FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Scuola e Lavoro
Rispondi
 
Vecchio 17-03-2019, 20:15   #1
Avanzato
L'avatar di Bernardo Soares
 

Due domande a riguardo.

1) Pensate che fare il lavoro dei propri sogni possa aumentare la serenità e magari anche la felicità di una persona? Per felicità intendo nient'altro che la voglia di fare (anche e soprattutto al di fuori dell'ambito lavorativo), di agire, di essere curiosi. Oppure a lungo andare qualsiasi attività diventa solo una necessità?

2) Quanti utenti del forum hanno ingranato il lavoro dei propri sogni o comunque ci si sono avvicinati o, ancora, cercano di arrivare a tale obiettivo col tempo?

Comincio io col dire che faccio un lavoro che non mi gratifica, ma mi permette semplicemente di percepire uno stipendio sotto la media. E l'idea di passare un terzo della mia restante vita a farlo non mi mette allegria.

Ultima modifica di Bernardo Soares; 18-03-2019 a 14:27.
Vecchio 17-03-2019, 20:35   #2
Avanzato
L'avatar di Bing
 

Secondo me si.
Facendo il lavoro dei sogni penso che tornerei a galla. Ma dipenderebbe anche dal contesto sociale.

Il lavoro che faccio non è male ed è lontano un bel pò da quello che vorrei fare io... è cmq molto stressante e se lo dovessi perdere mi dispiacerebbe per l'ovvio stipendio che mi permette di sopravvivere.

Il lavoro che vorrei fare non esiste in Italia (se non in estremo nord), quindi dovrei espatriare e cimentarmi in delle avventure che mi terrorizzano.

Con gli anni non mi sono più applicato a quella passione e quindi anche a causa di questo mi sono spento..
Vecchio 17-03-2019, 23:38   #3
Banned
 

Felice colui che ha trovato il suo lavoro. Non chieda altra felicità.
Vecchio 17-03-2019, 23:49   #4
Banned
 

Io aspiro al mito Leonardesco del "tuttologo", il lavoro della mia vita quindi sarebbe saper fare tutto.
Vecchio 17-03-2019, 23:55   #5
Esperto
L'avatar di lonely heart
 

Non sapendo quale sia il lavoro dei miei sogni e non avendo le abilità per fare altro, purtroppo mi sto accontentando così.
Penso che se facessi qualcosa che mi piace mi sentirei più appagata e serena e forse la mia vita sarebbe anche migliore.
Vecchio 18-03-2019, 00:03   #6
Esperto
L'avatar di Franz86
 

Ho avuto la possibilità di portare avanti per anni un' attività in cui credevo profondamente che però era anche estremamente disastrata, per cui la bilancia tra soddisfazione e frustrazione purtroppo si è gradualmente ma sempre più nettamente orientata verso il secondo termine.

Con il passare degli anni mi sento sempre più sfiduciato nei confronti della vita e nei confronti delle mie possibilità, per cui più che un lavoro da sogno ora spererei di trovare un lavoro che mi consenta di dribblare le mie difficoltà. E questo mi sa che è il massimo a cui possa puntare, perlomeno al momento.
Vecchio 18-03-2019, 00:05   #7
Esperto
L'avatar di Hazel Grace
 

quello di cui avrei bisogno, trovare un lavoro che si addica alla mia personalità, che non mi faccia venire l'ansia, che non mi faccia sentire di star a perder tempo prezioso. Qualcosa che mi possa far sentire fiera. Non è solo quello il mio obiettivo, per esempio vorrei avere degli amici (con la A) ma una cosa del genere farebbe bene alla mia autostima e in generale
Vecchio 18-03-2019, 09:14   #8
Esperto
L'avatar di Milo
 

Io sono dell'idea che anche il lavoro dei sogni(se esiste) dopo qualche anno stanca,il mio obbiettivo lavorativamente parlando è trovare il lavoro con il rapporto ore impiegate/stipendio migliore...
Vecchio 18-03-2019, 09:55   #9
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da Bernardo Soares Visualizza il messaggio
Due domande a riguardo.

La prima. Pensate che fare il lavoro dei propri sogni possa aumentare la serenità e magari anche la felicità di una persona?
Il mio lavoro dei sogni è non lavorare proprio avendo uno stipendio.
Sono sereno quando sono libero mentalmente da impegni coatti, il lavoro, di qualsiasi natura sia, è un impegno coatto se serve per procacciarsi uno stipendio.
Se invece ho già una base che mi permette di sopravvivere decentemente potrei pensare poi ad un'attività gratificante aggiuntiva che preferisco svolgere.
A me anche se mi fai fare una cosa che mi piace quando la svolgo liberamente ed aggiungi una certa forma di obbligo, può essere che inizi a non piacermi più svolgerla come prima.
A me piace mangiare quando ho appetito, una volta sazio non mangio più, se dovessi mangiar troppo per motivi di lavoro o dover incastrare le mie preferenze alimentari a forza per far funzionare le cose, inizierei a detestare un po' anche alimentarmi.
E posso dirti che mangiare per me è un piacere e non mi ha mai creato noie, ma è probabile che se si incastra in questi meccanismi qua può essere che produce effetti nefasti anche sull'appetito e tutto il resto.

Ultima modifica di XL; 18-03-2019 a 10:01.
Ringraziamenti da
Bing (18-03-2019), cancellato15324 (18-03-2019), jab_24 (18-03-2019), Milo (18-03-2019), The_Sleeper (18-03-2019)
Vecchio 18-03-2019, 11:31   #10
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Purtroppo non riesco a scindere le due cose, come potrei passare gran parte del mio tempo, della mia vita a fare un qualcosa che non mi genera la minima soddisfazione? Sopravviverei forse ma non vivrei, non dico che devo fare per forza il lavoro dei miei sogni ma almeno qualcosa in cui credo, per esempio a me non dispiacerebbe essere una venditrice ma la mia propensione a svolgere questa attività dipenderebbe dal prodotto che andrei a vendere, per dire se mi dicessero di vendere un libro che parla di come dimagrire di dieci chili in cinque giorni non lo venderei, se mi dicessero di vendere un libro che spiega come dimagrire mangiando sano lo venderei, è questo il punto, vorrei fare una cosa anche semplice come vendere ma che mi dia quel minimo di soddisfazione personale che ricerco e che non mi faccia sentire di star perdendo tempo o di star addirittura facendo qualcosa che va contro i miei principi, non potrei fare un lavoro qualunque quindi, potrei fare un lavoro semplice, umile (non sto dicendo che voglio essere una super imprenditrice mi piacerebbe ma non è necessario) ma che sia in linea con me.
Ringraziamenti da
Bernardo Soares (18-03-2019)
Vecchio 18-03-2019, 11:46   #11
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Bernardo Soares Visualizza il messaggio
Pensate che fare il lavoro dei propri sogni possa aumentare la serenità e magari anche la felicità di una persona? Per felicità intendo nient'altro che la voglia di fare (anche e soprattutto al di fuori dell'ambito lavorativo), di agire, di essere curiosi.
Così dicono.

Quote:
Oppure a lungo andare qualsiasi attività diventa solo una necessità?
Per me vale questa ipotesi. Anche una cosa che mi piace fare diventa un obbligo e porta con se delle frustrazioni, ci saranno sempre quelle volte in cui non ho voglia, o non mi sento bene, o il collega/titolare/cliente stronzo. Non sono molto costante e ho problemi di costrizione in ogni campo, figuriamoci nel lavoro.
Vecchio 18-03-2019, 11:55   #12
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da Bernardo Soares Visualizza il messaggio
Oppure a lungo andare qualsiasi attività diventa solo una necessità?
This.
Non so se quello che sto facendo sia il mio lavoro dei sogni, ma ci va vicino. O forse dovrei dire "ci andava vicino". Perché col tempo anche la più bella e compatibile delle attività diventa routine, diventa, come dici, necessità. Emerge una sorta di saturazione, un senso di nausea, di stanchezza, di volontà di fuga.
Aggiungiamo il costante senso di inadeguatezza (in gran parte realistico) rispetto ai compiti lavorativi che mi assegnano e si capirà come anche il "lavoro dei sogni" può essere un percorso irto di spine e difficoltà.
Aggiungiamo che, ora come ora, mi pagano una miseria...

Certo, se dovessi fare un altro lavoro, un lavoro "qualunque", magari a contatto con altri esseri umani, soffrirei molto molto molto di più. Non so se e quanto riuscirei a reggerlo, o quanto mi ci terrebbero, viste le mie difficoltà nelle interazioni quotidiane: probabilmente mi caccerebbero in tempi brevi. Molto meglio (o meno peggio) lavorare protetti dietro allo schermo di un PC.

Nel "lavoro dei sogni" ci sono finito quasi per caso, e perché non sapevo fare granché altro. Anzi, non so fare proprio null'altro. Tiro avanti finché potrò, ma il futuro continua a farmi parecchia paura.
Ringraziamenti da
Milo (18-03-2019)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Lavoro dei sogni vs. lavoro qualunque
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Il lavoro per un sociofobico.Che lavoro fate? brio93 Trattamenti e Terapie 59 02-04-2014 17:57
Cercate un lavoro qualunque o unofficialnick Forum Scuola e Lavoro 6 01-01-2014 16:36
Il lavoro dei miei sogni ha bussato alla mia porta. Rex Brown Forum Scuola e Lavoro 14 04-08-2013 15:58
lavoro dei sogni red dragon Sondaggi 110 30-06-2013 06:25
Avete tutti trovato il lavoro dei vostri sogni? Morgaz Storie Personali 42 03-03-2013 23:56



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 08:24.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2