FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 13-01-2010, 01:48   #1
Intermedio
L'avatar di MohamedCali
 

L'errore sta nel voler capire le proprie fobie.

Il nostro problema deriva dal fatto che pensiamo troppo... ma per uscire di casa e compiere azioni non si dovrebbe pensare più del dovuto, perchè tutti i normaloni quelle azioni le compiono in automatico...

non è quindi un controsenso pensare di poter risolvere un problema che deriva dal troppo pensare a fobie inesistenti, pensando ancor di più a queste fobie?
Vecchio 13-01-2010, 02:00   #2
Esperto
L'avatar di paule
 

se intendi lo stare a scavare, trovare motivi e concatenazioni sulla mia vita è tutta fatica sprecata. La mia mente nn segue la logica. Almeno nn è una logica che afferro. Nè m'interessa più. Nè ci vedo soluzioni. A volte semmai capisco senza pensare e dico "Tò, ecco, eureka" ma nn è che mi ci fisso. Mi faccio domande, ma nn cerco delle vere e proprie risposte,perché si trovano solo altre domande.

Modifico dei miei modi di fare se vedo che quelli che uso nn van bene, e basta. e se ancora nn funzionano li modifico ancora, di continuo. vado per prove ed errori.
cioè io cerco di essere me stessa,anzi cerco proprio me stessa e di trovare un equilibrio di conseguenza, se cerchi un oggetto in casa che nn trovi, semplicemente ti alzi e cerchi di immaginare dove possa essere. uguale.

per questo nn faccio più psicoterapia.

Ultima modifica di paule; 13-01-2010 a 11:41.
Vecchio 13-01-2010, 02:06   #3
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da paule Visualizza il messaggio
Mi faccio domande, ma nn cerco delle vere e proprie risposte,perché si trovano solo altre domande.
Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono, a volte (cit.)
Vecchio 13-01-2010, 02:09   #4
Intermedio
L'avatar di MohamedCali
 

bè si ovviamente non dico di agire senza pensare

però alla fine qui spesso si scava e si scava nel cercare la causa (affascinanti cmq le teorie della genetica del comportamento)... ma a cosa serve se poi non si usa altrettanto cervello per cercare una soluzione?

se ad esempio si arriva a pensare che x la maggior parte è colpa dei geni... ok, stop, bisogna pensare a come agire x migliorare la propria situazione (e non parlo di situazione economica in sto caso :p)
se si da la colpa ai genitori, amen, se si è a casa si prova a vedere di andare via, se non è possibile si trova il modo (quasi nulla è impossibile se si vogliono fare le cose)
se invece si è già da soli... bè i genitori sono il passato, è ora di pensare a come rimediare ai loro errori (se davvero è colpa loro)
eccetera...

va bene un po' di autoanalisi, ma il troppo fobica!
Vecchio 13-01-2010, 02:13   #5
Esperto
L'avatar di paule
 

Le risposte, nel mio caso, sui perché e i per come, son sempre provvisorie. Quindi è inutile cercarne. se ne può parlare a mò di racconto e può anche essere divertente e liberatorio: i miei bla bla bla, io da piccola bla bla bla, ma mai elevandoli a cause di effetti sulla psiche, nè ritenendo la loro comprensione condizione sine qua nn del vivere.
Primum vivere, poi ci sarà tutto il tempo se si vuole per capire. Da vecchi.

Ultima modifica di paule; 13-01-2010 a 02:17.
Vecchio 13-01-2010, 02:19   #6
Esperto
 

Non so, forse bisognerebbe specificare meglio cosa si intende per "pensare".
Probabilmente tentare di "pensare", nel senso di spiegare razionalmente determinate fobie e complessi, può essere inutile, o comunque può essere che non se ne venga mai a capo del tutto, dato che non sempre esiste una motivazione precisa, legata a un fatto concreto e riproducibile e a un meccanismo razionale, per ogni sintomo di ansia.
Più utile, invece, potrebbe essere "pensare", nel senso di individuare con una specie di autoanalisi il meccanismo dei pensieri negativi senza per forza volerlo sviscerare nel minimo dettaglio, e, una volta isolatolo, troncarlo oppure riuscire a non farsene condizionare per quanto è possibile.
Vecchio 13-01-2010, 03:38   #7
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da MohamedCali Visualizza il messaggio
bè si ovviamente non dico di agire senza pensare

però alla fine qui spesso si scava e si scava nel cercare la causa (affascinanti cmq le teorie della genetica del comportamento)... ma a cosa serve se poi non si usa altrettanto cervello per cercare una soluzione?

se ad esempio si arriva a pensare che x la maggior parte è colpa dei geni... ok, stop, bisogna pensare a come agire x migliorare la propria situazione (e non parlo di situazione economica in sto caso :p)
se si da la colpa ai genitori, amen, se si è a casa si prova a vedere di andare via, se non è possibile si trova il modo (quasi nulla è impossibile se si vogliono fare le cose)
se invece si è già da soli... bè i genitori sono il passato, è ora di pensare a come rimediare ai loro errori (se davvero è colpa loro)
eccetera...

va bene un po' di autoanalisi, ma il troppo fobica!
sono d'accordo...

forse una ricerca troppo esasperata del senso fa male

certo ke stare pensatori tra pensatori è il male anke di brutto!

anke xke mi pare ke alla fine ci si facciano sempre le stesse domande. ripeto: dovremmo aprire un post di vera critica ai comportamenti, al limite oppure...
non zaprei

comunque non sono d'accordo sulla causa genetica delle FOBIE in senso stretto, la schifo proprio (ma lo dico + a me ke a Calinero, vista la violenza della frase, xke ancora ci credo io alla genetica, ma sono ancora in terapia). secondo me sicuramente la genetica dà un carattere (la neurobiologia ha detto ke alcuni tratti di carattere possono essere anke del 40-50% dettati dalla genetica e uno dei tratti maggioritari, unito agli altri, è l'introversione/estroversione -metodo di funzionamento cerebrale, non comportamenti puntuali-). la fobia è una fobia nel senso in cui si intende di solito: farsela sotto.
Quindi uno può nascere introverso, tentare di estrovertirsi, ma poi dopo 6 mesi iniziare a stare male xke ha anestetizzato alcune sue componenti emozionali importanti tipo onestà, sogni, correttezza, empatia etc etc.

andrebbe scavato quello: xke ce la facciamo sotto? dove sta il problema?

insomma l'argomento è gigantesco, xo in via generale i tentativi di paule secondo me sono un ottimo metodo, almeno si scoprono i limiti. comunque rimuginare e pensare secondo me sono 2 cose diverse. senza contare ke esiste comunque il piacere del fantasticare, dell'introspezione, del conoscere, dello studiare...insomma, non è solo una questione di mera figa o di meri soldi (anke se la realizzazione personale fa veramente di bestia, ma in termini social/FAMILIARI/AMICALI-amore e amici-, per quanto mi riguarda, non strettamente monetari)
Vecchio 13-01-2010, 11:38   #8
Esperto
L'avatar di Nick
 

Non è questione di annullare il pensiero, ma di evitare le fissazioni ragionando.
Non è che non bisogna pensare, bisogna pensare bene.
Vecchio 13-01-2010, 12:11   #9
Esperto
L'avatar di MoonwatcherIII
 

Quoto Nick. Poi come amo ripetere non è che ci sia un modo di risolvere i problemi e le fobie valido per tutti. Al di là del fatto che neanche l'obiettivo è uguale per tutti, al limite si potrebbe dire la ricerca del benessere, che però non è la stessa identica cosa per tutti. Chi ha una mente più analitica DEVE capire, semplicemente perché ne sente un bisogno impellente, non può farne a meno. E comunque pensare analiticamente non equivale a fissarsi o pensare cervelloticamente, anzi non c'è nulla di più diverso. Se si rilegge il post di Clark Kent si vedrà che il suo approccio è stato molto analitico, ma allo stesso tempo dotato di senso pratico, di spontaneità e di naturalezza.
Vecchio 13-01-2010, 12:14   #10
Esperto
L'avatar di paule
 

Quote:
Originariamente inviata da moon-watcher Visualizza il messaggio
Chi ha una mente più analitica DEVE capire, semplicemente perché ne sente un bisogno impellente, non può farne a meno. E comunque pensare analiticamente non equivale a fissarsi o pensare cervelloticamente, anzi non c'è nulla di più diverso.
E se si è degli analitici che pensano cervelloticamente?
Vecchio 13-01-2010, 12:15   #11
Esperto
L'avatar di MoonwatcherIII
 

Quote:
Originariamente inviata da paule Visualizza il messaggio
E se si è degli analitici che pensano cervelloticamente?
Eh, allora ciò è abbastanza male...
Vecchio 13-01-2010, 12:20   #12
Esperto
L'avatar di paule
 

Ne so qualcosa...
Vecchio 13-01-2010, 12:22   #13
Esperto
L'avatar di Nick
 

I problemi complessi hanno soluzioni semplici, facili da comprendere e sbagliate (cit)
Vecchio 13-01-2010, 12:26   #14
Esperto
L'avatar di paule
 

Quindi i problemi complessi non hanno soluzioni?
Vecchio 13-01-2010, 12:31   #15
Esperto
L'avatar di MoonwatcherIII
 

Hanno sempre soluzioni, ma non sempre sono ammissibili.
Vecchio 13-01-2010, 12:44   #16
Esperto
L'avatar di paule
 

Ammissibili? Mi spieghi dottore Luna. Che significa praticamente?


(Sto per contraddire le mie risposte al topic)
Vecchio 13-01-2010, 12:50   #17
Esperto
L'avatar di MoonwatcherIII
 

Niente, era una sciocchezza, inammissibili come le soluzioni negative di una equazione... xD
Vecchio 13-01-2010, 12:57   #18
Esperto
L'avatar di paule
 

Uhm. Non mi sembra tanto una sciocchezza.
Quindi in matematica ci sono soluzioni a tutto ma certe soluzioni praticamente non lo sono. Non mi ricordo cos'è una soluzione negativa :/
Applicato alla mente umana, allora giungere alla conclusione che i miei problemi mentali sono così complessi da non avere soluzioni analitico-logico-razionali (scusi il gergo usato liberamente) ma dover essere trattati come non problemi, non scibili, non è proprio una cazzata???


p.s. dovrei prendere qualche ripetizione di matematica.
Vecchio 13-01-2010, 13:21   #19
Esperto
L'avatar di Nick
 

Quote:
Originariamente inviata da paule Visualizza il messaggio
Quindi i problemi complessi non hanno soluzioni?
Ma no, era solo una battuta.
Vecchio 13-01-2010, 13:50   #20
Esperto
L'avatar di starlight
 

Quote:
Originariamente inviata da MohamedCali Visualizza il messaggio
L'errore sta nel voler capire le proprie fobie.

Il nostro problema deriva dal fatto che pensiamo troppo... ma per uscire di casa e compiere azioni non si dovrebbe pensare più del dovuto, perchè tutti i normaloni quelle azioni le compiono in automatico...

non è quindi un controsenso pensare di poter risolvere un problema che deriva dal troppo pensare a fobie inesistenti, pensando ancor di più a queste fobie?
è esattamente in termini semplicementi discorsivi...quello ke mi ha detto stamane la psicolog............................

ma nn sò...nn sono ancora in grado ...in questo momento...
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a L'errore sta nel voler capire
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Capire... shanti Presentazioni 23 09-04-2009 09:14
bisogno di capire! sgulli91 SocioFobia Forum Generale 6 29-11-2008 19:05
capire le donne vikingo Off Topic Generale 93 27-07-2008 15:31
capire come aiutare lela SocioFobia Forum Generale 5 25-07-2008 11:10
Non voler guarire... fenicenanto SocioFobia Forum Generale 30 12-06-2008 00:40



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:38.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2