FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 07-09-2012, 20:05   #1
Intermedio
 

Ciao a tutti, è la prima discussione che creo su questo forum e mi sento un po emozionato xD, vorrei scrivere ilcapitolo "La timidezza" di "pensieri oziosi di un ozioso" dell'umorista Jerome Klapka Jerome, non è cortissimo il capitolo quindi suddividerò il tutto.

"TUTTI I GRANDI LETTERATI sono timidi. Anch'io lo sono, sebbene, a quanto mi dicono, non lo si noti facilmente.
Son contento che non lo si veda. Una volta la mia timidezza era quanto mai evidente, ed era la causa di molta infelicità per me, e di disagio per tutti per tutti coloro che mi circondavano... le signore mie amiche, in particolare, se ne lagnavano amaramente. La sorte del timido non è felice. Gli uomini non lo possono soffrire, le donne lo disprezzano, e lui si disprezza e non si può soffrire. L'abitudine non gli dà alcun sollievo: per lui non c'è altro rimedio che il tempo, sebben io, una volta, abbia incontrato una ricetta deliziosa per ovviare a questo disgraziato inconveniente. Era apparsa tra le "Risposte ai Lettori" d'un giornaletto settimanale, e diceva, non l'ho mai dimenticato: "Adottate un contegno disinvolto e piacevole, specialmente con le signore". Povero infelice! Immagino il sogghigno col quale dopo aver letto tale consiglio! Figurarsi! Non adottare niente di simile, mio caro, giovane amico timido. Ogni tentativo di fingere uno stato d'animo che non sia il tuo, come infallibile risultato ti farà diventare ridicolmente esuberante, e familiare in maniera offensiva. Sii quello che sei, al naturale, almeno la gente pensierà soltanto che sei acido e cretino. Il timido però si prende una piccola rivincita sulla società per la tortura che essa gli infligge. Cioè riesce, fino a un certo punto, a comunicare la propria infelicità. Egli spaventa le altre persone quanto esse spaventano lui. Agisce come uno spegnitoio sull'intera riunionem e le creature più gioviali, in sua presenza, si deprimono e diventano nervose. Gran parte di ciò ha originer dall'incomprensione. Molte persone prendono la sua timidezza per sfacciata arroganza, se ne meravigliano e si ritengono insultate. La sua mancanza di disinvoltura viene irosamente scambiata per un'insolente noncuranza, e quando atterrito dalla prima parola che gli si rivolge, arrossisce come un peperone e gli viene completamente meno il dono della favella, viene considerato uo spaventevole esempio dei malvagi effetti dalle passioni sfrenate. Ma il fato del timido è appunto quello di venir frainteso in ogni evenienza; e, qualsiasi impressione egli cerca di creare, può star sicuro che gli provocherà l'impressione opposta. Se cerca di raccontare una barzelletta, essa viene interpretata come la menzognera narrazione di un fatto reale, e la sua mancanza di veridicità viene seriamente condannata. Il suo sarcasmo è accettato come un opinione letterale, e gli procura la fama di essere un asino; se, d'altra parte, desideroso di rendersi simpatico, il poveretto arrischia un minimo di adulazione, tutta la scambiano per satira e concepiscono, per lui, un odio imperituro.

O domani mattina o lunedì scriverò un altro pezzo.
Ditemi che ne pensate e se vi ci ritrovare in queste parole
Vecchio 07-09-2012, 21:52   #2
Esperto
L'avatar di goodenough
 

J K Jerome mi fa morire. Hai fatto bene a postarlo
Vecchio 08-09-2012, 00:02   #3
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da scipione96 Visualizza il messaggio
"Adottate un contegno disinvolto e piacevole, specialmente con le signore". Povero infelice! Immagino il sogghigno col quale dopo aver letto tale consiglio! Figurarsi! Non adottare niente di simile, mio caro, giovane amico timido. Ogni tentativo di fingere uno stato d'animo che non sia il tuo, come infallibile risultato ti farà diventare ridicolmente esuberante, e familiare in maniera offensiva. Sii quello che sei, al naturale, almeno la gente pensierà soltanto che sei acido e cretino.
[...]
Ma il fato del timido è appunto quello di venir frainteso in ogni evenienza; e, qualsiasi impressione egli cerca di creare, può star sicuro che gli provocherà l'impressione opposta. Se cerca di raccontare una barzelletta, essa viene interpretata come la menzognera narrazione di un fatto reale, e la sua mancanza di veridicità viene seriamente condannata. Il suo sarcasmo è accettato come un opinione letterale, e gli procura la fama di essere un asino; se, d'altra parte, desideroso di rendersi simpatico, il poveretto arrischia un minimo di adulazione, tutta la scambiano per satira e concepiscono, per lui, un odio imperituro
Queste parti mi sono piaciute, perché credo siano vere
Vecchio 08-09-2012, 00:46   #4
Esperto
L'avatar di Pluvia
 

Quote:
Originariamente inviata da scipione96 Visualizza il messaggio
"TUTTI I GRANDI LETTERATI sono timidi.
Non è assolutamente vero
Vecchio 08-09-2012, 17:18   #5
Banned
 

Esagera su alcuni punti però nel complesso descrive bene le sventure a cui una persona timida va incontro, e io ne so qualcosa
Vecchio 19-09-2012, 12:13   #6
Intermedio
 

Dany non hai capito niente di ciò che vuol dire, si parla del carattere intrinseco dei letterati che non può non sfociare nella timidezza, .anche se non appare e non é evidente
Vecchio 20-09-2012, 04:07   #7
Esperto
L'avatar di Pluvia
 

Quote:
Originariamente inviata da scipione96 Visualizza il messaggio
Dany non hai capito niente di ciò che vuol dire, si parla del carattere intrinseco dei letterati che non può non sfociare nella timidezza, .anche se non appare e non é evidente
Sì, infatti non ho capito l'inesistente nesso che lega il letterato, cioè un individuo che si dedica allo studio delle lettere e della letteratura essendone erudito ed esperto, al timido, ossia una persona insicura nei rapporti con gli altri e che teme di risultare inadatta o inferiore.
La timidezza non fa parte della natura e dell'essenza di ogni letterato.
Il fatto che costui sia un umorista non gli dà la licenza di scrivere fandonie e frottole di tal fatta.
Vecchio 20-09-2012, 08:08   #8
Banned
 

Come già accennato da Dedalus, si tratta di situazioni appartenenti a un passato un po' remoto, tra l altro legate strettamente a cerchie di persone da salotto... Dichiaro la mia ignoranza in materia, sono un lettore settoriale ad ampio respiro.
Estremamente interessante ad ogni modo
Vecchio 30-09-2012, 22:22   #9
Intermedio
 

dany spiega le tue ragioni invece di affermare ciecamente e basta, apri la mente non si parla della timidezza classica di cui soffriamo tutti noi, ma di una variante amica, indispensabile per lo studio, per la cultura, una timidezza informale a se stessa, vera e propria energia vitale dell'intelletto intellettuale.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a "LA TIMIDEZZA" parte prima
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
La persona "giusta" per la prima volta Marco Russo Forum Sessualità (solo adulti) 57 24-08-2012 10:20
domani pomeriggio farò la mia prima uscita "galante" mariobross Amore e Amicizia 122 13-08-2011 14:29
Un "brutto" nel sesso fa solo la parte dello zerbino? Timidboy Forum Sessualità (solo adulti) 96 29-07-2011 12:49
"Il piangersi addosso" é buona parte deli problemi psicologici ( non psichiatrici!) giacomo SocioFobia Forum Generale 8 03-01-2011 17:54



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:09.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2