La penso esattamente così. Non lo sono nemmeno io.

Tuttavia non posso esimermi dal quotare:

Quote:
Originariamente inviata da Tabula Rasa Visualizza il messaggio
persino gli anziani... sono attaccati alla vita perchè è la sola realtà che conoscono... è probabile che dopo non c'è niente, il niente è meglio del dolore dirai... il niente non è niente, quindi anche sperimentandolo non lo conosceremo mai...
procurati un ombrello e aprilo, che sia da sole o da pioggia, dai
Vecchio 15-06-2013, 23:03   #8
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Tabula Rasa Visualizza il messaggio
sono la persona meno adatta per risponderti... ma come dicono in molti, c'è sempre tempo per morire...
ed esiste l'adattamento, che non significa sopportare tutto quello che ti piomba in testa, ma semplicemente, se piove, aprire l'ombrello...
persino gli anziani... sono attaccati alla vita perchè è la sola realtà che conoscono... è probabile che dopo non c'è niente, il niente è meglio del dolore dirai... il niente non è niente, quindi anche sperimentandolo non lo conosceremo mai...
procurati un ombrello e aprilo, che sia da sole o da pioggia, dai
Epicuro diceva che proprio perché il niente è niente non bisogna temerlo, non è niente.
Vecchio 15-06-2013, 23:11   #9
Intermedio
L'avatar di FabioLeonardo
 

Quote:
Originariamente inviata da Dianne Visualizza il messaggio
Esiste chi è fatto per vivere in questo mondo e chi non lo è.
Io non lo sono.
E come ci insegnano gli stoici, forse una volta che non si è in grado di svolgere la propria funziona bisognerebbe...andarsene.
Mi fa venire in mente quando in un branco di animali in fuga dai predatori gli esemplari più deboli vengono lasciati indietro...anche per consentire la fuga del resto del branco.

Comunque sia mi trovo d'accordo con questo tuo pensiero.
Vecchio 17-06-2013, 23:33   #10
Esperto
L'avatar di alessietto
 

Quote:
Originariamente inviata da Dianne Visualizza il messaggio
Esiste chi è fatto per vivere in questo mondo e chi non lo è.
Tempo fa stavo per suicidarmi ed ero arrivato alla stessa conclusione all'incirca. Alla fine tutti, chi più o chi meno, lottano e sgomitano nella vita ambendo ad un posto al sole, ad una piccola fettina di felicità e pace. In questa ottica la vita mi appariva soltanto come una ricerca della felicità e della pace.

E pensavo che se l'unico modo per me, così particolare e diverso, per raggiungere il prima possibile questa meta era la morte, fosse giusto perseguire quella strada.

Dato che sono ancora vivo, ovviamente alla fine ho rinunciato, togliendomi la vita avrei causato molto dispiacere ad alcune persone, onestamente non molte, ma comunque persone che non avevano nessuna colpa se non quella di essersi affezionate a me, e non mi sembrava giusto
Vecchio 18-06-2013, 00:17   #11
Avanzato
L'avatar di darkside
 

C'è stato un periodo in cui pensavo solo alla morte, e accarezzavo l'idea di lei.
Sarebbe tremendo non ci fosse la possibità di pensare che se vuoi puoi farla finita per sempre.

Io scelgo di vivere ogni giorno, anche se a volte è come stare aggrappati al ciglio di un burrone, resistere è dura, ma mollare la presa potrebbe essere peggio.

Neanche io sono adatta a vivere in questo mondo, ma questo non è mica il miglior mondo possibile, per questo a volte penso di non essere io quella sbagliata, ma è il sistema di valori che ci è stato inculcato dalla società che entra in contrapposizione con il mio ideale e mi fa inconsciamente sentire in "colpa" per essere diversa, inadatta.

Resisti! la tua funzione sociale è conoscere te stessa (visto che ami la filosofia)
cerca se puoi , di rendere migliore quello che ti sta intorno
che ne so......ripittura la tua stanza!
Vecchio 18-06-2013, 10:55   #12
Principiante
 

sei in cura farmacologica ?
hai mai assunto farmaci ?
Vecchio 18-06-2013, 11:26   #13
Esperto
L'avatar di albertoc
 

Forse non te lo ha ancora detto nessuno, ma lo stoicismo fa acqua da tutte le parti, anzi, è stata proprio la filosofia più criticata dai loro contemporanei talmente è insensata.
Vecchio 18-06-2013, 13:25   #14
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da FabioLeonardo Visualizza il messaggio
Mi fa venire in mente quando in un branco di animali in fuga dai predatori gli esemplari più deboli vengono lasciati indietro...anche per consentire la fuga del resto del branco.

Comunque sia mi trovo d'accordo con questo tuo pensiero.
L'esempio degli individui più deboli di un branco lasciati indietro, rispecchia molto la mia situazione...
Vecchio 22-06-2013, 14:05   #15
Banned
 

A me vien voglia di ammazzarmi quando vedo che, nonostante gli sforzi, niente è a mio favore. A volte penso di essere destinata a una vita schifosa.
Vecchio 22-06-2013, 14:42   #16
Esperto
L'avatar di Josef K.
 

Qualsiasi eventualità è preferibile al nulla. Qua non stiamo parlando di dolore fisico insopportabile, per il quale non c'è altra possibilità che stringere i denti, e se non si riesce a sostenerlo togliersi di mezzo. Si tratta di una condizione psicologica, ovvero di un modo di percepire la realtà che può variare nel tempo: prima della tua "illuminazione" era uno, ora è un altro. Questa variabilità, confrontata con l'irrimediabilità della soluzione che tu prospetti, è già di per sé un motivo per desistere da un gesto del genere. Inoltre escluderei che tu non sia fatta per stare a questo mondo. Il fatto che la tua sia una sensibilità particolare, che mal si sposa con molte delle sue dinamiche, non vuol dire che tu non possa essere felice o almeno serena vivendo le tue, e coltivando un tuo "piccolo mondo" nel quale queste dinamiche si rispecchino. Certo, magari non potrai mai essere una persona diversa da quella che sei, e sentirai sempre che un qualcosa ti manca... ma questa è una sensazione costante, per chi come noi vive più nella propria interiorità che nella vita vera, e devo dire che, una volta che ci si è abituati a quella sorta di smarrimento che questa condizione suscita, si riesce ad apprezzare quella capacità di andare "oltre" che ci contraddistingue. A volte basta poco per passare dalla tristezza alla serenità, anche solo uscire per un attimo dai propri pensieri e ammirare la bellezza di quello che ci sta intorno. Ecco, io credo che nessuno sia immune alla magia di questi momenti, e già solo sentirsi accarezzati dal sollievo che questi sono in grado di recarci è un buon motivo per continuare a vivere.
Vecchio 22-06-2013, 18:47   #17
Esperto
L'avatar di n. 8028
 

penso che tu abbia perfettamente ragione...
se ripenso alla mia vita, è stata sbagliata dal primo all'ultimo giorno; non c'è stata una cosa che sia andata per il verso giusto...
Vecchio 22-06-2013, 18:57   #18
Esperto
L'avatar di Helpless Child
 

Io il niente lo temo terribilmente. Voglio essere con tutto me stesso perchè il non essere mi suona come desolante.
Comunque sul discorso che ci siano quelli "avvezzi a vivere" e quelli che non lo sono, ti quoto appieno. Ci sto anche scrivendo un romanzo sopra
Vecchio 23-06-2013, 01:00   #19
Avanzato
 

Condivido, anchio non sono fatto per vivere in questo mondo. Ma si stringono i denti, finchè ci si riesce.
Vecchio 23-06-2013, 01:05   #20
Banned
 

un modo di vedere le cose facilmente pessimistico, il difficile è vederle in modo positivo. QUindi teoria bocciata.
Chiudi la discussione
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Nuova e definitiva teoria assoluta sul mondo™
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Donne...la definizione definitiva! new_entry Off Topic Generale 248 30-01-2011 20:30
necessità assoluta di preliminari TONNO Amore e Amicizia 106 26-06-2010 19:29
la mia confusione assoluta linfa899 Timidezza Forum 6 20-12-2009 19:54
finalmente distinzione definitiva esposizione SocioFobia Forum Generale 15 22-09-2009 11:28



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 05:22.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2