FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 23-11-2011, 17:59   #1
Esperto
L'avatar di Allocco
 

Ok, ce lo aspettavamo tutti che avrei aperto questa cosa...

Malattia da "male".
Malato nasce come participio di malare: chi ha un male, e fin qui...

Applicando questa definizione letterale tutti sono malati di tutto.

Ma qual'è il vantaggio di definirsi "malato"?
Leggo sempre più persone scrivere nel forum "non è colpa tua, sei malato"; "accidenti alla fobia" e simili..
Ovviamente ne hanno il diritto, nessuno lo nega, ma qual'è il vantaggio che se ne trae?
Me lo chiedo sinceramente.

---
Da qui iniziano le mie opinioni, il primo post finisce qui, fate conto che questa sia una risposta..!

Se ci si definisce o si viene definiti "malati" si può reagire in almeno un paio di maniere:
Una meno comune, informandosi e soppesando le eventualità, gli indizi, le diagnosi e valutando la propria situazione per quello che è.
Una comune, accettando la propria condizione come indipendente da sé, come un virus o un'infezione, da curare con un farmaco o simili.

Il problema di questa seconda reazione è che se una polmonite si cura con i farmaci a prescindere dalla volontà del malato, un disagio psicologico non è superabile senza l'apporto del soggetto. I farmaci possono aiutarlo, ne possono alleviare i sintomi (sono fondamentali, vanno usati sicuramente se necessario) ma senza la decisione dell'interessato non faranno altro che quello.
Si può vivere una vita normale con l'apporto dei farmaci, nessun dubbio, ma se il "malato" non decide di guarire non accadrà.

Se la malattia viene accolta come indipendente da sé si chiudono le porte della sua soluzione.

Ultima modifica di Allocco; 23-11-2011 a 18:01.
Vecchio 23-11-2011, 18:01   #2
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Allocco Visualizza il messaggio
Ok, ce lo aspettavamo tutti che avrei aperto questa cosa...

Malattia da "male".
Malato nasce come participio di malare: chi ha un male, e fin qui...

Applicando questa definizione letterale tutti sono malati di tutto.

Ma qual'è il vantaggio di definirsi "malato"?
Leggo sempre più persone scrivere nel forum "non è colpa tua, sei malato"; "accidenti alla fobia" e simili..
Ovviamente ne hanno il diritto, nessuno lo nega, ma qual'è il vantaggio che se ne trae?
Me lo chiedo sinceramente.

---
Perché, deve per forza esserci un vantaggio o uno svantaggio? io mi preoccuperei piuttosto di definire se si è davvero malati o no, nel senso clinico/patologico del termine.
Vecchio 23-11-2011, 18:16   #3
Esperto
L'avatar di Allocco
 

Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
Perché, deve per forza esserci un vantaggio o uno svantaggio? io mi preoccuperei piuttosto di definire se si è davvero malati o no, nel senso clinico/patologico del termine.
Opinioni ->
Non deve esserci per forza, è ovvio ': D
Ma non deve esserci per forza nemmeno una scienza che decida cosa è o non è patologico..

I manuali cambiano di anno in anno, sono solo definizioni.
Utili a catalogare, a rendere sistematica la ricerca sui disturbi.
Ma hanno ripercussioni sugli oggetti delle loro definizioni?

Se si usa un termine ambiguo accomunando quelle causate (e quindi risolvibili indipendentemente dal malato) da fattori esterni con quelle causate (e quindi risolvibili solo con l'apporto del malato) anche da fattori interni si rischia di creare un grosso problema..

Io non ho mai neppure lontanamente pensato di definirmi malato, anche se il mio profilo corrisponde a quello di una manciata di malattie mentali ho sempre considerato le definizioni dei manuali esercizi di classificazione.
Almeno una persona che conosco si definisce malata di depressione, e a parte prendere un paio di pillole non sente il dovere di fare altro, cosa mai potrebbe fare?
Ha una malattia, i medici e le medicine la guariranno...

Ultima modifica di Allocco; 23-11-2011 a 18:20.
Vecchio 23-11-2011, 18:20   #4
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Allocco Visualizza il messaggio
Opinioni ->
Non deve esserci per forza, è ovvio ': D
Ma non deve esserci per forza nemmeno una scienza che decida cosa è o non è patologico..
Secondo me sì, invece. Se no non si capisce una mazza e si hanno i casi come quello della persona che conosci in cui non si capisce se si ha davvero una malattia o no.
Se si ha una malattia si segue un percorso di cura affidandosi a specialisti del settore e ovviamente collaborando attivamente alla cura per quanto possibile.
Se invece si ha, più che una malattia, un problema, si cerca di risolverlo in base a esperienze e pareri propri e altrui.
Dico questo perché non mi sognerei mai di dire che un depresso non lo è veramente e sta solo crogiolandosi nei suoi problemi, non ne so abbastanza di lui nè della malattia "depressione" per poterlo dire. Bisogna fare una valutazione caso per caso e questa valutazione possono farla solo la persona interessata e uno specialista.
Vecchio 23-11-2011, 18:21   #5
Esperto
L'avatar di Guardianangel
 

io penso che SPESSE volte questa della malattia sia una bella scusa per evitare di risolvere o risolvere piu rapidamente certi problemi o cambiare determinati comportamenti.
una bella scusa per evitare di affrontare le cose ( non sempre ovviamente)
Vecchio 23-11-2011, 18:45   #6
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Allocco Visualizza il messaggio
Se la malattia viene accolta come indipendente da sé si chiudono le porte della sua soluzione.
concordo, anche dando le colpe agli altri, alla società bla bla bla ecc...
Vecchio 23-11-2011, 18:45   #7
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da psmaker Visualizza il messaggio
io penso che SPESSE volte questa della malattia sia una bella scusa per evitare di risolvere o risolvere piu rapidamente certi problemi o cambiare determinati comportamenti.
una bella scusa per evitare di affrontare le cose ( non sempre ovviamente)
A volte può essere così, altre volte il prendere coscienza di essere malati ci può far entrare nell'ordine d'idee di doverci curare, e ci può suggerire l'idea di andare dal dottore (psicologo/psichiatra), cosa che per alcuni può segnare l'inizio di un percorso di miglioramento interiore. E non necessariamente pensare di essere malati equivale a dare colpe agli altri, mica tutti i malati si comportano in questo modo.
Vecchio 23-11-2011, 18:50   #8
Esperto
L'avatar di Lian
 

Dibattere sul concetto “malattia” significa mettere in discussione le stesse fondamenta della medicina convenzionale, e francamente non me la sento di andare oltre a poche considerazioni personali.

Il concetto di “malattia”, nella mia visione, non implica necessariamente una delegazione della responsabilità.
La “malattia”, secondo la medicina convenzionale, è un modello in base al quale si formulano soluzioni che possano funzionare con buona statistica.
È così che io la vivo: la terapia che mi viene somministrata è un sistema raffinato e continuamente rinnovato dallo studio di migliaia di “casi simili”. La cooperazione del paziente, la sua volontà di stare meglio, è, in ogni caso, fondamentale in ogni processo di guarigione. La terapia è per me come una ginnastica ben codificata.

Anche l'arbitrarietà dello stare male può essere una forma di automatismo (autolesionismo), e il vittimismo una parte dei "sintomi"...Il DSM IV è vasto.

(Mi sa che non ci ho capito niente, ma ho dormito 4 ore T_T)
Vecchio 23-11-2011, 18:59   #9
Esperto
L'avatar di barclay
 

Uno dei principi cardine della psicoterapia (qualunque sia la scuola terapeutica) è il rendere cosciente il disturbo. Se il paziente non vede il problema non può né correggerlo né affrontarlo.
Vecchio 23-11-2011, 21:42   #10
Esperto
L'avatar di Allocco
 

Qualcosa è uscito fuori, bene.

Quote:
Originariamente inviata da Allocco Visualizza il messaggio
[SIZE="1"]Ma qual'è il vantaggio di definirsi "malato"?
Quote:
Originariamente inviata da Lian Visualizza il messaggio
La “malattia”, secondo la medicina convenzionale, è un modello in base al quale si formulano soluzioni che possano funzionare con buona statistica.
Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
il prendere coscienza di essere malati ci può far entrare nell'ordine d'idee di doverci curare, e ci può suggerire l'idea di andare dal dottore (psicologo/psichiatra), cosa che per alcuni può segnare l'inizio di un percorso di miglioramento interiore.
Quote:
Originariamente inviata da stone Visualizza il messaggio
Uno dei principi cardine della psicoterapia (qualunque sia la scuola terapeutica) è il rendere cosciente il disturbo. Se il paziente non vede il problema non può né correggerlo né affrontarlo.
Sono d'accordissimo con voi.
Andare dal dottore è un'ottimo inizio, le (psico)terapie sono studiate da un secolo e hanno una percentuale di successo decente, per ultimo "dare un nome alle cose" è importante, ci permette di conoscerle e magari affrontarle.

Rimango con la mia domanda però, queste sembrano ragioni abbastanza valide per "vedersi come malati", ma funzionerebbero anche se considerassimo la nostra condizione come una parte di noi che ci fa soffrire, o come un ostacolo alla nostra formazione...
O come qualsiasi definizione non accomuni qualcosa di oggettivamente misurabile (cause esterne) con qualcosa di aleatorio e difficilmente definibile (cause interne).
Sono solo io che vedo questa doppia lama?


Ultima modifica di Allocco; 23-11-2011 a 21:45.
Vecchio 23-11-2011, 21:46   #11
Esperto
L'avatar di Allocco
 

Ah no, faria mi capisce...
Ma lui non conta...

Sospetto che sia una delle mie personalità...
Vecchio 23-11-2011, 22:26   #12
Esperto
 

Io non ho mai definito quello che sono come una malattia (difatti come vedete uso il termine "quello che sono", non "quello che ho"), ma come una condizione derivata da ben precise cause di cui sono conscio, e che nel mio caso non è curabile.
Vecchio 23-11-2011, 23:07   #13
Banned
 

Credimi, definirsi malati ha molti vantaggi, anche economici, da parte della famiglia, che non sgancerebbe tanti soldi per una persona sana...uber alles, al di là dei vantaggi secondari.
Vecchio 24-11-2011, 00:56   #14
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Allocco Visualizza il messaggio
Ok, ce lo aspettavamo tutti che avrei aperto questa cosa...

Malattia da "male".
Malato nasce come participio di malare: chi ha un male, e fin qui...

Applicando questa definizione letterale tutti sono malati di tutto.

Ma qual'è il vantaggio di definirsi "malato"?
Leggo sempre più persone scrivere nel forum "non è colpa tua, sei malato"; "accidenti alla fobia" e simili..
Ovviamente ne hanno il diritto, nessuno lo nega, ma qual'è il vantaggio che se ne trae?
Me lo chiedo sinceramente.

---
Da qui iniziano le mie opinioni, il primo post finisce qui, fate conto che questa sia una risposta..!

Se ci si definisce o si viene definiti "malati" si può reagire in almeno un paio di maniere:
Una meno comune, informandosi e soppesando le eventualità, gli indizi, le diagnosi e valutando la propria situazione per quello che è.
Una comune, accettando la propria condizione come indipendente da sé, come un virus o un'infezione, da curare con un farmaco o simili.

Il problema di questa seconda reazione è che se una polmonite si cura con i farmaci a prescindere dalla volontà del malato, un disagio psicologico non è superabile senza l'apporto del soggetto. I farmaci possono aiutarlo, ne possono alleviare i sintomi (sono fondamentali, vanno usati sicuramente se necessario) ma senza la decisione dell'interessato non faranno altro che quello.
Si può vivere una vita normale con l'apporto dei farmaci, nessun dubbio, ma se il "malato" non decide di guarire non accadrà.

Se la malattia viene accolta come indipendente da sé si chiudono le porte della sua soluzione.
vabbè è come se un tizio non si cura una polmonite e poi muore, lo stesso vale per le malattie mentali se non le curi impazisci e degeneri
Vecchio 24-11-2011, 13:56   #15
Principiante
L'avatar di @Dunn @
 

secondo me dobbiamo definirci malati
perchè le malattie la cui cura non è necessariamente subordianata ad uno psicologo o uno psichiatra non si possono curare semplicemente con l'impiego di farmaci senza alcun apporto del paziente.
lasciamo perdere raffreddore e cazzatine varie
da un tumore (curabile con farmaci e terapia) non si guarisce senza forza di volontà
una frattura non guarisce solo mettendo il gesso, devi fare riabilitazione
guardando la cosa dal punto di vista inverso: se si può decidere di morire lascaindosi morire come facevano i vecchi indiani...allora anche la guarigione è in ogni caso legata alla volontà del soggetto
Vecchio 24-11-2011, 17:42   #16
Esperto
L'avatar di Black Moon
 

Quote:
Originariamente inviata da stone Visualizza il messaggio
Uno dei principi cardine della psicoterapia (qualunque sia la scuola terapeutica) è il rendere cosciente il disturbo. Se il paziente non vede il problema non può né correggerlo né affrontarlo.
esatto...
Vecchio 24-11-2011, 17:42   #17
Esperto
L'avatar di Black Moon
 

Quote:
Originariamente inviata da psmaker Visualizza il messaggio
io penso che SPESSE volte questa della malattia sia una bella scusa per evitare di risolvere o risolvere piu rapidamente certi problemi o cambiare determinati comportamenti.
una bella scusa per evitare di affrontare le cose ( non sempre ovviamente)
Chi ha problemi psicologici la maggior parte delle volte non sa affrontare e risolvere i problemi.
Vecchio 24-11-2011, 18:01   #18
Banned
 

Tecnicamente la fobia sociale non esiste.
Nel senso che è un termine cognato da psichiatri per facilitare il lavoro di terapia, nulla di più nulla di meno.
Le persone che dicono "non sei tu che parli, ma è la depressione che ti condiziona", a mio modestissimo parere, farebbero meglio a stare zitte.
Secondo me è scorretto definirsi malati.
Insomma, scriviamo, dormiano, mangiamo e parliamo.
Le vere malattie sono altre.
Vecchio 24-11-2011, 18:31   #19
Banned
 

Un vantaggio potrebbe essere che in un certo senso non sei pienamente responsabile dei tuoi sintomi.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Definirsi malati
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
COME PUO' CHI HA DATO IL PRIMO BACIO DEFINIRSI SOCIALFOBICO? Graziepapi Amore e Amicizia 87 19-07-2010 09:36
sentirsi malati.. Sociofobic SocioFobia Forum Generale 3 03-03-2009 01:41
genitori malati... ayrton SocioFobia Forum Generale 15 08-11-2007 18:29
RI EDUCAZIONE PER NON-MALATI MENTALI dummeJunge Trattamenti e Terapie 8 25-01-2007 20:42



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 16:18.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2