FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Disturbo evitante di personalità
Rispondi
 
Vecchio 18-12-2011, 02:47   #1
Principiante
L'avatar di Izel
 

Tutto sembra andare per il meglio, si da il meglio di se, si lavora sodo e si ricevono enormi ricambi affettivi e professionali mai prima ricevuti.

Ho detto sembra.
C'è sempre una piccola parte che rifiuta tutto ciò.

Perchè non l'ha mai conosciuta questa gioia, lha sempre respinta.

Senti come mancare qualcosa.

Ma è proprio la mancanza di questa conoscienza del gioire dei propri risultati.
Del porsi obiettivi, del crederci, del rilassarsi, (. . . .) dell'amare.

Imparare a vivere così è una cosa che sto scoprendo poco per volta.
a volte spaventa, a volte affascina .)

C'è l'impegno e c'è anche quella piccola parte (piccola per ora .) che mi sega le gambe di tanto in tanto.
Crea disordine.

Crea.?
Vecchio 18-12-2011, 07:29   #2
Banned
 

La propositività genera sempre risultati positivi,e in campo lavorativo dei profitti,quindi dei benefici da amici e familiari che vorrebbero attingere al nostro evidente benessere=affetto e profusioni di apprezzamento,stima.
Ma bisogna stare attenti,perchè come per il mago di Oz quel benessere può venire a mancare in un periodo di ribasso e crisi lavorativa e tutto quel che si credeva ormai conquistato può sparire in una nube di fumo.

Ultima modifica di TrueLover; 18-12-2011 a 07:32.
Vecchio 18-12-2011, 09:37   #3
Esperto
L'avatar di Chained to dust
 

Quote:
Originariamente inviata da Izel Visualizza il messaggio
Senti come mancare qualcosa.
Manca sempre qualcosa.. è ciò che rende l'essere umano una creatura triste e autodistruttiva.. u.u
Vecchio 18-12-2011, 11:40   #4
Banned
 

Non s'impara a vivere, casomai ci si fa l'abitudine, piano, lentamente, con il tempo.
Vecchio 18-12-2011, 13:32   #5
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da maury25 Visualizza il messaggio
Non s'impara a vivere, casomai ci si fa l'abitudine, piano, lentamente, con il tempo.
Concordo in pieno, purtroppo ci sono spesso tempi differenti, in quanto alcuni sono più rapidi e reattivi, mentre altri più lenti, ma sicuramente la vita, con le sue gioie e dolori, è qualcosa che la si capisce con il tempo.... penso sia proprio inevitabile.
Vecchio 18-12-2011, 13:38   #6
Esperto
L'avatar di Kitsune
 

Io non credo che sia questione di imparare a vivere ma di adattarsi a vivere.
Vecchio 18-12-2011, 15:08   #7
Intermedio
L'avatar di ABARTH
 

Quote:
Originariamente inviata da Izel Visualizza il messaggio
Imparare a vivere così è una cosa che sto scoprendo poco per volta.
a volte spaventa, a volte affascina .)
puo spaventare perche una volta raggiunta l ebbrezza del vivere con gioia, hai potenzialmente qualcosa di importante da perdere...
ti auguro di non demordere e cavalcare questa scia positiva fino ad abituarti alle tue nuove gratificazioni
Vecchio 18-12-2011, 19:51   #8
Esperto
L'avatar di mezzavvoi
 

Per sapere il mio parere a tal proposito , basta leggere la mia firma
Vecchio 18-12-2011, 22:18   #9
Intermedio
L'avatar di ABARTH
 

Quote:
Originariamente inviata da shady74 Visualizza il messaggio
Già, la "paura" di vincere la partita... come quando una squadra più debole sta vincendo su una più forte e spesso, per timore riverenziale, comincia a giocar male, quasi fosse un affrontto battere il team più blasonato...
Nel calcio succede spesso...
E penso che per noi avvenga una cosa simile: se arriviamo vicino alla soluzione (o quasi) dei nostri problemi potrebbe prenderci un senso di paura, quasi come se fossimo intimoriti dal poter vivere senza complessi e disagi.
è probabile cmq come diceva un utente in precedenza che sia una questione di abitudine... se per molti anni siamo stati abituati a vivere una vita sotto la mediocrità sarà anche difficile amministrare i momenti positivi, soprattutto perche ci siamo "allenati" tutta la vita ad essere l opposto... è come se gli anticorpi della fobia si ribbellassero e l inesperienza fa il resto
Vecchio 19-12-2011, 09:42   #10
Principiante
L'avatar di Izel
 

Quote:
Originariamente inviata da ABARTH Visualizza il messaggio
puo spaventare perche una volta raggiunta l ebbrezza del vivere con gioia, hai potenzialmente qualcosa di importante da perdere...
ti auguro di non demordere e cavalcare questa scia positiva fino ad abituarti alle tue nuove gratificazioni
hai perfettamente ragione.
è una bella sfida, te lo assicuro.
Vecchio 19-12-2011, 11:32   #11
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Chained to dust Visualizza il messaggio
Manca sempre qualcosa.. è ciò che rende l'essere umano una creatura triste e autodistruttiva.. u.u
L'essere umano, è imperfetto per definizione, quindi gli mancherà sempre qualcosa.

ma penso che quando uno scopre cosa sia effettivamente quel qualcosa, anche se non può raggiungerlo, riesce a trovare il giusto equilibrio. La perfettibilità è la condizione dell'equilibrio.
Vecchio 17-07-2015, 07:30   #12
Principiante
L'avatar di Izel
 

Quote:
Originariamente inviata da shady74 Visualizza il messaggio
Già, la "paura" di vincere la partita... come quando una squadra più debole sta vincendo su una più forte e spesso, per timore riverenziale, comincia a giocar male, quasi fosse un affrontto battere il team più blasonato...
Nel calcio succede spesso...
E penso che per noi avvenga una cosa simile: se arriviamo vicino alla soluzione (o quasi) dei nostri problemi potrebbe prenderci un senso di paura, quasi come se fossimo intimoriti dal poter vivere senza complessi e disagi.
Basterebbe provare una volta la giusta ebrezza da piccoli per continuare a provarla.. Se provi quella sbagliata poi non ne bastano 100 di giuste per dimenticartela

In ogni caso credo sia vero questo strano atteggiamento e comprovato in diverse attività in cui c'era un accanita sfida con qualcuno.
Mi fa sorridere pensare che mi capitava sia in complesse situazioni affettive sia giocando a fifa!
Mi fa riflettere molto il fatto che lo facevo per lasciar più terreno all' avversario, magari quando ero in vantaggio (nel caso di fifa).

Perche?

E riconducendomi al filo,
dopo 3, 4 anni (quale filo?):

Cosa e' quella piccola cosa che tutti abbiamo e che tutti abbiamo in comune..
..quella piccola strnz*etta che ci dice che che siamo ancora troppo lontani, distanti, stanchi, stanchissimi.

Cosa ci manca a noi per vivere senza di questi problemi?

A me di sicuro una dormita, ora .)

A voi?

Una buona giornata fobici

Ultima modifica di Izel; 17-07-2015 a 07:32.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Imparare a vivere
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
imparare ad amare dopo una certa età.... mariobross Amore e Amicizia 29 09-10-2011 23:18
Una storia da cui dovremmo imparare CodaDiLupo Off Topic Generale 6 25-01-2010 02:56
Bisogna imparare a fingere calinero Amore e Amicizia 50 05-11-2009 01:01
Imparare dagli altri MoonwatcherIII SocioFobia Forum Generale 1 29-08-2009 16:22
IMPARARE A GESTIRE L'ANSIA... Graziepapi Ansia e Stress Forum 10 15-08-2006 14:51



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 07:57.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2