FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale > Storie Personali
Rispondi
 
Vecchio 07-06-2010, 00:50   #1
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

Eccomi. Per la prima volta parlerò del mio problema. Faccio prima qualche passo indietro.
Nasco nel 1989. Ero un bambino adorabile, con quei ricci e quelle guance che mio padre non smetteva mai di strizzare con le sue mani callose da lavoratore. Questo segno dell' affetto della mia famiglia che non è mai mancato. So che avevo paura del buio ma non ho ricordi precisi sul mio carattere, probabilmente ero un pò timido, ma credo entro i normali canoni per quell'età.
Arrivò la scuola materna: non successe niente di ecclatante, a parte alcuni episodi di qualche bambino bulletto, ma a quell'età non si può parlare di bullismo. I bambini hanno caratteri diversi e a seconda dell'educazione che ricevono non sono in grado di gestirsi. Quindi possiamo anche far rientrare questi episodi nella normale vita di bambino..
E vennero le scuole elementari..qui iniziò la tragedia.
Mi ritrovai insieme ai peggiori compagni di classe che potessero capitarmi. Immaginate il classico bambino timido, con la pelle bianca, gli occhiali: come si può non approfittarsene? Mi diedero un soprannome. Me lo ripetevano in continuazione, in tutti i modi: sottovoce durante la lezione, a urla, facendo versi, smorfie, cantilene.. Oltre questo subivo scherzi di ogni tipo, ricatti, sputi, pestaggi.. Il tutto sotto le risate e gli incitamenti di chi non partecipava. E la mia colpa qual'era? La mia timidezza... Quasi tutte queste persone da sole facevano la parte dei grandi amiconi, io ci uscivo, ci andavo a giocare. Spesso dopo un pò chiamavano qualche loro amico, e da li giocavano solo loro (sulle mie spalle si intende),e si ripeteva ciò che avevo vissuto la mattina in classe. Tra queste grandi dimostrazioni d'amicizia ci fu anche la mia prima fidanzatina, che mi dimostrava il suo affetto partecipando alle prese in giro e ai "giochi" contro me. Tutto questo non era solo opera dei miei compagni di classe, no. A loro si aggiungevano quelli della classe affianco, i loro amici e vari personaggi del mio paese, anche molto più grandi di me. I miei genitori, vedendomi rientrare a casa praticamente ogni giorno triste, con lividi, una volta addirittura con i capelli tagliati, decisero di iscrivermi ad una scuola di arti marziali. Lì trovai un bell'ambiente ricordo..o almeno nel primo periodo.
Questa situazione è andata avanti per tutti i 5 anni di elementari...ma non finì...
Le scuole medie si trovavano affianco alle elementari, condividevano lo stesso cortile. Per cui i vecchi bastardi che mi avevano tormentato me li ritrovai anche alle medie. Ovviamente ci mise poco il mio soprannome a fare il giro della scuola, e qui ebbi a che fare con ragazzi più grandi, già adolescenti quindi più concreti e pratici nella cattiveria, che si aggiunsero ai vecchi compagni delle elementari. Loro stessi li temevano, non si mettevano mai contro di loro: era bruttissima gente. E li ci furono altri bei 3 anni di scherzi, prese in giro, pestaggi... In quegli anni conobbi un gruppo di amici, gli unici a trattarmi decentemente. E iniziai ad ascoltare metal! Questi due cose mi permisero di far scorrere un pò più velocemente il tempo, per quanto fosse possibile. Intanto il mio carattere, il mio modo di pensare, la mia testa continuavano ad essere violentate da ciò che vivevo ogni giorno. Il mio rendimento scolastico era in discesa libera. L'esame di terza media lo ricordo interessante dal punto di vista della FS: avevo molta,troppa paura, tanto da voler fuggire via, e quando venne il mio turno non riuscì a dire una parola, riuscii solo a balbettare con voce tremante che non ricordavo nulla della mia tesina. Per fortuna quell'esame non era stato serio e passai comunque! Intanto ebbi la seconda fidanzatina: mi dedicò 15 ore della sua vita, giusto per pena, dopodichè mi scaricò alla sua migliore amica..con lei invece durò circa 4 anni.
Ed eccomi finalmente alle superiori! Lontano dai miei persecutori! Una nuova vita!! ...e invece no...
Durante le superiori l' astio nei miei confronti veniva manifestato in modo più...elegante, avendo a che fare con compagni più adulti. Le tipiche manifestazioni erano il parlare male di me alle spalle, neanche tanto di nascosto, l'isolamento... Ricordo tanti episodi...uno mi chiese di copiare una cosa abbastanza lunga per lui. Era un bel pò di lavoro, ma ero gentile, e lo feci. Finito il lavoro glielo porto,lui dice "grazie", mi giro per tornare al mio posto e sento "che idiota"...Oppure due mie compagne che mentre sono alla lavagna sghignazzano:"dai!!ma glielo diciamo che è brutto???". Oppure un prof(uno di quelli che cercano in tutti i modi di raccogliere simpatia dagli alunni non facendo lezione e prendendo in giro un alunno a caso) che con un pretesto stupidissimo mi aggredì a urla e con minacce davanti a tutti. Quel giorno ho pensato "com'è possibile che le persone siano cosi cattive anche ora,prima di natale?",e non ho trattenuto le lacrime.ovviamente lui ne aprofittò e mi fece rientrare subito in classe...dovevano vedermi tutti in lacrime no?Altrimenti che esempio avrebbe dato? Gli esempi sono tantissimi altri e molto peggiori..
E intanto io continuavo ad essere sempre più solo, sempre più silenzioso, sempre più introverso. L'ultimo anno la mia FS si era fatta sempre più concreta. I miei atteggiamenti "diversi" erano ben chiari: non riuscivo a parlare, mi prendeva la tacchicardia al solo pensiero. Non riuscivo a stare insieme agli altri, perchè ne avevo paura. Se mi trovavo in un gruppo di persone o in mezzo a una discussione facevo il possibile per allontanarmi. Il mio timore più grande era che qualcuno mi rivolgesse la parola. Quando succedeva mi si bloccavano i pensieri o si accavallavano troppo velocemente da permettermi di pescarne uno per poterlo esprimere. Riuscivo a rispondere solo qualche stupidaggine con la voce tremante, e puntualmente dovevo ripetere almeno 3 volte quello che avevo detto, perchè nessuno aveva capito. Mi vergognavo di scrivere alla lavagna. E tante altre cose..
Questo influiva sul mio rendimento, dato che temevo come la peste la più banale delle interrogazioni. Per questo stesso motivo non sono riuscito ad iscrivermi all'università...
I miei comportamenti "diversi" erano iniziati anche fuori dalla scuola ovviamente. Paura di entrare in un negozio che non fosse centro commerciale, paura di essere al centro dell'attenzione (questo include svariate situazioni, per dirne una la classica scena del bambino neonato con tutti i parenti intorno che fanno le vocine stupide),paura di entrare in una stanza con persone sedute,paura di fare QUALSIASI cosa implicasse un contatto con altre persone. E "paura" non è un termine scelto a caso, la mia è paura nel vero senso della paura! Come quando vedete un fantasma! Quella paura!! Vale sia per le situazioni che si svolgono in quel momento,sia per le situazioni che so di dover affrontare in futuro!
Concludo il racconto della mia vita.
Dopo il diploma decisi di arruolarmi. Ho una buona conoscenza in campo militare e sono fisicamente preparato. In realtà avrei voluto fare i primi anni da volontario per poi poter partire in missione...e una volta li fare il possibile per non tornare...capirete cosa intendo.
Eppure il destino ha voluto darmi una possibilità...
Le porte del paradiso si sono aperte e mi hanno mandato il più bell angelo...e con lei sto cercando di ripartire. E' l'unica a cui ho accennato (non parlato) del mio problema.
E ora mi trovo qui a scrivere. E' il primo passo che faccio verso la guarigione,se questa esiste..Non posso parlarne a uno psicologo perchè non posso permettermelo.
E' una situazione che non tollero più..ormai esco di rado e non riesco ad avere un minimo di rapporto con nessuno..ho sempre questa PAURA che non so togliermi di dosso...wikipedia mi ha informato che si tratta di fobia sociale. Tutti i sintomi e le situazioni temute le o riscontrate nella mia esperienza..

e questo è quanto..spero di non avervi annoiato...

Daniele...
Vecchio 07-06-2010, 08:23   #2
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

si si è la mia ragazza! è l'unica persona di cui mi fido e che sa di questa cosa. scusate se il testo non è molto chiaro, l'ho finito di scrivere intorno alle 2!

ho tralasciato tanti dettagli. Tipo che quando mi capita una di quelle situazioni tanto temute ci ripenso per mesi, rivivendo la stessa paura, e arrivo a dover toccare con la mano qualche mobile vicino a me per essere sicuro di trovarmi in una situazione reale. anche questa cosa l'ho trovata in qualche descrizione: "sensazione di irrealtà"

Pensate che la mia situazione sia grave?
Vecchio 07-06-2010, 08:33   #3
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Sei estro o intro?
Vecchio 07-06-2010, 08:42   #4
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

Quote:
Originariamente inviata da nephilim89 Visualizza il messaggio
Eccomi. Per la prima volta parlerò del mio problema. Faccio prima qualche passo indietro.
Nasco nel 1989. Ero un bambino adorabile, con quei ricci e quelle guance che mio padre non smetteva mai di strizzare con le sue mani callose da lavoratore. Questo segno dell' affetto della mia famiglia che non è mai mancato. So che avevo paura del buio ma non ho ricordi precisi sul mio carattere, probabilmente ero un pò timido, ma credo entro i normali canoni per quell'età.
Arrivò la scuola materna: non successe niente di ecclatante, a parte alcuni episodi di qualche bambino bulletto, ma a quell'età non si può parlare di bullismo. I bambini hanno caratteri diversi e a seconda dell'educazione che ricevono non sono in grado di gestirsi. Quindi possiamo anche far rientrare questi episodi nella normale vita di bambino..
E vennero le scuole elementari..qui iniziò la tragedia.
Mi ritrovai insieme ai peggiori compagni di classe che potessero capitarmi. Immaginate il classico bambino timido, con la pelle bianca, gli occhiali: come si può non approfittarsene? Mi diedero un soprannome. Me lo ripetevano in continuazione, in tutti i modi: sottovoce durante la lezione, a urla, facendo versi, smorfie, cantilene.. Oltre questo subivo scherzi di ogni tipo, ricatti, sputi, pestaggi.. Il tutto sotto le risate e gli incitamenti di chi non partecipava. E la mia colpa qual'era? La mia timidezza... Quasi tutte queste persone da sole facevano la parte dei grandi amiconi, io ci uscivo, ci andavo a giocare. Spesso dopo un pò chiamavano qualche loro amico, e da li giocavano solo loro (sulle mie spalle si intende),e si ripeteva ciò che avevo vissuto la mattina in classe. Tra queste grandi dimostrazioni d'amicizia ci fu anche la mia prima fidanzatina, che mi dimostrava il suo affetto partecipando alle prese in giro e ai "giochi" contro me. Tutto questo non era solo opera dei miei compagni di classe, no. A loro si aggiungevano quelli della classe affianco, i loro amici e vari personaggi del mio paese, anche molto più grandi di me. I miei genitori, vedendomi rientrare a casa praticamente ogni giorno triste, con lividi, una volta addirittura con i capelli tagliati, decisero di iscrivermi ad una scuola di arti marziali. Lì trovai un bell'ambiente ricordo..o almeno nel primo periodo.
Questa situazione è andata avanti per tutti i 5 anni di elementari...ma non finì...
Le scuole medie si trovavano affianco alle elementari, condividevano lo stesso cortile. Per cui i vecchi bastardi che mi avevano tormentato me li ritrovai anche alle medie. Ovviamente ci mise poco il mio soprannome a fare il giro della scuola, e qui ebbi a che fare con ragazzi più grandi, già adolescenti quindi più concreti e pratici nella cattiveria, che si aggiunsero ai vecchi compagni delle elementari. Loro stessi li temevano, non si mettevano mai contro di loro: era bruttissima gente. E li ci furono altri bei 3 anni di scherzi, prese in giro, pestaggi... In quegli anni conobbi un gruppo di amici, gli unici a trattarmi decentemente. E iniziai ad ascoltare metal! Questi due cose mi permisero di far scorrere un pò più velocemente il tempo, per quanto fosse possibile. Intanto il mio carattere, il mio modo di pensare, la mia testa continuavano ad essere violentate da ciò che vivevo ogni giorno. Il mio rendimento scolastico era in discesa libera.
Leggo qualche punto in comune con la mia storia
Quote:
Le porte del paradiso si sono aperte e mi hanno mandato il più bell angelo...e con lei sto cercando di ripartire. E' l'unica a cui ho accennato (non parlato) del mio problema.
E ora mi trovo qui a scrivere. E' il primo passo che faccio verso la guarigione,se questa esiste..Non posso parlarne a uno psicologo perchè non posso permettermelo.
E' una situazione che non tollero più..ormai esco di rado e non riesco ad avere un minimo di rapporto con nessuno..ho sempre questa PAURA che non so togliermi di dosso...wikipedia mi ha informato che si tratta di fobia sociale. Tutti i sintomi e le situazioni temute le o riscontrate nella mia esperienza..

e questo è quanto..spero di non avervi annoiato...

Daniele...
UNa storia a lieto fine! Buon per te.

Benvenuto!!!
Vecchio 07-06-2010, 08:48   #5
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

parecchio intro. mi capita di essere estro nel socializzare quando mi ritrovo da solo con qualcuno inferiore o simile a me per età o altezza o timidezza.
con gli amici se sono più di 3 e non sono QUEGLI amici mi viene la solita paura con i soliti sintomi.altrimenti riesco a dire qualcosa,a stare tranquillo..
con la famiglia idem.
se invece intendi semplicemente introversione nel senso di mitengolecosepermeenonneparloquindimiautodistruggo insilenzio, si,lo sono!
Vecchio 07-06-2010, 08:48   #6
Principiante
L'avatar di tillyna
 

Benvenuto
mi dispiace per tutto quello che hai dovuto subire..
Vecchio 07-06-2010, 10:28   #7
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da nephilim89 Visualizza il messaggio
parecchio intro. mi capita di essere estro nel socializzare quando mi ritrovo da solo con qualcuno inferiore o simile a me per età o altezza o timidezza.
con gli amici se sono più di 3 e non sono QUEGLI amici mi viene la solita paura con i soliti sintomi.altrimenti riesco a dire qualcosa,a stare tranquillo..
con la famiglia idem.
se invece intendi semplicemente introversione nel senso di mitengolecosepermeenonneparloquindimiautodistruggo insilenzio, si,lo sono!
Te l'ho chiesto perché della tua storia mi ha stupito come tu sia riuscito a trovare tutte queste ragazze (di cui una ci sei rimasto per 4 anni e raccontato da te sembra una relazione da nulla) malgrado tutti i disagi sociali.
Vecchio 07-06-2010, 10:45   #8
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

aspetta non è che ho trovato tutte queste ragazze!

quella delle elementari non conta più di tanto.
quella delle medie era pure brutta, probabilmente mi attirava perchè era l'unica che si dimostrava un pò + disponibile e non mi prendeva in giro in continuazione.per questo riuscivo ad avvicinarmi.ho scritto che mi lasciò dopo qualche ora.
quella con cui sono stato 4 anni l'ho conosciuta via sms,perchè la mia compagna delle medie non ne poteva + di me e mi aveva lasciato il suo numero!
poi un giorno siamo usciti in 3 e ha fatto praticamente tutto lei.non mi piaceva tantissimo. mi ci sono messo insieme perchè non ho avuto il coraggio di dirle di no!
poi mi è piaciuta col tempo,ma è stato un inferno, me ne ha fatto passare tante.
la ragazza con cui sto ora l'ho conosciuta su facebook ed era amica di un mio compagno di classe che mi vedeva come il suo mito,per cui le parlava sempre di me!cosi lei incuriosita aveva iniziato a cercarmi. e cosi è nato tutto...

come vedi non sono stato proprio un playboy!
Vecchio 07-06-2010, 10:48   #9
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

Quote:
Originariamente inviata da nephilim89 Visualizza il messaggio

come vedi non sono stato proprio un playboy!
In confronto a me sei Casanova
Vecchio 07-06-2010, 10:50   #10
Esperto
L'avatar di Andrea8888
 

Quote:
Originariamente inviata da nephilim89 Visualizza il messaggio
aspetta non è che ho trovato tutte queste ragazze!

quella delle elementari non conta più di tanto.
quella delle medie era pure brutta, probabilmente mi attirava perchè era l'unica che si dimostrava un pò + disponibile e non mi prendeva in giro in continuazione.per questo riuscivo ad avvicinarmi.ho scritto che mi lasciò dopo qualche ora.
quella con cui sono stato 4 anni l'ho conosciuta via sms,perchè la mia compagna delle medie non ne poteva + di me e mi aveva lasciato il suo numero!
poi un giorno siamo usciti in 3 e ha fatto praticamente tutto lei.non mi piaceva tantissimo. mi ci sono messo insieme perchè non ho avuto il coraggio di dirle di no!
poi mi è piaciuta col tempo,ma è stato un inferno, me ne ha fatto passare tante.
la ragazza con cui sto ora l'ho conosciuta su facebook ed era amica di un mio compagno di classe che mi vedeva come il suo mito,per cui le parlava sempre di me!cosi lei incuriosita aveva iniziato a cercarmi. e cosi è nato tutto...

come vedi non sono stato proprio un playboy!
Internet è il bene come dico sempre(autocit.)
Vecchio 07-06-2010, 10:50   #11
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

In confronto a me invece è Rocco Siffredi.
Vecchio 07-06-2010, 10:54   #12
CerealKiller
Guest
 

Quote:
Originariamente inviata da nephilim89 Visualizza il messaggio
si si è la mia ragazza! è l'unica persona di cui mi fido e che sa di questa cosa. scusate se il testo non è molto chiaro, l'ho finito di scrivere intorno alle 2!

ho tralasciato tanti dettagli. Tipo che quando mi capita una di quelle situazioni tanto temute ci ripenso per mesi, rivivendo la stessa paura, e arrivo a dover toccare con la mano qualche mobile vicino a me per essere sicuro di trovarmi in una situazione reale. anche questa cosa l'ho trovata in qualche descrizione: "sensazione di irrealtà"

Pensate che la mia situazione sia grave?
No, non credo. Devi solo imparare ad abbassare il livello di ansia legato alle situazioni temute. A questo punto, il più è fatto. Il più piccolo progresso contribuirà ad accrescere la tua autostima e a spingerti a migliorare sempre di più. Secondo me potresti farcela anche da solo perché hai delle grandi capacità, ma rischieresti di girare a vuoto per un bel pezzo, prima di trovare la soluzione giusta per te.
Credo che una grande fonte di ansia sia il rifiuto della propria introversione.
Forse è il tuo caso, come era il mio. Razionalmente la ritenevo una caratteristica positiva e desiderabile, ma non sapevo e non volevo viverla io.
Ho trovato un bell'articolone sul nostro modo di essere.

http://www.nilalienum.it/Sezioni/Agg...oversione.html
Vecchio 07-06-2010, 11:28   #13
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

Quote:
Originariamente inviata da CerealKiller Visualizza il messaggio
No, non credo. Devi solo imparare ad abbassare il livello di ansia legato alle situazioni temute. A questo punto, il più è fatto. Il più piccolo progresso contribuirà ad accrescere la tua autostima e a spingerti a migliorare sempre di più. Secondo me potresti farcela anche da solo perché hai delle grandi capacità, ma rischieresti di girare a vuoto per un bel pezzo, prima di trovare la soluzione giusta per te.
Credo che una grande fonte di ansia sia il rifiuto della propria introversione.
Forse è il tuo caso, come era il mio. Razionalmente la ritenevo una caratteristica positiva e desiderabile, ma non sapevo e non volevo viverla io.
Ho trovato un bell'articolone sul nostro modo di essere.

http://www.nilalienum.it/Sezioni/Agg...oversione.html
esatto. anche io la ritengo una qualità. prima mi sentivo una specie di guru,in grado di reprimere l'esternazione di ogni sentimento,.
ora ho capito che in realtà gli annientavo,i sentimenti.
quell'articolone me lo leggo appena ho un attimo!
Vecchio 07-06-2010, 11:30   #14
Banned
 

Ciao, ti do il benvenuto in questo forum....ho letto tutto ciò che hai scritto e sinceramente mi dispiace per quello che hai dovuto subire, ma purtroppo nella vita gli stronzi, deficienti, stupidi e cretini superano di gran lunga le persone intelligenti e sensibili......cmq io devo dire che non mi riconosco appieno nella tua esperienza , infatti in vita mia ho subito un solo pestaggio, all' età di 11 anni, ma gli artefici di quell' atto era delinquenti, come molti c'è ne sono nella mia città natale.....per le fighe sinceramente sono rimasto meravigliato che nonostante la tua situazione tu sia riuscito a sviluppare e portare avanti una situazione amorosa durata ben 4 anni...i miei complimenti...
chiudo con una cittazione di einstain.....due sono le cose infinite.....la galassia e la stupidità umana...e circa la prima ho seri dubbi
Cmq benvenuto
Vecchio 07-06-2010, 13:59   #15
Esperto
L'avatar di clanghetto
 

mmh Brutto passato .-.


Cmq esistono anche psicologi dell'asl e non si paga se non sbaglio o meglio su paga il ticket.
Vecchio 07-06-2010, 21:26   #16
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

@ocenaus88: hai ragione, la mia ragazza è fondamentale! è anche per lei che voglio migliorare.

@clang: ho letto qualche opinione in internet riguardo gli psicologi dell asl. la maggiorparte ne parla male!

@dekker: la situazione "amorosa" di 4 anni mi ha occupato il tempo. chissà come li avrei passati senza..probabilmente i problemi che ho ora mi sarebbero venuti prima.

molti hanno detto che hanno vissuto una storia simile. purtroppo la società in cui ci ritroviamo è questa...e credo sarà sempre peggio..
ringrazio tutti per le risposte! mi ha fatto piacere potermi liberare per la prima volta, e sentirmi dire "mi dispiace per te". Non che io sia in cerca di compassione, ma è sempre bello coinvolgere gli altri..
Vecchio 07-06-2010, 21:34   #17
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Labocania Visualizza il messaggio
In confronto a me sei Casanova
Ho letto anch'io e in confronto a me è Hugh Hefner
Ma come hai fatto a conoscere queste ragazze con tutti i problemi che hai avuto (se ti va di dirlo, eh)?
Benvenuto, nephilim
EDIT: Ho letto ora...sembra che nonostante la tua popolarità non fosse alle stelle, alcune ragazze ti venissero comunque appresso, addirittura un tuo compagno di scuola ha parlato bene di te alla tua attuale ragazza..allora qualcuno/a degno di fiducia ce n'era

Ultima modifica di Winston_Smith; 07-06-2010 a 21:41.
Vecchio 07-06-2010, 21:40   #18
Esperto
L'avatar di Andrea8888
 

comunque non ti avevo dato ancora il benvenuto nephilim e complimenti!
Vecchio 07-06-2010, 22:08   #19
Principiante
L'avatar di nephilim89
 

Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
EDIT: Ho letto ora...sembra che nonostante la tua popolarità non fosse alle stelle, alcune ragazze ti venissero comunque appresso, addirittura un tuo compagno di scuola ha parlato bene di te alla tua attuale ragazza..allora qualcuno/a degno di fiducia ce n'era
mi venivano appresso forse perchè oltre a piacere fisicamente potevo piacere proprio x il mio carattere da non-stronzo come tutti gli altri.
qualcuno degno di fiducia c'era...ma non della mia! ho addosso una maledizione che mi rende capace di capire le persone all'istante,ci azzecco sempre.
quel mio compagno era l'unico con cui passavo le mattinate in classe. e per lui ero il suo migliore ed unico amico,ma non era lo stesso per me,non mi potevo fidare perchè già l'avevo capito, dietro i suoi sorrisi e la sua complicità. infatti appena aveva saputo che io e la sua amica c stavamo conoscendo lui era impazzito di gelosia. ed eccolo smascherato!
quindi posso dire di non aver trovato praticamente nessuno di decente..

poi ragà: internet per gli incontri è perfetto! basta saper cercare!

grazie del benvenuto!
Vecchio 07-06-2010, 22:11   #20
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da nephilim89 Visualizza il messaggio
poi ragà: internet per gli incontri è perfetto! basta saper cercare!
Vero...and that's the question (cit.)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Mi racconto..
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Mi racconto Giacomo79 Storie Personali 9 02-12-2009 20:07
Mi racconto sbagliato SocioFobia Forum Generale 8 27-11-2007 13:23
racconto in rete mrsteve SocioFobia Forum Generale 2 29-11-2006 12:44
un racconto mrsteve Off Topic Generale 0 27-11-2006 17:45
Vi racconto qualcosa di me... Vogliosognare Presentazioni 10 18-05-2006 19:32



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 10:59.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2