FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale > Storie Personali
Rispondi
 
Vecchio 22-08-2022, 16:39   #1
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Una volta fuori dalle scuole superiori e dal paesino infame in cui ero cresciuto, e una volta superate le prime enormi difficoltà della vita da studente universitario fuorisede, sono riuscito a crearmi una rete sociale via via sempre più ampia e più fitta.
Era una rete sociale composta da persone abbastanza particolari ed eccentriche, ma in cui proprio per questo riuscivo a sentirmi accettato anche nei miei lati più particolari, spigolosi, difficili. Ho intrecciato rapporti stretti, a volte anche strettissimi, con diverse persone e in tutti questi percorsi sono inevitabilmente saltate fuori le tante difficoltà pregresse che ho nel rapportarmi con gli altri, molte immagino genetiche, altre fermentate nella vita in famiglia e nell'ambiente scolastico (ambienti che ho vissuto entrambi molto male).
Alcuni dei rapporti che ho intrecciato all'università sono finiti dopo qualche anno, spesso in maniera traumatica, proprio a causa delle mie difficoltà nel gestirli. Altri, in cui le persone con cui mi rapportavo avevano evidentemente più pazienza nello starmi dietro, sono durati a lungo e anche se (o forse proprio perché) hanno avuto le loro difficoltà, mi hanno comunque concesso grandi opportunità di sperimentazione e introspezione per cercare di capire cosa di preciso non andasse in me nel riuscire a far funzionare un rapporto umano.
Mi sono guardato dentro a lungo, ci ho riflettuto, ne ho discusso in lunghe sessioni di dialogo con le persone che hanno avuto la disponibilità di ascoltarmi e un po' alla volta ho focalizzato quegli snodi interiori che fanno da innesco quando faccio andare alla rovina i rapporti con gli altre persone, vuoi per degli scontri vuoi perché sento la necessità di allontanarmi.
Eppure... eppure non è cambiato niente. Nel corso degli anni, come se fosse una maledizione, ho continuato a mandare in malora tutte le possibilità sociali che ho avuto con le persone che mi si sono via via avvicinate. E ogni volta sempre seguendo le stesse modalità. Riesco a vedere da fuori e a posteriori cosa non funziona nel modo che ho di approcciarmi agli altri, ma quando ci sono dentro continuo a recitare il solito stesso copione.
Ho capito molte delle cose che non vanno in me... ma alla fine ho continuato incessantemente a ripeterle. E temo che questa cosa non cambierà mai.
Ringraziamenti da
kraken (22-08-2022)
Vecchio 22-08-2022, 17:22   #2
Esperto
L'avatar di pokorny
 

Non credo esista essere umano che faccia eccezione a questo strano meccanismo, di cui non riesco a trovare spiegazione. Ormai "c'ho un'età" e non ho mai visto nessuno che a un certo punto della propria vita si sia tolto certi schemi caratteriali che lo/la danneggiavano e danneggiano. Anche nei casi in cui la persona sia capace di sufficiente introspezione da individuare e capire, ammette che lo fa e che non riesce a cambiare.

Nemmeno un caso potrei citare, e tra studio, professione, hobby e amicizie credo di aver incrociato un discreto numero di esseri umani.
Ringraziamenti da
QuantumLeap (22-08-2022)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Capire quel che non va... ma continuare a rifarlo
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Perché continuare a vivere? Laurence Depressione Forum 39 23-02-2022 14:50
Continuare o Arrendersi? Keith Depressione Forum 16 20-05-2017 17:49
Vi capita mai di non capire quel che una persona vi stà dicendo? Tabula Rasa SocioFobia Forum Generale 22 04-04-2013 11:47
Siamo quel che siamo o quel che abbiamo vissuto? Viridian Forum Geek 6 13-01-2013 12:56



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 18:37.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2