FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 27-11-2005, 17:08   #1
Principiante
L'avatar di Salamandra
 

ciao a tutti,
riporto ciò che mi è successo ieri per fare una piccola riflessione sulla mia (o nostra) incapacità di dare un giusto peso alle osservazioni altrui...
Ero a cena con un ragazzo che frequento da un po'... serata perfetta, si parla del più e del meno... finchè io scherzo sulla mia esagerata parlantina di quella serata... e lui: "allora dopo raggiungiamo i miei amici così non parli"...(ovviamente anche lui scherzando)
SBAM! con questa piccola frase alla quale lui non avrà nemmeno dato peso la serata, da perfetta, è diventata per me orribile...
Premetto che lui ha fatto questa battutina perchè una sera in cui c'erano anche i suoi amici e io (causa timidezzo a livelli estrami che mi travolge soprattutto quando sono con + persone, peggio se sconosciute) sono praticamente rimasta muta tutto il tempo...(con mia seguente autoumiliazione )...

Insomma quella sua frase che ha in minima parte sottolineato la mia timidezza (nonostante non credo che lui possa ritenermi una persona TIMIDA) sono andata in paranoia per tutta la serata (per fortuna dai suoi amici poi non siamo andati eheheh)..
Eppure uffa.. era una semplice frase del cavolo, il cui senso sicuramente non influisce sulla considerazione/stima che lui ha di me... ma nonostante ciò mi ha un certo senso ferita... Questo perchè non riesco a vivere il mio carattere, me stessa, tranquillamente, accettandomi così come sono... La serata nonostante tutto è andata molto bene.. insomma banalmente non potevo chiedere nulla di meglio da una serata con un uomo.. eppure per troppa sensibilità/insicurezza/sentimentalismo mi faccio turbare da questa immensa cazzata!!! probabilmente tutto ciò è dato dai miei collegamenti: sempliece sua battutina :dai andiamo dai miai amici almeno non parlerai più (non mi ha nemmeno detto sei timida ha solo detto sorridendo "hai paura")=non hai il coraggio di parlare=sei timidissima=sei debole=sei una merda....
e purtroppo questi collegamenti mentali che stanno sotto alla mia frustrazione accadono anche per altri piccoli commenti ai quali la gente da 1/30esimo del peso che diamo noi...

Ora... ok... sono consapevole del mio stato paranoico, sono consapevole di avere una percezione un po' distorta di me stessa e del giudizio che possono attribuirmi gli altri MA... la piccola frustrazione rimane...
e così pure la conseguente paranoia e il coinseguente stato di piccola tristezza che invece NON DOVREBBE PROPRIO ESSERCI...


A causa del mio carattere e della mia distorta sensibilità mi rendo conto di essere malleabile e psicolabile... basta un nonnulla per farmi sentire la donna + figa del mondo... così come u nonnulla per farmi sentire uno schifo... e alla fine fine rimane tutto un mezzo schifo.. perchè un equilibrio... io non ce l'ho mai! vivo in preda a sentimentalismi e sensazioni piuttosto atratte e inconcludenti...

Non so se sia riuscita a spiegarmi bene. (anche perchè sto scrivendo davvero in modo distatto)... ma cmq....
come vivete voi situazioni simili? cosa ne pensate?



saluti a tuttiiiiiiii ciauz 8)
Vecchio 28-11-2005, 14:41   #2
Banned
 

....anche a me molto spesso quest'estate capitava di star zitta con gli amici del mio ragazzo,lui che ha capito piano piano conoscendomi di avere a che fare con una un po' timida e' stato dolcissimo e non mi ha mai fatto notare niente(tra l'altro ed e' una cosa strana anche lui rimaneva spesso zitto,ma non per timidezza e' socievolissimo,infatti da dopo l'estate abbiamo smesso di frequentarli perche'diceva che non c'erano argomenti in comune,troppe banalita'nei loro discorsi,anche lui si sentiva in imbarazzo per i suoi silenzi...)anche per me e'una cosa che odio dover rimanere zitta quando sono in gruppo(al contrario se sto sola con qualcuno parlo tantissimo....)ho sempre paura di dire cose fuori posto o banali,che gli altri proprio essendo piu' di uno possano deridermi...per fortuna ho trovato un gruppo che non me lo ha mai fatto pesare che parlo poco quando usciamo,forse perche'mi sono integrata bene con loro,non so...anche a me guai se me lo avessero fatto notare!!!
Vecchio 30-11-2005, 00:09   #3
odi
Intermedio
L'avatar di odi
 

ho letto solo il titolo del post ...
quando io giudico lo faccio esclusivamente a mio vantaggio , per mio bisogno o per mia debolezza , per sentirmi piu' sicuro.
e questo come vale per m vale per tutti gli altri senza distinzione.
da questa consapevolezza ho iniziato a fregarmene del giudizio degli altri , anzi ho iniziato ad usarlo a mio vantaggio , per capire che cosa pensano gli altri di me , in modo costruttivo e non distruttivo.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a GIUDIZIO DEGLI ALTRI
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Quel ca..o di giudizio degli altri: come eliminarlo JohnReds SocioFobia Forum Generale 18 30-04-2009 17:49
Differenza tra ansia e giudizio degli altri JohnReds2 Ansia e Stress Forum 21 14-04-2009 15:51
Il successo degli altri muttley SocioFobia Forum Generale 40 09-03-2009 20:36
Non è vero che il giudizio degli altri non conta! Who_by_fire SocioFobia Forum Generale 20 11-01-2009 01:04
Il giudizio deglia altri Fabio SocioFobia Forum Generale 17 07-09-2006 16:47



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 03:35.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2