FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Presentazioni
Rispondi
 
Vecchio 20-10-2016, 10:53   #1
Principiante
 

Salve a tutti, sono una ragazza di 23 anni disoccupata da alcuni mesi.
E' da alcuni anni che m'imbatto in questo forum, leggo sempre con moltissima attenzione ogni post e spesso mi ritrovo in ogni pensiero ed emozione.
Dopo tanto girarci intorno, mi sono fatta coraggio e mi sono iscritta
(che ansia) Le presentazioni per me sono sempre problematiche, cosý come "l'entrare a far parte di qualcosa", anche se si stratta solo di un mondo virtuale.
In pratica ho sempre vissuto con il mio disturbo, solo che non sapevo proprio cosa fosse... l'unica mia certezza Ŕ che ero diversa rispetto agli altri e mi ero rassegnata al fatto che fosse il mio carattere.
I problemi si sono intensificati alle superiori...il mio malessere cresceva di pari passo con l'etÓ, stare in una classe di 30 persone era diventato insostenibile e con molta vergogna, ho interrotto gli studi.
Da qui sono partite le svariate visite con professionisti: psicologi, psicoterapeuti
psichiatri e perfino neurologo. Per me Ŕ estremamente difficile aprirmi nelle sedute e il poco che riuscivo a fare con molto sforzo, sentivo che non veniva accolto con la giusta importanza...mi dicevano che era l'etÓ, che si trattava di paure comuni e la mia frustrazione aumentava.
Un giorno, navigando per caso su internet, lessi il "disturbo schizoide" e mi ritrovai in ogni singolo sintomo. Sapendo quanto fosse sbagliato farsi un'auto diagnosi, cercai uno psichiatra/diagnosta che smentý subito il mio dubbio e mi mand˛ da una sua collega... questa Dott.ssa alla fine della prima seduta mi disse la sua diagnosi "Disturbo di personalitÓ evitante". Inizialmente ne fui sollevata, avevo trovato il nome di quel malessere che stava limitando tutta la mia vita! Per˛ ammetto che ancora oggi, dopo 2 anni, ne sono sorpresa. Da allora ho cercato di non darne troppo peso ma in periodi come questi, sento il bisogno di dover fare qualcosa. Penso che potrÓ essere un piccolo passo avanti entrare nel forum e capire anche un p˛ di pi¨ questa personalitÓ...il confronto e le opinioni di persone con lo stesso problema possono aiutare e sicuramente Ŕ un modo per sentirsi meno soli o incompresi. Grazie e scusate la prolissitÓ
Vecchio 20-10-2016, 11:25   #2
Super Moderator
L'avatar di L¨thien.
 

Benvenuta

Come nuova utente, ti invito a leggere
Vecchio 20-10-2016, 12:11   #3
Esperto
L'avatar di DownwardSpiral2
 

Benvenuta!
Vecchio 20-10-2016, 12:22   #4
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

benvenuta
Vecchio 20-10-2016, 13:42   #5
Principiante
L'avatar di .Sopor.
 

Benvenuta!
Vecchio 20-10-2016, 16:17   #6
Esperto
L'avatar di HDoor
 

Ti ritrovi "spesso" in "ogni pensiero"? O_˛ Ma com'Ŕ possibile? Siamo - perchÚ da poco scrivo anche io - tanti e molti con visioni discordanti o determinate da emozioni diverse. Boh?

Comunque benvenuta.
Vecchio 20-10-2016, 16:43   #7
Esperto
L'avatar di andrea1979
 

Benvenuta
Vecchio 20-10-2016, 16:56   #8
Esperto
 

Vecchio 21-10-2016, 12:34   #9
Banned
 

Benvenuta!
Posso chiederti che tipo di lavoro facevi fino a qualche mese fa e come vivevi (a livello emotivo/psicologico) le giornate lavorative?
Vecchio 21-10-2016, 13:48   #10
Esperto
 

Benvenuta .
Vecchio 22-10-2016, 18:12   #11
Principiante
 

Grazie a tutti per l'accoglienza!
Rispondendo @ BlackDragon: Ho iniziato a 18 anni con il primo lavoro da barista... Ŕ stato letteralmente un incubo Ogni giorno mi sembrava un inferno, ero caduta in una depressione tremenda, non riuscivo a mangiare e quando tornavo a casa la notte (spesso alle 2-3), piangevo al pensiero che il giorno seguente sarebbe stato tutto uguale.
Sul lavoro mi perdevo nei miei pensieri per contrastare la costante voglia di "scappare" ma il bar purtroppo non lo permette pi¨ di tanto il contatto continuo con il pubblico mi uccideva, dovevo sforzarmi di sorridere e facevo una fatica immane... Ho resistito solo 2 mesi.
Il lavoro recente Ŕ stato quello di commessa in una profumeria e forse perchŔ sapevo del mio disturbo, l'ho vissuto in maniera molto diversa. Non mi sentivo ridicola nell'aver paura di qualcosa che tutti fanno con tanta naturalezza!
Oltretutto il rapporto con i clienti l'ho vissuto bene perchŔ non era continuo ma avevo delle "pause" che per me sono fondamentali. Peccato che si Ŕ trattato di un tirocinio di 4 mesi e non mi hanno presa fissa
Vecchio 24-10-2016, 15:54   #12
Esperto
L'avatar di ocelot83
 

benvenuta
Vecchio 26-10-2016, 12:19   #13
Esperto
 

Ciao, purtroppo ti capisco, ho anch'io il DEP e da anni ormai. So bene cosa comporti, e mi dispiace.
Benvenuta, spero tu riesca a trovare nel forum quanto meno un punto di sfogo.

Ultima modifica di Invernomuto; 26-10-2016 a 12:32.
Vecchio 28-10-2016, 19:19   #14
Esperto
L'avatar di Pensieroso
 

Benvenuta!
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Ecco un'altra storia come tante di DEP...
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Altra storia finita male.AARRGHH!!! The Joker Amore e Amicizia 21 28-08-2011 23:27
Altra storia con richiesta di consiglio.. Markettino Storie Personali 10 17-08-2011 00:58
Un'altra storia Grande Fobia Bullismo Forum 23 09-12-2010 14:28
altra storia... timidella SocioFobia Forum Generale 9 30-08-2008 21:37
Questa e' solo un'altra storia solo85 Timidezza Forum 14 25-12-2007 12:10



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 08:36.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2