FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 25-06-2020, 19:46   #1
Esperto
L'avatar di Locharb
 

Sono stufo, infondo non mi manca niente, ho tutto, eppure sono stanco.
Si perché non ci trovo nulla di appagante nella vita, al dilà della fobia sociale, ho un lavoro, dei soldi da parte, degli amici (che odio) , una ragazza.
Che palle, cosa mi manca? Nulla, è proprio questo il punto.
Mi sento un po' come Edward Norton in Fight Club.
Ho passato anni ad inseguire questo, a cercare disperatamente di essere come la società voleva che io fossi, come i miei volevano che io fossi, poi una volta arrivato a questo punto ho sentito il vuoto.
E' davvero questa la vita? So che c'è gente che sta molto peggio ma... Fare il criceto che gira nella ruota non è il massimo, anche se vivi in una bella gabbia.
I miei e chi mi circonda continuano a dirmi che questi sono gli anni più belli, che quando si è giovani bisogna uscire, andare al ristorante, festeggiare, uscire con gli amici fino a tarda sera, comprarsi la macchina nuova, spendere i soldi, viaggiare, andare di qua e di la. Non mi è mai interessato, queste cose non mi interessano e mi mettono tristezza. Preferisco starmene chiuso in casa o fare una passeggiata in mezzo alla natura. Ma neanche questo mi appaga.
Mi sento vuoto, vorrei fuggire da questa realtà che non mi è mai piaciuta, ma ciò non è possibile.
(Una frase tipica di mia mamma è : Ma possibile che non ti interessa nulla?
ebbene no, non mi interessa nulla, non ho alcun interesse in questa vita materiale, zero).










Edward Norton interpreta il narratore senza nome del film, che possiamo chiamare Jack, secondo la sceneggiatura. Inizialmente Jack è insonne e depresso. Fa un lavoro modesto, possiede tutto ciò che gli serve ma la sua vita è desolata.

Nel corso della narrazione capiamo perfettamente come Jack non sia una persona capace di vivere felicemente. La sua capacità di sentirsi vivo è stata abbattuta dal raggiungimento di un sogno (americano) fallace. Jack è vittima di una cultura del consumo che dà più valore ai bei mobili, a un lavoro adeguato e a un abbigliamento rispettabile che ai valori, estremamente maschilisti (e tipicamente americani), come coraggio e forza.

Il film espone i suoi aforismi e le sue frasi a effetto come “Le cose che possiedi alla fine ti possiedono”, ma ciò che si evince è il decadimento di una generazione perfettamente benestante e lamentosa che si sente rovinata dai privilegi delle donne e da un’economia in grande espansione.

“Non siete speciali, non siete un pezzo bello, unico e raro. Siete materia organica che si decompone come ogni altra cosa”.


Ultima modifica di Locharb; 25-06-2020 a 19:48.
Ringraziamenti da
IO&EVELYN (26-06-2020), Mercante (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 19:50   #2
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Anche io vorrei fuggire...oppure dormire per sempre...proprio dormire...un sonno lungo e ristoratore
Ringraziamenti da
Nightlights (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 19:57   #3
Esperto
 

Lanciati col paracadute.

Colgo l’occasione per ribadire il massimo rispetto per il tuo avatar.
Vecchio 25-06-2020, 20:07   #4
Esperto
L'avatar di Nightlights
 

questo dimostra che: lavoro + fidanzata + amicizie non garantisce necessariamente la felicità (a me mancano le prime 2 e specie la prima è pesante, ma forse siamo in situazioni completamente diverse)
Vecchio 25-06-2020, 20:21   #5
Esperto
L'avatar di Locharb
 

Quote:
Originariamente inviata da Nightlights Visualizza il messaggio
questo dimostra che: lavoro + fidanzata + amicizie non garantisce necessariamente la felicità (a me mancano le prime 2 e specie la prima è pesante, ma forse siamo in situazioni completamente diverse)
Assolutamente no... credimi quando te lo dico, quando ero nella tua situazione avrei venduto un rene per averle, non ne vale la pena, non ne è valsa la pena star male per questo. Non è cambiato nulla.
Ringraziamenti da
Nightlights (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 20:25   #6
Intermedio
 

"...ho sempre pensato: quando avrò questo sarò saziato, poi avevo questo ed era lo stesso, sempre lo stesso..."
Ringraziamenti da
incompresa88 (25-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 21:01   #7
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Cosa pensi che ti renderebbe felice?
Vecchio 25-06-2020, 22:00   #8
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Bisognerebbe trovare la giusta strada per noi, anche se non sempre è facile. Siamo accecati dai falsi miti.
Ringraziamenti da
PrincessGinevra (28-06-2020)
Vecchio 25-06-2020, 22:46   #9
Avanzato
 

Io non ho niente di tutto ciò, sono chiuso in casa, in solitudine, da 10 anni.
Vivo letteralmente fuori dalla società.

Ma mi sento esattamente come te, la vita ha perso completamente senso e ogni giorno aumenta sempre di più il senso di vuoto.

Eppure i miei ancora non si capacitano, non accettano la situazione, perché a 24 anni un ragazzo dovrebbe uscire con gli amici, con la ragazza, studiare o avere un lavoro, avere dei sogni, delle prospettive.

Io non ho niente e non ho neanche più prospettive.

La settimana prossima mi ricovereranno e credo che quella sarà la mia vita fino a che non finirà (spero molto presto).
Ringraziamenti da
probid (25-06-2020)
Vecchio 26-06-2020, 04:46   #10
Esperto
L'avatar di Ogard
 

"Tutto è una copia di una copia di una copia" (cit)

Comunque ti capisco, ogni volta che ottengo qualcosa poi mi accorgo che non sono soddisfatto. Ho un lavoro che va incontro a tante mie esigenze, ho amici e gente che mi crede un "figo". Ho ottenuto cose che anni fa non avrei mai nemmeno solo pensato di ottenere, eppure sto sempre uguale. Tutto è inutile, futile e niente mi soddisfa più ormai.
Vecchio 26-06-2020, 05:44   #11
Avanzato
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Anch'io alla tua età avevo tutte queste cose e all'epoca provavo lo stesso senso di vuoto e noia. Quello che penso dovresti fare è trovare hobby stimolanti e un minimo impegnativo, non partite a calcetto o Play Station per intenderci. A me ha aiutato molto suonare la chitarra anche se nel corso di vent'anni o mollato e ripreso tantissime volte.

In ogni caso oggi per come sono messo venderei un rene per tornare al semplice noia dei miei 25 anni. Essere consapevole di avere il tempo e le energie per fare qualsiasi cosa.
Ringraziamenti da
PrincessGinevra (28-06-2020)
Vecchio 26-06-2020, 07:57   #12
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Nessun Visualizza il messaggio
"...ho sempre pensato: quando avrò questo sarò saziato, poi avevo questo ed era lo stesso, sempre lo stesso..."
Grande Tricarico

Comunque, tornando al topic, anch'io avevo e a volte ho ancora la tendenza a desiderare cose per poi sentirmi insoddisfatta una volta averle raggiunte.
Volevo tanto un lavoro, e ora lo detesto, volevo tanto un partner, e ogni volta ne rimanevo delusa e preferivo la solitudine, volevo gli amici, e quando provavo ad averne mi sentivo vuota e annoiata.
Spesso c'è sempre una stanchezza di fondo e a volte faccio le cose per dovere e controvoglia.
Penso sia un problema comune nella nostra società.
Quello che mi fa andare avanti è pensare che anni fa stavo molto peggio e che la vita non è facile, quindi cerco di vedere le cose positive che ho raggiunto, anche se permane il senso di vuoto. Insomma, non avrò la vita perfetta che volevo, ma qualcosa ho realizzato e ne sono orgogliosa.
Vecchio 26-06-2020, 17:25   #13
Esperto
L'avatar di Locharb
 

Quote:
Originariamente inviata da JR_Reloaded Visualizza il messaggio
Cosa pensi che ti renderebbe felice?
Sinceramente non lo so.. un mondo più a misura d'uomo, la fratellanza, sentirsi a casa ovunque e potersi fidare di chiunque, no andare in giro con il coltello tra i denti mentre gli altri ti guardano con odio. Un mondo più vivibile, un' altra vita.

@Noradenalin
minchia.. 10 anni sono tanti, hai una grandissima forza d'animo per avercela fatta, io il periodo che vivi tu l'ho vissuto dai 12 ai 17 circa... è stata davvero molto dura psicologicamente

@FolleAnonimo
Non sai di quello che parli, mi sembri invidioso solo perché ho un lavoro, una ragazza , delle amicizie e qualche soldo da parte (guadagnato con fatica). Chi ti ha detto che io sia felice? Sono "felice" esattamente come lo ero quando non avevo nulla di tutto questo. Non sempre ciò che la società ci fa inseguire porta alla felicità, per lo meno non per tutti

@incompresa88 Anche io le cose che volevo ora ho finito per odiarle (si salva solo la mia ragazza).

Ultima modifica di Locharb; 26-06-2020 a 17:37.
Ringraziamenti da
Persistente (27-06-2020)
Vecchio 26-06-2020, 17:37   #14
Intermedio
 

Mi pare di capire che la tua infelicità sia causata da un mondo che non è come quello che vorresti, ma non ci si può far nulla...
Oppure anche se hai un lavoro, la fidanzata, gli amici, ecc non ti senti soddisfatto perché in realtà non sono come le cose che avrei voluto? Nel senso che ad esempio il lavoro potrebbe farti schifo oppure che la ragazza non è esattamente quella che volevi ma ti sei dovuto "accontentare"?
Vecchio 26-06-2020, 18:32   #15
Intermedio
L'avatar di Newage
 

"Ho passato anni ad inseguire questo, a cercare disperatamente di essere come la società voleva che io fossi, come i miei volevano che io fossi, poi una volta arrivato a questo punto ho sentito il vuoto."

Forse il punto è proprio questo, hai vissuto la vita di un'altra persona.
Forse devi riscoprire il vero te nascosto.
Ringraziamenti da
PrincessGinevra (28-06-2020)
Vecchio 26-06-2020, 19:33   #16
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Forse il lavoro che fai non ti piace e le persone che frequenti non ti rendono felice. C'è qualcosa che ti sarebbe molto piaciuto fare nella vita o qualcosa che ti piace tutt'ora fare? Quella cosa che quando la fai ti senti in pace con il mondo? Quello che hai detto è molto bello e "idealistico" ma purtroppo poco pragmatico, se aspetti che il mondo divenga un posto migliore non sarai mai felice, devi iniziare nel tuo piccolo a crearti un tuo "micro mondo felice" in cui quello che fai ti soddisfa, in cui ti alzi la mattina che non vedi l'ora di iniziare la giornata, i tuoi ideali puoi integrarli in questo tuo "micro mondo", ma devi dargli una forma pragmatica. Ad esempio anche io ho sempre avvertito questo senso di insoddisfazione esistenziale, anche io ho sempre pensato di voler vivere in un mondo migliore, ma è una cosa un pò difficile da realizzare, per cui devo partire da cose più pragmatiche e quotidiane.

Ultima modifica di JR_Reloaded; 26-06-2020 a 19:42.
Ringraziamenti da
Newage (26-06-2020)
Vecchio 27-06-2020, 07:57   #17
Principiante
 

Ti capisco, mi è capitato di confrontarmi con persone che mi dicevano "dovresti sentirti appagato, sei giovane e hai già una famiglia e un lavoro stabile". Sì è vero ho la fortuna di avere queste cose ma non sono tutto nella vita, il lavoro che faccio non mi piace, per carità meno male che c'è ma non mi appaga, la mia famiglia è ciò che amo di più al mondo, io vivo per loro, ma non si può vivere solo per gli altri, bisogna anche vivere per se stessi e in questo io non riesco. Non faccio mai nulla per me stesso, non trovo qualcosa che mi faccia stare bene che sia solo per me; siccome ho vita sociale pari a zero ho pensato che trovando degli amici con cui uscire potrei risollevarmi ma non sono sicuro che sia la soluzione perché da quello che dici tu nemmeno gli amici bastano. Credo che non siano gli altri a poter colmare il vuoto che sentiamo, è una cosa che deve partire da noi stessi, già ma da dove iniziare? Dove cercare? Purtroppo ho solo domande e nessuna risposta, mi sono iscritto qui anche sperando di trovarne qualcuna, se ciò non dovesse accadere mi rassegnerò a vivere così, vivendo per le persone che amo ma non per me stesso, fino alla fine.
Vecchio 27-06-2020, 08:19   #18
Avanzato
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

E' il destino di tutti. Lavoro, famiglia e non esisti più, vivi per stare al mondo ed essere accettato dal sistema. Oppure te ne fotti di sta roba e vivi per te stesso, ma poi sei emarginato e discriminato come "poco di buono". In altre parole non c'è scampo, l'infelicità è comunque il destino delle gente comune, basta farsene una ragione oppure svegliarsi una volta per tutte e spararsi un colpo in testa. L'unica è l'annullamento della coscienza, vivere fin quanto possibile con la mente in una proprio dimensione fittizia di pure fantasia. A me ora non frega più nulla perché ho preso coscienza di ciò e tiro a campare fin quando non arriva la mia ora. Spero vivamente non manchi molto.
Vecchio 27-06-2020, 08:38   #19
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Meglio di niente comunque..
Vecchio 27-06-2020, 09:02   #20
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Locharb Visualizza il messaggio
Sinceramente non lo so.. un mondo più a misura d'uomo, la fratellanza, sentirsi a casa ovunque e potersi fidare di chiunque, no andare in giro con il coltello tra i denti mentre gli altri ti guardano con odio. Un mondo più vivibile, un' altra vita.
Si, sicuramente questo.
Non dover aver paura dei ladri, dei colleghi, del telefono che squilla.. che tanto è sempre per qualche rottura che non vuoi..
Non aver paura di sembrare, brutto, sfigato, debole.. vivere in pace.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Non è possibile stare così alla soglia dei 25 anni
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Arrivati alla soglia dei 30 anni... Antares Amore e Amicizia 308 19-05-2017 23:17
Alla soglia dei 25; relazioni PrairieWolf SocioFobia Forum Generale 2 10-08-2016 23:13
Crediamo di stare peggio ma non è proprio così Yamcha Sondaggi 33 08-03-2016 14:29
A volte basta così poco per stare un po' meglio.... andre71to Forum Sessualità (solo adulti) 3 15-11-2013 10:49
27 anni la soglia marcus85 Depressione Forum 18 20-01-2012 11:11



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 09:50.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2