FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Amore e Amicizia
Rispondi
 
Vecchio 22-11-2022, 00:05   #1
Intermedio
 

Sto vivendo un periodo particolarmente difficile, come alcuni di voi, sono molto molto sola come ormai da tanti anni ma adesso la cosa mi sembra ormai irreversibile. Ma la cosa peggiore è che ancora nutro inconsciamente qualche aspettativa di trovare una cerchia di amici con cui FARE e PARLARE di cose che abbiamo in comune e soprattutto di trovare l'amore. Magari non l'amore disperato ma quell'amore di scelta dove c'è tanta tanta intesa. Ma sono cose che capitano sempre agli altri, alle persone attraenti e che si sono costruite una vita passo dopo passo.
Invece io no. Non so come giustificare la mia vita vuota di esperienze in tutti gli ambiti e sono molto cosciente dei miei processi interiori ma non altrettanto di come appaio. Sto cominciando a credere di apparire molto peggio di come credevo, nel senso che si vede già dall'esterno che sono un'emarginata (aspetto tono voce modo di porsi).
Il punto è che ho passato da meno di cinque anni i trenta e mi devo veramente abituare al fatto che non avrò un partner una famiglia una vita normale e un lavoro decente. Sarò sempre un'emarginata. MA IO NON LO VOGLIO ACCETTARE QUESTO, NON RIESCO AD ACCETTARLO! .
Qualcuno ci sta passando o ci è passato e ha qualcosa da dirmi?
Sono veramente disperata e non vedo più una ragione per vivere, ho anche la diagnosi di una malattia cronica brutta brutta anche se per ora non ho sintomi. E non penso che anche se trovassi uno nei prossimi anni la potrebbe mai accettare. Non sono depressa è che so già la mia condanna di solitudine ed è chiaro che la vita non ha più senso.
NON QUOTARE

Ultima modifica di Giovedì; 22-11-2022 a 00:07.
Ringraziamenti da
bukowskiii (22-11-2022), DownwardSpiral2 (22-11-2022), euridice_ (22-11-2022), Varano (22-11-2022), XL (22-11-2022)
Vecchio 22-11-2022, 07:35   #2
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Mi dispiace ma a volte non c'è niente che si può fare. Quando si entra in un processo non reversibile gli altri ti diranno di continuare a sperare che prima o poi tutto si aggiusta, e poi ti volteranno le spalle dicendoti che non possono fare niente e che dipende solo da te. Ma se non hai gli strumenti non puoi far nulla, solo abituarti e rassegnarti. Ci vuole tempo e si deve passare l'inferno ma prima o poi giunge il momento del sollievo, è inevitabile, non puoi bruciare per sempre, la fiamma si estingue e riamane cenere al vento.
Ringraziamenti da
edward00767 (22-11-2022), Ezp97 (22-11-2022)
Vecchio 22-11-2022, 07:56   #3
Principiante
 

Anche io sto vivendo un periodo così e mi sto rassegnando. Ormai ho un'età per cui non posso giustificare certe cose, non so niente delle cose più importanti della vita. Cerco di consolarmi dicendo che non tutti possono avere amici e un fidanzato, e questo è toccato a me, e sperando di morire, molto presto.
Vecchio 22-11-2022, 08:13   #4
Esperto
L'avatar di Artemis_90
 

Pensa, io sono arrivata a non voler accettare il contrario, che ho bisogno anche io di relazioni umane, è un'idea che mi causa la nausea, che la mia felicità dipenda da esseri idioti, inconsapevoli, materialisti, superficiali mi causa nausea... mi devo buttare nella latrina con a loro e rotolarmi nei liquami insieme a questi individui per essere felice? Io non voglio abbassarmi a questo, è come sminuire me stessa dire "io ho bisogno di amici e di un compagno" è come se io sminuissi me stessa se lo dicessi, perchè significa che dovrò buttarmi in quella latrina e sguazzare insieme a loro. Io è così che vedo la società, proprio come una latrina piena di liquami e per relazionarmi ad altri individui devo entrarci anche io...una cosa è entrarci con lo scafandro, nuoti un pò, ti fai un'idea di quello che succede e poi esci, ma per avere delle relazioni bisogna entrarci nudi e lanciarsi nlla bolgia di corpi aggrovigliati. Dovrò andare a prendere una doppia dose di xanax adesso che ho visualizzato questa orrifica immagine.

Ultima modifica di Artemis_90; 22-11-2022 a 08:21.
Ringraziamenti da
bukowskiii (22-11-2022), Giovedì (22-11-2022), Warlordmaniac (22-11-2022)
Vecchio 22-11-2022, 08:39   #5
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Artemis_90 Visualizza il messaggio
Pensa, io sono arrivata a non voler accettare il contrario, che ho bisogno anche io di relazioni umane, è un'idea che mi causa la nausea, che la mia felicità dipenda da esseri idioti, inconsapevoli, materialisti, superficiali mi causa nausea... mi devo buttare nella latrina con a loro e rotolarmi nei liquami insieme a questi individui per essere felice? Io non voglio abbassarmi a questo, è come sminuire me stessa dire "io ho bisogno di amici e di un compagno" è come se io sminuissi me stessa se lo dicessi, perchè significa che dovrò buttarmi in quella latrina e sguazzare insieme a loro. Io è così che vedo la società, proprio come una latrina piena di liquami e per relazionarmi ad altri individui devo entrarci anche io...una cosa è entrarci con lo scafandro, nuoti un pò, ti fai un'idea di quello che succede e poi esci, ma per avere delle relazioni bisogna entrarci nudi e lanciarsi nlla bolgia di corpi aggrovigliati. Dovrò andare a prendere una doppia dose di xanax adesso che ho visualizzato questa orrifica immagine.
Ti senti una divinità soprannaturale?
Vecchio 22-11-2022, 09:06   #6
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Artemis_90 Visualizza il messaggio
Pensa, io sono arrivata a non voler accettare il contrario, che ho bisogno anche io di relazioni umane, è un'idea che mi causa la nausea, che la mia felicità dipenda da esseri idioti, inconsapevoli, materialisti, superficiali mi causa nausea... mi devo buttare nella latrina con a loro e rotolarmi nei liquami insieme a questi individui per essere felice? Io non voglio abbassarmi a questo, è come sminuire me stessa dire "io ho bisogno di amici e di un compagno" è come se io sminuissi me stessa se lo dicessi, perchè significa che dovrò buttarmi in quella latrina e sguazzare insieme a loro. Io è così che vedo la società, proprio come una latrina piena di liquami e per relazionarmi ad altri individui devo entrarci anche io...una cosa è entrarci con lo scafandro, nuoti un pò, ti fai un'idea di quello che succede e poi esci, ma per avere delle relazioni bisogna entrarci nudi e lanciarsi nlla bolgia di corpi aggrovigliati. Dovrò andare a prendere una doppia dose di xanax adesso che ho visualizzato questa orrifica immagine.
ti amo, la vivo alla stessa maniera
Vecchio 22-11-2022, 09:16   #7
Esperto
L'avatar di Trinacria
 

È una sensazione che provo praticamente da sempre. Quando ero ragazzina mi dicevo che un giorno le cose sarebbero migliorate, che avrei trovato qualcuno ma più passava il tempo e più mi rendevo conto che forse per me non sarebbe mai arrivato nessuno. Ormai sono arrivata a un punto di rassegnazione. So che quello che voglio non arriverà mai. Dentro di me un minimo di speranza continua sempre ad esserci ma si sta affievolendo sempre di più. Anche perchè questa ipotetica compagnia non saprei proprio da dove potrebbe arrivare, non bussa di certo al campanello di casa dicendo "Eccomi! Sono qui per te!".
Alla fine, però, la realtà è che sono sempre stata sola quindi non so nemmeno come sarebbe la mia vita insieme a qualcuno e se potrebbe piacermi. Credo sia più un ideale platonico che ci creiamo.
Vecchio 22-11-2022, 09:55   #8
Esperto
L'avatar di Soddisfatto
 

Arriva il momento in cui bisogna accettare, che ci piaccia o meno, che certe situazioni che per molte persone sono normali per altre non lo sono. Non ho mai avuto problemi con le amicizie ma in ambito sentimentale direi proprio di sì. Con il tempo però ho trasformato la mia totale mancanza di vita sentimentale nella mia caratteristica fondamentale e predominante, è diventata una parte di me a cui non voglio rinunciare. Non ho aspettative di nessun genere in questo settore e mi piace, so che non cambierà mai niente e questo mi rende felice. In altri termini ambisco io stesso ad una vita priva di donne e sessualità per la quale provo un certo disgusto e fastidio.
Pertanto trovo che le nostre aspettative vadano adattate a quello che si può effettivamente ottenere. Se so di non poter avere una vita sentimentale allora ambisco a vivere senza per sempre.
Perché, come dici tu, l'amore è solo per persone attraenti fisicamente.
Vecchio 22-11-2022, 09:57   #9
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Non è possibile vivere senza perlomeno delle amicizie, non so quanti anni tu abbia ma io sono solo da diversi anni e non è cosa di vivere così, soprattutto se sei sotto i 30 anni.
È molto complicato uscirne ma non finiamo a fare autoconvinzione che si sta bene da soli, che devi trovarti bene con te stesso/a e minchiate varie. Non facciamo gli ipocriti per piacere.
Abbiamo tutti bisogno di quel minimo di socialità e chi ti dice quelle cose è come un drogato che ti consiglia di drogarti.
Ringraziamenti da
Vespa1976 (22-11-2022)
Vecchio 22-11-2022, 10:35   #10
Esperto
L'avatar di Black_Hole_Sun
 

Quote:
Originariamente inviata da Artemis_90 Visualizza il messaggio
Pensa, io sono arrivata a non voler accettare il contrario, che ho bisogno anche io di relazioni umane, è un'idea che mi causa la nausea, che la mia felicità dipenda da esseri idioti, inconsapevoli, materialisti, superficiali mi causa nausea... mi devo buttare nella latrina con a loro e rotolarmi nei liquami insieme a questi individui per essere felice? Io non voglio abbassarmi a questo, è come sminuire me stessa dire "io ho bisogno di amici e di un compagno" è come se io sminuissi me stessa se lo dicessi, perchè significa che dovrò buttarmi in quella latrina e sguazzare insieme a loro. Io è così che vedo la società, proprio come una latrina piena di liquami e per relazionarmi ad altri individui devo entrarci anche io...una cosa è entrarci con lo scafandro, nuoti un pò, ti fai un'idea di quello che succede e poi esci, ma per avere delle relazioni bisogna entrarci nudi e lanciarsi nlla bolgia di corpi aggrovigliati. Dovrò andare a prendere una doppia dose di xanax adesso che ho visualizzato questa orrifica immagine.
E non ti abbassare allora al liquame fetido dell'umano medio, resta nel tuo Olimpo felice.
Vecchio 22-11-2022, 10:41   #11
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da Ezp97 Visualizza il messaggio
Non è possibile vivere senza perlomeno delle amicizie, non so quanti anni tu abbia ma io sono solo da diversi anni e non è cosa di vivere così, soprattutto se sei sotto i 30 anni.
È molto complicato uscirne ma non finiamo a fare autoconvinzione che si sta bene da soli, che devi trovarti bene con te stesso/a e minchiate varie. Non facciamo gli ipocriti per piacere.
Abbiamo tutti bisogno di quel minimo di socialità e chi ti dice quelle cose è come un drogato che ti consiglia di drogarti.
È esattamente così
Vecchio 22-11-2022, 10:43   #12
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da pokorny Visualizza il messaggio
È esattamente così
E aggiungo, delle volte meglio vivere relazioni superficiali che stare sempre a zero, magari tramite quelle trovi pure relazioni genuine e vere.
Vecchio 22-11-2022, 10:50   #13
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Io vivo le mie giornate in quasi totale solitudine, nel senso che i pochi contatti umani che mi sono rimasti li tengo tramite internet e per motivi di distanza ci si vede qualche volta all'anno, quindi passo anche molti mesi senza vedere nessuno.
Soffro molto meno che all'inizio, i primi anni di solitudine sono stati molto duri da affrontare, ora è come se la sofferenza si fosse in qualche modo placata.
Eppure la tensione volta a ritrovare in qualche modo dei rapporti umani non s'è placata, la sento sempre in agguato dentro di me, è quello che alla fine mi spinge a muovermi e a non passare le mie giornate senza far nulla. Vivo senza rapporti umani ma non riuscirei a vivere senza la volontà di trovarne. E le poche volte in cui si apre la prospettiva di fare nuove conoscenze significative (che poi finiscono tutte nel nulla, ma questo è un altro discorso) posso percepire la differenza tra una vita senza rapporti umani e una con: è come passare da una visione in bianco e nero a una con sedici milioni di colori. Ovviamente si può vivere anche vedendo le cose in bianco e nero, e alla lunga ci si abitua, perché a tutto ci si abitua, e quasi ci si dimentica com'è vedere a colori, ma quelle poche volte in cui ci si avvicina, per pochi istanti, alla visione a colori, allora si capisce in un lampo tutto quello che si è perso e come le due cose siano assolutamente incomparabili.
Ringraziamenti da
Keith (22-11-2022), Kitsune (22-11-2022), Xchénnpossoreg? (22-11-2022)
Vecchio 22-11-2022, 10:51   #14
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Quote:
Originariamente inviata da Ezp97 Visualizza il messaggio
E aggiungo, delle volte meglio vivere relazioni superficiali che stare sempre a zero, magari tramite quelle trovi pure relazioni genuine e vere.
Esatto, servono molto anche quelle. Sono esattamente l'equivalente dell'apprendimento della parte tecnica di una professione, in una parola l'esperienza che poi permette di evitare errori e vivere una vita soddisfacente.

Quasi tutti gli idealisti che ho conosciuto, ovvero chi nega questa realtà, hanno avuto e tutt'ora hanno vite familiari non proprio meravigliose. Forse un tempo, ma oggi "buona la prima [e vergini al matrimonio se c'è la relativa convinzione]" è l'anticamera del fallimento. Sono cambiati i tempi, non ne faccio una questione (im)morale.
Vecchio 22-11-2022, 11:11   #15
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Hor Visualizza il messaggio
Io vivo le mie giornate in quasi totale solitudine, nel senso che i pochi contatti umani che mi sono rimasti li tengo tramite internet e per motivi di distanza ci si vede qualche volta all'anno, quindi passo anche molti mesi senza vedere nessuno.
Soffro molto meno che all'inizio, i primi anni di solitudine sono stati molto duri da affrontare, ora è come se la sofferenza si fosse in qualche modo placata.
Eppure la tensione volta a ritrovare in qualche modo dei rapporti umani non s'è placata, la sento sempre in agguato dentro di me, è quello che alla fine mi spinge a muovermi e a non passare le mie giornate senza far nulla. Vivo senza rapporti umani ma non riuscirei a vivere senza la volontà di trovarne. E le poche volte in cui si apre la prospettiva di fare nuove conoscenze significative (che poi finiscono tutte nel nulla, ma questo è un altro discorso) posso percepire la differenza tra una vita senza rapporti umani e una con: è come passare da una visione in bianco e nero a una con sedici milioni di colori. Ovviamente si può vivere anche vedendo le cose in bianco e nero, e alla lunga ci si abitua, perché a tutto ci si abitua, e quasi ci si dimentica com'è vedere a colori, ma quelle poche volte in cui ci si avvicina, per pochi istanti, alla visione a colori, allora si capisce in un lampo tutto quello che si è perso e come le due cose siano assolutamente incomparabili.
Ci si abitua ma è come drogarsi, pure uno che è drogato è abituato a drogarsi, però mica va bene, si sta ammazzando piano piano, uguale la reclusione, la solitudine, ragazzi lo so che ci si sta male però non cerchiamo di cadere dall'altra parte dove(non parlo del tuo pensiero) spesso si pensa che gli estroversi siano i malvagi, i cattivi, quelli che se ti metti la tuta o il jeans largo o i capelli rossi, e dicono "Guarda che sfigato quello!".
Beh ve lo dico, da un po' di tempo ormai, non vi pensano proprio, non gliene frega niente.
Tutti questi paladini che dicono la gente ti giudica, noi veniamo giudicati, non bisogna giudicare, ti guardano, ti fanno, sono seghe mentali che la gente si fa e quando uno dice queste cose cade da quella parte di pregiudizio malato che in realtà ha lui.
Magari uno ti guarda perché non sei mai andato in quel locale o non ti ha mai visto, ma non perché hai la t shirt rosa o le scarpe larghe.
Quindi dico che molti di noi "soli" partono già male e la gente sente la puzza non di sfigato ma di uno che palesemente mostra insicurezza dettata dal fatto che non si sente normale e loro lo capiscono e si sentono superiori magari, ma se uno si fa vedere al pari, si fa vedere sicuro di sé, puoi pure avere la t shirt piccola, la panza che ti esce fuori, i denti gialli da sigaretta, che vieni accettato.
Magari non ti accetta una come Monica Bellucci o il gruppo dei blogger internazionali più famosi, ma chi se ne frega.
Vecchio 22-11-2022, 11:30   #16
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Hor Visualizza il messaggio
ma quelle poche volte in cui ci si avvicina, per pochi istanti, alla visione a colori, allora si capisce in un lampo tutto quello che si è perso e come le due cose siano assolutamente incomparabili.
Esatto, quelle poche volte in cui ci si avvicina, sono quelle volte, ad esempio, che qualcuno ci rivolge la parola e ci fa vedere com'è bello sentirsi considerati, seppur per pochi istanti. Il brutto è proprio assaporare la normalità per poco e poi ripiombare nell'inferno. E ogni volta fa sempre male...
Vecchio 22-11-2022, 11:37   #17
Esperto
L'avatar di Xchénnpossoreg?
 

Qual è il peso dei desideri? Quanto contano?
Voglio o vorrei?
Non lo so e sinceramente preferisco restare senza risposta.

La vita è fatta di incastri, momenti, situazioni che capitano e non capitano. Tanta cose non dipendono da noi, alla fine scegliamo ben poco della nostra esistenza.

Di base sento di essere soltanto una formica. Il mondo è grande, le stagioni si susseguono senza pagare il biglietto, le panetterie chiudono o cambiano gestione. È così, posso soltanto adeguarmi al corso degli eventi.

Ultima modifica di Xchénnpossoreg?; 22-11-2022 a 11:39.
Ringraziamenti da
claire (23-11-2022), Ezp97 (22-11-2022), Norlit (22-11-2022)
Vecchio 22-11-2022, 11:42   #18
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

@Giovedì

L'amore e l'amicizia sono tuoi diritti. Mai arrendersi e accettare di non poterli avere.
Vecchio 22-11-2022, 11:48   #19
Esperto
 

Dell’amore ne faccio volentieri a meno, che poi va beh un sentimento condizionato dall’aspetto fisico ( chi più e chi meno ) non vale l’amicizia secondo i miei canoni, poi c’è pure chi vive amori ma sarebbe meglio non lo facesse, perché magari li vive nella maniera sbagliata
Vecchio 22-11-2022, 12:06   #20
Intermedio
 

Si è possibile escludere l'amore e l'amicizia dalle proprie aspettative.
Entrambe possono essere realtà lontane da come si è fatti e combatterlo fa solo soffrire.
Questo si può capire mettendosi in prima a persona nel provare, contatta infatti qualcuno e metti alla prova la tua iniziativa, ti accorgerai di non avere la giusta predisposizione nel creare amicizie e tanto meno amore.
Realizzare di stare mentendo secondo me è l'illuminazione per questa esclusione semi-serena dal mondo.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a È possibile riuscire a escludere l'amore e l'amicizia dalle proprie aspettative?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Non riuscire a tenere rapporti di amicizia cancellato5862 Disturbo evitante di personalità 17 02-12-2019 21:27
Non riuscire a capire e sottostimare le proprie emozioni SpaceBoy SocioFobia Forum Generale 3 29-12-2017 21:57
è possibile riuscire a cambiare pur non sapendo cosa volere davvero? norton92 SocioFobia Forum Generale 2 27-09-2013 16:39
Conquistare amicizia, simpatia, stima, amore: un sogno possibile. Labocania SocioFobia Forum Generale 26 24-09-2012 12:42
il non riuscire a "farsi le proprie ragioni"... mariobross SocioFobia Forum Generale 18 10-03-2009 09:50



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 07:21.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2