FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale > Storie Personali
Rispondi
 
Vecchio 08-09-2021, 17:35   #1
Intermedio
 

Prima di essere giudicato voglio raccontare la mia storia, e soprattutto alcune cose che ho scoperto a 25 anni da altre persone (differenti, quindi non può essere frutto dell'immaginazione o della menzogna atteso che è stato constatato dal sottoscritto).

Venendo mia madre da una situazione difficile in casa (glielo riconosco, mia nonna materna era un orco per certi versi) a 17 anni fugge in Calabria con mio padre di dieci anni più grande (originario della Calabria che nel frattempo lavorava in Lombardia e aveva ottenuto il trasferimento vicino casa), rimane incinta e si sposano dopo pochissima convivenza (solo perché pareva brutto al paese che era incinta e non sposata). Nei 4 anni che ho vissuto giù mia madre faceva beatamente i fatti suoi uscendo con compagnie poco raccomandabili, ubriacandosi, amanti ed altro, lasciandomi a mia nonna paterna o mia zia paterna senza spiegazioni e tornando dopo giorni talvolta. Poi decide che io non devo più stare con mia nonna ed inizia a lasciarmi da una sua vicina di casa. Mio padre che lavorava a un'ora e mezza di auto tornava, giocava con me, mi coccolava, mi faceva dormire, anche se doveva fare il mattino il giorno dopo e stava sveglio la notte, perché non aveva molto istinto materno mia madre, lasciandomi spesso nella culla. In tutto ciò mia madre era mantenuta da mio padre, in quanto le erano stati proposti lavori dai miei zii, ma ha sempre rifiutato. Ad un certo punto "si stanca di stare nel paese di mille abitanti", e decide di tornare in Lombardia con l'amante e me, ovvero mentre mio padre era a lavoro mi preleva, mi porta sù e per quattro mesi stacca il telefono, non facendomi vedere e sentire a mio padre. Mi trovo distaccato da mio padre a vivere con un uomo che non conoscevo e che fino a poco tempo fa credevo fosse stato un padre per me, semplicemente perché avevo rimosso dei ricordi in cui mi alzava le mani. In tutto ciò ho vissuto molto serenamente quegli anni nella falsa illusione che fosse una figura paterna, finché a 12 anni non si lascia e da un giorno all'altro mi trovo a vivere da mia nonna (l'orco).
Vengono anni difficili, perché mia nonna mi ha sempre voluto molto bene, ma mi ha tagliato gambe e braccia essendo fissata con le pulizie, non potevo invitare amici, non potevo stare in sala, non potevo cucinare io, non potevo, non potevo, non potevo. Però fino ai 21 anni ammetto di aver avuto la convinzione di aver una madre perfetta, migliore amica con cui confidarmi, con cui uscire, con cui bere, che ha sempre fatto di tutto per me, e il dentista, e la palestra, e i libri, e il motorino. Peccato che poi vengo piano piano a metabolizzare che si, materialmente non mi è mai mancato nulla da una che faceva le pulizie, che i sacrifici li ha fatti, ma di concreto, ovvero di affetto materno, nada. Mi ha spesso trattato come un cret^ino, andando a rendermi insicuro ("vengono gli zii, le lasagne a te le scaldo al microonde, a loro nel forno che non c'è spazio per tutti", "eh i soldi che ti manda il papà servono per te", "mi sono lasciata col papà perché gli chiedevo di andare via dal paesino, quindi poi abbiamo fatto il divorzio", "a pasqua vado con il mio compagno, stai con la nonna" e tante tante menzogne, tanto vanto "io faccio tanto per mio figlio", "io ho cresciuto da sola mio figlio, non mi ha aiutato nessuno", "mio figlio è tutto", non sto ad elencare tutto).
Quando ho 20 anni inizia ad uscire con un cugino con cui riprende a bere ed ubriacarsi, e diventa assente. Se non è col cugino è sul letto perché non può alzarsi. Poi dal cugino passa a frequentare pregiudicati e a portarli in casa, scoprendo che uno di questi l'aveva ricattata minacciando di morte me e non me ne ha mai parlato nonostante adulto. Mi perde un documento importante di lavoro mentre è ubriaca, rischio il posto e tenta il suicidio scenico facendomi sentire in colpa, poi di nuovo il pregiudicato, poi si alcolizza e fa un incidente in auto facendo pagare una salata multa a mia nonna e distruggendo la macchina di famiglia. Il tutto giustificando che è depressa! Non si è mai fatta curare. Non si è mai cercata un vero lavoro ora piange che non la assume nessuno e che non sa come fare quando muore la nonna.

Io non la voglio in casa mia con la mia compagna! Anche se nonostante tutto non mi sento di lasciarla sotto un ponte un domani, ma la detesto.
Vecchio 08-09-2021, 17:48   #2
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Storia e situazione molto complicata.
Comunque rispondo alla domanda del topic: no, per me non è brutto non volere bene a un genitore (o a un parente stretto in genere).
I parenti sono persone come tutte le altre, che solo il caso ha voluto mettere sulla nostra strada tramite i legami genetici. Al di là dei pezzi di DNA che si condividono, io non ho mai visto che differenza ci sia rispetto a degli estranei.

Se una persona ti ha obiettivamente rovinato la vita non hai nessun obbligo a volergli bene, anzi, e questo a prescindere dai legami di sangue che ci sono.
Ringraziamenti da
Ezp97 (08-09-2021), nonsense (09-09-2021), pokorny (08-09-2021), Scott (09-09-2021), shalton (10-09-2021), spezzata (08-09-2021)
Vecchio 08-09-2021, 17:53   #3
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Se sia bello o brutto non lo so, ma ho un ricordo di mio padre che non è esaltante. Potrei valutare i dispiaceri ricevuti da lui un ottavo della tua storia, quindi non so mettermi nei tuoi panni. Però se guardo onestamente in me stesso non mi manca e quando ho capito che mi aveva in un certo senso abbandonato, dirottando affetto e aiuti di ogni genere altrove, compresi soldi a palate "regalati" allo stato per le sue impuntature imprenditoriali, ho iniziato una fase di distacco emotivo e affettivo.

Se penso che sto in una casa microscopica e in cui ci piove dentro, e se penso a quello che gli è passato per le mani ma mai ha ritenuto degno di aiutarmi a impostare la mia vita non me ne vergogno, ed è più o meno quello che posso rispondere alla tua domanda.
Ringraziamenti da
nonsense (09-09-2021), shalton (10-09-2021)
Vecchio 08-09-2021, 21:26   #4
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

No...
Ringraziamenti da
shalton (10-09-2021)
Vecchio 08-09-2021, 21:43   #5
Esperto
L'avatar di Trinacria
 

Io non credo che tu non le voglia bene o non staresti qua a preoccupartene.
Da quello che racconti sembra che sia stata una ragazzina costretta a crescere troppo presto ma senza averne voglia. Dovresti provare a convincerla a farsi curare e ad andare in terapia in modo da far stare meglio lei e, di conseguenza, anche te.
Ringraziamenti da
man20 (08-09-2021), shalton (10-09-2021)
Vecchio 08-09-2021, 22:10   #6
Intermedio
L'avatar di spezzata
 

No, non voler bene a un genitore non è una cosa brutta. Penso, a volte, che sia triste. Ma non di certo una cosa brutta e sicuramente non te ne devi fare una colpa.
Tua madre é una persona molto fragile che ha bisogno di aiuto.. questo non significa che devi essere tu a darglielo. Dovrebbe essere seguita da qualcuno, non dovrebbe essere un tuo peso a vita. Specie dopo quello che hai passato.
Dici che tua madre ha fatto di tutto per te e che i suoi sacrifici li ha fatti ma questo non significa che tu le debba qualcosa. Prendersi cura di te, al limite delle sue possibilità, non è forse ciò che avrebbe dovuto fare tua madre? E per quanto ha potuto, nel suo stato disfunzionale... lo ha fatto. Tua madre ha fatto il suo corso e ha fatto ciò che poteva con ciò che aveva. I figli non devono niente ai propri genitori...non chiedono di nascere. Tua madre ha fatto semplicemente ciò che doveva fare, ha cercato di fare quello che poteva fare per te: alcune cose magari le ha fatte bene, altre male e questo non significa che tu debba fargli da bastone della vecchiaia per tutta la vita.. altrimenti quando comincerà la tua?
Bisogna allontanarsi da queste situazioni.. credo sia l'unico modo per poter stare meglio. Non necessariamente devi chiuderci i rapporti con lei (a volte, per forze fuori dal nostro controllo, non si possono neppure chiudere i rapporti con i propri genitori).. spesso ci si allontana per sempre dalle proprie famiglie e si chiude tutto, a volte ci si allontana e i rapporti migliorano proprio con la lontananza e si rimane in contatto vivendo ciascuno le proprie vite, trovando ciascuno i propri spazi. A volte ci si rivede spesso, a volte no. Solo tu puoi sapere cosa è giusto fare per te, nella tua situazione. Ma é chiaro che sia lei che te avete bisogno di un aiuto esterno a voi, un sostegno. Non si può andare avanti così.
Spero che la mio commento non sia troppo cinico e freddo, non è la mia intenzione. Spero tu possa migliorare la tua situazione e anche tua madre la sua.. in modo da poter star meglio entrambi.

Ultima modifica di spezzata; 08-09-2021 a 22:15.
Ringraziamenti da
shalton (10-09-2021)
Vecchio 09-09-2021, 11:17   #7
Avanzato
L'avatar di nonsense
 

dal mio punto di vista, forse datato e di parte, cerco di aiutarti a trovare un equilibrio puntualizzando:
1) nessuno può dare quanto non ha mai ricevuto;
2) l'errore (se così si può dire) è stato essenzialmente di tuo padre, di 10 anni più anziano di tua madre, che avrebbe dovuto proteggere da una gravidanza in età ancora adolescenziale;
3) non c'è niente di male se non senti un grande coinvolgimento emotivo nei suoi confronti: i sentimenti sono impulsi spontanei, di cui avere consapevolezza, senza che debbano per forza o per dovere essere "costruiti", diventando adulterati;
4) premesso che, non avendo chiesto di nascere, in effetti non dovresti avere obblighi nei suoi confronti, resta però a te valutare quanto il suo impegno a carattere economico nei tuoi confronti abbia migliorato la tua crescita, seppur maldestramente. considera se la riconoscenza è parte del tuo modo di essere. se sì, cerca di rstituirle, nei limiti delle tue possibilità, quanto in passato ti ha dato, anche solo con un aiuto a carattere economico (restituendo, dal più al meno, quanto hai ricevuto).

si ha diritto di giudicare i genitori quando si è sperimentato cosa significa esserlo sulla propria pelle. meglio sarebbe sempre, in ogni caso, cercare di comprendere, che in gran parte significa anche perdonare.
Vecchio 09-09-2021, 11:23   #8
Intermedio
L'avatar di Bamboladipezzi
 

Anche se non la vuoi a casa tua, e hai tutte le ragioni, non so se da un punto di vista legale ti toccherà averla. Perchè se tua madre si sente male per esempio e la portano in ospedale e lei gli dice che tu non ti curi di lei ti possono denunciare ai servizi sociali per abbandono di un genitore. Purtroppo anche se una se ne va di casa o non ha contatti coi genitori, per lo stato esiste sempre un legame giuridico, e quindi ai figli tocca mantenere o far curare un genitore indigente.
Nel tuo caso, visto che tua madre ha una condotta personale patologica e autolesionista, potresti parlarne con una psicologa e cercare di capire cosa si può fare, se farla curare dentro una struttura, se nella tua zona ci sono servizi di assistenza domiciliare o di tutela.
Questo non te lo posso dire io ma ti devi informare tu. Dipende anche dalle tue risorse economiche e dal tuo stato. Devi informarti bene perchè se succede qualcosa a tua madre purtroppo la responsabile sei sempre tu.
Vecchio 09-09-2021, 11:29   #9
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Non è brutto, ma non credo che tu non le voglia bene nonostante tutto. Anche io ho un brutto rapporto cn mia madre che mi ha lasciata con i miei nonni da neonata, però non posso dire di non volerle bene, è un affetto strano, rancoroso, doloroso, "freddo", distaccato, ma è affetto mi accorgo di provare bene nei suoi confronti quando la vedo stare male, provo compassione, mi ha ferita a morte ma comunque provo compassione per lei perchè è sempre mia madre. La stessa cosa per mio padre anche lui mi ha ferita, mi ha abbandonata in un certo senso, ma quando stava male volevo star male io al posto suo e sarei voluta morire io al posto suo. Per quanto riguarda l'averla in caso hai tutto il diritto di non volerla intorno, io mia madre non la vorrei mai intorno, le voglio bene e tutto quanto ma per carità, più lontana è e meno la sento meglio sto e non c'è nulla di male credo.

Ultima modifica di JR_Reloaded; 09-09-2021 a 11:32.
Vecchio 09-09-2021, 12:28   #10
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Ma in casi del genere mi meraviglierebbe di più il fatto che uno voglia bene a questo tipo di genitori.
Vecchio 09-09-2021, 23:28   #11
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Hor Visualizza il messaggio
Storia e situazione molto complicata.
Comunque rispondo alla domanda del topic: no, per me non è brutto non volere bene a un genitore (o a un parente stretto in genere).
I parenti sono persone come tutte le altre, che solo il caso ha voluto mettere sulla nostra strada tramite i legami genetici. Al di là dei pezzi di DNA che si condividono, io non ho mai visto che differenza ci sia rispetto a degli estranei.

Se una persona ti ha obiettivamente rovinato la vita non hai nessun obbligo a volergli bene, anzi, e questo a prescindere dai legami di sangue che ci sono.
brutto da dire ma è cosi
Vecchio 10-09-2021, 08:19   #12
Esperto
L'avatar di Kitsune
 

In una famiglia normale è difficilmente comprensibile e accettabile non amare i propri genitori, ma, in una famiglia disfunzionale lo è.
È butto? sì, ma puoi farci qualcosa?

Per esempio nella mia famiglia ci sono dinamiche spiacevoli complesse di tipo loop cicliche, situazioni, comportamenti e discorsi ripetitivi. Quando ho cominciato a sviscerare la mia identità su chi sono diventato, cosa penso, perché agisco così di riflesso ho cominciato un po' a farlo anche coi miei familiari e ho cominciato a predirne i comportamenti. A maggior accuratezza maggiore è diventata la sensazione di essere dentro un teatrino di burattini che seguono un copione, ogni tentativo di alterarne gli eventi inutile e con il tempo mi sono spostato come punto di vista, ho cominciato a percepirmi come nel pubblico piuttosto che sul palco. Ho smesso di partecipare e sono diventato spettatore, questo mindset mi ha portato a diventare freddo emotivamente. Sono coinvolto ma fino ad un certo punto.
Ringraziamenti da
nonsense (10-09-2021)
Vecchio 10-09-2021, 08:42   #13
Avanzato
L'avatar di Dr. House
 

No non lo è. Dal racconto hai elencato una molteplicità di elementi che motiverebbero il rancore verso tua madre e probabilmente fra questi ce n'è uno più rilevante degli altri sul quale riflettere più approfonditamente per capirne i nessi.
Non si sceglie di voler bene a una persona. L'affetto o lo si prova o non lo si prova. Diverso discorso è la compassione (di cui ha fatto cenno anche jr reloaded), ovvero tentare di penetrare il vissuto di tua madre e capire anche la coerenza interna di certi comportamenti che sono assurdi o criticabili.
Già un passo in questa direzione lo si evince quando hai scritto: "Venendo mia madre da una situazione difficile in casa (glielo riconosco, mia nonna materna era un orco per certi versi)".
Se potessi darti un consiglio sarebbe proprio questo, abbi compassione, per quanto puoi. Questo ti evita sia di attribuire più colpe di quanto sia necessario, sia di trovare un modo per, non dico volerle bene, ma di non volerle troppo male (che sarebbe l'obiettivo più realistico da perseguire).
Ringraziamenti da
nonsense (10-09-2021)
Vecchio 10-09-2021, 16:02   #14
Intermedio
L'avatar di spezzata
 

Quote:
Originariamente inviata da Bamboladipezzi Visualizza il messaggio
Anche se non la vuoi a casa tua, e hai tutte le ragioni, non so se da un punto di vista legale ti toccherà averla. Perchè se tua madre si sente male per esempio e la portano in ospedale e lei gli dice che tu non ti curi di lei ti possono denunciare ai servizi sociali per abbandono di un genitore. Purtroppo anche se una se ne va di casa o non ha contatti coi genitori, per lo stato esiste sempre un legame giuridico, e quindi ai figli tocca mantenere o far curare un genitore indigente.
Nel tuo caso, visto che tua madre ha una condotta personale patologica e autolesionista, potresti parlarne con una psicologa e cercare di capire cosa si può fare, se farla curare dentro una struttura, se nella tua zona ci sono servizi di assistenza domiciliare o di tutela.
Questo non te lo posso dire io ma ti devi informare tu. Dipende anche dalle tue risorse economiche e dal tuo stato. Devi informarti bene perchè se succede qualcosa a tua madre purtroppo la responsabile sei sempre tu.
Io ho sempre considerato questa cosa come un ricatto da parte dello stato italiano.
Lo stato, che non vuole o non può o entrambi, scarica il mantenimento dei genitori, nonni, anziani ecc.. sui giovani (questa generazione poi è quella che è addirittura messa peggio finanziariamente e dunque anche psicologicamente). Pena? Denuncia e talvolta anche incarcerazione. Mi pare di aver letto da qualche parte che si rischiano addirittura 6 anni.
Immagina te una persona che è stata male sotto il tetto della famiglia per anni, magari pure riesce ad uscirci in età avanzata e anche con sacrifici, per poi ritornarne ad esserne succube in un non troppo lontano futuro. Immagina la gente che non ne esce mai. Per me è una cosa assurda: è un laccio stretto permanentemente sulle gole delle persone più giovani, che spesso non si realizzeranno mai e nei casi peggiori non troveranno mai pace. Una limitazione di serenità e di libertà.

Quello che poi quasi sicuramente mi toccherà. Come si può non pensare di togliersi la vita in situazioni simili?
Ringraziamenti da
nonsense (11-09-2021)
Vecchio 10-09-2021, 23:00   #15
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Trinacria Visualizza il messaggio
Io non credo che tu non le voglia bene o non staresti qua a preoccupartene.
Da quello che racconti sembra che sia stata una ragazzina costretta a crescere troppo presto ma senza averne voglia. Dovresti provare a convincerla a farsi curare e ad andare in terapia in modo da far stare meglio lei e, di conseguenza, anche te.
Un altro motivo per cui non la compatisco con la scusa che usa lei "sono depressa" "sono stata abbandonata da mio padre" "Mia madre era un orco" è che non si è MAI voluta far curare e dare una mano
Vecchio 10-09-2021, 23:03   #16
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da spezzata Visualizza il messaggio
No, non voler bene a un genitore non è una cosa brutta. Penso, a volte, che sia triste. Ma non di certo una cosa brutta e sicuramente non te ne devi fare una colpa.
Tua madre é una persona molto fragile che ha bisogno di aiuto.. questo non significa che devi essere tu a darglielo. Dovrebbe essere seguita da qualcuno, non dovrebbe essere un tuo peso a vita. Specie dopo quello che hai passato.
Dici che tua madre ha fatto di tutto per te e che i suoi sacrifici li ha fatti ma questo non significa che tu le debba qualcosa. Prendersi cura di te, al limite delle sue possibilità, non è forse ciò che avrebbe dovuto fare tua madre? E per quanto ha potuto, nel suo stato disfunzionale... lo ha fatto. Tua madre ha fatto il suo corso e ha fatto ciò che poteva con ciò che aveva. I figli non devono niente ai propri genitori...non chiedono di nascere. Tua madre ha fatto semplicemente ciò che doveva fare, ha cercato di fare quello che poteva fare per te: alcune cose magari le ha fatte bene, altre male e questo non significa che tu debba fargli da bastone della vecchiaia per tutta la vita.. altrimenti quando comincerà la tua?
Bisogna allontanarsi da queste situazioni.. credo sia l'unico modo per poter stare meglio. Non necessariamente devi chiuderci i rapporti con lei (a volte, per forze fuori dal nostro controllo, non si possono neppure chiudere i rapporti con i propri genitori).. spesso ci si allontana per sempre dalle proprie famiglie e si chiude tutto, a volte ci si allontana e i rapporti migliorano proprio con la lontananza e si rimane in contatto vivendo ciascuno le proprie vite, trovando ciascuno i propri spazi. A volte ci si rivede spesso, a volte no. Solo tu puoi sapere cosa è giusto fare per te, nella tua situazione. Ma é chiaro che sia lei che te avete bisogno di un aiuto esterno a voi, un sostegno. Non si può andare avanti così.
Spero che la mio commento non sia troppo cinico e freddo, non è la mia intenzione. Spero tu possa migliorare la tua situazione e anche tua madre la sua.. in modo da poter star meglio entrambi.
Hai perfettamente centrato il punto quando hai detto quando comincerà la tua riferendoti alla vita. Lei dentro dentro fa di tutto per farmi restare in casa con lei e sua madre, perché dò anche dei soldi in casa e fanno comodo. E si sta studiando che quando muore mia nonna (mi auguro tra diecimila anni) non sa dove andare e non ha un tetto, anche perché non si è mai impegnata a cercarsi un lavoro vero.
Vecchio 10-09-2021, 23:06   #17
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Bamboladipezzi Visualizza il messaggio
Anche se non la vuoi a casa tua, e hai tutte le ragioni, non so se da un punto di vista legale ti toccherà averla. Perchè se tua madre si sente male per esempio e la portano in ospedale e lei gli dice che tu non ti curi di lei ti possono denunciare ai servizi sociali per abbandono di un genitore. Purtroppo anche se una se ne va di casa o non ha contatti coi genitori, per lo stato esiste sempre un legame giuridico, e quindi ai figli tocca mantenere o far curare un genitore indigente.
Nel tuo caso, visto che tua madre ha una condotta personale patologica e autolesionista, potresti parlarne con una psicologa e cercare di capire cosa si può fare, se farla curare dentro una struttura, se nella tua zona ci sono servizi di assistenza domiciliare o di tutela.
Questo non te lo posso dire io ma ti devi informare tu. Dipende anche dalle tue risorse economiche e dal tuo stato. Devi informarti bene perchè se succede qualcosa a tua madre purtroppo la responsabile sei sempre tu.
Non si è mai voluta far curare purtroppo. Diverse volte è andata dallo psicologo una o due sedute poi basta per mesi o anni, per poi cambiarlo
Vecchio 10-09-2021, 23:08   #18
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Dr. House Visualizza il messaggio
No non lo è. Dal racconto hai elencato una molteplicità di elementi che motiverebbero il rancore verso tua madre e probabilmente fra questi ce n'è uno più rilevante degli altri sul quale riflettere più approfonditamente per capirne i nessi.
Non si sceglie di voler bene a una persona. L'affetto o lo si prova o non lo si prova. Diverso discorso è la compassione (di cui ha fatto cenno anche jr reloaded), ovvero tentare di penetrare il vissuto di tua madre e capire anche la coerenza interna di certi comportamenti che sono assurdi o criticabili.
Già un passo in questa direzione lo si evince quando hai scritto: "Venendo mia madre da una situazione difficile in casa (glielo riconosco, mia nonna materna era un orco per certi versi)".
Se potessi darti un consiglio sarebbe proprio questo, abbi compassione, per quanto puoi. Questo ti evita sia di attribuire più colpe di quanto sia necessario, sia di trovare un modo per, non dico volerle bene, ma di non volerle troppo male (che sarebbe l'obiettivo più realistico da perseguire).
Concordo, anche se ammetto che andando in "autoprotezione" per 25 anni della mia vita le ho dato compassione, le ho dato meriti che non aveva, ho vissuto con le bende sugli occhi non vedendo cose ovvie e giustificandola sull'ingiustificabile.
Vecchio 10-09-2021, 23:09   #19
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da spezzata Visualizza il messaggio
Come si può non pensare di togliersi la vita in situazioni simili?
Io in alcuni momenti spero lo faccia, so di aver detto una cosa orribile, ma è la verità
Vecchio 11-09-2021, 00:12   #20
idk
Esperto
L'avatar di idk
 

Settimane fa mi chiama mia madre, dopo che lo screening annuale della mammografia ha dato esito sospetto:

> Mi hanno richiamata e subito fissato un incontro.
> Ti aspetti la brutta sorpresa?
> (...)
> L'erba cattiva non muore mai. Stai tranquilla.
> (......)

> Mi accompagni domani a comprare un vestito?
> Ok

Penso sia molto peggio odiare e voler bene allo stesso tempo. Non voler bene e basta è più rassicurante.
Ringraziamenti da
martina_ (11-09-2021), spezzata (11-09-2021)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a E' tanto brutto non voler bene ad un genitore?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Come farsi voler bene dalle persone? Masterplan92 SocioFobia Forum Generale 73 21-08-2019 13:57
Voler bene a un nick. Satana Amore e Amicizia 45 01-06-2013 17:59
Perché non sa voler bene. passenger Amore e Amicizia 32 22-03-2011 16:44
Avete mai detto ti voglio bene ad un vostro genitore? ADEX87 Sondaggi 38 22-04-2010 22:08
ogni tanto fa bene.. esposizione SocioFobia Forum Generale 1 05-10-2009 22:24



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 23:47.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2