FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Libri
Rispondi
 
Vecchio 07-10-2012, 16:05   #1
Esperto
L'avatar di Yumenohashi
 

Prima non ci facevo troppo caso, ma soprattutto da quando sto qui mi sento un po' ignorante.
Io divoro libri su libri su libri ma, sinceramente, non ho mai letto classici o libri di autori molto datati che vengono considerati diciamo dei "Must" per gente un attimino di cultura.
Ecco io ho una strana diffidenza verso i libri datati perchè mi sento disorientata all'interno dei contesti narrati, non posso immedesimarmici poichè son troppo lontani dalla mia realtà, o per lo meno la cosa che mi frena dal leggerli è soprattutto questa.
In più ho paura che i linguaggi adottati mi possano risultare alquanto indigesti e dopo un paio di righe ci rinuncerei.
Però è anche vero che i libri datati che ho letto ( principalmente di psicologia o ultimamente libri per ragazzi, perchè sto studiando la letteratura infantile a scuola ) mi hanno preso anche se in alcuni tratti per capirne il senso dovevo rileggere più volte le frasi.

Questo mi fa venire una terribile paura di essere limitata mentalmente, solo io non riesco a farmi venir voglia di leggere libri troppo "pesanti", o perlomeno penso di non riuscirci?
Dovrei leggerli comunque?
Vecchio 07-10-2012, 16:13   #2
Esperto
L'avatar di Herzeleid
 

Se frequenti il liceo, alla tua età non dovresti avere simili limiti e propensione negativa ad un certo tipo di letture. Altrimenti, non me ne preoccuperei troppo.
Vecchio 07-10-2012, 16:14   #3
Esperto
L'avatar di Rick Blaine
 

Quote:
Originariamente inviata da VUCHAN94 Visualizza il messaggio
Dovrei leggerli comunque?
Non mi stancherò mai di ripeterlo: nessun libro deve essere letto. La lettura dev'essere un piacere o un bisogno, mai un'imposizione: se un un libro ti annoia, buttalo via: non è stato scritto per te. Questo è l'unico criterio per scegliere un libro. Ovviamente, il valore letterario di un'opera è un'altra cosa: se ti annoia la Divina Commedia, la colpa è del lettore. Nonostante questo, nel caso ti annoi la lettura del capolavoro di Dante, faresti meglio ad abbandonarlo, piuttosto che leggerlo con un sentimento crescente di noia e disgusto.
Vecchio 07-10-2012, 16:15   #4
Avanzato
L'avatar di Rhoda
 

Secondo me l'importante è leggere, leggere quotidianamente, leggere tanto, ma soprattutto leggere ciò che piace!
Credo sia assurdo impelagarsi nella lettura dell'opera omnia di Proust se uno non se la sente a priori, tanto va a finire che lasci la lettura prima della metà del libro!! Certo, ci sono libri che arricchiscono, ma se uno li legge solo per sentirsi "superiore" (e ribadisco è ridicolo) non ha proprio senso!!!!!
Però se non hai proprio mai provato a leggere "i classici" potresti tentare, magari invece alcuni generi particolari ti potrebbero piacere!
Vecchio 07-10-2012, 16:28   #5
Esperto
L'avatar di zoe666
 

io non ho letto tanti classici considerati must da molti, ma non per questo mi sento una lettrice meno appassionata di tanti.
Leggi quello che ti piace, magari ti verrà prima o poi la curiosità di leggere libri lontani dal tuo genere, ma non ti fare problemi.
L'importante è leggere, davvero.
Vecchio 07-10-2012, 16:34   #6
Super Moderator
L'avatar di Labocania
 

L'importante è leggere, come è già stato ricordato.
E' innaturale imporsi letture indigeste, però e consigliabile spaziare un po' e non fossilizzarsi sulla consuetudine di letture che appartengono sempre allo stesso genere e allo stesso ambito. Per esempio, chi legge sempre romanzi potrebbe trovare in un'evasione nel mondo della poesia nuovo interesse e insospettati spunti.
Vecchio 07-10-2012, 16:45   #7
Esperto
L'avatar di Pluvia
 

Quote:
Originariamente inviata da VUCHAN94 Visualizza il messaggio
Però è anche vero che i libri datati che ho letto ( principalmente di psicologia o ultimamente libri per ragazzi, perchè sto studiando la letteratura infantile a scuola ) mi hanno preso anche se in alcuni tratti per capirne il senso dovevo rileggere più volte le frasi.

Io a questo proposito sto leggendo Il "Giannettino" di Carlo Collodi
Vecchio 07-10-2012, 16:48   #8
Esperto
L'avatar di Yumenohashi
 

Quote:
Originariamente inviata da dany91 Visualizza il messaggio

Io a questo proposito sto leggendo Il "Giannettino" di Carlo Collodi
Io ho letto Tom Sawyer, Il meraviglioso mago di Oz, ora sto leggendo il Vento nei salici e mi propongo di leggere "Il giardino segreto" e "David Copperfield"
La copertina mi ricorda un po' Gian Burrasca, che da piccola lo leggevo C O N T I N U A M E N T E, meraviglioso.
Penso che farò un pensierino anche su questo "Giannettino" se il fil rouge è lo stesso
Vecchio 07-10-2012, 16:49   #9
Banned
 

Se leggi tanto non dovresti neanche porti questo problema della limitazione mentale.

Ognuno legge quello verso cui si sente più portato, leggere libri di un certo spessore non accresce la propria intelligenza, ma la propria erudizione. In effetti non è l'atto del leggere che fa l'intelligenza, ma quanto poi uno riesce a trarne per sè di quello che ha letto.

C'è gente che ha letto tanto nella vita e ti assicuro che non ha capito niente cmq della sensibilità del rispetto e altro.

Anzi, è palese a tutti che i maggiori crimini, vengono commessi da gente con un alto tasso di istruzione e ottima cultura.

La cultura non è una qualità umana, è una voce in più nel capitolo personalità, può raffinare un carattere, ma non dargli una nascita.

L'indole umana è data da ben altre esperienze.
Vecchio 07-10-2012, 16:53   #10
Esperto
L'avatar di Yumenohashi
 

Verissimo, è anche vero che tra i libri "più di spessore" che ho letto, alcuni non mi hanno lasciato niente, come magari altri meno considerati dall'opinione pubblica mi hanno segnato in modo particolare.
Magari non è un dato di fatto che un libro accresca il tuo bagaglio, magari dipende dalle persone
Vecchio 07-10-2012, 16:53   #11
Esperto
L'avatar di Pluvia
 

Quote:
Originariamente inviata da VUCHAN94 Visualizza il messaggio
Io ho letto Tom Sawyer, Il meraviglioso mago di Oz, ora sto leggendo il Vento nei salici e mi propongo di leggere "Il giardino segreto" e "David Copperfield"
La copertina mi ricorda un po' Gian Burrasca, che da piccola lo leggevo C O N T I N U A M E N T E, meraviglioso.
Penso che farò un pensierino anche su questo "Giannettino" se il fil rouge è lo stesso
No, bè il Giannetino è una grammatica per ragazzi, scritta nell'Ottocento da Carlo Collodi, autore di Pinocchio. Era uno dei libri di grammatica che i ragazzi italiani leggevano nell'Ottocento fino agli inizi del Novecento per imparare l'italiano. E' didattica, non narrativa, non gioverebbe a molto.
Vecchio 07-10-2012, 16:54   #12
Esperto
L'avatar di Yumenohashi
 

Quote:
Originariamente inviata da dany91 Visualizza il messaggio
No, bè il Giannetino è una grammatica per ragazzi, scritta nell'Ottocento da Carlo Collodi, autore di Pinocchio. Era uno dei libri di grammatica che i ragazzi italiani leggevano nell'Ottocento fino agli inizi del Novecento per imparare l'italiano. E' didattica, non narrativa, non gioverebbe a molto.
Ahahahah Gaffe, non lo sapevo mi son lasciata prendere dalla copertina.
Che gnurant, allora niente
Vecchio 07-10-2012, 16:58   #13
SA.
Esperto
 

L'importante che si capisca cosa vuole l'autore.
Ci sono dei libri pallosi che non si capisce niente perché si mescolano frivolezze personali con discorsi troppo da specialista.
Vecchio 07-10-2012, 17:08   #14
Esperto
L'avatar di Pluvia
 

Puoi leggere opere importanti con le note, la spiegazione e la parafrasi degli autori in fondo alla pagina.
Per esempio leggersi Petrarca da qui http://it.wikisource.org/wiki/Canzon...ium_fragmenta) puo risultare alquanto difficoltoso, sebbene il linguaggio adottato dal poeta non sia eccelso con la parafrasi diventa tutto più semplice.
Fai un salto in biblioteca uno di questi giorni e vedi


Magari però l'avevi già fatto
Vecchio 07-10-2012, 17:11   #15
Avanzato
L'avatar di akirafudo
 

Anch'io penso che nessun libro deve essere letto! Insomma che ognuno scelga quello che ama senza farsi problemi. Ci sono persone intelligentissime che stimo tantissimo e leggono solo gialli o fumetti o niente libri e altri che leggono "mattoni" e non lo sono.
Diciamo che specie da quando c'è internet e in generale i ritmi di vita sono velocizzati, la gente si secondo me si è un pò disabituata alle letture impegnative. Anch'io che leggo molto da quando ho 10 anni mi rendo conto che leggo di solito libri con una prosa semplice e diretta. Se vuoi approfondire prova a orientarti sui classici di questo tipo che comunque possono essere profondi al pari degli autori più difficili!
Vecchio 07-10-2012, 17:28   #16
Banned
 

Non è che devi. Se non te la senti evita. Io sono molto selettivo, se la lettura non mi coinvolge subito è difficile che continui a leggere, più facile che chiuda il libro e lo butti via da qualche parte. Non ho molta pazienza, me ne rendo conto. Io credo nell'intensità, non nella quantità. Nella mia vita non ho letto moltissimi libri, e non mi sono neanche piaciuti tutti, ma di quei pochi ce ne sono almeno una decina che mi hanno segnato più o meno profondamente. Quindi cerca quello che ti piace, non quello che dovrebbe servirti. I libri in sè non servono a niente, almeno io la vedo così. Leggere è un piacere, il sapere che da esso ne consegue è un in più, una diretta conseguenza, ma non deve diventare una cosa noiosa e autoimposta. Percarità!
Vecchio 07-10-2012, 18:28   #17
Banned
 

a me non attirano il libri che sono sia "spessi" (come dei "must" insomma) sia spessi fisicamente...tipo i Buddenbrook

i libri sopra le 500 pagine non mi entusiasmano perchè, c'è l'alto rischio di passaggi per nulla memorabili.
Vecchio 07-10-2012, 18:35   #18
Esperto
L'avatar di barclay
 

Quote:
Originariamente inviata da VUCHAN94 Visualizza il messaggio
Prima non ci facevo troppo caso, ma soprattutto da quando sto qui mi sento un po' ignorante. Io divoro libri su libri su libri ma, sinceramente, non ho mai letto classici o libri di autori molto datati che vengono considerati diciamo dei "Must" per gente un attimino di cultura.
Ti abbraccerei (castamente) se potessi: anch'io mi sento cosí, certe volte
Vecchio 07-10-2012, 18:36   #19
Esperto
L'avatar di Yumenohashi
 

Quote:
Originariamente inviata da pesco Visualizza il messaggio
a me non attirano il libri che sono sia "spessi" (come dei "must" insomma) sia spessi fisicamente...tipo i Buddenbrook

i libri sopra le 500 pagine non mi entusiasmano perchè, c'è l'alto rischio di passaggi per nulla memorabili.
Si infatti, per invogliarmi a comprare un libro alto cinque dita deve proprio costare una miseria.

Tempo fa lessi un libro di seicento pagine che, come dici tu, eran tutte fatte di ripetizioni e passaggi superflui, descrizioni esageratamente approfondite di qualsiasi cosa.
Se toglievi il surplus e lasciavi l'essenziale rimanevan si e no 200 pagine probably, questi giochetti non mi piaccion proprio.
Pago un libro di seicento pagine che ne valgon 200?! Mah!
Vecchio 07-10-2012, 18:37   #20
Banned
 

ti metterò nella mia divisione "marketing"
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Libri di un certo spessore
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
SEZIONE LIBRI Recensione e libri consigliati mefiori Forum Libri 179 31-05-2021 12:15
Certo che ...SIETE PIGRI miakeli SocioFobia Forum Generale 41 13-06-2012 00:22
Di certo non si può dire che sia fobico sociale Lost Off Topic Generale 10 24-10-2009 01:31
7 messaggi al giorno di certo non ti aiutano Dead Off Topic Generale 10 22-08-2008 20:09
certo che sono strano (una cosetta a 3) osservatore Amore e Amicizia 27 29-12-2007 19:51



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 21:25.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2