FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale
Rispondi
 
Vecchio 13-01-2020, 21:43   #121
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Lascia perdere lauretum...



Questa roba qui o è una trollata o è neofascismo bello e buono, suprematismo mascherato da democrazia. Andrebbe bene come prefazione al Mein Kampf. Ma poi chi glielo spiega ai neofascisti demokratici che dietro Hitler c'erano gli industriali alla Krupp, che dopo la WW2 si sono riciclati e sono diventati gli ultra-democratici atlantisti per antonomasia (portandosi 6 milioni di ebrei e 24 milioni di russi sulla coscienza. Ma forse non dovevo nominare i russi perché, in quanto komunisti, erano Subumani, inferiori al democratico occidente. :p )
Un tempo la pensavo come lui, d'altronde a noi che immagine arriva di quei popoli, se non di sandnigga non evoluti, è anche facile chiedersi "se noi abbiamo lottato e conquistato la democrazia, perché loro no?"

Non è facile rispondere se ci pensi bene

Noi eravamo nella loro situazione, ogni potenza del mondo aveva un pezzo di italia, spagnoli , austriaci, poi ad un certo punto hanno mollato, merito nostro o forse in fondo non ne valeva la pena?

là sicuramente ne vale ancora la pena tra petrolio e gasdotti

Ultima modifica di lauretum; 13-01-2020 a 21:45.
Vecchio 13-01-2020, 22:38   #122
Esperto
L'avatar di Gummo98
 

Loro i propri Garibaldi ce li avevano e ce li hanno, quelli sopravvissuti... ma al di là di tutto questo, purtroppo c'è un abisso fra il popolo e gli ideali, i quali appartengono solo all'elite. Manca la cultura e i tiranni, autoctoni ed esteri, ci marciano sopra. Divide et impera. Ma sono convinto che passeranno forse perfino 1000 anni, ma anche quei popoli arriveranno, dopo chissà qualche rivolgimento storico, al loro risorgimento.
E li saranno cazzi perché si partirà con l'imperialismo africano, due palle.
Vecchio 13-01-2020, 22:56   #123
Esperto
L'avatar di Idiota
 

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
Gheddafi era un dittatore, a capo di un popolo suddiviso in tribù e fazioni, le quali infatti sono letteralmente scoppiate, fino alla guerra civile come conseguenza dell'abbattimento della dittatura.

paragonare la libia, e Gheddafi con un qualsiasi paese occidentale/europeo, o con la stessa italia lascia il tempo che trova.

per cui sì, il concetto di base è proprio quello..
se il modello sociale, politico, civile, o economico è democratico, civile nel senso più letterale del termine, ed evoluto, sì, è sacrosanto che possa quantomeno combattere o ridimensionare i paesi, sistemi, popoli decisamente meno progrediti ed evoluti, a maggior ragione in presenza di potenziali danni globali.
l'iran, l'iraq o un qualsiasi altro paese mediorientale, africano, o a maggioranza musulmana, teocrazie in primis, sono imparagonabili agli usa, o all'occidente stesso.

gli interessi americani sono sempre stati giustamente anche i nostri.
poi dipende se per "ragioni di stato" dei suddetti altri paesi intendi la difesa di sistemi involuti e arretrati, la difesa di regimi teocratici, dittature, gruppi terroristici, fanatismi religiosi...etccetccc...
Per essere buoni, ritengo che questo delirio possa derivare da una visione estremamente etnocentrica delle cose. Ecco alcuni stralci da Wikipedia dove si può riscontrare la matrice del tuo pensiero

"L'etnocentrismo, nella sua accezione più moderna e comune, è la tendenza a giudicare le altre culture ed interpretarle in base ai criteri della propria, proiettando su di esse il proprio concetto di evoluzione, di progresso, di sviluppo e di benessere, basandosi su una visione critica unilaterale."

"Più semplicemente l'etnocentrismo è "il termine tecnico per quel punto di vista secondo cui il nostro gruppo è il centro di tutte le cose, mentre tutti gli altri gruppi sono misurati e valutati rispetto ad esso". L'etnocentrismo, che si esprime sul piano culturale in rapporto ad un io collettivo, può essere paragonato all'egocentrismo che invece trova interpretazione nella sfera psicologica in rapporto all'io individuale: sia l'etnocentrismo che l'egocentrismo significano la tendenza dell'io (collettivo o individuale che sia) a non decentrarsi ed avere una confusione incosciente del proprio punto di vista con quello degli altri.

Tale approccio si fonda principalmente sul confronto tra società moderne e società tradizionali; da tale confronto si desume che queste ultime assumono caratteristiche proprie del sottosviluppo, ma l'errore di fondo sta nell'utilizzo di parametri tipici del sistema socio-economico capitalista occidentale, tra cui gli indici del reddito pro-capite, della produzione, dell'alfabetizzazione, del tasso di natalità e di mortalità.

Spesso viene fornita un'immagine distorta e non sempre verosimile delle società tradizionali (o semplici) poiché si tende a dare per scontato che le ipotesi elaborate per spiegare il processo di industrializzazione delle società occidentali possano valere ugualmente per lo sviluppo nei Paesi del Terzo Mondo, oggi principali serbatoi di cosiddette società tradizionali.

Nell'etnocentrismo è implicita una sopravvalutazione della società cui si appartiene; vittime dell'etnocentrismo sono stati anche studiosi, quali etnologi e antropologi, che, soprattutto negli ultimi tempi, hanno fatto di queste popolazioni primitive un fertile oggetto di ricerca e di studio.

In un certo senso, dunque, l'etnocentrismo attribuisce al progresso e allo sviluppo un valore irrinunciabile e necessario a cui nessuna società può sottrarsi, e il mutamento economico conseguente viene visto come un fenomeno inevitabile e spesso indolore. Ma proprio a seguito di questa eccessiva fiducia a propri modelli evolutivi sminuendo la validità di quelli altrui, sono state compiute, nella storia, azioni di intolleranza eticamente inaccettabili."

"L'etnocentrismo può nelle peggiori delle conseguenze assumere comportamenti patologici. Ciò si verifica quando vi è un eccessivo rifiuto verso gli altri fino a sfociare in una vera e propria intolleranza o in forme mentali complesse dirette o indirette in genere dannose per chi non faccia parte del noi. Quando l'etnocentrismo si traduce nella sua forma mentale, sociale e culturale più esasperata diviene razzismo, tendenzialmente orientato non solo al rifiuto ma alla distruzione dell'altro."

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
il patto di Varsavia non è che sia stata una risposta alla creazione della Nato o del patto atlantico, ma il subdolo tentativo dell'unione sovietica di serrare ancora di più i ranghi cercando di opporsi al blocco occidentale. ossia la D-E-M-O-C-R-A-Z-I-A.
tuttalpiù potremmo disquisire sul fatto che il patto atlantico sia nato anche in funzione antisovietica, o quantomeno come tentativo di fermare le velleità imperialiste ed espansionistiche dei comunisti sovietici. d'altra parte quali fossero le loro velleità nell'estendere a mezza europa i loro domini si è capito piuttosto bene nei decenni successivi.


"Il Patto di Varsavia del 1955, detto anche Trattato di Varsavia (russo: Варша́вский догово́р, Varšávskij dogovór, ufficialmente: Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza) fu un'alleanza militare tra gli Stati comunisti del Blocco sovietico, nata come contrapposizione all'Alleanza del Patto Atlantico (NATO) fondata nel 1949."

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
ergo non è questione di ossessione (anti)comunista o di maccartismo, decisamente giustificato nella sua declinazione europea.
tutta l'europa fu in pericolo, compreso il nostro paese.
tra gli interessi in questioni potremmo annoverare anche questi…
soprattutto in funzione della guerra fredda.
Mi fai un esempio concreto di espansionismo sovietico contro l'Europa postbellica che giustifichi la creazione della NATO?

Chi ha iniziato la guerra fredda?
Ringraziamenti da
zoe666 (14-01-2020)
Vecchio 13-01-2020, 23:58   #124
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Loro i propri Garibaldi ce li avevano e ce li hanno, quelli sopravvissuti... ma al di là di tutto questo, purtroppo c'è un abisso fra il popolo e gli ideali, i quali appartengono solo all'elite. Manca la cultura e i tiranni, autoctoni ed esteri, ci marciano sopra. Divide et impera. Ma sono convinto che passeranno forse perfino 1000 anni, ma anche quei popoli arriveranno, dopo chissà qualche rivolgimento storico, al loro risorgimento.
E li saranno cazzi perché si partirà con l'imperialismo africano, due palle.
Neanche noi avevamo cultura, e non ne abbiamo neanche ora

Poi scrivendo quanto sopra, dai ragione ad hypnos, stai dicendo anche tu che quei popoli non vogliono niente di diverso da fame e guerra
Vecchio 14-01-2020, 00:15   #125
Esperto
L'avatar di Gummo98
 

Quote:
Originariamente inviata da lauretum Visualizza il messaggio
Neanche noi avevamo cultura, e non ne abbiamo neanche ora

Poi scrivendo quanto sopra, dai ragione ad hypnos, stai dicendo anche tu che quei popoli non vogliono niente di diverso da fame e guerra
Hypnosis ha detto che abbiamo diritto di intervenire per portarli "sulla retta via". Mi sembra molto diverso. Anche tu hai condannato le azioni americane, ci vuol tanto a dire che dobbiamo farci i fatti nostri e pensare a dare un lavoro ai nostri giovani e una pensione a chi ha 60 anni? Non riusciamo a garantire il minimo sindacale e vogliamo dare lezioni (dinamitarde) agli altri. Ci stiamo perdendo in un bicchiere d'acqua; secoli di scoperte scientifiche e stiamo ancora a decidere se dobbiamo o no fare i poliziotti del mondo togliendo libertà di scelta agli altri. Ma basta.
Vecchio 14-01-2020, 12:20   #126
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
potremmo vivere senza guerra e con meno tragedie anche qualora il Medioriente, l'africa o l'america latina non fossero preda di regimi, dittature, guerre civili, ideologie criminali, piuttosto che terrorismi, o fanatismi religiosi, o teocrazie.

il discorso si può tranquillamente ribaltare.

eppure queste condizioni, a vario titolo, non le hanno prodotte, create o stabilite gli usa, ma sono il frutto di processi democratici, evoluzioni sociali, politici o civili, piuttosto che secolarizzazioni mai avvenute.
Gli USA (e non solo loro) hanno una lunga storia di sostegno a dittature e regimi criminali, le informazioni in proposito sono reperibili ovunque. Per cominciare puoi dare un'occhiata qui

«Non vedo perché dovremmo restare con le mani in mano a guardare mentre un Paese diventa comunista a causa dell'irresponsabilità del suo popolo. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.»
(Henry Kissinger a proposito dell'elezione di Salvador Allende in Cile)

E la conseguenza fu l'ascesa al potere dell'assassino Pinochet. Ah già, quando hanno la benedizione dei D E M O C R A T I C I (quando gli conviene) USA anche gli assassini vanno bene.

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
continuare a berciare minchiate antiamericane giustificando le condizioni in cui versa il Medioriente, l'africa, o contesti simili unicamente con l'interventismo americano, equivale un po' a sostenere che la seconda guerra mondiale, o la distruzione dell'europa 70 anni fa non furono causate dal nazismo, ma dagli usa, e dal loro intervento.
Non è l'unica causa, ma spesso ha contribuito a peggiorare la situazione.

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
poi certo...oltre agli usa, c'è di mezzo anche Israele...gli ebrei in questi discorsi c'entrano sempre..
oltre al "povero" popolo palestinese vittima dell'unico genocidio della storia che ha permesso di decuplicare nell'arco di qualche decennio la sua demografia. invece di annullarla o cancellarla quasi completamente.
Nella questione israelo-palestinese i reciproci torti si sono ormai così stratificati nel tempo da rendere assurda la ricerca "del" colpevole: solo una genuina volontà di pace e di garanzia delle reciproche prerogative da ambo le parti potrebbe essere risolutiva. In Italia invece per lo più si preferisce dividersi nel solito derby come dai tempi dei guelfi e dei ghibellini, tifando acriticamente per una parte o per l'altra.

Quote:
Originariamente inviata da hypnos688 Visualizza il messaggio
per cui sì, il concetto di base è proprio quello..
se il modello sociale, politico, civile, o economico è democratico, civile nel senso più letterale del termine, ed evoluto, sì, è sacrosanto che possa quantomeno combattere o ridimensionare i paesi, sistemi, popoli decisamente meno progrediti ed evoluti, a maggior ragione in presenza di potenziali danni globali.
l'iran, l'iraq o un qualsiasi altro paese mediorientale, africano, o a maggioranza musulmana, teocrazie in primis, sono imparagonabili agli usa, o all'occidente stesso.
Quindi anche da domani un qualsiasi paese occidentale può cominciare a bombardarne a oltranza uno qualsiasi del Medio Oriente o dell'Africa, ammazzando e distruggendo finché il regime politico non si allinea agli standard D E M O C R A T I C I.
La accendiamo?

Ultima modifica di Winston_Smith; 14-01-2020 a 12:24.
Ringraziamenti da
zoe666 (14-01-2020)
Vecchio 14-01-2020, 13:12   #127
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Hypnosis ha detto che abbiamo diritto di intervenire per portarli "sulla retta via". Mi sembra molto diverso. Anche tu hai condannato le azioni americane, ci vuol tanto a dire che dobbiamo farci i fatti nostri e pensare a dare un lavoro ai nostri giovani e una pensione a chi ha 60 anni? Non riusciamo a garantire il minimo sindacale e vogliamo dare lezioni (dinamitarde) agli altri. Ci stiamo perdendo in un bicchiere d'acqua; secoli di scoperte scientifiche e stiamo ancora a decidere se dobbiamo o no fare i poliziotti del mondo togliendo libertà di scelta agli altri. Ma basta.
Impossibile, dovrebbero farsi i fatti propri anche Russia e Turchia, per cui anche la presenza usa è un male necessario

Un male che però potrebbe essere meno male, un conto era Obama ed un altro trump

Torniamo sempre lì, il problema sono gli elettori, sempre
Vecchio 14-01-2020, 13:16   #128
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

https://twitter.com/ASJBaloch/status...50161625894914
Vecchio 14-01-2020, 14:56   #129
Esperto
L'avatar di Mike Patton
 

Quote:
Originariamente inviata da Inosservato Visualizza il messaggio
il processo lauraboldrinimogherinibonino.exe ha smesso di rispondere
Vecchio 14-01-2020, 15:08   #130
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Mike Patton Visualizza il messaggio
il processo lauraboldrinimogherinibonino.exe ha smesso di rispondere
Ma tanto poi se anche rispondessero, la destra italiota le accuserebbe di nazifemminismo e di voler bombardare l'Iran stile "Killary" Clinton con la Libia per importarvi minigonne e democrazia. Giusto?
Vecchio 14-01-2020, 17:03   #131
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

il problema non è il velo, è l'imposizione dello stesso e l'imposizione di tutta una serie di vincoli che prima non c'erano

il corano prescrive il velo, una se vuole lo porta, nelle forme e nei modi che crede e con i consigli dell'imam della sua moschea

il problema nasce quando è lo stato ad importi l'uniforme, se far uscire una ciocca di capelli oppure no, come vivere cosa mangiare ed in quali giorni
Vecchio 14-01-2020, 17:27   #132
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Inosservato Visualizza il messaggio
il problema non è il velo, è l'imposizione dello stesso e l'imposizione di tutta una serie di vincoli che prima non c'erano

il corano prescrive il velo, una se vuole lo porta, nelle forme e nei modi che crede e con i consigli dell'imam della sua moschea

il problema nasce quando è lo stato ad importi l'uniforme, se far uscire una ciocca di capelli oppure no, come vivere cosa mangiare ed in quali giorni
Sì ma il problema è anche e soprattutto quale dovrebbe essere la risposta dell'Occidente a queste restrizioni della libertà. Quella scelta da Trump può essere la più efficace? Ho i miei dubbi.
Per coerenza e al di là delle "mode" poi, bisogna stigmatizzare allo stesso modo Arabia Saudita, Cina, Polonia e Ungheria, solo per fare qualche altro esempio di Paesi in cui attualmente almeno alcune delle libertà fondamentali sono seriamente intaccate quando non sistematicamente negate.

Ultima modifica di Winston_Smith; 14-01-2020 a 17:30.
Vecchio 16-01-2020, 10:06   #133
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

è un momento di forte protesta in Iran https://it.notizie.yahoo.com/iran-gi...121016811.html
Vecchio 25-01-2020, 19:00   #134
Esperto
L'avatar di Peste Nera
 

Niente guerra per ora, come volevasi dimostrare e per fortuna.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Crisi Iran - Usa
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Ma non c'era la crisi ? badwolf Off Topic Generale 79 21-08-2018 10:46
La crisi... Miky Off Topic Generale 4 08-04-2014 23:16
Crisi sociale, crisi economica, crisi del sistema Conte Off Topic Generale 9 11-05-2013 10:27
La mia crisi... Bordeaux SocioFobia Forum Generale 4 02-08-2007 14:28



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 09:45.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2